Home Button

E-mail Button

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

Flower Bar

LE VITE DE' PI┌ ECCELLENTI ARCHITETTI, PITTORI, ET SCULTORI ITALIANI, DA CIMABUE INSINO A' TEMPI NOSTRI
Nell'edizione per i tipi di Lorenzo
Torrentino - Firenze 1550

di Giorgio Vasari

Bullet    Bullet    Bullet    Bullet  

Back Button

Next Button

Bullet    Bullet    Bullet    Bullet  

MASACCIO

 

Pittore Fiorentino

 

Costuma la benigna madre natura, quando ella fa una persona molto eccellente in alcuna professione, comunemente non la far sola, ma in quel tempo medesimo, e vicino a quella, farne un'altra a sua concorrenza, a cagione che elle possino giovare l'una a l'altra nella virt˙ e nella emulazione, spignere avanti con eccellenzia quelle stesse arti dove elle adoprano, a benefizio dello universo. La qual cosa, oltra il singular giovamento di quegli stessi che in ci˛ concorrono, accende ancora oltra modo gli animi di chi viene dopo quella etÓ a sforzarsi con ogni studio e con ogni industria, di guadagnare quello onore e quella gloriosa reputazione, che ne' passati tutto il giorno altamente sente lodare. E che questo sia il vero, lo aver Fiorenza prodotto in una medesima etÓ | Filippo, Donato, Lorenzo, Paulo Uccello e Masaccio, eccellentissimi ciascuno nel genere suo, non solamente lev˛ via le rozze e goffe maniere, mantenutesi fino a quel tempo, ma per le belle opere di costoro incit˛ et accese tanto gli animi di chi venne poi, che lo operare in questi mestieri si Ŕ ridotto in quella grandezza et in quella perfezzione che si vede ne' tempi nostri. Di che abbiamo noi, per il vero, uno obligo singulare a que' primi, che mediante le loro fatiche ci mostrarono la vera via da caminare a 'l grado supremo. E quanto a la maniera buona delle pitture, a Masaccio massimamente, per aver egli prima di ogni altro fatto scortare i piedi nel piano, e cosÝ levato quella goffezza del fare le figure in punta di piedi, usata universalmente da tutti i pittori insino a quel tempo; et inoltre, per aver dato tanta vivezza e tanto rilievo alle sue pitture, che e' merita certamente non esserne manco riconosciuto che se e' fusse stato inventore della arte. Con ci˛ sia che le cose fatte innanzi a lui erano veramente dipinte e dipinture, ove le sue, a comparazione de' suoi concorrenti e di chi lo ha voluto imitare, molto pi˙ si dimostrano vive e vere che contraffatte.

La origine di costui fu da Castello San Giovanni di Valdarno, e dicono che quivi si veggono ancora alcune figure fatte da lui nella fanciullezza. Fu persona astrattissima e molto a caso, come quello che avendo fisso tutto l'animo e la volontÓ alle cose della arte sola, si curava poco di sÚ e manco di altrui. E perchÚ e' non volle pensar giÓ mai in maniera alcuna alle cure o cose del mondo, e non che altro, al vestire stesso, non costumando riscuotere i danari da' suoi debitori, se non quando era in bisogno estremo, per Tommaso, che era il suo nome, fu da tutti detto Masaccio. Non giÓ perchÚ e' fusse vizioso, essendo | egli la bontÓ naturale, ma per la tanta straccurataggine con la quale nientedimanco era egli tanto amorevole nel fare altrui servizio e piacere, che pi˙ oltre non pu˛ bramarsi. Cominci˛ l'arte nel tempo che Masolino da Panicale lavorava nel Carmino di Fiorenza la cappella de' Brancacci, seguitando sempre quanto e' poteva le vestigie di Filippo e di Donato, ancora che l'arte fusse diversa, e cercando continuamente nello operare di fare le figure vivissime e con bella prontezza a la similitudine del vero. E tanto modernamente trasse fuori de gli altri i suoi lineamenti et il suo dipignere, che le opere sue sicuramente possono stare al paragone con ogni disegno e colorito moderno. Fu studiosissimo nello operare, e nelle difficultÓ della prospettiva, artificioso e molto mirabile, come si vede in una sua istoria di figure piccole, che oggi Ŕ in casa Ridolfo del Ghirlandaio, nella quale, oltra il Cristo che libera lo indemoniato, sono casamenti bellissimi in prospettiva, tirati in una maniera che e' dimostrano in un tempo medesimo il di dentro et il di fuori, per avere egli presa la loro veduta, non in faccia, ma in su le cantonate per maggior difficultÓ. Cerc˛ pi˙ de gli altri maestri di fare gli ignudi e gli scorti nelle figure, poco usati avanti di lui. Fu facilissimo nel far suo, e molto semplice nel panneggiare.

Sono le opere sue in Fiorenza, in Santa Maria Novella, una TrinitÓ con figure da lato sopra la cappella di Santo Ignazio, et una predella d'una tavola in Santa Maria Maggiore accanto alla porta del fianco per andare a San Giovanni, con figurine piccole de la istoria di Santa Caterina e di San Giuliano, et una NativitÓ di Cristo condotta con diligenzia. A Pisa fece nella chiesa del Carmino in una cappella del tramezzo, una tavola con infinito numero di figure | piccole e grandi, tanto accomodate e sÝ bene condotte, che alcune ve ne sono che appariscono modernissime. Nel medesimo luogo in una parete di muro, uno Apostolo molto lodato. Nel ritorno da Pisa, laver˛ in Fiorenza una tavola, dentrovi un maschio et una femmina ignudi quanto il vivo, la quale si truova oggi in casa Palla Rucellai. Appresso, non sentendosi in Fiorenza a suo modo, e stimolato dalla affezzione et amore della arte, deliber˛ per imparare e superar gli altri, andarsene a Roma; e cosÝ fece. Quivi acquistata fama grandissima, lavor˛ al cardinale di San Clemente nella chiesa di San Clemente una cappella, dove a fresco fece la Passione di Cristo co' ladroni in croce e le storie di Santa Caterina martire. Fece ancora a tempera molte tavole, che ne' travagli di Roma si son tutte o perse o smarrite. Successe intanto la morte di Masolino, per la quale, restando imperfetta la cappella de' Brancacci, fu richiamato Masaccio a Fiorenza da Filippo di Ser Brunellesco suo amicissimo; e per mezzo di quello gli fu allogata a finire la detta cappella. Et allora fece Masaccio per pruova il San Paulo presso alle corde delle campane, solamente per mostrare il miglioramento che egli aveva fatto nella arte. E dimostr˛ veramente infinita bontÓ in questa pittura, conoscendosi nella testa di quel santo, il quale Ŕ Bartolo di Angiolino Angiolini ritratto di naturale, una terribilitÓ tanto grande, che e' pare che la sola parola manchi a questa figura. E chi non conobbe San Paulo, guardando questo, vedrÓ quel dabbene della civiltÓ romana, insieme con la invitta fortezza di quello animo divinissimo tutto intento alle cure della fede. Mostr˛ ancora in questa pittura medesima la intelligenzia di scortare le vedute di sotto in su, che fu veramente maravigliosa, come apparisce ancor oggi | ne' piedi stessi di detto Apostolo, per una difficultÓ facilitata in tutto da lui, respetto a quella goffa maniera vecchia che faceva (come io dissi poco disopra) tutte le figure in punta di piedi. La qual maniera dur˛ fino a lui senza che altri la correggesse, et egli solo, e prima di ogni altro, la ridusse a 'l buono del dÝ d'oggi.

Accadde, mentre che e' lavorava in questa opera, che e' fu consagrata la detta chiesa del Carmine da tre vescovi, e Masaccio in memoria di ci˛, di verde terra dipinse, di chiaro e scuro, sopra la porta che va in convento, dentro nel chiostro, tutta la sagra come ella fu. E vi ritrasse infinito numero di cittadini in mantello et in cappuccio, che vanno dietro a la processione, fra i quali fece Filippo di Ser Brunellesco in zoccoli, con Donato scultore et altri suoi amici domestici. Dopo questo, ritornato a 'l lavoro della cappella, seguitando le istorie di San Piero cominciate da Masolino, ne finÝ una parte, ci˛ Ŕ la istoria della cattedra, il liberare gli infermi, suscitare i morti et il sanare gli attratti con l'ombra nello andare a 'l tempio con San Giovanni. Ma tra l'altre notabilissima apparisce quella dove San Piero per pagare il tributo, cava per commissione di Cristo i danari de 'l ventre del pesce; perchÚ, oltra il vedersi quivi in uno Apostolo che Ŕ nello ultimo il ritratto stesso di Masaccio, fatto da lui medesimo a lo specchio, che par vivo vivo, e' vi si conosce lo ardire di San Piero nella dimanda e la attenzione de gli Apostoli nelle varie attitudini intorno a Cristo, aspettando la resoluzione con gesti sÝ pronti che veramente appariscon vivi. Et il San Piero massimamente, il quale nello affaticarsi a cavare i danari del ventre del pesce ha la testa focosa per lo stare chinato. E molto pi˙ quando e' paga il tributo, dove si vede lo affetto del contare e la sete di colui che riscuote, che si guar|da i danari in mano con grandissimo piacere. Dipinsevi ancora la resurressione del figliuolo del re, fatta da San Piero e San Paulo, ancora che per la morte di esso Masaccio restasse imperfetta l'opera che fu poi finita da Filippino. Nella istoria dove San Piero battezza, si stima grandemente uno ignudo che triema tra gli altri battezzati assiderando di freddo, condotto con bellissimo rilievo e dolce maniera, il quale da gli artefici e vecchi e moderni Ŕ stato sempre tenuto in riverenza et ammirazione, per il che da infiniti disegnatori e maestri continuamente fino a 'l dÝ d'oggi Ŕ stata frequentata questa cappella. Nella quale sono ancora alcune teste vivissime e tanto belle, che ben si pu˛ dire che nessuno maestro di quella etÓ si accostasse tanto a' moderni quanto costui. Laonde le sue fatiche meritano infinitissime lodi, e massimamente per avere egli dato ordine nel suo magisterio alla bella maniera de' tempi nostri. E che questo sia il vero, tutti i pi˙ celebrati scultori e pittori che sono stati da lui in qua esercitandosi e studiando in questa cappella, sono divenuti eccellenti e chiari, ci˛ Ŕ fra' Giovanni da Fiesole, fra' Filippo, Filippino che la finÝ, Alesso Baldovinetti, Andrea da 'l Castagno, Andrea del Verrocchio, Domenico del Grillandaio, Sandro di Botticello, Lionardo da Vinci, Pietro Perugino, fra' Bartolomeo di San Marco, Mariotto Albertinelli et il divinissimo Michelagnolo Buonarroti. Raffaello ancora da Urbino che di quivi trasse il principio della bella maniera sua, il Granaccio, Lorenzo di Credi, Ridolfo del Grillandaio, Andrea del Sarto, il Rosso, il Francia Bigio, Baccio Bandinelli, Alonso Spagnuolo, Iacopo da Pontormo, Pierino del Vaga e Toto del Nunziata; et insomma tutti coloro che hanno cercato imparar quella arte, sono andati a imparar sempre a questa | cappella et apprendere i precetti e le regole del far bene da le figure di Masaccio. E se io non ho nominati molti forestieri e molti Fiorentini che sono iti a studiare a detta cappella, basti che dove corrono i capi della arte, quivi ancora concorrono le membra. Ma con tutto che le cose di Masaccio siano state sempre in cotanta riputazione, egli Ŕ nondimeno opinione, anzi pur credenza ferma di molti, che egli arebbe fatto ancora molto maggior frutto nella arte, se la morte, che di xxvi anni ce lo rapÝ, non ce lo avesse tolto cosÝ per tempo. Ma, o fusse la invidia o fusse pure che le cose buone comunemente non durano molto, e' si morÝ nel bel del fiorire, et andossene sÝ di subito, che e' non manc˛ chi dubitasse in lui di veleno, assai pi˙ che di altro accidente.

Dicesi che, sentendo la morte sua, Filippo di Ser Brunellesco disse: ôNoi abbiamo fatto in Masaccio una grandissima perditaö; e gli dolse infinitamente, essendosi affaticato gran pezzo in mostrargli molti termini di prospettiva e di architettura. Fu sepolto nella medesima chiesa del Carmino l'anno mccccxliii. E se bene allora non gli fu posto sepolcro alcuno, per essere stato poco stimato vivo, non gli Ŕ per˛ mancato dopo la morte chi lo abbia onorato di questi epitaffi:

 

MASACCIO NEL CARMINE

 

S'ALCVN CERCASSE IL MARMO O 'L NOME MIO

LA CHIESA ╚ IL MARMO VNA CAPPELLA ╚ IL NOME.

MORII CHE NATVRA EBBE INVIDIA COME

L'ARTE DE 'L MIO PENNELLO VOPO E DESIO. |

 

MASACCIO

 

PINSI E LA MIA PITTVRA AL VER FV PARI;

L'ATTEGGIAI L'AVVIVAI LE DIEDI IL MOTO

LE DIEDI AFFETTO; INSEGNI IL BVONARROTO

A TVTTI GLI ALTRI E DA ME SOLO IMPARI.

 

MASACCII FLORENTINI OSSA TOTO HOC

TEGVNTVR TEMPLO QVEM NATVRA FOR

TASSIS INVIDIA MOTA NE QVANDOQVE

SVPERARETVR AB ARTE ANNO AETATIS

SVAE XXVI, PROH DOLOR!, INIQVISSIME

RAPVIT. QVOD INOPIA FACTVM FORTE FVIT

ID HONORI SIBI VERTIT VIRTVS.

 

INVIDA CVR LACHESIS PRIMO SVB FLORE IVVENTAE

POLLICE DISCINDIS STAMINA FVNEREO?

HOC VNO OCCISO INNVMEROS OCCIDIS APELLES;

PICTVRAE OMNIS OBIT, HOC OBEVNTE, LEPOS.

HOC SOLE EXTINCTO, EXTINGVVNTVR SYDERA CVNCTA.

HEV DECVS OMNE PERIT, HOC PEREVNTE, SIMVL.

 

E gli artefici pi˙ eccellenti, conoscendo benissimo la sua virt˙ gli hanno dato vanto di avere aggiunto nella pittura vivacitÓ ne' colori, terribilitÓ nel disegno, rilievo grandissimo nelle figure et ordine nelle vedute de gli scorti, affermando universalmente che da Giotto in qua di tutti i vecchi maestri Masaccio Ŕ il pi˙ moderno che si sia visto; e che e' mostr˛ co 'l giudizio suo, quasi che per un testamento, in cinque teste fatte da lui, a chi per lo augumento fatto nelle arti si avesse ad avere il grado di quelle: lasciandocene in una tavola di sua mano, oggi in casa Giuliano da San | Gallo in Fiorenza, i ritratti quasi vivissimi, che sono questi: Giotto per il principio della pittura; Donato per la scultura; Filippo Brunellesco per la architettura; e Paulo Uccello per gli animali e per la prospettiva; e tra questi Antonio Manetti per eccellentissimo matematico de' tempi suoi.

 


Flower Bar

Back Button

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento: 13/07/2005 23.34

Next Button

Home Button

Victorian Elegance Logo

E-mail Button

Blank Button