BlueLady-home.jpg (5463 bytes)

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

BlueLady-mail.jpg (5413 bytes)

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

Il Corsaro Nero

di: Emilio Salgari

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

31. L'ASSALTO AL CONO

Il Corsaro, udendo quello sparo, era tornato rapidamente indietro, credendo che il marinaio avesse fatto fuoco contro qualche animale, non sospettando minimamente che gli spagnoli della caravella fossero già giunti sui fianchi del cono. Non vedendolo, si mise a gridare ripetutamente:
- Carmaux!... Carmaux!... Dove sei?...
Un sibilo leggero, che pareva mandato da un serpente e che egli ben conosceva, fu la sola risposta che ottenne. Invece di slanciarsi innanzi si gettò prontamente dietro il grosso tronco d'un simaruba e guardò attentamente dinanzi a sé.
Solamente allora s'accorse che sul margine d'un folto gruppo di palmizi ondeggiava ancora una leggera nuvoletta di fumo, la quale andava disperdendosi lentamente, non soffiando, in quella piccola radura, alcun alito d'aria.
- Hanno sparato da quella parte, - mormorò. - Ma dove si è nascosto Carmaux? Se mi ha segnalata la sua presenza, non deve essere lontano e forse è sfuggito all'agguato. Ah! Gli spagnoli sono giunti già qui?
Ebbene, signori miei, la vedremo.
Tenendosi sempre nascosto dietro al tronco del simaruba, il quale lo metteva al coperto dalle palle nemiche, si mise in ginocchio e guardò con precauzione attraverso alle erbe che in quel luogo erano altissime. Dalla parte del bosco, dove il colpo era stato sparato, nulla vide; però a quindici passi dal simaruba, in direzione d'un gruppo di cespugli, notò fra le erbe un leggero movimento.
- Qualcuno striscia verso di me, - mormorò. - Sarà Carmaux, o qualche spagnolo che cerca di sorprenderci? L'archibugio però è armato e non manco che di rado ai miei colpi. Stette immobile alcuni istanti, con un orecchio appoggiato al suolo e udì un leggero fruscio che il suolo trasmetteva nettamente. Certo di non essersi ingannato, si rizzò lungo il tronco del simaruba e lanciò un rapido sguardo fra le erbe.
- Ah! - mormorò, respirando.
Carmaux non si trovava che a quindici passi dall'albero e si avanzava con mille precauzioni, strisciando fra le erbe. Un serpente non avrebbe prodotto maggior rumore, né avrebbe proceduto con tanta astuzia, per sfuggire un pericolo o per sorprendere qualche preda.
- Il furbo, - disse il Corsaro. - Ecco un uomo che si trarrà sempre d'impiccio e che metterà sempre in salvo la pelle. E lo spagnolo che ha fatto fuoco su di lui, è scomparso sotto terra?...
Intanto Carmaux continuava ad avanzare, dirigendosi verso il simaruba e procurando di non mostrare la minima parte del suo corpo, per tema di venire preso una seconda volta a colpi di fucile.
Il brav'uomo non aveva abbandonato il suo archibugio, anzi, nemmeno i suoi pesci, sui quali certamente contava per regalarsi una squisita colazione. Diamine! Non voleva aver faticato per nulla!...
Scorgendo il Corsaro, lasciò da parte ogni prudenza e, rialzatosi bruscamente, in due salti lo raggiunse, mettendosi al riparo dietro al simaruba.
- Sei ferito? - gli chiese il Corsaro.
- Quanto lo siete voi, - rispose, ridendo.
- Non ti hanno adunque colpito?
- Lo avranno sperato, essendomi lasciato cadere fra i cespugli, come se m'avessero spezzato il cuore o fracassata la testa; come però vedete, sono più vivo di prima. Ah! Ah! I bricconi credevano di mandarmi all'altro mondo come se fossi uno stupido indiano! Uh!
Carmaux è un po' furbo!
- E dov'è andato l'uomo che ti ha sparato addosso?
- E' fuggito di certo, udendo la vostra voce; io ho guardato attentamente presso la macchia ma senza risultato.
- Era un uomo solo?
- Uno solo.
- Uno spagnolo?
- Un marinaio.
- Credete che ci spii?
- E' probabile; però dubito che osi mostrarsi, sapendo ora che siamo in due.
- Torniamo sulla vetta, Carmaux; sono inquieto per Wan Stiller.
- E se ci prendono alle spalle? Quell'uomo poteva avere dei compagni nascosti nel bosco.
- Apriremo gli occhi e non lasceremo il grilletto dei fucili. Avanti, mio bravo.
Lasciarono il simaruba e retrocedendo rapidamente, coi fucili in mano, anzi puntati verso il margine del bosco, raggiunsero alcuni macchioni di fitti cespugli, cacciandovisi sotto.
Giunti colà s'arrestarono per vedere se i nemici si decidevano a mostrarsi, poi, non comparendo alcuno, né udendo rumori, proseguirono sollecitamente la loro marcia, arrampicandosi sui fianchi dirupati e selvosi del cono.
Venti minuti furono sufficienti per attraversare la distanza che li separava dal loro piccolo campo trincerato.
Wan Stiller, che vegliava sulla cima della rupe, fu lesto a correre loro incontro, dicendo:
- Ho udito un colpo di fucile; siete stato voi a sparare, capitano?
- No, - rispose il Corsaro. - Hai veduto nessuno?
- Nemmeno un moscerino, signore, però ho scorta una banda di marinai lasciare la costa e scomparire sotto gli alberi.
- E' sempre ancorata la caravella?
- Non ha lasciato il suo posto.
- E le scialuppe?
- Bloccano l'isola.
- Hai veduto se Wan Guld faceva parte della banda?
- Ho scorto un vecchio dalla lunga barba bianca.
- E' lui! - esclamò il Corsaro, coi denti stretti. - Venga pure quel miserabile. Vedremo se la fortuna lo proteggerà anche contro la palla del mio archibugio.
- Capitano, credete che giungano presto qui? - chiese Carmaux, il quale si era messo a raccogliere dei rami secchi.
- Forse non oseranno assalirci di giorno ed aspetteranno la notte.
- Allora noi possiamo preparare la colazione e rimetterci in forze. Vi confesso che non so più dove siano andati a finire i miei intestini.
Ehi! Wan Stiller! Prepara queste due splendide raje spinose; ti prometto un arrosto così squisito da leccarti perfino le dita.
- E se gli spagnoli vengono?... - chiese l'amburghese, che non era molto tranquillo.
- Bah!... Con una mano mangeremo e coll'altra ci batteremo; a noi le raje e ad essi il piombo. Vedremo poi chi farà miglior digestione.
Mentre il Corsaro si rimetteva in osservazione sulla rupe, i due filibustieri accesero il fuoco e misero ad arrostire i pesci, dopo d'averli privati delle lunghe e pericolose spine.
Un quarto d'ora dopo Carmaux annunciava, con tono trionfante, che la colazione era pronta, mentre gli spagnoli non erano ancora comparsi. I tre filibustieri si erano appena seduti ed avevano mangiato il primo boccone, quando sul mare si udì rombare uno sparo formidabile.
- Il cannone!... - esclamò Carmaux.
Non aveva ancora chiusa la bocca, quando il culmine della roccia che aveva servito da osservatorio, frantumato da una palla di grosso calibro, franò con grande fracasso.
- Lampi!... - urlò Carmaux, balzando precipitosamente in piedi.
- E tuoni!... - aggiunse Wan Stiller.
Il Corsaro si era già slanciato verso il margine della vetta, per vedere da dove era partito quel colpo di cannone.
- Mille antropofaghi!... - gridò Carmaux. - Che non si possa mangiare tranquilli in questo dannato lago di Maracaybo?... Il diavolo si porti all'inferno Wan Guld e tutti coloro che gli ubbidiscono!... Ecco la colazione andata in fumo!... Due raje così deliziose tutte schiacciate!...
- Ti rifarai più tardi colla testuggine, Carmaux.
- Sì, se gli spagnoli ci lasceranno il tempo, - disse il Corsaro Nero, che era ritornato verso di loro. - Essi salgono attraverso i boschi e la caravella si prepara a bombardarci.
- Vogliono polverizzarci? - chiese Carmaux.
- No, schiacciarci come le due raje, - disse Wan Stiller.
- Fortunatamente noi siamo delle raje che possono diventare assai pericolose, mio caro. Si vedono gli spagnoli, capitano?...
- Non distano che cinque o seicento passi.
- Lampi!...
- Cos'hai?...
- Un'idea, capitano.
- Gettala fuori.
- Giacché la caravella si prepara a bombardare noi, a nostra volta bombardiamo gli spagnoli.
- Hai trovato qualche cannone, Carmaux!... O un colpo di sole ti ha scombussolato il cervello!...
- Né l'uno, né l'altro, capitano. Si tratta semplicemente di far rotolare attraverso i boschi questi macigni. Il pendio è ripido e questi grossi proiettili non si arresteranno di certo a mezza via.
- L'idea è buona e la metteremo in esecuzione al momento opportuno. Ed ora, miei bravi, dividiamoci e sorvegliamo ognuno la nostra parte.
Badate di tenervi lontani dalla rupe o vi prenderete qualche scheggione sul capo.
- Ne ho avuto abbastanza di quelle che mi sono cadute sul dorso, - disse Carmaux, cacciandosi in tasca un paio di manghi.
- Andiamo un po' a vedere che cosa vogliono fare quei seccatori; farò pagare a loro le mie raje.
Si divisero ed andarono a imboscarsi dietro gli ultimi cespugli che circondavano la vetta del cono, in attesa del nemico, per aprire il fuoco.
I marinai della caravella, stimolati forse dalla speranza di qualche grossa ricompensa promessa dal Governatore, si arrampicavano animosamente sui fianchi scoscesi del cono, aprendosi il passo attraverso i fitti cespugli. I filibustieri non potevano ancora scorgerli, però li udivano parlare e tagliare le liane o le radici che ostacolavano la loro avanzata.
Pareva che salissero da due soli lati per essere in buon numero e pronti a far fronte a qualsiasi sorpresa. Un drappello doveva già aver girato il laghetto; l'altro, invece, sembrava che avesse presa una profonda valletta, una specie di "cañon", come la chiamano gli spagnuoli.
Il Corsaro Nero, accertatosi della loro direzione, decise senz'altro di approfittare del progetto di Carmaux, per respingere coloro che si trovavano impegnati nella stretta gola.
- Venite, miei bravi, - disse ai suoi due compagni. - Occupiamoci per ora del drappello che minaccia di sorprenderci alle spalle; poi penseremo a quello che ha preso la via del laghetto.
- In quanto a quello spero che s'incaricherà il "niku" di metterlo fuori di combattimento, - disse Carmaux. - Un po' di sete che abbiano quei marinai e li vedremo fuggire, tenendosi il ventre.
- Dobbiamo aprire il bombardamento? - chiese l'amburghese, rotolando un masso del peso di mezzo quintale.
- Gettate, - rispose il Corsaro.
I due filibustieri non si fecero ripetere l'ordine e si misero a spingere verso la china, con una rapidità prodigiosa, una diecina di macigni, procurando di far prendere loro la direzione del "cañon".
Quella valanga formidabile precipitò attraverso il bosco col fracasso d'un uragano, saltando, rimbalzando, fracassando sul suo passaggio giovani alberi e cespugli.
Non erano trascorsi cinque minuti secondi, quando in fondo alla valletta si udirono echeggiare improvvisamente urla di spavento, poi rimbombare alcuni colpi di fucile.
- Eh!... Eh!... - esclamò Carmaux, con voce trionfante. - Pare che qualcuno sia stato toccato!...
- Vedo laggiù degli uomini che scendono precipitosamente, - disse Wan Stiller, il quale era salito su di una roccia.
- Io credo che ne abbiano avuto abbastanza.
- Un'altra scarica, amburghese.
- Sono pronto, Carmaux.
Altri dieci o dodici macigni furono rovesciati, uno dopo l'altro, giù per la china. Quella seconda valanga rovinò con pari fracasso nella valletta, massacrando i vegetali, e la si vide scendere rimbalzando, fino in fondo al "cañon", seco trascinando, nella sua corsa vertiginosa, altri massi ed un gran numero di giovani alberi divelti o spezzati. I marinai della caravella furono veduti arrampicarsi su declivi della valle onde non farsi schiacciare da quella tempesta di sassi, quindi scomparire frettolosamente sotto gli alberi.
- Pel momento costoro non ci daranno noia, - disse Carmaux, stropicciandosi allegramente le mani. - La loro parte l'hanno avuta.
- Agli altri ora, - disse il Corsaro.
- Se non sono stati colti dalle coliche, - aggiunse Wan Stiller.
- Non si vedono salire.
- State zitti.
Il Corsaro si spinse verso l'orlo della piccola spianata che coronava la cima del cono e stette in ascolto per qualche minuto.
- Nulla? - chiese Carmaux, che era impaziente.
- Non si ode alcun rumore, - rispose il Corsaro.
- Che abbiano bevuto il "niku"?
- O che si avanzino strisciando come serpenti?... - disse Wan Stiller.
- Badiamo che non ci fulminino con una scarica a bruciapelo.
- Forse si saranno arrestati per paura di venire schiacciati dalle nostre artiglierie, - disse Carmaux. - I nostri cannoni sono forse più pericolosi di quelli della caravella, quantunque più economici.
- Prova a fare fuoco a quelle piante, - ordinò il Corsaro, volgendosi verso l'amburghese. - Se rispondono, sapremo come regolarci.
Wan Stiller si diresse verso l'orlo della spianata, s'accovacciò dietro un cespuglio e sparò una archibugiata in mezzo alla foresta.
La detonazione si ripercosse lungamente sotto gli alberi, senza però alcun seguito. I tre filibustieri attesero alcuni minuti, tendendo gli orecchi e scrutando il fitto fogliame, poi fecero una scarica generale mirando in diversi luoghi.
Anche questa volta nessuno rispose, né si udì alcun grido. Cosa era avvenuto, adunque, del secondo drappello che era stato veduto salire costeggiando il laghetto?...
- Amerei meglio una scarica furiosa, - disse Carmaux.
- Questo silenzio mi preoccupa e mi fa sospettare qualche brutta sorpresa. Che cosa facciamo, capitano?
- Scendiamo, Carmaux, - rispose il Corsaro, che era diventato inquieto.
- E se gli spagnoli sono imboscati ed approfittano per prendere d'assalto il nostro campo?
- Rimarrà qui Wan Stiller. Voglio sapere che cosa fanno i nostri avversari.
- Volete saperlo, capitano? - disse l'amburghese, che si era spinto innanzi.
- Li vedi?...
- Ne scorgo sette od otto che si dimenano come deliranti o come pazzi.
- Dove?...
- Laggiù, presso il laghetto.
- Ah!... Ah!.., - esclamò Carmaux ridendo. - Hanno assaggiato il "niku"!... Bisognerebbe mandar loro qualche calmante.
- Sotto forma di palla, è vero? - chiese Wan Stiller.
- No, lasciateli tranquilli, - disse il Corsaro. - Serbiamo le nostre munizioni pel momento decisivo, e poi è inutile uccidere delle persone che non possono offenderci. Giacché il primo attacco è andato a vuoto, approfittiamo di questa tregua per rinforzare il nostro campo. La nostra salvezza sta tutta nella resistenza.
- Approfitteremo per fare anche colazione, - disse Carmaux. - Abbiamo ancora la testuggine, un "piraja" ed un "pemecru".
- Economizziamo le provviste, Carmaux. L'assedio può prolungarsi per qualche settimana e fors'anche di più. L'Olonese può rimanere lungo tempo a Maracaybo, e tu sai che non possiamo contare ormai che su di lui, per uscire da questa grave situazione.
- Ci accontenteremo del "piraja", signore.
- Vada pel "piraja".
Mentre il marinaio riaccendeva il fuoco, aiutato dall'amburghese, il Corsaro s'arrampicò sulla rupe per vedere che cosa succedeva sulle spiagge dell'isolotto.
La caravella non aveva abbandonato il suo ancoraggio, però sul suo ponte si vedeva un movimento insolito.
Pareva che degli uomini si affaccendassero attorno ad un cannone che era stato piazzato sul cassero e puntato in alto, come se dovessero riaprire il fuoco contro la vetta del cono.
Le quattro scialuppe stazionavano intorno all'isola, navigando lentamente lungo la spiaggia, per impedire agli assediati qualsiasi tentativo di fuga, timore assolutamente infondato, non avendo i filibustieri alcun canotto a loro disposizione, né potendo attraversare a nuoto la distanza grandissima che separava l'isola dalla foce del Catatumbo.
Dei due drappelli che avevano tentata l'ascensione del cono, pareva che né l'uno né l'altro avesse fatto ritorno alla costa, poiché sulla spiaggia non si vedeva alcun gruppo di persone.
- Che si siano accampati sotto i boschi, in attesa d'una occasione propizia per slanciarsi all'assalto? - mormorò il Corsaro. - Temo che il "niku" ed i sassi di Carmaux non abbiano dati che dei magri risultati. E Pietro non si vede ancora! Se fra un paio di giorni non giungerà qui, temo di dover cadere nelle mani di quel dannato vecchio.
Ridiscese lentamente dall'osservatorio, e raggiunse i suoi due compagni informandoli delle sue preoccupazioni e dei suoi timori.
- La faccenda minaccia di diventare assai seria, - disse Carmaux. - Che questa sera tentino un assalto generale, capitano?
- Lo temo, - rispose il Corsaro.
- Come potremo noi far fronte a tanti uomini?
- Non lo so, Carmaux.
- Se tentassimo di forzare il blocco?
- E poi?
- Ed impadronirci di una delle quattro scialuppe?
- Io credo che tu abbia avuto una buona idea, Carmaux, - rispose il Corsaro dopo qualche istante di riflessione. - Il progetto non sarà certo facile da attuare, pure lo ritengo possibile.
- Quando tenteremo il colpo?
- Questa sera, prima del levarsi della luna.
- Quale distanza credete che vi sia fra quest'isola e la foce del Catatumbo - Non più di sei miglia.
- Un'ora e forse meno di voga forzata.
- E la caravella non ci darà la caccia? - chiese Wan Stiller.
- Certamente, - rispose il Corsaro, - ma io so che ci sono numerosi banchi di sabbia dinanzi al Catatumbo e se vorrà avanzare troppo, correrà il pericolo di arenarsi.
- A questa sera, adunque, - disse Carmaux.
- Sì, se non ci avranno presi od uccisi.
- Capitano, il "piraja" è arrostito a puntino.



 

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

BlueLady-back.jpg (5405 bytes)

BlueLady-next.jpg (5386 bytes)

BlueLady-home.jpg (5463 bytes) Edizione HTML a cura di:
 [email protected]
Ultimo Aggiornamento:
26/07/2005 20.06
BlueLady-mail.jpg (5413 bytes)

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

BlueLady-logo.jpg (3396 bytes)