BlueLady-home.jpg (5463 bytes)

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

BlueLady-mail.jpg (5413 bytes)

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

Il Corsaro Nero

di: Emilio Salgari

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

19. L'ASSALTO DI MARACAYBO

Quel colpo di cannone era stato sparato dalla nave dell'Olonese, la quale era passata all'avanguardia, mettendosi in panna a due miglia da Maracaybo, dinanzi al forte situato su di un'altura e che assieme a due isole difendeva la città.
Alcuni filibustieri, che erano già stati nel Golfo di Maracaybo col Corsaro Verde e col Rosso, avevano consigliato l'Olonese di sbarcare colà i bucanieri, per prendere fra due fuochi il forte che dominava l'entrata del lago, ed il filibustiere si era affrettato a dare il segnale delle operazioni guerresche.
Con rapidità prodigiosa, tutte le scialuppe delle dieci navi erano state calate in mare e i bucanieri e i filibustieri destinati a sbarcare vi si erano affollati, portando con loro i fucili e le sciabole d'abbordaggio.
Quando il Corsaro Nero giunse sul ponte, Morgan aveva già fatto scendere nelle scialuppe sessanta uomini, scelti tra i più intraprendenti ed i più robusti.
- Comandante, - disse rivolgendosi al Corsaro Nero, - non vi è un istante da perdere. Fra pochi minuti gli uomini da sbarco cominceranno l'attacco del forte ed i nostri filibustieri devono essere i primi a montare all'assalto.
- Ha mandato qualche ordine l'Olonese?...
- Sì, signore. Ha comandato alla flotta di non esporsi al fuoco del forte.
- Sta bene, affido a voi il comando della mia "Folgore".
Indossò rapidamente la corazza di combattimento, che un mastro gli aveva recata, e scese nella grande scialuppa che lo aspettava sotto la scala di babordo, montata da trenta uomini e armata d'un petriere.
Cominciava ad albeggiare, bisognava quindi affrettarsi a sbarcare, prima che gli spagnoli del forte potessero radunare ingenti forze.
Tutte le scialuppe, cariche d'uomini, solcavano rapidamente le acque, puntando verso una spiaggia boscosa che si alzava ripida, tramutandosi in una collinetta, e sulla cui cima si vedeva giganteggiare il forte, una solida rocca armata di sedici cannoni di grosso calibro e, probabilmente, ben munita di difensori.
Gli spagnoli, messi sull'allarme dal primo colpo di cannone fatto sparare dall'Olonese, si erano affrettati a lanciare alcune bande di soldati giù pei declivi del colle, onde contrastare il passo ai filibustieri, e ad aprire un fuoco violentissimo colle loro grosse artiglierie.
Le bombe grandinavano, battendo lo specchio d'acqua occupato dalle scialuppe e facendo balzare alti spruzzi di acqua; i filibustieri erano però così valenti che di rado si lasciavano colpire.
Con manovre fulminee, con virate di bordo vertiginose, non lasciavano tempo ai nemici di prenderli di mira.
Le tre scialuppe, montate dall'Olonese, dal Corsaro Nero e da Michele il Basco, erano passate in prima linea ed essendo montate dai più robusti rematori, procedevano rapide, per giungere a terra prima che i drappelli spagnoli, che già scendevano attraverso i boschi, potessero prendere posizione sulle sponde.
Le navi corsare erano rimaste indietro, per non esporsi al fuoco dei sedici grossi pezzi del forte, ma la "Folgore", comandata da Morgan, si era avanzata fino a mille passi dalla spiaggia e proteggeva lo sbarco, tirando coi suoi due cannoni da caccia.
In quindici minuti, non ostante quel furioso cannoneggiamento, le prime scialuppe approdano. I filibustieri ed i bucanieri che le montano, senza attendere i compagni, sbarcano precipitosamente e si scagliano attraverso la boscaglia coi loro capi, per respingere i drappelli spagnoli che si erano imboscati sul pendio della collina.
- All'assalto, miei prodi!... - urla l'Olonese.
- Su, uomini del mare!... - tuona il Corsaro Nero, che si avanza colla spada nella destra ed una pistola nella sinistra.
Gli spagnoli, messi in imboscata, cominciarono a far piovere sugli assalitori una grandine di palle, però con poco profitto a causa degli alberi e dei fitti cespugli che coprono i pendii del colle.
Anche i cannoni del forte tuonano con fragore assordante, scagliando in tutte le direzioni i loro grossi proiettili. Gli alberi si schiantano e rovinano al suolo con fracasso; i rami piombano a destra ed a sinistra e la mitraglia fa piovere addosso agli assalitori nembi di foglie e di frutta; nulla però può arrestare lo slancio dei formidabili filibustieri e dei bucanieri della Tortue.
Si scagliano innanzi come una tromba devastatrice, piombano addosso ai drappelli spagnoli, assalendoli con le sciabole d'abbordaggio, e li fanno a pezzi, malgrado l'ostinata resistenza.
Pochi nemici scampano all'eccidio, poiché quasi tutti avevano preferito cadere con le armi in pugno, piuttosto di cedere il campo ed arrendersi.
- Assaliamo il forte!... - urla l'Olonese.
Incoraggiati da quel primo successo, i corsari si slanciano su pel colle, procurando di tenersi nascosti in mezzo alla fitta vegetazione.
Erano più di cinquecento, essendo stati raggiunti dai compagni, pure l'impresa non era facile, essendo sprovvisti di scale. Per di più la guarnigione spagnola, composta di duecentocinquanta valorosi soldati, si difendeva con grande vigore, non accennando a cedere. Essendo il forte situato in una posizione assai elevata, i cannoni avevano ancora buon gioco e fulminavano i boschi con uragani di mitraglia, minacciando di sterminare gli assalitori.
L'Olonese e il Corsaro Nero, prevedendo una resistenza disperata, si erano arrestati per consigliarsi.
- Perderemo troppa gente, - disse l'Olonese. - Bisogna trovare un mezzo per aprire una buona breccia o ci faremo schiacciare.
- Non ve n'è che uno, - rispose il Corsaro.
- Parla, spicciati.
- Tentare di far scoppiare una mina alla base dei bastioni.
- Credo che sia il modo migliore, ma chi oserà affrontare un simile pericolo!
- Io, - disse una voce dietro di loro.
Si volsero e videro Carmaux seguito dall'inseparabile Wan Stiller e dal compare negro.
- Ah!... Sei tu, briccone?... - chiese il Corsaro. - Che cosa fai qui?
- Vi seguivo, comandante. Mi avete perdonato, quindi non avevo più timore di farmi fucilare.
- No, non ti si fucilerà, però andrai a far scoppiare la mina.
- Ai vostri ordini, comandante. Tra un quarto d'ora apriremo una breccia.
Poi rivolgendosi verso i suoi due amici:
- Ehi, Wan Stiller, vieni, - gli disse, - e tu Moko va' a prendere trenta libbre di polvere ed una buona miccia.
- Spero di rivederti ancora vivo, - disse il Corsaro con voce commossa.
- Grazie dell'augurio, comandante, - rispose Carmaux, allontanandosi precipitosamente.
Intanto i filibustieri ed i bucanieri continuavano ad inoltrarsi attraverso gli alberi, tentando, con dei colpi ben aggiustati, di allontanare gli spagnoli dai merli e di abbattere gli artiglieri.
Il presidio, nondimeno, resisteva con ostinazione ammirabile, facendo un fuoco infernale. Il forte sembrava un cratere in piena eruzione.
Gigantesche nuvole di fumo s'alzavano su tutti i bastioni, traforate dai getti di fuoco dei sedici grossi cannoni.
Palle e nembi di mitraglia scendevano rasente al suolo, massacrando le piante e lacerando i cespugli in mezzo ai quali si tenevano nascosti i filibustieri, in attesa del momento opportuno per slanciarsi all'assalto.
D'improvviso sulla cima del colle si udì un formidabile scoppio, che si ripercosse lungamente sotto i boschi e sul mare. Una fiamma gigantesca fu veduta alzarsi su un fianco del forte, poi una pioggia di rottami cadde impetuosamentee sugli alberi, schiantando centinaia di rami e storpiando ed uccidendo non pochi assalitori.
In mezzo alle grida degli spagnoli, al rimbombo delle artiglierie ed al tuonare dei fucili, si udì echeggiare la voce metallica del Corsaro Nero.
- Su, all'attacco, uomini del mare!...
I filibustieri ed i bucanieri, vedendolo slanciarli sul terreno scoperto, si precipitano dietro di lui assieme all'Olonese. Superano le ultime alture senza arrestarsi, attraversano correndo la spianata ed irrompono contro il forte.
La mina fatta scoppiare da Carmaux e dai suoi amici aveva aperta una breccia in uno dei bastioni principali. Il Corsaro Nero vi si era già slanciato dentro, superando i rottami ed i cannoni travolti dallo scoppio e la sua formidabile spada s'affannava a respingere i primi avversari, colà accorsi a difendere il passo.
I corsari si gettano dietro di lui colle sciabole d'arrembaggio in pugno, urlano a piena gola per spargere maggior terrore, rovesciano col loro impeto irresistibile i primi spagnoli ed irrompono, come un torrente che straripa, entro il forte.
I duecentocinquanta uomini che lo difendono non possono resistere a tanta furia. Cercano di trincerarsi dietro gli spalti, ma vengono ricacciati; tentano di raggrupparsi nel piazzale per impedire che il grande stendardo di Spagna venga ammainato e colà pure vengono sgominati, inseguiti lungo i bastioni interni e cadono tutti piuttosto che arrendersi.
Il Corsaro Nero, vista calare la bandiera, s'affrettò a rivolgersi contro la città ormai indifesa. Radunati cento uomini, scese di corsa il colle ed irruppe nelle vie già deserte di Maracaybo.
Tutti erano fuggiti, uomini, donne e fanciulli, riparando nei boschi per salvare gli oggetti più preziosi; ma che importa al Corsaro Nero?
Non era per saccheggiare la città che aveva organizzata la spedizione, bensì per avere nelle mani il traditore.
Egli trascinava i suoi uomini in una corsa vertiginosa, ansioso di giungere al palazzo di Wan Guld.
Anche la "Plaza de Granada" era deserta, ed il portone del palazzo del Governatore aperto e senza guardie.
- Mi sarebbe sfuggito? - si chiese il Corsaro, coi denti stretti. - Dovessi però inseguirlo fin entro il continente, non lo abbandonerò.
Vedendo il portone aperto, i filibustieri che lo avevano seguito si erano arrestati temendo qualche tradimento. Il Corsaro però aveva continuato ad avanzare con prudenza, sospettando anche lui qualche sorpresa.
Stava per varcare la soglia ed entrare nel cortile, quando si sentì fermare da una robusta mano, che gli si era posata su di una spalla e da una voce che diceva:
- Non voi, mio comandante. Se permettete, entrerò prima io.
Il Corsaro si era fermato colla fronte aggrottata e si vide dinanzi Carmaux, nero per la polvere, colle vesti stracciate, il viso insanguinato, ma più vivo che mai.
- Ancora tu!... - esclamò. - Credevo che la mina non ti avesse risparmiato. - Ho la pelle dura, mio capitano, ed al pari di me devono averla l'amburghese e l'africano poiché mi seguono. - Avanti adunque!
Carmaux ed i suoi compagni, che lo avevano già raggiunto, neri di polvere come lui e non meno stracciati, si precipitarono entro il cortile colle sciabole d'arrembaggio e le pistole in pugno, seguiti dal Corsaro e da tutti gli altri filibustieri. Non vi era nessuno.
Soldati, staffieri, scudieri, servi, schiavi, tutti erano fuggiti dietro gli abitanti cercando anche essi un rifugio nei fitti boschi della costa. Fu trovato solamente un cavallo, sdraiato al suolo con una gamba rotta.
- Hanno sloggiato, - disse Carmaux. - Bisogna collocare sul portone un cartello con sopra scritto: palazzo da affittare.
- Saliamo, - disse il Corsaro, con voce sibilante.
I filibustieri si rovesciarono sugli scaloni e salirono ai piani superiori; ma anche là tutte le porte erano aperte, le stanze e le sale deserte, i mobili tutti sottosopra, i forzieri spalancati e vuoti. Tutto annunziava una precipitosa ritirata. Ad un tratto si udirono echeggiare, in una stanza, delle grida. Il Corsaro, che aveva percorse tutte le sale di corsa, si diresse da quella parte e vide Carmaux e Wan Stiller che stavano trascinando a forza un soldato spagnolo, alto, allampanato, secco come un chiodo.
- Lo riconoscete, comandante? - gridò Carmaux, spingendo violentemente il disgraziato prigioniero.
Il soldato spagnolo, vedendosi dinanzi il Corsaro, si levò il casco d'acciaio adorno d'una piuma spennacchiata e molto frusta, e, curvando la sua lunga e magra schiena, disse, con voce tranquilla:
- Vi aspettavo, signore, e son ben lieto di rivedervi.
- Come! - esclamò il Corsaro. - Ancora voi?...
- Sì, lo spagnolo della foresta, - rispose l'uomo allampanato, sorridendo. - Non avete voluto appiccarmi e perciò sono ancora vivo.
- Tu la pagherai per tutti, furfante! - gridò il Corsaro.
- Avrei forse avuto torto ad aspettarvi? Sarebbe stato meglio, in tal caso, che avessi preso il largo dietro agli altri.
- Tu mi aspettavi?
- Chi mi avrebbe impedito di fuggire?
- E' vero, e perché sei rimasto?
- Perché volevo vedere ancora colui che mi ha generosamente salvata la vita, la notte che ero caduto nelle sue mani.
- Tira innanzi.
- Poi, perché volevo rendere un piccolo servizio al Corsaro Nero.
- Tu!
- Eh! eh! - fe' lo spagnolo, sorridendo. - Vi stupisce?
- Sì... lo confesso.
- Sappiate allora che il governatore, quando seppe che io ero caduto nelle vostre mani e che voi non mi avevate appeso ad un ramo con una corda al collo, per ricompensa mi fece dare venticinque legnate.
Capite!... Bastonare me, don Bartolomeo dei Barboza e dei Camargua, discendente da una delle più vecchie nobiltà della Catalogna!...
"Carramba"!!
- Finiscila.
- Ho giurato di vendicarmi di quel fiammingo, che tratta i soldati spagnoli come se fossero cani ed i nobili come fossero schiavi indiani, e vi ho aspettato. Voi siete venuto qui per ucciderlo, ma egli, quando ha veduto cadere il forte in vostra mano, è fuggito.
- Ah!... E' fuggito?
- Sì, però io so dove, e vi condurrò sulle sue tracce.
- Non m'inganni tu? Bada che se tu menti, farò scorticare il tuo magro corpo.
- Non sono nelle vostre mani? - disse il soldato.
- E' vero.
- Potete quindi farmi scorticare con vostro comodo.
- Allora parla. Dov'è fuggito Wan Guld?
- Nella foresta.
- Dove vuole andare?
- A Gibraltar.
- Seguendo la costa?
- Sì, comandante.
- Conosci la via tu?
- Meglio degli uomini che l'accompagnano.
- Quanti ne ha con sé?
- Un capitano e sette soldati fidatissimi. Per marciare attraverso ai fitti boschi della costa bisogna essere in pochi.
- E gli altri soldati, dove sono?
- Si sono dispersi.
- Sta bene, - disse il Corsaro. - Noi inseguiremo quell'infame Wan Guld, e noi non gli daremo tregua né giorno né notte. Ha dei cavalli con sé?
- Sì, ma dovrà lasciarli poiché a nulla gli servirebbero.
- Aspettami qui.
Il Corsaro Nero si appressò ad una scrivania, sulla quale vi era della carta, alcune penne ed un ricco calamaio di bronzo.
Prese un foglietto e scrisse rapidamente queste poche righe «Mio caro Pietro, «Inseguo Wan Guld attraverso le foreste con Carmaux, Wan Stiller ed il mio africano. Disponi della mia nave e dei miei uomini; quando il saccheggio sarà finito, vieni a raggiungermi a Gibraltar. Colà vi sono dei tesori da raccogliere, maggiori di quelli che troverai in Maracaybo.
Il Corsaro Nero».
Chiuse la lettera, la consegnò ad un mastro d'equipaggio, poi congedò i filibustieri che lo avevano seguito, dicendo:
- Ci rivedremo a Gibraltar, miei valorosi. - Quindi volgendosi verso Carmaux, Wan Stiller, l'africano ed il prigioniero, disse:
- Andiamo ora a dare la caccia al mortal nemico.
- Ho portato con me una corda nuova per appiccarlo, comandante, - rispose Carmaux. - L'ho provata ieri sera e vi assicuro che funzionerà a meraviglia, senza tema che si rompa.

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

BlueLady-back.jpg (5405 bytes)

BlueLady-next.jpg (5386 bytes)

BlueLady-home.jpg (5463 bytes) Edizione HTML a cura di:
 [email protected]
Ultimo Aggiornamento:
26/07/2005 19.34
BlueLady-mail.jpg (5413 bytes)

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

BlueLady-logo.jpg (3396 bytes)