Home

Welcome

Email

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Bar

IL BUGIARDO

Di: Carlo Goldoni

BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet Bullet

goldoni1.jpg (7499 byte)

BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet Bullet

Bar

L'AUTORE A CHI LEGGE.

Il valoroso Pietro Cornelio, colla più bella ingenuità del mondo, ha confessato al Pubblico aver lavorato il suo "Bugiardo" sul modello di quello che fu attribuito in Ispagna a Lopez de Vega, quantunque un altro Autore Spagnuolo lo pretendesse per suo.
Io con altrettanta sincerità svelerò a miei Leggitori aver il soggetto della presente Commedia tratto in parte da quella del sopraddetto Cornelio. Vanta l'Autor Francese aver condotto l'opera sua con quella varietà nell'intreccio, che più gli parve adattata al gusto della nazione, a cui doveva rappresentarsi. Tanto ho fatto io nel valermi di un tal soggetto: servito appena mi sono dell'argomento; seguito ho in qualche parte l'intreccio; ma chi vorrà riscontrarlo, dopo alcune scene che si somigliano, troverà il mio "Bugiardo" assai diverso dagli altri due; talmenteché avrei potuto darmi merito dell'invenzione ancora, se sopra un tal punto non fossi io assai scrupoloso, e nemicissimo di qualunque impostura.
Pur troppo nella edizione di Venezia, stampandosi dal Bettinelli le mie Commedie, senza le piccole mie Prefazioni, e non leggendosi questa tale premessa al mio "Bugiardo", non mancherà chi dirà il bugiardo esser io medesimo, arrogandomi l'altrui merito e l'altrui fatica; ed ecco la necessità de' miei ragionamenti al Lettore, la mancanza de' quali fa difetto notabilissimo nella prenarrata Edizione.
Io per altro, come diceva, ho dato un giro assai più brillante ad una tale Commedia. Ho posto al confronto dell'uomo franco un timido, che lo fa risaltare. Ho posto il mentitore in impegni molto ardui e difficili da superare, per maggiormente intralciarlo nelle bugie medesime, le quali sono per natura così feconde, che una ne suol produr più di cento, e l'une han bisogno dell'altre per sostenersi.
Il "sonetto" è forse la parte più ridicola della Commedia. Le "lettere" a Pantalone e a Lelio dirette accrescono l'imbarazzo e la sospensione. Tutte cose da me inventate, le quali potevano darmi sufficiente materia per una Commedia, che si potesse dir tutta mia; ciò non ostante, sapendo io d'aver fatto uso del soggetto dell'Autore Francese, non ho voluto abusarmene, e Dio volesse che così da tutti si praticasse, che non si vederebbono tante maschere, tanti rappezzamenti, tante manifeste imposture.

PERSONAGGI

Il dottor Balanzoni: bolognese, medico in Venezia.

ROSAURA, Beatrice: sue figlie.

Colombina: loro cameriera.

Ottavio: cavaliere padovano, amante di Beatrice.

Florindo: cittadino bolognese, che impara la medicina e abita in casa del Dottore; amante timido di Rosaura.

Brighella: suo confidente.

Pantalone: mercante veneziano, padre di Lelio: il bugiardo.

Arlecchino: suo servo.

Un VETTURINO napolitano.

Un GIOVINE di mercante.

Un PORTALETTERE.

Una DONNA che canta.

Suonatori.

Barcaiuoli di peota (La peota in Venezia è una barca assai comoda, capace per molte persone, coperta di un panno rosso, con buoni sedili, ed una tavola in mezzo. Serve per alcuni piccioli viaggi, e per divertimento in città).

Barcaiuoli di gondola.

La Commedia si rappresenta in Venezia.

 

Bar

Home

Next

Back

Email

Edizione HTML a cura di: [email protected]
Ultimo Aggiornamento:14/07/2005 22.27

Bulletpkvgb.gif (2336 byte)Bullet

Victorian Elegance
Bar