Home Button

E-mail Button

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

Flower Bar

LE VITE DE' PI┌ ECCELLENTI ARCHITETTI, PITTORI, ET SCULTORI ITALIANI, DA CIMABUE INSINO A' TEMPI NOSTRI
Nell'edizione per i tipi di Lorenzo
Torrentino - Firenze 1550

di Giorgio Vasari

Bullet    Bullet    Bullet    Bullet  

Back Button

Next Button

Bullet    Bullet    Bullet    Bullet  

ANDREA DA FIESOLE

 

Scultore

 

Egli non manco avviene a gli scultori la pratica ne' ferri ch'a i pittori la pratica ne' colori, e si veggono queste arti procedere di paritÓ. ChÚ se molti fanno di terra bene, di marmo non conducono, e quegli ancora che lavorano bene il marmo, non hanno alcun disegno, salvo che nella idea un non so che di buona maniera, la imitazione della quale si trae da certe cose ch'al giudicio piacciono et alle cose che si fanno viene quel pensiero di esprimerle nello imitare. A me pare gran maraviglia vedere alcuni scultori che niente disegnano in carta, e coi ferri conducono le cose loro; come fece Andrea da Fiesole scultore in tutte l'opere sue, le quali pi˙ condusse per pratica e per risoluzione avuta ne i ferri che per disegno o per intelligenza, che in tal mestiero egli avesse giÓ mai. Impar˛ da Michele Maini da Fiesole che nella Minerva di Roma fece di marmo il San Sebastiano tanto lodato ne' tempi suoi; e fu Andrea nella sua giovanezza intagliatore di fogliami, et appoco appoco lavorando il marmo si mise alle figure, come ne fanno vero testimonio l'opere sue lavorate in diversi luoghi. Nelle quali non ci distenderemo molto perchÚ pi˙ da pratica che da arte sono lavorate. Nondimeno egli vi si conosce una risoluzione et un gusto di bontÓ molto lodevole. E nel vero se tali artefici, con la pratica e col giudicio che hanno, accompagnassero il fon|damento del disegno, vincerebbono di eccellenza tutti coloro che, disegnando perfettamente di continuo, quando vengono a lavorare il marmo lo graffiano, e con istento in mala maniera lo conducono, solo per non avere le pratiche ne' fini.

Le opere di Andrea furono lavorate e poste nella chiesa principale della canonica di Fiesole, una tavola di marmo con tre figure tonde, appoggiata nel mezzo alle due scale che per andare al coro di sopra si monta; et ancora in San Girolamo di Fiesole un'altra tavolina di marmo, la quale Ŕ murata nel tramezzo della chiesa di detto luogo. Avvenne che l'anno che 'l Cardinale Giulio de' Medici vicecancelliere governava in Fiorenza, erano scultori e vecchi e giovani di sofficienza eccellenti; e venuto in considerazione a gli operai di Santa Maria del Fiore di far lavorare di marmo gli Apostoli, che per la sagra di tal chiesa furono dipinti da Lorenzo di Bicci, furono allogate cinque figure di marmo: una a Benedetto da Maiano, una a Iacopo Sansovino allora giovane, una a Michele Agnolo Buonaroti, una a Baccio Bandinelli, e similmente una ad Andrea da Fiesole; acci˛ la gara e la concorrenza di tutti dovesse essere sprone a quegli. Per il che Andrea cominci˛ tal figura ch'era di quattro braccia, e quella con bella pratica e giudicio pi˙ che disegno rese finita. Dove acquist˛ lode non quanto gli altri, ma grado di buono e pratico maestro; e per questo di continuo lavor˛ nell'opera mentre che visse, et in quella fece la testa di Marsilio Ficino, ch'Ŕ posta in Santa Maria del Fiore da la porta della canonica. Fece ancora una fonte di marmo, che fu tenuta lodatissima, la quale si mand˛ al Re d'Ungheria, e grande onore gli fece. Attese assai alle cose di quadro. E perchÚ egli era persona molto modesta e da bene, quietamente vivere si contentava; onde | fu molto amato e stimato da quei che lo conobbero. Prese a fare la sepoltura di M<esser> Antonio Strozzi, la quale da Madonna Antonia de' Vespucci sua consorte fu fatta finire, che ne le figure di essa, per la vecchiezza di lui, due agnoli furono lavorati per Maso Boscoli da Fiesole suo creato, il quale molte opere ha condotte et a Roma et altrove; e similmente per Silvio da Fiesole suo creato la Nostra Donna che si ci vede. La quale opera rimase a mettersi su, intervenendo la morte di lui l'anno mdxxii; per il che Silvio la pose in opera. Il quale seguitando l'arte della scultura con fierezza straordinaria ha molte cose lavorato bravissimamente e bizzarrissimamente finito con un modo di pratica e con disegno nel marmo con l'essempio di natura in esso fatti sÝ leggiadri, che nel vero di gagliardezza la sua maniera ha passati infiniti, massimamente in bizzarrie di cose alla grottesca, come si vede ancora in Santa Maria Novella nella cappella de' Minerbetti una sepoltura, nella quale sono alcuni cimieri e targhe benissimo condotte. Fece in Pisa allo altar maggiore due angeli di marmo, che sono su due colonne; et a Monte Nero vicino a Livorno lavor˛ una tavola ne' frati Giesuati. Fece la sepoltura di M<esser> Rafaello Volterrano in Volterra; et a Milano, a Genova et a Padova et in molti altri luoghi per Italia appariscono opere sue. E certo se la morte non gli toglieva cosÝ tosto la vita, arebbe fatto di sÚ cose maravigliose, per lo spirito che dava pronto all'opre da lui fatte. Il quale sÝ come pass˛ Maestro Andrea di magisterio, arebbe ancora vivendo avanzato molti altri. FinÝ il corso della vita sua d'etÓ d'anni xxxviii, l'anno mdxl. E gli fu fatto questo epitaffio:

 

S═ LA PRATICA E 'L STVDIO A' DVRI SASSI

CO IL FERRO VSAI, CHE DOLCI GLI RENDEI, |

MA LO SPIRTO MAI DAR NON GLI POTEI

CHE BEN MOSSO CON QVELLO ARIANO I PASSI.

 

FiorÝ ne' tempi di Andrea un altro scultore fiesolano detto il Cicilia, il quale fu persona molto pratica; e vedesi di suo nella chiesa di S. Iacopo in Campo Corbolini di Fiorenza la sepoltura del cavaliere de' Tornabuoni, la quale Ŕ stata molto lodata; oltre a costui fu uno Antonio da Carrara scultore rarissimo, che se ne and˛ in Palermo e fu trattenuto da 'l Duca di Monte Lione di casa Pignatella, napolitano e VicerÚ di Sicilia, e le statue che e' fece a questo signore sono tre Nostra Donna in tre diversi atti, poste in su tre altari diversi nel Duomo di Montelione in Calabria, et altre storie in Palermo, tutto di marmo. Tolse moglie et ebbe figliuoli, de' quali ce ne Ŕ oggi uno scultore non meno eccellente che suo padre.


Flower Bar

Back Button

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento: 13/07/2005 23.40

Next Button

Home Button

Victorian Elegance Logo

E-mail Button

Blank Button