Home Button

E-mail Button

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

Flower Bar

LE VITE DE' PI┌ ECCELLENTI ARCHITETTI, PITTORI, ET SCULTORI ITALIANI, DA CIMABUE INSINO A' TEMPI NOSTRI
Nell'edizione per i tipi di Lorenzo
Torrentino - Firenze 1550

di Giorgio Vasari

Bullet    Bullet    Bullet    Bullet  

Back Button

Next Button

Bullet    Bullet    Bullet    Bullet  

FRA' FILIPPO LIPPI

 

Pittor Fiorentino

 

Se gli uomini attentamente considerassino di quanta importanza sia ne gli ingegni buoni venire eccellenti e rari in quelle professioni che elli esercitano, sarebbono certamente pi˙ solleciti e molto pi˙ frequenti et assidui nelle fatiche che si patiscono per imparare. Perci˛ che e' si vede pur chiaramente tutti coloro che attendono alla virt˙, nascere (come gli altri) ignudi et abbietti, et impararla ancora con grandissimi sudori e fatiche; ma come e' sono conosciuti per virtuosi, acquistarsi in tempo brevissimo onorato nome e ricchezze quasi eccessive, le quali nientedimanco giudico io nulla in comparazione della fama e di quel respetto che hanno lor gli uomini, non per altro che per conoscergli virtuosi e per vedergli adornati e colmi di quelle somme scienzie od arti, che a' po|chi il ciel largo destina. E tanto Ŕ grande la forza della virt˙, che ella trae i favori e le cortesie di mano a coloro che non le conobber mai et i virtuosi non hanno pi˙ visti. Ma che pi˙? Se in uno che veramente sia virtuoso si ritruova pur qualche vizio, ancora che biasimevole e brutto, la virt˙ lo ricuopre tanto, che dove in un altro non virtuoso gravemente si disdirebbe e ne sarebbe colui punito, non apparisce quasi peccato nel virtuoso. E non solamente non ne Ŕ punito, ma compassionevolmente se li comporta, portando la stessa giustizia sempre mai una certa quasi reverenzia a qualunche ombra della virt˙. La quale, oltra mille altri effetti maravigliosi, muta la avarizia de' principi in liberalitÓ; rompe gli odi dell'animo; sotterra le invidie ne' gli uomini; et alza di qua gi˙ fin in cielo coloro che per fama divengono di mortali immortali, come in queste parti mostr˛ fra' Filippo di Tommaso Lippi, carmelitano, il quale dicono che nacque in Fiorenza in una contrada detta Ardiglione, sotto il canto alla Cuculia, dietro al convento de' frati Carmelitani, e per la morte di Tommaso suo padre rest˛ povero fanciullino d'anni due senza alcuna custodia, essendosi ancora morta la madre non molto lontano al suo partorillo. Rimase dunque costui in governo d'una mona Lapaccia sua zia, sorella di Tommaso, la quale con grandissima calamitÓ lo allev˛ in disagio grandissimo, e quando non potette pi˙ sostentarlo, essendo egli giÓ di viii anni, lo fece frate nel sopradetto convento del Carmine. Era questo fanciullo molto destro et ingenioso nelle azzioni di mano, ma nella erudizione delle lettere grosso e male atto ad imparare, oltra che e' non volle applicarvi lo ingegno mai, nÚ averle mai per amiche. Lo chiam˛ il priore, per lo medesimo nome che aveva quando si vestÝ l'abito. E perchÚ nel noviziato, ogni | giorno su i libri de' frati che studiavano, si dilettava imbrattare le carte di quegli, il priore gli diŔ comoditÓ ch'a dipignere attendesse.

Era allora nel Carmino la cappella di Masaccio da lui nuovamente dipinta, la quale, perciochÚ bellissima era, piaceva molto a fra' Filippo; per˛ ogni giorno per suo diporto la frequentava, e quivi esercitandosi del continovo in compagnia di molti giovani che sempre vi disegnavano, di gran lunga li altri avanzava di destrezza e di sapere, di maniera che e' si teneva per fermo che e' dovesse fare qualche maravigliosa cosa nel fine della virilitÓ sua. Ma ne gli anni acerbi nonchÚ ne' maturi, tante lodevoli opere fece che fu un miracolo. PerchÚ di lÝ a poco tempo lavor˛ di verde terra nel chiostro vicino alla sagra di Masaccio alcune storie di chiaro scuro; et in molti luoghi in chiesa in pi˙ pareti in fresco dipinse; et ogni giorno, avanzando in meglio, aveva preso la mano di Masaccio, sÝ che le cose sue sÝ simili imitando faceva, che molti dicevano lo spirito di Masaccio essere entrato nel corpo di fra' Filippo. Fece in un pilastro in chiesa la figura di San Marziale presso all'organo, la quale gli arrec˛ infinita fama, potendo stare a paragone con le cose che Masaccio aveva dipinte. Per il che sentitosi lodar tanto per il grido d'ognuno, animosamente si cav˛ l'abito d'etÓ d'anni xvii, ancora che negli ordini sacri fusse giÓ ordinato a Vangelo. Di che nulla curandosi o poco, si partÝ da la religione. E trovandosi nella Marca d'Ancona, diportandosi un giorno con certi amici suoi in una barchetta per mare, furono tutti insieme dalle fuste de' Mori, che per quei luoghi scorrevano, presi e menati in Barberia, essendo ciascuno di loro condotto alla catena in servit˙ e tenuto schiavo, dove stette con molto disagio per xviii mesi. Ma advenne un giorno, che avendo egli molto in pra|tica il padrone, gli venne commoditÓ e capriccio di dipignerlo; per il che preso un carbone spento del fuoco, con quello tutto intero lo ritrasse co' suoi abiti indosso alla moresca, in un muro bianco. Fu da gli altri schiavi detto questo al padrone, perchÚ a tutti un miracolo pareva, non s'usando il disegno nÚ la pittura in quelle parti, e ci˛ fu cagione di dargli premio e di liberarlo da la catena dove per tanto tempo era stato tenuto. Veramente gloria di questa virt˙ grandissima avere forza con uno a cui Ŕ conceduto per legge di poter condannare e punire, di far tutto il contrario, anzi d'indurlo a fargli carezze et a dargli libertÓ in cambio di supplicio e di morte. Lavor˛ con colori alcune cose segretamente al padron suo che, liberatolo, sicuro a Napoli con premio portar lo fece; dove egli dipinse al Re Alfonso, allora Duca di Calavria, una tavola a tempera nella cappella del castello dove oggi sta la guardia. Appresso gli venne volontÓ di ritornare a Fiorenza dove dimor˛ alcuni mesi; e lavor˛ alle donne di S. Ambruogio allo altar maggiore una bellissima tavola, la quale molto grato lo fece a Cosimo de' Medici, che per questa cagione divenne suo amicissimo. Fece anco nel capitolo di Santa Croce una tavola, la qual finita che fu, ne fece un'altra che fu posta nella cappella in casa Medici, e dentro vi fece la NativitÓ di Cristo; lavor˛ ancora per la moglie di Cosimo detto una tavola con la medesima NativitÓ di Cristo e San Giovanni Batista, per mettere all'ermo di Camaldoli, a una cella de' romiti fatta per divozion sua, intitolata San Giovanni Batista; et alcune storiette che si mandarono a donare per Cosimo a Papa Eugenio quarto veniziano. Laonde fra' Filippo molta grazia di questa opera acquist˛ appresso il papa. Dicesi ch'era tanto venereo, che vedendo don|ne che gli piacessero, se le poteva avere, ogni sua facultÓ donato le arebbe; e non potendo, per via di mezzi, ritraendole in pittura, coi ragionamenti la fiamma del suo amore intiepidiva. Era tanto perduto dietro a questo appetito, che all'opere prese da lui, quando era in questo umore, poco o nulla lavorava. Onde una volta fra l'altre, Cosimo de' Medici, faccendoli fare una opera in casa sua, lo rinchiuse perchÚ fuori a perder tempo non andasse, ma egli statoci giÓ due giorni, spinto dal furore amoroso, una sera con un paio di forbici fece alcune liste de' lenzuoli del letto, e da una finestra calatosi, attese per molti giorni a' suoi piaceri. Onde non lo trovando e facendone Cosimo cercare, alfine pur lo ritorn˛ al lavoro; e d'allora innanzi gli diede libertÓ ch'a suo piacere andasse, pentito assai d'averlo per lo passato rinchiuso, pensando alla pazzia sua et al pericolo che poteva incorrere. Per il che sempre con carezze lo tenne da poi, e da lui ne fu servito con pi˙ prestezza, dicendo egli che l'eccellenze de gli ingegni rari sono forme celesti e non asini vetturini. Lavor˛ una tavola nella chiesa di Santa Maria Primerana in su la piazza di Fiesole, dentrovi una Nostra Donna annunziata dall'Angelo, nella quale Ŕ una diligenzia grandissima, e nella figura dello angelo tanta bellezza che e' pare veramente cosa celeste. Fece alle monache delle Murate due tavole, una della Annunziata, posta allo altar maggiore, l'altra nella medesima chiesa a uno altare, dentrovi storie di S. Benedetto e di S. Bernardo, et in palazzo della Signoria dipinse in tavola una Annunziata sopra una porta, e similmente fece in detto palazzo un San Bernardo sopra un'altra porta, e nella sagrestia di S. Spirito di Fiorenza una tavola con una Nostra Donna et angeli dattorno e santi da lato; opera rara e da questi nostri maestri stata sempre tenuta in grandissi|ma venerazione.

In San Lorenzo, alla cappella de gli operai, lavor˛ una tavola con un'altra Anunziata; et a quella della Stufa, una che non Ŕ finita. In Santo Apostolo di detta cittÓ, in una cappella, dipinse in tavola alcune figure intorno a una Nostra Donna; et in Arezzo, a M<esser> Carlo Marsupini, la tavola della cappella di San Bernardo ne' monaci di Monte Oliveto, con la Incoronazione di Nostra Donna e molti santi attorno, mantenutasi cosÝ fresca che pare fatta delle mani di fra' Filippo pure al presente. Dove dal sopradetto M<esser> Carlo gli fu detto che egli avvertisse alle mani che dipigneva perchÚ molto le sue cose n'erano biasimate. Per il che fra' Filippo nel dipignere da indi innanzi la maggior parte o da panni o da altra invenzione, ricoperse per fuggire il predetto biasimo. Lavor˛ in Fiorenza alle monache di Annalena una tavola d'un presepio, et in Padova si veggono ancora di lui alcune pitture. Mand˛ a Roma due storiette di figure picciole al cardinal Barbo, le quali erano molto eccellentemente lavorate e condotte con diligenzia. E certamente ch'egli con maravigliosa grazia lavor˛, e finitissimamente unÝ le cose sue, per le quali sempre da gli artefici in pregio e da moderni maestri Ŕ stato con somma lode celebrato; et ancora mentre che l'eccellenza di tante sue fatiche la voracitÓ del tempo terrÓ vive, sarÓ da ogni secolo avuto in venerazione.

Si trasferÝ a Prato, castello vicino a Fiorenza, dove per parentela d'alcuni suoi che rimasti erano in compagnia di fra' Diamante del Carmino, stato compagno e novizio insieme, alcuni mesi dimor˛ faccendo opere in diversi luoghi di quel castello. Avvenne allora che le monache di Santa Margherita gli allogarono per lo altare della chiesa una tavola, la quale poi che egli ebbe cominciata, essendo nel moniste|ro, vide fra' Filippo un dÝ una figliuola di Francesco Buti cittadin fiorentino, la quale o per serbanza o per monaca farsi era quivi condotta. Fra' Filippo dato d'occhio alla Lucrezia, che cosÝ era il nome della fanciulla, la quale aveva bellissima grazia et aria, tanto oper˛ con le monache che ottenne di farne un ritratto, per metterlo in una figura di Nostra Donna per l'opra loro; la qual cosa con molta difficultÓ gli concessero. Et egli poi fece tanto per via di mezzi e di pratiche, che egli svi˛ la Lucrezia da le monache, un giorno appunto ch'ella andava a vedere mostrar la cintola di Nostra Donna, onorata reliquia di quel castello. Di che le monache molto per tal caso furono svergognate; e Francesco suo padre non fu mai pi˙ allegro, tenendosi per questo vituperatissimo, egli pur la rivoleva, et ella per paura mai non vi volse andare. PerchÚ molto delle qualitÓ sue innamoratosi fra' Filippo la ingravid˛, et ella a tempo debito gli partorÝ un figliuol maschio, che fu chiamato Filippo egli ancora, e fu poi, come il padre, molto eccellente e famoso pittore. In San Domenico di detto Prato sono due tavole, et una Nostra Donna nella chiesa di San Francesco nel tramezzo, il quale levandosi dove prima era, per non guastarla, tagliarono il muro dove fu dipinto, et allacciatolo con legni attorno lo traportarono in una parete della chiesa dove si vede ancora oggi. E nel Ceppo di Francesco di Marco, sopra un pozzo in un cortile, Ŕ una tavoletta di man sua col ritratto di detto Francesco di Marco, autore e fondatore di quella casa pia. E nella pieve di detto castello fece in una tavolina sopra la porta del fianco salendo le scale, la morte di San Bernardo, che toccando la bara molti storpiati sana; dove sono frati che piangono il loro morto maestro, ch'Ŕ cosa mirabile a vedere le belle arie di teste, nella | mestizia del pianto con artificio e naturale similitudine contrafatte. Sonvi alcuni panni di cocolle di frati che hanno bellissime pieghe, che meritano infinite lodi per lo buon disegno e colorito, componimento, e per grazia e proporzione che in detta opra si vede, condotto dalla delicatissima mano di fra' Filippo. Gli fu allogato da gli operai della detta pieve per avere una gran memoria di lui, la cappella dello altar maggiore di detto luogo, dove mostr˛ tanto del valor suo in questa opera ch'oltra la bontÓ e l'artificio di essa, vi sono panni e teste mirabilissime. Fece in questo lavoro le figure maggiori del vivo, dove introdusse poi a gli altri artefici moderni il modo di dar grandezza, alla maniera d'oggi. Sonvi alcune figure con abbigliamenti in quel tempo poco usati, dove cominci˛ a destare gli animi delle genti a uscire di quella semplicitÓ che pi˙ tosto vecchia che antica si pu˛ nominare. In questo lavoro sono le storie di Santo Stefano, titolo di detta pieve, partite nella faccia dalla banda destra, che dentrovi fece la disputazione, lapidazione e morte di detto protomartire; nella faccia del quale disputante contra i Giudei dimostr˛ tanto zelo e tanto fervore, che egli Ŕ cosa difficile ad imaginarlo nonchÚ ad esprimerlo, e ne' volti e nelle varie attitudini di essi Giudei l'odio, lo sdegno e la collera del vedersi vinto da lui; sÝ come pi˙ apertamente ancora fece apparire la bestialitÓ e la rabbia in coloro che lo uccidono con le pietre, avendole afferrate chi grandi e chi piccole, con uno strignere di denti orribile, e con gesti tutti crudeli e tutti rabbiosi. E nientedimeno, infra sÝ terribile assalto, Santo Stefano sicurissimo e co 'l viso levato a 'l cielo, si dimostra con grandissima caritÓ e fervore supplicare a lo Eterno Padre per quegli stessi che lo uccidevano. Considerazioni certo belliss|ime e da far conoscere altrui quanto vaglia la invenzione del sapere esprimere gli affetti nelle pitture. Il che sÝ bene osserv˛ costui, che in coloro che sotterrano Santo Stefano fece attitudini sÝ dolenti et alcune teste sÝ afflitte e dirotte al pianto, che e' non Ŕ appena possibile di guardarle senza commuoversi. Da l'altra banda fece la NativitÓ, la Predica, il Battesimo, la Cena d'Erode, e la Decollazione di San Giovanni Batista, dove nella faccia di lui predicante si conosce il divino spirito, e nelle turbe che iscoltano, i diversi movimenti et allegri et afflitti, sÝ nelle donne come negli uomini, astratti e sospesi tutti negli ammaestramenti di San Giovanni. Nel Battesimo si riconosce la bellezza e la bontÓ; e nella Cena di Erode, la maestÓ del convito, la destrezza di Erodiana, lo stupore de' convitati e lo attristamento fuori di maniera nel presentarsi la testa tagliata dentro al bacino. Veggonsi intorno al convito infinite figure con molto belle attitudini e ben condotte, e di panni e di arie di visi, tra' quali ritrasse a lo specchio se stesso vestito di nero in abito da prelato, et il suo discepolo fra' Diamante. Et invero questa opera fu la pi˙ eccellente di tutte le cose sue, sÝ per le considerazioni dette di sopra, e sÝ per aver fatto le figure alquanto maggiori che il vivo. Il che dette animo a chi venne dopo lui di ringrandire la maniera.

Fu tanto per le sue buone qualitÓ stimato, che molte cose che di biasimo erano alla vita sua, furono ricoperte mediante il grado di tanta virt˙. Dicesi che M<esser> Allessandro de gli Alessandri allora cavaliere, domestico et amico suo, gli fece per in villa fare per la sua chiesa a Vincigliata nel poggio di Fiesole, una tavola con un Santo Lorenzo et altri santi, nella quale ritrasse lui e due suoi figliuoli. Era molto amico delle persone allegre e sempre lietamente visse. A fra' | Diamante fece imparare l'arte della pittura, il quale nel Carmino di Prato lavor˛ molte pitture; e della maniera sua imitandola, assai si fece onore, perchÚ e' venne a ottima perfezzione. StŔ seco in sua giovent˙ Sandro Boticello, Pisello, Iacopo del Sellaio fiorentino, che in San Friano fece due tavole et una nel Carmino lavorata a tempera, et infiniti altri maestri a i quali sempre con amorevolezza insegn˛ l'arte. De le fatiche sue onoratamente visse, e straordinariamente spese, massime nelle cose d'amore; delle quali del continuo, mentre che visse, fino a la morte si dilett˛. Fu richiesto, per via di Cosimo de' Medici, dalla comunitÓ di Spoleti per fare la cappella nella chiesa principale della Nostra Donna, la quale lavorando insieme con fra' Diamante condusse a bonissimo termine, e delle cose sue ch'egli fece e delle belle, tenuta la bellissima; ma intervenendo la morte sua da lui non fu finita. PerciochÚ dicono che, sendo egli tanto inclinato a questi suoi beati amori, alcuni parenti della donna da lui amata lo fecero avvelenare. FinÝ il corso della vita sua fra' Filippo di etÓ d'anni lxvii nel mccccxxxviii, et a fra' Diamante lasci˛ in governo per testamento Filippo suo figliuolo, il quale, fanciullo di dieci anni, imparando l'arte da fra' Diamante, seco se ne torn˛ a Fiorenza, e portosene fra' Diamante ccc ducati, che per l'opera fatta si restavano ad avere da le comunitÓ, de' quali comperati alcuni beni per se proprio, poca parte fece al fanciullo. Fu acconcio Filippo con Sandro Botticello, tenuto allora maestro bonissimo. Et il vecchio fu sotterrato in un sepolcro di marmo rosso e bianco, fatto porre da gli Spoletini nella chiesa che e' dipigneva. Dolse la morte sua a molti amici et a Cosimo de' Medici, e particularmente a Papa Eugenio, il quale in vita sua volse dispensar|lo, che potesse avere per donna legitima la Lucrezia di Francesco Buti, la quale per potere far di sÚ e de lo appetito suo come paresse, non si volse curare d'avere. Mentre che Sisto IIII viveva, Lorenzo de' Medici, fatto ambasciatore da' Fiorentini, fece la via di Spoleti, per chiedere a quella comunitÓ il corpo di fra' Filippo per metterlo in Santa Maria del Fiore in Fiorenza; ma gli fu risposto da loro che essi avevano carestia d'ornamento, e massimamente d'uomini eccellenti, perchÚ per onorarsi gliel domandarono in grazia; avendo in Fiorenza infiniti uomini famosi, e quasi di superchio, che e' volesse fare senza questo, e cosÝ non lo ebbe altrimenti. Bene Ŕ vero che deliberatosi poi di onorarlo in quel miglior modo ch'e' poteva, mand˛ Filippino suo figliuolo a Roma a 'l Cardinale di Napoli, per fargli una cappella. Il quale, passando da Spoleti, per commissione di Lorenzo, fece fargli una sepoltura di marmo sotto l'organo sopra la sagrestia, dove spese cento ducati d'oro, i quali pag˛ Nofri Tornabuoni mastro del Banco de' Medici, e da M<esser> Agnolo Poliziano gli fece fare il presente epigramma intagliato in detta sepoltura di lettere antiche:

 

CONDITVS HIC EGO SVM PICTVRAE FAMA PHILIPPVS;

NVLLI IGNOTA MEAE EST GRATIA MIRA MANVS.

ARTIFICES POTVI DIGITIS ANIMARE COLORES;

SPERATAQVE ANIMOS FALLERE VOCE DIV.

IPSA MEIS STVPVIT NATVRA EXPRESSA FIGVRIS;

MEQVE SVIS FASSA EST ARTIBVS ESSE PAREM.

MARMOREO TVMVLO MEDICES LAVRENTIVS HIC ME

CONDIDIT; ANTE HVMILI PVLVERE TECTVS ERAM. |


Flower Bar

Back Button

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento: 17/07/2005 16.47

Next Button

Home Button

Victorian Elegance Logo

E-mail Button

Blank Button