jwg-hopeh.jpg (3423 bytes)

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

jwg-hopem.jpg (3469 bytes)

jwg-hopebar.jpg (6982 bytes)

I PIRATI DELLA MALESIA

di: Emilio Salgari

jwg-hopeb.jpg (3509 bytes)

jwg-hopedot.jpg (1525 bytes)jwg-hopedot.jpg (1525 bytes)jwg-hopedot.jpg (1525 bytes)jwg-hopedot.jpg (1525 bytes)jwg-hopedot.jpg (1525 bytes)

jwg-hopen.jpg (3396 bytes)

 

PARTE SECONDA
IL RAJAH DI SARAWAK

jwg-hopebar.jpg (6982 bytes)

 4. sotto i boschi

 
Andò a chiudere la porta a catenaccio e si affacciò con precauzione alla finestra. A quaranta passi dalla palazzina, alla fresca ombra di un'alta arenga saccariferica, stupenda palma dalle lunghe foglie piumate, se ne stava il maharatto, appoggiato ad un lungo bambù, munito all'estremità di una aguzza punta di ferro, probabilmente avvelenata. Non senza sorpresa, il portoghese vide accanto a lui un piccolo cavallo carico di due grandi ceste di foglie di nipa piene fino all'orlo di frutta di ogni specie e di pani di sagù.
- Il maharatto è più prudente di quanto credevo - mormorò Yanez.- Mi sembra un provveditore delle miniere.
Arrotolò una sigaretta e l'accese. Il bagliore della piccola fiamma attirò subito lo sguardo di Kammamuri.
- Il giovanotto mi ha scorto - disse Yanez, - ma non si muove. Comprende che bisogna essere prudenti.
Gli fece un cenno con la mano, poi rientrò e aprì un cassetto del tavolino. C'erano dei foglietti di carta, un calamaio, delle penne e una borsa ben gonfia che diede, urtandola, un suono metallico.
- Il mio amico Brooke ha pensato a tutto - disse il portoghese ridendo. - Queste sobno fiammanti sterline.
Levò un foglietto di carta, lo lacerò a metà e scrisse in minutissimo carattere:

Sii prudente e guardati bene attorno. Va' ad aspettarmi alla taverna del cinese.

Arrotolò il pezzetto di carta e staccò dalla parete un fusto cilindrico, di legno duro, trapanato nel mezzo, armato all'estremità di un ferro di lancia ben assicurato con strisce di rotang. Era un sumpintan, una cerbottana, lunga metri 1,40, con la quale i dayachi lanciano a sessanta passi, con straordinaria precisione, frecce intinte nel velenosissimo succo dell'upas
- Devo essere ancora abile - disse il portoghese, esaminando l'arma.
Staccò una freccia lunga 20 centimetri, vi infilò il foglietto scritto e la fece entrare nella cerbottana. Un forte soffio bastò per lanciarla fino al maharatto, il quale fu lesto a raccoglierla ed a staccare la carta. - Ed ora usciamo - disse Yanez, quando ebbe veduto Kammamuri andarsene.
Si gettò a tracolla un fucile a due canne e uscì, rispettosamente salutato dalla sentinella.
Percorrendo vie e viuzze puzzolenti, fiancheggiate da capanne posate su pali sotto le quali sonnecchiavano maiali e cani e saltellavano scimmie, spandendo un odore insopportabile, in meno di un quarto d'ora giunse alla taverna, dinanzi alla quale era legato il cavallo del maharatto
- Prepariamo delle sterline - disse il portoghese. - Prevedo una scena burrascosa.
Guardò nella taverna. In un angolo, seduto dinanzi ad una terrina di riso, stava Kammamuri; e dietro al banco, con un paio d'occhiali di quarzo affumicato sul naso, stava il taverniere, occupato a scarabocchiare un gran foglio di carta con un pennello di rispettabile grandezza. Il celestiale era senza dubbio occupato a fare i conti.
- Olà - gridò il portoghese entrando.
Il taverniere, a quella chiamata, alzò la testa. Vederlo, balzare in piedi e slanciarglisi contro, impugnando fieramente la sua mostruosa penna intinta nell'inchiostro di Cina, fu tutt'uno.
- Brigante! - urlò.
Il portoghese fu pronto a fermarlo.
- Vengo a pagarti - disse, gettando sulla tavola un pizzico di sterline.
- Giusto Buddha! - esclamò il cinese precipitandosi sulle monete. - Otto sterline! Vi domando perdono, señor...
- Sta' zitto, e porta una bottiglia di vino di Spagna.
Il taverniere in quattro salti corse a prendere una bottiglia che mise dinanzi a Yanez, indi si slanciò verso un gong sospeso alla porta e si mise a batterlo furiosamente.
- Cosa fai? - chiese Yanez.
- Vi salvo, señor - rispose il cinese. - Se non avverto i miei amici che voi avete pagato, non so che cosa vi accadrebbe fra qualche giorno.
Yanez gettò sulla tavola altre dieci sterline.
- Di' ai tuoi amici che lord Welker paga da bere - disse.
- Ma voi siete un principe, milord! - gridò il cinese.
- Lasciami solo.
Il cinese, raccolte le sterline, uscì incontro ai suoi amici, i quali, allarmati da quei colpi precipitati, accorrevano da tutte le parti armati di bambù e di coltelli.
Yanez si sedette dinanzi a Kammamuri sturando la bottiglia.
- Che nuove, mio bravo maharatto? - chiese.
- Brutte, signor Yanez - rispose Kammamuri.
- Corre qualche pericolo Sandokan?
- Non ancora, ma potrebbe venire scoperto da un istante all'altro. Nelle foreste ronzano guardie e dayachi. Ieri sera sono stato fermato e interrogato e questa mane mi è toccata la stessa cosa.
- E tu cos'hai risposto?
- Mi sono spacciato per un provveditore delle miniere di Poma. Per ingannare meglio questi spioni, come avete visto, mi sono provvisto di un cavallo e di alcune ceste.
- Sei furbo, Kammamuri. Dove si trova Sandokan?
- A sei miglia da qui, accampato presso un villaggio in rovina. Sta fortificandosi perché teme di venire assalito.
- Andremo a trovarlo.
- Quando?
- Appena vuotata la bottiglia.
- C'è qualche cosa in aria?
- Ho saputo ove sta imprigionato il tuo padrone.
Il maharatto balzò in piedi, fuori di sé per la gioia.
- Dov'è? Dov'è? - chiese con voce soffocata.
- Nel fortino della città, custodito da una sessantina di marinai inglesi.
Il maharatto si lasciò cadere sulla sedia, scoraggiato.
- Lo salveremo ugualmente, Kammamuri - riprese Yanez.
- E quando?
- Appena lo potremo. Mi reco da Sandokan per progettare un piano.
- Grazie, signor Yanez.
- Lascia là i ringraziamenti e bevi. -
Il maharatto vuotò la sua tazza.
- Volete che partiano?
- Partiamo, - disse Yanez, gettando sul tavolo alcuni scellini.
- Vi avverto che la strada è lunga e difficile e che bisognerà allungarla ancotra di più, onde ingannare le spie.
- Non ho fretta io. Ho detto al rajah che vado a caccia.
- Siete diventato amico del rajah?
- Certamente.
- In qual modo?
- Te lo narrerò camminando. -
Uscirono dalla taverna. Il portoghese si mise dinanzi e Kammamuri lo seguì, tenendo per la briglia il cavallo.
- Evviva lord Welker! - gridò una voce.
- Evviva il lord! Viva il generoso bianco! - urlarono parecchie altre voci.
Il portoghese si volse e vide il taverniere circondato da una grossa banda di cinesi che avevano le tazze in mano.
- Addio, ragazzi! - gridò.
- Evviva il generoso lord! - tuonarono i cinesi.
Usciti dal quartiere cinese, fiancheggiato di bugigattoli ingombri di rotoli di carta fiorita di Tung, di balle di seta, di scatole di thè di ogni qualità, di ventagli, di occhiali, di sputacchiere, di sedie di bambù, di code, di lanterne microscopiche o gigantesche, di armi, di amuleti, di vesti, di zoccoli, di cappelli di ogni forma e dimensione, tutta roba proveniente dai porti del celeste Impero, entrarono nel quartiere malese non molto dissimile da quello dayaco, forse più sporco e più maleodorante, indi si arrampicarono su colli e di là raggiunsero i boschi.
- Camminate con precauzione - disse Kammamuri al portoghese. Ho incontrato parecchi serpenti pitoni stamane e ho visto anche le tracce di una tigre.
- I boschi del Borneo li conosco, Kammamuri - rispose Yanez. Non
tremare per me.
- Siete venuto altre volte qui?
- No, ma ho percorso più volte i boschi del reame di Varauni.
- Combattendo?
- Talvolta sì.
- Eravate nemici del sultano di Varauni?
- Nemici fierissimi. Egli odiava terribilmente i pirati di Mompracem perché in ogni scontro vincevano la sua flotta.
- Ditemi, padron Yanez, la Tigre della Malesia fu sempre pirata?
- No, mio caro. Una volta era un potente rajah del Borneo settentrionale; ma un inglese ambizioso istigò alla ribellione le truppe e la popolazione e lo detronizzò dopo avergli ucciso padre, madre, fratelli e sorelle.
- E vive ancora questo inglese?
- Sì, vive.
- E non l'avete punito?
- È troppo forte. La Tigre della Malesia però non è ancora morta.
- Ma voi, padron Yanez, perché vi siete unito a Sandokan?
- Non mi sono unito a lui, Kammamuri; fui fatto prigioniero mentre navigavo verso Labuan.
- Non uccideva i prigionieri Sandokan?
- No, Kammamuri. Sandokan fu sempre feroce verso i suoi più acerrimi nemici e generosissimo verso gli altri, specialmente verso le donne.
- Ed egli vi trattò sempre bene, padron Yanez?
- Mi amò come e forse più di un fratello!
- Ditemi, padron Yanez, quando avrete liberato il mio padrone, ritornerete a Mompracem?
- È probabile, Kammamuri. Alla Tigre della Malesia occorrono grandi distrazioni per soffocare il suo dolore.
- Quale dolore?
- Quello di aver perduto Marianna Guillonk.
- L'amava molto dunque?
- Immensamente, alla follia.
- È strano assaiche un uomo così feroce e terribile si sia innamorato di una donna.
- E di una donna inglese per di più - aggiunse Yanez.
- Dello zio di Marianna Guillonk avete saputo nulla?
- Nulla, per ora.
- Che sia qui?
- Potrebbe darsi.
- Avete paura di lui? - Forse, e...
- Alto là - gridò in quell'istante una voce. Yanez e Kammamuri si
arrestarono.

 

 

.

jwg-hopebar.jpg (6982 bytes)

jwg-hopeh.jpg (3423 bytes) jwg-hopeb.jpg (3509 bytes) Edizione HTML a cura di:
 [email protected]
Ultimo Aggiornamento:
17/07/2005 20.58

jwg-hopen.jpg (3396 bytes)

jwg-hopem.jpg (3469 bytes)

jwg-hopeadlogo.jpg (6494 bytes)

jwg-hopebar.jpg (6982 bytes)