clear.gif (98 bytes)

mideveh.jpg (3479 bytes)

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

midevem.jpg (3663 bytes)

midevebar.jpg (5474 bytes)

LE DUE TIGRI

di: Emilio Salgari

midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)

midevebar.jpg (5474 bytes)

mideveb.jpg (3483 bytes)

mideven.jpg (3407 bytes)

CAPITOLO XXVII - UN'ECATOMBE

Non era trascorso un mezzo minuto che la truppa imboccava la galleria laterale, che Kammamuri assicurava condurre nella pagoda sotterranea e nelle principali caverne che servivano di rifugio ai seguaci di Suyodhana.

Una rabbia furiosa di finirla una buona volta con quella setta infame, che mieteva tante vittime umane, per offrire alla loro mostruosa dea il sangue degli uccisi, avvampava nel petto di tutti.

Perfino de Lussac non aveva fatta la menoma protesta alla crudele, ma certo meritata punizione che Sandokan si proponeva d'infliggere a quella setta d'assassini.

I Thugs non avevano pi˙ dato segno di vita dopo la invasione dei pirati e anche l'hauk aveva cessato di rullare in fondo alle misteriose caverne, per˛ Sandokan ed i suoi compagni non s'illudevano di non trovare resistenza, anzi procedevano con infinite cautele, per non cadere in un agguato e si tenevano molto curvi onde non ricevere qualche improvvisa scarica.

Kammamuri, il pi˙ pratico di tutti, essendo stato, come abbiamo detto, parecchi mesi prigioniero degli strangolatori, procedeva innanzi a tutti, tenendo la torcia infissa sulla canna della carabina, per meglio ingannare gli avversari e far sbagliare i loro tiri, ed era fiancheggiato dalla tigre e da Punthy.

Seguivano Sandokan, Tremal-Naik e Yanez con un drappello di otto malesi, scelti fra i migliori bersaglieri, poi a venti passi il grosso, con due torce, agli ordini del signor de Lussac e di Sambigliong.

Surama era stata collocata in mezzo all'ultimo gruppo.

L'acqua che continuava a rimontare, uscendo sempre dalla caverna e che poi si riversava nella galleria laterale attutiva d'altronde i passi degli invasori.

Scendeva gorgogliando fra le gambe dei pirati, con rapiditÓ crescente, aumentando ad ogni istante la pendenza della galleria.

- Che i Thugs siano fuggiti? - chiese ad un tratto Yanez. - Abbiamo giÓ percorsi centocinquanta passi e non ci hanno ancora assaliti.

- Ci aspetteranno in qualche caverna, - disse Tremal-Naik, che lo precedeva, tenendosi dietro a Kammamuri.

- Eppure a questo silenzio preferirei un furioso combattimento, - disse Sandokan. - Temo un tradimento.

- Quale?

- Che cerchino d'affogarci in qualche altra caverna.

- Non abbiamo veduta nessun'altra porta, quindi potremo sempre ritirarci al primo indizio che l'acqua s'innalzi.

- Io sospetto che concentrino la difesa nella pagoda sotterranea, - rispose Tremal-Naik.

- Nessuno ci tratterrÓ dal penetrarvi, anche se fossero dieci volte pi˙ numerosi. Voglio affogarli tutti e distruggere per sempre questo covo di banditi.

- Alto! - disse in quel momento Kammamuri.

Erano giunti ad uno svolto della galleria e Kammamuri si era fermato scorgendo in fondo ad essa dei punti luminosi che agitavano con estrema rapiditÓ.

Punthy aveva mandato un latrato sonoro e la tigre aveva fatto udire un sordo miagolio.

- Le nostre bestie hanno fiutato un pericolo, - disse Tremal-Naik.

- Coricatevi tutti al suolo, - comand˛ Sandokan. - Alzate bene le torce.

Tutti si erano fermati ed avevano obbedito. L'acqua che era assai abbassata, precipitava rapidissima, indicando in tal modo una fortissima pendenza del suolo. I lumi continuavano a muoversi ora poggiando e raggruppandosi verso destra ed ora verso sinistra.

- Che cosa fanno? - si chiese Sandokan. - Sono segnali o che d'altro?

Punthy mand˛ in quel momento un secondo latrato. Era un avvertimento?

- Qualcuno si avvicina, - disse Kammamuri. Aveva appena terminato che una violentissima scarica rimbomb˛ nella galleria e che si videro, alla luce dei lampi, parecchi uomini addossati alle pareti.

Avevano mirato per˛ troppo in alto, dove brillavano le torce, non sospettando che fossero infisse sulle canne delle carabine.

- Fuoco, e alla carica! - grid˛ Sandokan balzando precipitosamente in piedi. - In riserva le armi da fuoco del grosso!

L'avanguardia, che come abbiamo giÓ detto si componeva di tiratori scelti, a quel comando scaric˛ le carabine sui Thugs che aveva giÓ scorti raggruppati presso le pareti, poi si scagli˛ innanzi col parang in pugno, mandando clamori selvaggi, mentre la tigre e Punthy piombavano a loro volta sui pi˙ vicini, dilaniando e mordendo ferocemente quanti si trovavano a loro portata.

L'effetto di quella scarica doveva essere stato terribile, poichÚ i pirati inciampavano di frequente su degli esseri umani stesi al suolo.

Sandokan, udendo i Thugs fuggire, non permettendo la luce della torcia portata da Kammamuri di distinguerli, non cercava pi˙ di trattenere i suoi uomini, i quali ormai non formavano che un gruppo compatto, poichÚ quelli della retroguardia si erano confusi con quelli dell'avanguardia, ansiosi di prendere parte anche essi alla lotta.

La galleria si abbassava sempre, allargandosi invece a poco a poco. I lumi che poco prima brillavano alla sua estremitÓ erano scomparsi, tuttavia i pirati potevano vedere dove andavano, perchÚ le torce che ardevano sulle canne delle carabine non si erano spente, malgrado il fracasso enorme prodotto da quelle due scariche.

Quella corsa sfrenata, attraverso le misteriose gallerie degli strangolatori, dur˛ due o tre minuti, poi Sandokan e Kammamuri che erano dinanzi a tutti, mandarono un grido tuonante:

- Fermi!

Dinanzi a loro avevano udito un fragore metallico, come se una porta di ferro o di bronzo fosse stata chiusa e Punthy si era messo a latrare furiosamente.

I pirati dopo essersi urtati impetuosamente gli uni contro gli altri, non avendo potuto frenare di colpo lo slancio, si erano arrestati puntando le carabine.

- Che cosa c'Ŕ adunque? - chiese Yanez, raggiungendo Sandokan.

- Pare che i Thugs ci abbiano chiusa la via, - rispose il capo dei pirati di Mompracem. - Vi deve essere una porta dinanzi a noi.

- La faremo saltare con un buon petardo, - disse de Lussac.

- Va' a vedere, Kammamuri - disse Tremal-Naik.

- Sempre la torcia molto alta, - consigli˛ Sandokan, - e voi abbassatevi tutti.

Il maharatto stava per obbedire, quando alcuni spari rimbombarono non dinanzi ai pirati, bensÝ alle loro spalle.

- Ci prendono fra due fuochi, - disse Sandokan. - Sambigliong, prendi dieci uomini e coprici le spalle.

- SÝ, capitano, - rispose il mastro.

Gli spari si succedevano agli spari, ma i Thugs ingannati dalle torce che venivano tenute sempre molto alte, non colpivano che le volte della galleria.

Sambigliong ed i suoi uomini, guidati invece dalla luce dei lampi prodotti dalla polvere, strisciarono silenziosamente verso quei tiratori e piombarono furiosamente addosso a loro, assalendoli coi parangs.

Mentre il suo drappello impegnava un furioso combattimento, Kammamuri, Sandokan e Tremal-Naik si erano accostati rapidamente alla porta che impediva loro di avanzare, per sgangherarla con un petardo a cui avevano giÓ accesa la miccia; invece con loro stupore la trovarono socchiusa.

- L'hanno riaperta, - disse Tremal-Naik.

Stava per spingerla, quando Sandokan l'arrest˛.

- Vi Ŕ forse un agguato lÝ dentro, - disse.

I mugolii della tigre confermavano i suoi sospetti e anche i soffi rumorosi del cane.

- Che aspettino che noi apriamo per fucilarci a brucia-pelo? - chiese Tremal-Naik, sottovoce.

- Ne sono sicuro.

- Eppure non possiamo fermarci qui.

- Fate avanzare silenziosamente i nostri uomini, signor de Lussac, e dite loro che si tengano pronti a far fuoco. Dammi il petardo, Kammamuri.

Prese la bomba e soffi˛ sulla miccia per farla consumare pi˙ presto a rischio di vedersela scoppiare fra le mani, poi socchiuse dolcemente la porta e la lanci˛, gridando:

- Indietro!

Un momento dopo si udÝ una formidabile detonazione, seguita da urla orribili. La porta, strappata dai cardini dalla violenza della esplosione, era caduta.

- Avanti! - grid˛ Sandokan, che era stato atterrato dallo spostamento violentissimo dell 'aria.

Degli uomini fuggivano all'impazzata dinanzi a loro, mentre al suolo si dibattevano, nelle ultime convulsioni della morte, alcuni Thugs colle membra strappate ed i ventri orrendamente squarciati.

I pirati si erano trovati in una vasta sala sotterranea che era illuminata da alcune torce infisse nei crepacci delle pareti, e adorna di alcune statue mostruose, rappresentanti forse dei geni indiani.

Spararono alcuni colpi dietro ai fuggiaschi onde impedire loro di riorganizzarsi, poi si lanciarono a corsa sfrenata.

Sambigliong, che aveva respinti gli assalitori, li aveva giÓ raggiunti portando fra le poderose braccia Surama onde non rimanesse indietro e ricadesse fra le mani dei Thugs.

Non incontravano pi˙ nessuna resistenza, nÚ nelle gallerie che attraversavano, nÚ nelle caverne.

Gli strangolatori, ormai impotenti a far fronte a quei terribili avversari che nessun ostacolo pi˙ tratteneva, fuggivano da tutte le parti con clamori assordanti, parte rifugiandosi nelle gallerie laterali, parte dirigendosi verso la pagoda sotterranea per tentare forse di guadagnare l'uscita del banian riaperta da Suyodhana.

- Avanti! Avanti! - gridavano malesi e dayachi entusiasmati da quella carica che spazzava via tutto.

Ad un tratto per˛, quando meno se l'aspettavano, videro rovinarsi addosso un nuvolo di strangolatori.

- Cercano di difendere la pagoda sotterranea! - url˛ Kammamuri. - Sta' dietro di loro!

Era forse l'ultima lotta che impegnavano i Thugs.

Sandokan, con un comando rapido, aveva disposti i suoi uomini in quadrato, manovra che potevano eseguire senza difficoltÓ trovandosi in quel momento in una sala sotterranea abbastanza vasta e che pareva avesse numerose comunicazioni. Dalle gallerie laterali uscivano, correndo furiosamente, degli uomini quasi nudi, agitando lacci, scuri, picozze, coltellacci, terwar e anche carabine e pistoloni.

Urlavano spaventosamente invocando la loro divinitÓ, ma quelle urla non sgomentavano affatto nÚ i malesi nÚ i dayachi, abituati alle tremende grida di guerra dei loro selvaggi compatrioti.

- Fuoco senza misericordia! - aveva gridato Sandokan che si trovava in prima fila con Yanez e Tremal-Naik. - Badate che non si spengano le torce!

Una fucilata nutrita, sparata quasi a brucia-pelo, mand˛ a catafascio i primi giunti addosso al quadrato, gettandone molti a terra; ne seguÝ subito una seconda; poi s'impegn˛ una mischia sanguinosa all'arma bianca.

Quantunque cinque o sei volte inferiori, i tigrotti di Mompracem, resistevano tenacemente ai furibondi attacchi dei fanatici, senza aprire le loro file.

Degli uomini cadevano anche dalla loro parte sotto i colpi di pistola e di carabina dei settari; ma non per questo si sgomentavano e facevano intrepidamente fronte ai nemici, meravigliando de Lussac che credeva di vederli scompaginarsi dopo i primi attacchi.

Il terreno si copriva di morti e di moribondi, nondimeno i Thugs quantunque incessantemente ributtati, tornavano alla carica con un'ostinazione ammirabile, tentando di schiacciare quel gruppo che aveva avuto l'audacia di scendere nelle loro caverne.

Ci˛ non poteva durare a lungo. La tenacia ed il coraggio pi˙ che straordinario delle tigri di Mompracem dovevano disorganizzare quelle bande indisciplinate che caricavano all'impazzata.

Vedendo i Thugs a esitare, Sandokan ne approfitt˛ per dare loro l'ultimo colpo. A sua volta lanci˛ i suoi uomini all'assalto, divisi in quattro gruppi.

Lo slancio dei pirati fu tale che le colonne dei Thugs furono in brevi istanti tagliate a pezzi a colpi di parangs e di kampilangs.

La disfatta era completa.

I fanatici, dopo una brevissima resistenza, si erano affollati nella galleria che metteva nella pagoda sotterranea, incalzati dai pirati che non risparmiavano pi˙ nessuno e che sciabolavano spietatamente i meno lesti.

Invano gli strangolatori tentarono chiudere la porta di bronzo che metteva nella pagoda. Le tigri di Mompracem non ne lasciarono loro il tempo ed entrarono quasi insieme nell'immenso sotterraneo nel cui centro, sotto una grande lampada illuminata, s'innalzava una mostruosa statua rappresentante la sinistra divinitÓ, con dinanzi un bacino entro cui nuotavano alcuni pesciolini rossi del Gange, probabilmente dei manghi.

I pirati, guidati da Kammamuri e da Tremal-Naik l'attraversarono di corsa, continuando a fucilare i Thugs che fuggivano dinanzi a loro urlando disperatamente ed entrarono in una seconda caverna, meno vasta della pagoda, dove regnava una umiditÓ straordinaria.

Dalle volte cadevano grossi goccioloni e anche lungo le pareti scendevano dei fili d'acqua che si radunavano in una fossa profonda.

Kammamuri addit˛ a Sandokan una gradinata sulla cui cima si scorgeva una massiccia porta di ferro con numerosi tubi che si diramavano in varie direzioni.

- Mette sul fiume Ŕ vero? - chiese la Tigre della Malesia.

- SÝ, - rispose il maharatto.

- Datemi due petardi.

- Che cosa volete fare? - chiese de Lussac.

- Inondare i sotterranei: cosÝ finirÓ il regno della Tigre dell'India.

- Annegherete tutti!

- Tanto peggio per loro, - rispose Sandokan freddamente. - Ho giurato di venire qui a distruggerli e manterr˛ la mia promessa.

Preparatevi a fuggire.

Prese dalle mani di Yanez due petardi colle micce giÓ accese, e li colloc˛ presso la porta, poi scese rapidamente gridando:

- In ritirata!

Giunto per˛ sulla porta della pagoda si arrest˛, fissando i due piccoli punti luminosi che scoppiettavano sull'ultimo gradino della scala.

Certo voleva accertarsi che l'umiditÓ non spegnesse le micce.

Passarono alcuni secondi, poi un lampo squarci˛ le tenebre, cui tenne dietro una detonazione formidabile che si ripercosse con cupo rimbombo attraverso le profonde gallerie, seguito da un muggito assordante.

Una enorme colonna d'acqua, anzi una cateratta, si rovesciava nella caverna, spargendosi rapidamente dappertutto.

- In ritirata! - ripetÚ Sandokan slanciandosi nella pagoda. L'acqua invade i sotterranei!

Tutti fuggivano a precipizio al vacillante chiarore delle torce, mentre alle loro spalle udivano sempre pi˙ il rombo sinistro delle acque del Mangal, precipitantesi attraverso le gallerie ed i sotterranei.

Attraversarono come un lampo la pagoda, mentre in lontananza si udivano le urla spaventevoli dei Thugs che le acque sorprendevano entro i loro tenebrosi rifugi, poi si cacciarono nei corridoi.

Sambigliong, la cui forza muscolare era prodigiosa, portava sempre Surama onde le acque non la raggiungessero.

Stavano per attraversare l'ultima galleria, quando udirono un fracasso spaventevole, come se le volte sotterranee avessero ceduto e un'onda enorme li raggiunse, coprendoli di spuma.

Ma giÓ la pagoda dove avevano sostenuti i primi combattimenti e che non correva alcun pericolo di venire sommersa, non si trovava che a pochi passi.

- Annegatevi tutti! - grid˛ Sandokan varcando l'ultima porta. Il rifugio dei Thugs non servirÓ pi˙ che ai coccodrilli ed ai pesci del Mangal.

Quando si trovarono all'aperto, al sicuro dalle acque, scorsero in direzione del banian degli uomini che fuggivano disordinatamente verso le paludi dell'isola.

Alcuni strangolatori pi˙ fortunati dovevano aver raggiunta l'uscita fatta aprire da Suyodhana, ed erano riusciti a salvarsi, ma erano cosÝ pochi che Sandokan non stim˛ opportuno inquietarli.

- S'incaricheranno le tigri ed i serpenti di distruggerli - disse.

Quindi volgendosi verso Tremal-NaÝk, gli disse battendogli su una spalla:

- Ed ora, a Calcutta e poi a Delhi. Qual Ŕ la via pi˙ breve?

- Port-Canning, - rispose il bengalese.

- Andiamo! Avr˛ la pelle di Suyodhana o non sar˛ pi˙ la Tigre della Malesia.

 

midevebar.jpg (5474 bytes)

mideveh.jpg (3479 bytes) mideveb.jpg (3483 bytes) Edizione HTML a cura di:
 mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento:
17/07/2005 20.46

mideven.jpg (3407 bytes)

midevem.jpg (3663 bytes)




mideveadlogo.jpg (4131 bytes)
midevebar.jpg (5474 bytes)