BlueLady-home.jpg (5463 bytes)

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

BlueLady-mail.jpg (5413 bytes)

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

Il Corsaro Nero

di: Emilio Salgari

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

13. FASCINI MISTERIOSI

La "Folgore" procedeva lentamente verso settentrione, per giungere sulle coste di Santo Domingo e di là cacciarsi nell'ampio canale aperto fra quell'isola e quella di Cuba.
Ostacolata dalla grande corrente equinoziale o Gulf-Stream che dopo avere attraversato l'Atlantico entra con grande impeto nel mare delle Antille, correndo verso le spiagge dell'America centrale, per poi uscire, dopo un giro immenso, dal Golfo del Messico, presso le isole Bahama e le coste meridionali della Florida; ed anche impedita dal vascello di linea che era costretta a rimorchiare, non avanzava che con molto stento, essendo le brezze leggere.
Fortunatamente il tempo si manteneva sereno ed era questa una vera fortuna; diversamente sarebbe stata costretta ad abbandonare alla furia delle onde la grossa preda così a caro prezzo conquistata, poiché gli uragani che sconvolgono i mari delle Antille sono così tremendi, da non potersi fare un idea della loro potenza.
Quelle regioni che sembrerebbero benedette dalla natura, quelle isole opulente, d'una fertilità prodigiosa, poste sotto un clima che non ha confronti, e sotto un cielo che per purezza nulla ha da invidiare a quello tanto decantato dell'Italia, a causa dei venti dominanti dell'est e della corrente equinoziale, vanno troppo di sovente soggette a dei cataclismi spaventosi, che in poche ore le sconvolgono.
Tempeste spaventevoli le colpiscono di quando in quando, distruggendo le ricche piantagioni, sradicando intere foreste, abbattendo città e villaggi; orribili maremoti alzano talora bruscamente il mare e lo precipitano con impeto irresistibile verso le coste, spazzando via quanto trovano e trascinando le navi ancorate nei porti per le devastate campagne; formidabili convulsioni del suolo le scuotono improvvisamente, seppellendo talvolta fra le macerie migliaia di persone.
La buona stella però sorrideva ai filibustieri del Corsaro Nero, perché come si disse, il tempo si manteneva splendido, promettendo una tranquilla navigazione fino alla Tortue.
La "Folgore" veleggiava placidamente su quelle acque di smeraldo, terse quasi come un cristallo e così trasparenti da permettere di discernere, alla profondità di cento braccia, il letto bianchissimo del Golfo, cosparso di coralli.
La luce, rifrangendosi su quelle sabbie bianche, rendeva le acque ancor più limpide, a segno da far venire le vertigini a chi, non abituato, avesse voluto guardare giù.
In mezzo a quella nitida trasparenza, pesci strani si vedevano guizzare in tutte le direzioni, giocherellando, inseguendosi e divorandosi, e non di rado si vedevano anche sorgere dal fondo e salire alla superficie, con un poderoso colpo di coda, quei terribili mangiatori di uomini chiamati zigaene, squali molto affini ai non meno feroci pesci-cani, lunghi talvolta venti piedi, colla testa raffigurante un martello, gli occhi grossi, rotondi, quasi vitrei piantati alle estremità e la bocca enorme ed armata di lunghi denti triangolari.
Due giorni dopo la presa del vascello, essendosi alzato un vento piuttosto forte e favorevolissimo, la "Folgore" s'avventurava in quel tratto di mare compreso fra la Giamaica e la punta occidentale di Haiti, muovendo rapidamente verso le coste meridionali di Cuba.
Il Corsaro Nero, dopo essere stato quasi sempre rinchiuso nella sua cabina, udendo il pilota segnalare le alte montagne della Giamaica, era salito sul ponte.
Era però ancora in preda a quell'inesplicabile inquietudine, che l'aveva colto la sera stessa che aveva invitato nel quadro la giovane fiamminga.
Non stava un momento fermo. Passeggiava nervosamente per la passerella, sempre preoccupato, senza scambiare una parola con chicchessia, nemmeno col suo luogotenente Morgan.
Si trattenne mezz'ora sul ponte, guardando di tratto in tratto, ma distrattamente, le montagne della Giamaica che si disegnavano nettamente sul luminoso orizzonte, colle basi che parevano immerse nel mare; poi discese sulla tolda rimettendosi a passeggiare fra l'albero di trinchetto e quello maestro, colle ampie tese del suo feltro bene abbassate sulla fronte.
Ad un tratto, come fosse stato colto da qualche pensiero ed obbedisse ad una tentazione irresistibile, risalì sul ponte e ridiscese sul cassero, fermandosi presso la murata poppiera.
I suoi sguardi si fissarono subito sulla prora del vascello spagnolo, lontano appena sessanta passi, tanto quanto era lunga la gomena che lo traeva a rimorchio.
Trasalì e fece atto di ritirarsi, ma s'arrestò subito, mentre il suo volto, così cupo, s'illuminava, ed il suo pallore si tramutava in una tinta leggermente rosea, tinta però che durò un solo istante.
Sulla prora del vascello spagnolo, aveva veduto una forma bianca appoggiata all'argano. Era la giovane fiamminga, rinchiusa in un lungo accappatoio bianco e coi biondi capelli sciolti sulle spalle in pittoresco disordine e che la brezza marina, volta a volta, scompigliava.
Teneva il capo volto verso la filibusteria e gli occhi fissi sulla poppa, o meglio sul Corsaro Nero.
Conservava una immobilità assoluta, tenendo il mento appoggiato sulle mani in una posa meditabonda.
Il Corsaro Nero non aveva fatto alcun cenno, nemmeno di salutarla. Si era aggrappato alla murata con ambo le mani, come se avesse paura di venire strappato di là e teneva gli occhi fissi su quelli della giovane.
Pareva che fosse stato affascinato da quegli sguardi dal lampo dell'acciaio, poiché si sarebbe detto che non respirava nemmeno più.
Un tale incanto, strano per un uomo della tempra del Corsaro, durò un minuto, poi parve che venisse bruscamente spezzato.
Il Corsaro, quasi si fosse pentito di essersi lasciato vincere dagli occhi della giovane, con un moto improvviso aveva staccate le mani e aveva fatto un passo indietro.
Guardò il timoniere che gli stava a due passi di distanza, poi il mare, e quindi la velatura della sua nave e fece altri passi indietro come se non sapesse decidersi a perderla di vista, poi tornò a guardare la giovane fiamminga.
Questa non si era mossa. Sempre appoggiata all'argano, col mento sulla destra, il biondo capo inclinato innanzi, fissava sempre il Corsaro coi suoi grandi occhi. Un lampo vivido, irresistibile, si sprigionava sempre dalle sue pupille che parevano essere diventate d'una immobilità vitrea.
Il comandante della "Folgore" indietreggiava sempre, ma lentamente, come fosse impotente a sottrarsi a quel fascino. Era diventato più pallido che mai e un fremito scuoteva le sue membra.
Giunto all'estremità del cassero salì sempre indietreggiando sul ponte di comando dove si arrestò alcuni momenti, poi continuò finché andò a urtare contro Morgan, che stava terminando il suo quarto di guardia.
- Ah!... Scusate, - gli disse con fare imbarazzato, mentre un rapido rossore gli coloriva le guance.
- Guardavate anche voi la tinta del sole, signore? - gli chiese il luogotenente.
- Cos'ha il sole?...
- Guardatelo.
Il Corsaro alzò gli occhi e vide che l'astro diurno, poco prima sfolgorante, aveva assunta una tinta rossastra che lo faceva sembrare una lastra di ferro incandescente.
Si volse verso i monti della Giamaica e vide le loro cime spiccare con maggiore nitidezza sul fondo del cielo, come fossero illuminate da una luce ben più viva di prima.
Una certa inquietudine si manifestò subito sul viso del Corsaro ed i suoi sguardi si volsero verso il vascello spagnuolo, arrestandosi ancora sulla giovane fiamminga, la quale non aveva abbandonato l'argano.
- Avremo un uragano, - disse poi con voce sorda.
- Tutto lo indica, signore, - rispose Morgan. - Non sentite quest'odore nauseante alzarsi dal mare?...
- Sì, e vedo che anche l'aria comincia ad intorbidirsi. Questi sono i sintomi dei tremendi uragani che imperversano nelle Antille.
- E' vero, capitano.
- Dovremo perdere la nostra preda?
- Volete un consiglio, signore?
- Parlate, Morgan.
- Fate passare mezzo del nostro equipaggio sul vascello spagnolo.
- Credo che abbiate ragione. Mi rincrescerebbe per il mio equipaggio che quella bella nave andasse a finire in fondo al mare.
- La duchessa la lascerete là?
- La giovane fiamminga... - disse il Corsaro aggrottando la fronte.
- Starà meglio sulla nostra "Folgore", che sul vascello.
- Vi spiacerebbe che andasse a picco? - chiese il capitano, voltandosi bruscamente verso Morgan e guardandolo fisso.
- Penso che quella duchessa può valere parecchie migliaia di piastre.
- Ah!... E' vero... Deve pagare il riscatto.
- Volete che la faccia trasbordare, prima che le onde ce lo impediscano?
Il Corsaro non rispose. Si era messo a passeggiare per il ponte come se fosse preoccupato da un grave pensiero.
Continuò così alcuni minuti, poi fermandosi improvvisamente dinanzi a Morgan, gli chiese a bruciapelo:
- Credete voi che certe donne siano fatali?...
- Che cosa volete dire?... - chiese il luogotenente con stupore.
- Sareste voi capace d'amare una donna senza paura?
- Perché no?
- Non credete che sia più pericolosa una bella fanciulla che un sanguinoso abbordaggio?
- Talvolta sì, ma sapete, comandante, che cosa dicono i filibustieri ed i bucanieri della Tortue, prima di scegliersi una compagna tra le donne che i governi di Francia e d'Inghilterra mandano qui, per procurare loro un marito?
- Non mi sono mai occupato dei matrimoni dei nostri filibustieri, né di quelli dei bucanieri.
- Dicono loro queste precise parole: «Di ciò che hai fatto fin qui, o donna, non ti domando conto e te ne assolvo, ma dovrai rendermi ragione di quello che farai d'ora innanzi» e battono sulla canna del loro fucile, aggiungendo: «ecco chi mi vendicherà, e se fallirai tu, non potrà fallire questo».
Il Corsaro Nero alzò le spalle, dicendo:
- Eh! Io intendevo parlare di donne ben diverse da quelle che ci mandano a forza i governi d'oltremare.
Si fermò un istante, quindi indicando la giovane duchessa che era ancora allo stesso posto, continuò:
- Che cosa dite di quella fanciulla, luogotenente?
- Che è una delle più splendide creature che si siano mai vedute in questi mari delle grandi Antille.
- Non vi farebbe paura?...
- Quella fanciulla?... No di certo.
- Ed a me sì, luogotenente.
- A voi? A colui che si chiama il Corsaro Nero? Volete scherzare, comandante?
- No, - rispose il filibustiere. - Leggo talvolta nel mio destino, e poi una zingara del mio paese mi predisse che la prima donna che io avessi amata mi sarebbe stata fatale.
- Ubbie, capitano.
- Ma che cosa direste se aggiungessi che quella zingara aveva predetto ai miei tre fratelli che uno sarebbe morto in un assalto per opera di un triste tradimento e gli altri due appiccati? Voi sapete se quella funebre predizione si è avverata.
- E poi?...
- Che sarei morto in mare, lontano dalla mia patria, per opera della donna amata.
- "By God"!... - mormorò Morgan, rabbrividendo. - Ma quella zingara può ingannarsi sul quarto fratello.
- No, - rispose il Corsaro con voce tetra.
Scosse il capo, stette un istante meditabondo, quindi aggiunse:
- E sia!...
Scese dal ponte di comando, andò a prora dove aveva veduto l'africano discorrere con Carmaux e Wan Stiller e gridò loro:
- In acqua la gran scialuppa. Conducete a bordo del mio legno la duchessa di Weltendrem e il suo seguito.
Mentre i due filibustieri e l'africano s'affrettavano ad ubbidire, Morgan sceglieva trenta marinai per mandarli di rinforzo a quelli che si trovavano già sul vascello di linea, prevedendo che ben presto sarebbe stato necessario il taglio della gomena di rimorchio.
Un quarto d'ora dopo Carmaux ed i suoi compagni erano di ritorno. La duchessa fiamminga, le sue donne e i due paggi salirono a bordo della "Folgore", sulla cui scala li attendeva il Corsaro.
- Avete qualche urgente comunicazione da farmi, cavaliere? - chiese la giovane, guardandolo negli occhi.
- Sì, signora, - rispose il Corsaro, inchinandosi dinanzi a lei.
- E quale se non vi rincresce?
- Che saremo costretti ad abbandonare il vascello alla sua sorte.
- Per qual motivo? Siamo forse inseguiti?...
- No, è l'uragano che ci minaccia e che mi costringe a fare tagliare la gomena di rimorchio. Voi forse non conoscete le furie tremende di questo Gran Golfo, quando il vento lo scuote.
- E vi preme non perdere la vostra prigioniera, è vero, cavaliere? - disse la fiamminga, sorridendo.
- La mia "Folgore" è più sicura del vascello.
- Grazie della vostra gentilezza, cavaliere.
- Non ringraziatemi, signora, - rispose il Corsaro con aria meditabonda. - Forse quest'uragano può essere fatale a qualcuno.
- Fatale!... - esclamò la duchessa con sorpresa. - E a chi?
- Lo si vedrà!
- Ma perché?...
- Tutto è nelle mani del destino.
- Temete anche per la vostra nave?
Un sorriso apparve sulle labbra del Corsaro.
- La mia "Folgore" è tale legno da sfidare le folgori del cielo e le ire del mare, ed io sono tale uomo da guidarla attraverso le onde ed i venti.
- Lo so, ma...
- E' inutile che insistiate per avere una maggiore spiegazione, signora. A questo penserà la sorte.
Le additò il quadro di poppa e levandosi il cappello continuò:
- Accettate l'ospitalità che vi offro, signora. Io vo a sfidare la morte ed il mio destino.
Si rimise il cappello in capo e salì sul ponte di comando, mentre la calma che fino allora regnava sul mare si rompeva bruscamente, come se dalle Piccole Antille venissero cento trombe di vento.
Le scialuppe che avevano condotti a bordo del vascello di linea i trenta marinai, erano tornate e l'equipaggio stava issandole sulle gru della "Folgore".
Il Corsaro, salito sul ponte di comando, dove già lo aveva preceduto Morgan, s'era messo ad osservare il cielo dalla parte di levante.
Una grande nuvola assai oscura, coi margini tinti d'un rosso di fuoco, saliva rapidamente sull'orizzonte, spinta senza dubbio da un vento irresistibile, mentre il sole, quasi prossimo al tramonto, diventava sempre più oscuro, come se una nebbia si fosse frapposta fra la terra ed i suoi raggi.
- Ad Haiti l'uragano di già infuria, - disse il Corsaro a Morgan.
- E le Piccole Antille a quest'ora sono forse devastate, - aggiunse il luogotenente. - Fra un'ora anche questo mare diverrà spaventoso.
- Che cosa fareste voi nel mio caso?
- Cercherei un rifugio alla Giamaica.
- La mia "Folgore" fuggire dinanzi all'uragano!... - esclamò il Corsaro con fierezza. - Oh!... Mai!...
- Ma voi sapete, signore, quanto siano formidabili gli uragani delle Antille.
- Lo so, ed io sfiderò anche questo. Sarà il vascello di linea che andrà a cercare salvezza su quelle coste, ma non la mia "Folgore". Chi comanda i nostri uomini imbarcati sulla nave spagnola?...
- Mastro Wan Horn.
- Un brav'uomo, che un giorno diverrà un filibustiere di buona fama . Saprà trarsi d'impiccio senza perdere la preda.
Scese sul cassero, tenendo in mano un portavoce e, salito sulla murata poppiera, gridò con voce tonante.
- Tagliate la gomena di rimorchio!... Mastro Wan Horn, poggiate sulla Giamaica!... Noi vi aspetteremo alla Tortue!...
- Sta bene comandante, - rispose il mastro, che si trovava sulla prora del vascello, in attesa degli ordini.
S'armò di una scure e con un solo colpo recise la gomena di rimorchio, poi, volgendosi verso i suoi marinai, gridò levandosi il berretto:
- Alla grazia di Dio!...
Il vascello spiegò le sue vele sul trinchetto e sulla mezzana, non potendo più contare sul maestro e virò di bordo, allontanandosi verso la Giamaica , mentre la "Folgore" s'inoltrava arditamente fra le coste occidentali d'Haiti e quelle meridionali di Cuba, nel cosiddetto canale di Sopravvento.
L'uragano si avvicinava rapido. La calma era stata bruscamente spezzata da furiosi colpi di vento, che venivano dalla parte delle Piccole Antille, mentre le onde si formavano rapidamente assumendo un aspetto pauroso.
Pareva che il fondo del mare ribollisse, poiché si vedevano formarsi alla superficie come dei gorghi spumeggianti, mentre sprazzi d'acqua s'alzavano impetuosamente in forma di colonne liquide, le quali poi ricadevano con grande fracasso.
La nuvola nera intanto saliva rapida, invadendo il cielo, intercettando completamente la luce crepuscolare, e le tenebre piombavano sul mare tempestoso, tingendo i flutti d'un colore quasi nero, come se a quelle acque si fossero mescolati torrenti di bitume.
Il Corsaro, sempre tranquillo e sereno, non sembrava che si occupasse dell'uragano. I suoi sguardi seguivano invece il vascello di linea, che si vedeva capeggiare fra le onde e che stava per sparire sul fosco orizzonte, in direzione della Giamaica.
Forse era un po' inquieto per quella nave, che sapeva trovarsi in cattive condizioni, per potere affrontare i tremendi colpi di vento dell'uragano, ma non di certo per la sua "Folgore".
Quando il vascello scomparve, scese sul cassero e allontanò il pilota, dicendo:
- A me la barra!... La mia "Folgore" voglio guidarla io!...


BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

BlueLady-back.jpg (5405 bytes)

BlueLady-next.jpg (5386 bytes)

BlueLady-home.jpg (5463 bytes) Edizione HTML a cura di:
 [email protected]
Ultimo Aggiornamento:
20/07/2005 01.18
BlueLady-mail.jpg (5413 bytes)

BlueLady-bar.jpg (4032 bytes)

BlueLady-logo.jpg (3396 bytes)