clear.gif (98 bytes)

Replyh.jpg (1931 bytes)

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

Replym.jpg (2044 bytes)

Replybar.jpg (5384 bytes)

I MISTERI DELLA JUNGLA NERA

di: Emilio Salgari

Replydot.jpg (1360 bytes)Replydot.jpg (1360 bytes)Replydot.jpg (1360 bytes)Replydot.jpg (1360 bytes)Replydot.jpg (1360 bytes)

Replybar.jpg (5384 bytes)

Replyb.jpg (2081 bytes)

Replyn.jpg (2010 bytes)

PARTE PRIMA

XI. Il secondo colpo dello strangolatore.

Kammamuri cominciava a diventare inquieto. Il sole calava rapidamente all'orizzonte ed i due cacciatori non erano ancora tornati, anzi nessun colpo di fucile erasi udito rombare nella jungla.

Egli non sapeva capacitarsi di quella prolungata assenza e di quell'assoluto silenzio. Entrava ed usciva dalla capanna, interrogava attentamente l'orizzonte, sperando di vederli spuntare fra la sterminata piantagione di bambù, costringeva Punthy ad abbaiare, ma senza alcun frutto.

Più volte si spinse, assieme alla tigre, fino ai primi bambù e porse l'orecchio ai rumori del largo; più volte fe' rimbombare l'hulok sospeso alla porta della capanna e più volte bruciò una carica di polvere. Il silenzio che regnava nelle pianure del sud non fu rotto.

Scoraggiato, si sedette sul limitare della capanna, attendendo ansiosamente il loro ritorno. Vi era da pochi minuti, quando la tigre balzò in piedi facendo udire un sordo miagolio a cui fecero eco i festosi abbaiamenti di Punthy.

Kammamuri si alzò, credendo che arrivassero i cacciatori, ma non vide alcuno. Si volse ed appoggiato allo stipite della porta, scorse Tremal-Naik.

- Tu, padrone! - esclamò egli con stupore. - Tu!...

- Sì, Kammamuri, - rispose Tremal-Naik, con un amaro sorriso.

- Quale imprudenza!... Sei ancora convalescente e...

- Taci, sono forte, più forte di quello che credi,- rispose il cacciatore di serpenti quasi con rabbia. - Ho sofferto troppo in quell'amaca, è ora che la sia finita.

Egli fece alcuni passi innanzi senza barcollare, senza dimostrare fatica e sedette fra le erbe, prendendosi la testa fra le mani e guardando fisso il sole che tramontava all'occidente.

- Padrone, - disse Kammamuri, dopo alcuni istanti di silenzio.

- Cosa vuoi?

- I cacciatori non sono ancora tornati. Temo che sia accaduta qualche disgrazia.

- Chi te lo dice?

- Nessuno, ma lo sospetto. Nella jungla possono aggirarsi quegli uomini che assassinarono Hurti e pugnalarono te.

La faccia di Tremal-Naik divenne cupa.

- Sono forse qui? - chiese egli.

- Forse.

- Presto, Kammamuri, sarò guarito, ritorneremo in quell'isola maledetta e li stermineremo tutti, tutti!

- Che?... - esclamò Kammamuri, con ispavento. Noi ritornare in quell'isola?... Padrone, cosa dici?

- Hai paura tu?

- No, ma ritornare laggiù, in quei luoghi, è una follia.

- Follia!... Follia tu dici?... Non sai tu adunque chi ho lasciato laggiù, nelle mani di quegli uomini?

- Chi mai?

- La vergine della pagoda.

- Chi è questa donna?

- Una creatura bella, Kammamuri, che io amo alla pazzia, e per la quale metterei l'India in fiamme.

- Hai lasciato una donna laggiù?

- Sì, Kammamuri, quella stessa che io mirava al tramontare del sole nella mia jungla. Ada! Ada! Quanto m'hai fatto soffrire!

- È la visione adunque?

- Sì, la visione.

- Ma come si trova a Raimangal?

- Una condanna pesa sulla disgraziata fanciulla, Kammamuri. Quei mostri la tengono in loro mano, non so il come, né il perché. Io l'ho veduta nella pagoda a versare dei profumi ai piedi d'un mostro di bronzo.

- D'un mostro!... Quella donna sarà forse al pari degli altri.

- Non ripetere quest'insulto, Kammamuri, - esclamò Tremal-Naik, con accento minaccioso. - Son gli uomini che l'han condannata, che le fanno adorare quel mostro di bronzo! Lei feroce!... Lei!... povera fanciulla!...

- Perdono, padrone - balbettò il maharatto.

- Non sapevi nulla e ti perdono. Ma quegli uomini che l'han condannata, che la fanno morire di pianto, quegli uomini che le straziano il cuore e mi fan barriera onde non la salvi dai loro artigli, li esterminerò tutti, Kammamuri, tutti! Ho qui nel petto ancor le traccie del loro pugnale, e mi faranno ricordare in ogni tempo la vendetta! Non rimarrai no, nelle loro mani, o infelice Ada, perché Tremal-Naik, dovesse pagare colla sua vita la tua libertà, ti toglierà da quegli orribili luoghi per quanto sieno ben guardati e irti di ostacoli. Tremino allora coloro che t'avranno tormentata, coloro che hanno avvelenato la tua giovane esistenza. Darma ed io c'incaricheremo di ucciderli tutti, nelle loro spaventevoli caverne!

- Mi fai paura, padrone. E se ti uccidessero?

- Morrò per colei che amo! - esclamò con trasporto appassionato Tremal-Naik.

- E quando partiremo?

- Appena avrò la forza d'alzare la carabina. Son già forte, ma non tanto da pugnare contro tutti loro.

In quell'istante, al sud, rimbombò una fucilata seguita tosto da due altre detonazioni. Darma fece un salto, mugolando.

Il maharatto e Tremal-Naik scattarono in piedi, trattenendo Punthy che abbaiava furiosamente.

- Cosa succede? - chiese il maharatto, strappandosi dalla cintola il coltellaccio.

- Kammamuri!... Kammamuri!..., - gridò una voce.

- Chi chiama? - chiese Tremal-Naik.

- Grande Brahma!... Manciadi! - esclamò il maharatto.

Infatti il bengalese, con rapidità grandissima attraversava la jungla, sfondando la fitta cortina di bambù ed agitando come un pazzo la carabina. Pareva in preda ad un vivo terrore.

- Kammamuri!... Kammamuri! - ripeté egli con voce strozzata.

- Corri, Manciadi, corri! - gridò il maharatto. Che sia inseguito? Attenta, Darma!

La tigre si raccolse su se stessa cogli artigli aperti, e aprì la bocca mostrando una doppia fila di denti aguzzi.

Il bengalese, che correva molto rapidamente, in pochi minuti giunse alla capanna. Il miserabile aveva la faccia insanguinata per una ferita che s'era fatta sulla fronte per meglio colorire il tradimento ed aveva la tunica pure macchiata.

- Padrone!... Kammamuri! - esclamò egli, piangendo disperatamente.

- Cosa ti è accaduto? - chiese Tremal-Naik con angoscia.

- Hanno ferito a morte Aghur!... Povero me... non ne ho colpa, padrone... ci sono balzati addosso... Aghur! povero Aghur!

- L'hanno ferito! - esclamò Tremal-Naik con furore. - Chi? Chi?

- I nemici... gl'indiani dai lacci...

- Maledizione!... Parla, narra, di' su, voglio saper tutto!

- Eravamo seduti in un bosco di giacchieri, disse il miserabile, continuando a singhiozzare.

- Ci sono balzati addosso prima che potessimo prendere le armi ed Aghur è caduto. Io ho avuto paura e sono fuggito.

- Quanti erano?

- Dieci, dodici, non ricordo bene quanti. Sono fuggito per miracolo.

- È morto Aghur?

- No, padrone, non può esser morto. L'hanno pugnalato, poi sono scomparsi. Fuggendo, udii il ferito gridare, ma non ebbi il coraggio di ritornare presso di lui.

- Sei un vigliacco, Manciadi!

- Padrone, se fossi ritornato mi avrebbero ucciso, - singhiozzò il bengalese.

- Quando la finiranno adunque? - gridò Tremal-Naik. - Kammamuri, forse Aghur non è morto; bisogna andarlo a trovare e portarlo qui.

- E se mi assaltano? - chiese Kammamuri, terrorizzato.

- Prenderai con te Darma e Punthy. Con questi animali puoi tenere testa a cento uomini.

- Ma chi mi guiderà?

- Manciadi.

- E tu vuoi rimanere nella capanna solo?

- Basto io solo per difendermi. Va' e non perdere tempo, se vuoi salvare il povero Aghur. Manciadi, guida quest'uomo al bosco.

- Padrone ho paura.

- Guida quest'uomo al bosco; se esiti, ti faccio sbranare dalla tigre.

Tremal-Naik aveva pronunciato quelle parole con tale tono, da far comprendere a Manciadi che non era uno scherzo. Affettando il massimo terrore, si unì al maharatto che si era armato della carabina e d'un paio di pistole.

- Padrone, - disse Kammamuri, - se fra due o tre ore non ritorniamo, vorrà dire che siamo stati assassinati. Il canotto è arenato sulla riva; penserai a metterti in salvo.

- Mai! - esclamò Tremal-Naik. - Ti vendicherò a Raimangal; taci e parti.

Il maharatto e Manciadi, preceduti dal cane e dalla tigre, si slanciarono di corsa in mezzo alla jungla.

Il sole era di già scomparso sotto l'orizzonte, ma la luna sorgeva, spandendo una luce azzurrognola, d'una infinita dolcezza, sufficiente per guidare i due indiani attraverso la massa dei bambù.

- Camminiamo con precauzione e in silenzio, disse Kammamuri a Manciadi. - Non bisogna attirare l'attenzione dei nemici, che forse si tengono nascosti a poca distanza da noi.

- Hai paura, Kammamuri? - chiese il bengalese, che non tremava più.

- Credo di sì. Per fortuna, con noi abbiamo Darma, una valorosa bestia che non teme cinquanta uomini armati.

- Ti avverto, Kammamuri, che io non entrerò nel bosco.

- Mi aspetterai dove meglio ti piacerà, e se vuoi ti lascierò Punthy, un bravo cane che sa strozzare una mezza dozzina di persone. Avanti e silenzio.

Manciadi, che aveva già tracciato il suo piano, condusse il maharatto sul sentiero che aveva percorso al mattino e lo seguì per tre quarti d'ora. S'arrestò sul margine del bosco di giacchieri.

- È qui? - chiese Kammamuri, guardando con ansietà sotto gli alberi.

- Sì, qui, - rispose Manciadi, con fare misterioso. - Segui questo sentieruzzo che s'addentra nel bosco e giungerai allo stagno, sulle cui rive è caduto Aghur. Io qui t'aspetto, nascosto in quella fitta macchia.

- Vuoi il cane?

- Amo meglio esser solo. Gl'indiani non mi scopriranno, ne sono certo.

- Fra mezz'ora io sono di ritorno. Darma, sta' attenta e pronta a piombare sul primo uomo che si presenta dinanzi a noi, e tu, Punthy, preparati pure a strozzare qualcuno.

La tigre fece udire un basso ruggito e si mise dinanzi al maharatto colle corte orecchie alzate ed il cane gli si mise dietro mostrando i denti.

- Benone, - disse Kammamuri, quando vide il bengalese nascosto nella macchia. - Nessuno ardirà avvicinarsi senza il permesso di queste care bestie.

Entrarono nel bosco sotto il quale regnava una profonda oscurità ed un silenzio funebre e s'avanzarono sul sentiero, senza produrre rumore di sorta. Kammamuri più volte si fermò sperando di udire qualche lamento o qualche chiamata che segnalasse la presenza di Aghur, ma nulla giungeva al suo orecchio.

- È strano, - mormorava, tergendosi il sudore che colavagli in gran copia dalla fronte. - Se fosse ancora vivo, si udirebbe qualche lamento, ma qui regna un silenzio perfetto. Che sia morto?

Aveva percorso da trecento a quattrocento passi, quando udì qualcuno che zuffolava un'arietta malinconica.

Era la medesima arietta che Manciadi aveva zuffolato prima d'assassinare Aghur. La tigre si mise a brontolare volgendo la testa all'indietro e il cane diè segni d'inquietudine, ringhiando.

- Attenti, piccini, - disse Kammamuri, che sentivasi gelare il sangue. - State vicini a me e lasciate che quell'uomo zuffoli a suo piacimento. Credo che per Aghur sia finita.

Una nube oscurò la luna e le tenebre divennero più fitte sotto il bosco.

Kammamuri si arrestò, indeciso se dovesse avanzare o tornare indietro, poi tirò innanzi colle pistole montate.

- Kammamuri! - gridò una voce.

- Kammamuri! - ripeté una seconda voce.

- Kammamuri!- riprese una terza.

La tigre si mise a ruggire sferzandosi i fianchi colla coda e saltando come se fosse su di un braciere. Cercò due o tre volte di slanciarsi a destra del sentiero, ma il maharatto, con un fischio, la richiamava al posto.

- Calma, piccina, calma, - diss'egli. - Lasciate che chiamino. Non sono spiriti, ma uomini che si divertono a spaventarmi. Se ritorno alla capanna, posso ringraziare Visnù d'avermi protetto.

Allungò il passo con una pistola puntata a destra del sentiero e l'altra a sinistra e poco dopo giungeva in vista dello stagno.

Un fascio di luce lunare piombò in quel luogo, illuminandolo come in pieno giorno.

Kammamuri, con indicibile spavento, scorse a terra un corpo umano su cui si agitava un gruppo di marabù.

Punthy si slanciò verso quel cadavere urlando lamentosamente e mettendo in fuga i voraci volatili.

- Aghur! - esclamò Kammamuri, singhiozzando.

Corse come un pazzo allo stagno e si gettò sul corpo dell'infelice suo compagno.

Aveva ancora il laccio attorno al collo ed il corpo era stato straziato dai marabù.

- Aghur! Mio povero Aghur! - ripeté Kammamuri, abbracciando il cadavere. - Ah! miserabili!

D'un tratto emise un urlo terribile e i suoi occhi si fissarono su di una pietra, contro la quale era appoggiata la testa di Aghur.

Ai pallidi raggi della luna, aveva letto, fremendo, le seguenti parole scritte a lettere di sangue:

"Kammamuri, Manciadi mi ha assass...".

Il maharatto balzò in piedi. Comprese tutto il tradimento del bengalese e il pericolo che correva il padrone.

- Darma! Punthy! - gridò egli con voce strozzata.- Alla capanna!... Alla capanna!... Si uccide il padrone.

E si slanciò attraverso la foresta preceduto dalla tigre e seguito dal cane, che abbaiava con furore!

Nel mentre Kammamuri correva come un daino sotto le cupe volte di verzura, il bengalese non perdeva il suo tempo.

Rimasto solo, erasi subito slanciato fuori della macchia correndo precipitosamente verso la capanna, risoluto a strangolare la seconda vittima.

Sapeva di avere un vantaggio di un buon quarto d'ora sul maharatto, nondimeno divorava la via colla velocità di una palla di cannone, paventando di venire colto sul fatto dalla tigre e dal cane, dai quali animali aveva tutto da temere.

Attraversò la jungla impiegando meno di mezz'ora e si fermò sul margine della piantagione, dopo di avere preparato un secondo laccio.

- Il padrone deve tenersi in guardia, - mormorò egli. - Se mi vede tornare, crederà che io abbia abbandonato Kammamuri e mi spaccherà la testa con una palla di carabina. Quell'uomo non ischerza.

Aprì adagio adagio i bambù e guardò verso il nord. A quattrocento passi di distanza scorse la capanna ed accanto ad essa Tremal-Naik in piedi, colla carabina in mano.

- Ah! - esclamò il miserabile. - Ucciderlo non sarà tanto facile, ma Manciadi è più furbo di un cacciatore di serpenti.

Ripigliò la corsa verso l'est, trottando furiosamente per sei o sette minuti, poi si slanciò nella pianura. La capanna stava alla sua destra e Tremal-Naik gli mostrava un fianco. Con un po' d'astuzia poteva avvicinarsi e cogliere la vittima alle spalle. La sua risoluzione fu prontamente presa. Si mise a strisciare fra le erbe come un serpente, allungandosi quanto poteva onde non venire scorto da Tremal-Naik e procurando di non far rumore.

Però, il venticello che sfiorava la piantagione, curvando dolcemente le alte cime dei bambù, produceva un leggiero stropiccio, sufficiente per coprire lo strisciare di un uomo.

Così avanzando e soffermandosi per tendere gli orecchi e guardare Tremal-Naik che pareva non s'accorgesse di nulla, riuscì a guadagnare la capanna.

Con uno scatto da tigre si rizzò. Un sorriso atroce sfiorava le sue labbra.

- È mio, - mormorò con un filo di voce. - Kâlì mi protegge.

Camminò in punta dei piedi lungo le pareti della capanna e si fermò a dieci passi da Tremal-Naik. Diede un ultimo sguardo alla jungla e non scorse nessuno.

Un secondo sorriso, più crudele del primo, apparve sulle labbra ed i suoi occhi scintillarono come quelli di un gatto.

Un secondo ancora e la vittima sarebbe caduta per non più rialzarsi.

Fece fischiare rapidamente il laccio attorno a sé e lo slanciò facendo un balzo avanti. Tremal-Naik piombò al suolo come un albero sradicato dal vento, ma, per un caso fortuito, una mano era rimasta presa nel laccio.

- Kammamuri! - gridò il disgraziato, afferrando coll'altra mano la corda e tirando a sé con disperata energia.

- Muori! muori! - urlò l'assassino, trascinandolo sul suolo.

Tremal-Naik mandò un secondo grido.

- Kammamuri! aiuto!

- Eccomi - tuonò una voce.

Manciadi digrignò i denti con furore. Sul limite della piantagione era improvvisamente apparso il maharatto: dinanzi, correva, con balzi giganteschi la tigre, fiancheggiata da Punthy.

Un lampo squarciò la notte seguìto da una fragorosa detonazione. Manciadi fece un salto di dieci passi e s'avventò all'impazzata verso la riva vicina.

Un secondo sparo rimbombò e Manciadi piombò nel fiume, scomparendo fra i gorghi.

 

 

Replybar.jpg (5384 bytes)

Replyh.jpg (1931 bytes) Replyb.jpg (2081 bytes) Edizione HTML a cura di:
 [email protected]
Ultimo Aggiornamento:
13/07/2005 23.42

Replyn.jpg (2010 bytes)

Replym.jpg (2044 bytes)




Replyadlogo.jpg (5471 bytes)
Replybar.jpg (5384 bytes)