De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

mailto:mail@debibliotheca.com

L’Ercolano

di: Benedetto Varchi


Sommario

* Dedica  

* Dialogo di messer Benedetto Varchi intitolato L’Ercolano, ovvero agli alberi  

(Parte Prima)

(Parte Seconda)

(Parte Terza)

* Che cosa sia lingua.
    Quesito primo

* A che si conoscano le lingue. 
   Quesito secondo

* Divisione, e dichiarazione delle lingue.
   Quesito terzo

Se le lingue fanno gli scrittori, O gli scrittori le lingue. 
   Quesito quarto

Quando, dove, come, da chi, e perché ebbe origine la lingua volgare. 
   Quesito quinto

Se la lingua volgare è una nuova lingua da se, opure l’antica latina guasta, e corrotta. 
   Quesito sesto

*  Di quanti linguaggi, e di quali sia composta la  lingua volgare. 
   Quesito settimo

Da chi si debbano imparare a favellare le lingue, o dal volgo, a da’ maestri, o dagli scrittori. 
   Quesito ottavo

A che si possa conoscere, e debbasi giudicare una lingua essere migliore, cioè più ricca, o più bella, o più dolce d’un’altra; e quale sia più di queste tre cose, o la greca, o la latina, o la volgare.
    Quesito nono

*  Se la lingua volgare, cioè; quella colla quale favellarono, e nella quale scrissero Dante, il Petrarca, e il Boccaccio, si debba chiamare Italiana, o Toscana, o Fiorentina. 
   Quesito decimo, e ultimo

Discorso ovvero Dialogo sopra il nome della lingua volgare


Edizione HTML a cura di:
[email protected] 
Ultimo Aggiornamento:
14/07/2005 23.50

mailto:mail@debibliotheca.com