clear.gif (98 bytes)

Replyh.jpg (1931 bytes)

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

Replym.jpg (2044 bytes)

Replybar.jpg (5384 bytes)

I MISTERI DELLA JUNGLA NERA

di: Emilio Salgari

Replydot.jpg (1360 bytes)Replydot.jpg (1360 bytes)Replydot.jpg (1360 bytes)Replydot.jpg (1360 bytes)Replydot.jpg (1360 bytes)

Replybar.jpg (5384 bytes)

Replyb.jpg (2081 bytes)

Replyn.jpg (2010 bytes)

PARTE SECONDA

VIII. Le rivelazioni del sergente.

Nessuna sentinella vegliava sul pianerottolo.

Tremal-Naik, ancora tremante per l'emozione, ma deciso a tutto pur di riacquistare la libertà, salì silenziosamente i gradini e raggiunse una stanzaccia oscura e deserta.

Sostò un momento ascoltando con profondo raccoglimento, impugnò la rivoltella e adagio adagio spinse la porta, sporgendo con precauzione la testa.

- Nessuno, - mormorò.

Aprì una seconda porta, percorse un corridoio lungo e oscurissimo ed entrò in una terza stanza.

Era vastissima. Un lume brillava nel fondo spandendo un debole chiarore sopra una dozzina di lettucci, sui quali russavano sonoramente altrettanti uomini.

- I sipai! mormorò Tremal-Naik, arrestandosi.

Stava per tornare indietro, quando udì nel corridoio un passo cadenzato e un tintinnìo che pareva di speroni. Sussultò e alzò la rivoltella verso la porta. L'uomo si avvicinava; Tremal-Naik lo udì arrestarsi un momento, poi passare oltre.

- Se fosse il capitano! - esclamò.

Lasciò lo stanzone e tornò nel corridoio. In fondo scorse un'ombra appena distinta, che andava sfumando e udì il tintinnìo degli speroni.

Riprese la rivoltella e le si mise dietro, risoluto a raggiungerla.

Salì una gradinata e guadagnò un secondo corridoio camminando sulla punta dei piedi. L'uomo che lo precedeva s'arrestò; lo udì girare una chiave in una toppa, lo vide aprire una porta e scomparire.

Allungò il passo e si fermò dinanzi alla stessa porta che non era stata chiusa.

Una lampada illuminava malamente lo stanzone. Seduto dinanzi ad un tavolo, all'ombra di una colonna, v'era un uomo che non riuscì bene a distinguere. Sospettò che fosse il capitano Macpherson; a quel sospetto senza sapere il perché, si sentì le membra tremare e una vaga inquietudine l'assalì. Gli parve d'aver ricevuto come una pugnalata al cuore.

- È strano, pensò egli. - Avrei io paura?

Spinse leggermente la porta che s'aprì senza far rumore ed entrò, movendo a passi di tigre verso il tavolo. Per quanto il suo passo fosse silenzioso, fu avvertito da quell'uomo il quale s'alzò bruscamente.

- Bhârata! - esclamò Tremal-Naik. - Ah!...

Puntò rapidamente la rivoltella verso di lui.

- Non un grido, non un passo, - gli disse, - o sei morto!

L'indiano vedendosi dinanzi il prigioniero che lo teneva di mira, aveva fatto un movimento per slanciarsi sulle sue pistole che aveva deposto su una seggiola. All'intimazione brutale, fatta con un tono da non mettere in dubbio la minaccia, s'era fermato, digrignando i denti come una pantera presa al laccio.

- Tu!... Saranguy! - esclamò, rigando colle unghie il tavolo.

- Non Saranguy, ma Tremal-Naik, il cacciatore di serpenti della jungla nera, - rispose l'indiano senza abbassare l'arma.

Bhârata lo guardò, ma più sorpreso che spaventato.

- Ma come sei tu qui? - chiese.

- È il mio segreto. Non si imprigiona un thug.

- Non m'ero adunque ingannato io?

- Pare di no.

- E cosa vieni a fare qui?

- A ucciderti.

Bhârata, quantunque fosse coraggioso, ebbe paura.

- Ah! - esclamò coi denti stretti. - Tu vieni per assassinarmi..

- Forse.

- Posso salvare la vita?

- Sì.

- Parla.

- Siedi e discorriamo.

Bhârata ubbidì. Tremal-Naik s'impadronì di tutte le armi, chiuse a chiave la porta e si sedette di fronte al sergente, dicendogli:

- Ti avverto che il primo grido che getti, ti costa la vita. Ho sei colpi per mandarti a trovare Brahma o Visnù.

- Parla, - ripeté il sergente, che andava riacquistando il suo sangue freddo.

- Ho da compiere una missione terribile.

- Non ti capisco.

- Io ho giurato ai thugs di uccidere il capitano Macpherson.

Tremal-Naik guardò Bhârata per vedere quale impressione fa su di lui quelle parole, ma il volto dell'indiano rimase impassibile.

- Hai compreso, Bhârata? - gli domandò.

- Perfettamente.

- Ebbene?

- Tira innanzi.

- Bisogna che io abbia in mia mano la testa del capitano Macpherson.

Il sergente ruppe in uno scoppio di risa.

- Pazzo, non sai che il capitano non è più qui?

- Tremal-Naik s'alzò.

- Il capitano non è più qui! - esclamò con disperazione. - Dov'è andato?

- Non te lo dirò.

- Ma non sai adunque, che io ho giurato di portare ai thugs la sua testa?

- Ne faranno a meno.

- No, Bhârata, no!... Bisogna che compia la mia missione! Dov'è il capitano?... Voglio saperlo, dovessi rovistare tutta l'India dall'Himalaya al capo Comorin.

- Non sarò certamente io che dirò dove egli sia.

- Ah!... - esclamò Tremal-Naik. - Tu lo sai?

- Lo so.

Tremal-Naik alzò la rivoltella mirando l'indiano in fronte.

- Bhârata, - gli disse con voce furente. - Parla!

- Puoi ammazzarmi, ma dalla mia bocca non uscirà sillaba. Sono un sipai!

- Bada, Bhârata, che non si ritorna più, una volta scesi nella tomba.

- Uccidimi se vuoi.

- È la tua ultima parola?

- L'ultima.

Tremal-Naik aveva steso il braccio armato. Già la canna s'era fermata a pochi passi dalla fronte del sergente, già stava per far partire il colpo, quando al di fuori echeggiò un fischio che si ripeté tre volte.

- Nagor! - esclamò Tremal-Naik, che aveva riconosciuto il segnale dei thugs.

Rimise nella cintura la rivoltella, afferrò Bhârata turandogli con una mano la bocca, e lo gettò al suolo.

- Non fare un gesto, - gli disse, - o ti uccido davvero.

Lo legò solidamente con una corda, lo imbavagliò, poi corse ad una finestra, alzò la persiana e rispose al segnale con tre fischi differenti.

Dietro ad un cespuglio s'alzò una forma umana, la quale strisciò svelta svelta in direzione del bengalow. Si arrestò proprio sotto la finestra, alzando la testa.

- Nagor! - bisbigliò Tremal-Naik.

- Chi sei? - chiese il thug, dopo qualche istante di esitazione.

- Tremal-Naik.

- Devo salire?

Tremal-Naik guardò a destra e a manca con attenzione e tese l'orecchio.

- Sali, - disse poi.

Il thug gettò il laccio che si fermò ad un gancio della finestra, ed in un baleno giunse sul davanzale.

Era un uomo assai giovane, poco più che ventenne, alto, magro, dotato di una agilità straordinaria e, a quanto pareva, di un coraggio a tutta prova. Era quasi nudo, unto di recente d'olio di cocco, tatuato come gli altri settari e armato di pugnale.

- Sei libero? - chiese egli.

- Lo vedi, - rispose Tremal-Naik.

- I sipai?

- Dormono.

- Il capitano?

- Quell'indiano mi ha detto che non è più qui.

- Che abbia sospettato qualche cosa? - chiese il thug, coi denti stretti.

- Non lo credo.

- Bisogna sapere dove è andato. Il figlio delle sacre acque del Gange vuole la sua testa.

- Ma il sergente non parla.

- Parlerà, lo vedrai.

- Or che ci penso, questi uomini m'hanno fatto trangugiare una bevanda che mi ubbriacò e mi fece parlare.

- Qualche limonata di certo, - disse il thug sorridendo.

- Sì, è una limonata.

- La faremo bere al sergente.

Balzò nella stanza, gettò uno sguardo su Bhârata che attendeva tranquillamente la sua sorte, prese un bicchiere ripieno d'acqua e preparò la stessa limonata che il capitano Macpherson aveva fatto bere a Tremal-Naik.

- Trangugia questa bevanda, - diss'egli al sergente, dopo di avergli tolto il bavaglio.

- Mai! - rispose Bhârata, che aveva già indovinato di che cosa si trattava.

Il thug gli prese il naso fra le dita e lo strinse forte. Il sergente, per non morire asfissiato, fu costretto ad aprire le labbra. Bastò quel momento, perché la limonata gli fosse versata in bocca.

- Ora saprai ogni cosa, - disse Nagor a Tremal-Naik.

- Hai paura dei sipai? - gli chiese il cacciatore di serpenti.

- Io! - esclamò il thug, ridendo.

- Mettiti dinanzi alla porta e fa' fuoco sul primo uomo che tenta salire la scala.

- Conta su di me, Tremal-Naik. Nessuno verrà ad interrompere il tuo interrogatorio.

Il thug prese un paio di pistole, guardò se erano cariche e uscì mettendosi in sentinella dinanzi alla porta.

Il sergente cominciava allora a ridere ed a parlare senza arrestarsi un sol istante.

Tremal-Naik, sorpreso, ascoltava quel torrente di parole, e raccolse a volo il nome del capitano Macpherson.

- Bravo sergente, - diss'egli. - Dov'è il capitano? -

Bhârata nell'udire quella voce, si era arrestato. Guardò Tremal-Naik con due occhi che scintillavano e chiese:

- Chi mi parla?... Mi pareva di aver udito la voce di un thug... ah!... ah!... Non vi saranno più thugs fra breve. Il capitano lo ha detto... e il capitano è un uomo di parola... un grand'uomo che non ha paura. Li assalirà nei loro covi... Li distruggerà colle bombe... Sarà bello vederli scappare coll'acqua alle calcagna... ah!... ah!... ah!...

- E andrai anche tu a vederli? - chiese Tremal-Naik, che non perdeva parola.

- Si che ci andrò e verrai anche tu!... Ah!... ah!... sarà uno spettacolo bellissimo.

- E sai tu dov'è il loro covo?

- Sì che lo so. L'ha detto Saranguy.

- Ah!... miserabili!... - esclamò Tremal-Naik. - Ma anch'io saprò qualche cosa da te.

- Egli aveva bevuto la limonata, - ripigliò il sergente, - e narrò tutto.

- E c'era il capitano, quando Saranguy parlò! - chiese Tremal-Naik, fremendo.

- Ma sì, e partì subito per sorprenderli nel covo.

- Per Raimangal forse?

- No, no! - esclamò vivamente il sergente. - I thugs sono forti e occorrono molti uomini per ischiacciarli.

- È andato a Calcutta?

- Sì, a Calcutta, al forte William!... E armerà un bastimento... e imbarcherà tanta gente... e tanti cannoni... ah!... ah!... che spettacolo bellissimo.

Il sergente tacque. I suoi occhi si chiudevano, si aprivano, ma tornavano a chiudersi per quanto facesse per tenerli aperti. Tremal-Naik capì che l'oppio a poco a poco faceva il suo effetto.

- So quanto volevo sapere, - mormorò. - Ed ora, a Raimangal!

 

 

Replybar.jpg (5384 bytes)

Replyh.jpg (1931 bytes) Replyb.jpg (2081 bytes) Edizione HTML a cura di:
 [email protected]
Ultimo Aggiornamento:
17/07/2005 20.59

Replyn.jpg (2010 bytes)

Replym.jpg (2044 bytes)




Replyadlogo.jpg (5471 bytes)
Replybar.jpg (5384 bytes)