clear.gif (98 bytes)

mideveh.jpg (3479 bytes)

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

midevem.jpg (3663 bytes)

midevebar.jpg (5474 bytes)

LE DUE TIGRI

di: Emilio Salgari

midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)

midevebar.jpg (5474 bytes)

mideveb.jpg (3483 bytes)

mideven.jpg (3407 bytes)

CAPITOLO X -UNA BATTAGLIA TERRIBILE

Al grido della Tigre della Malesia, i marinai che stavano giÓ per dar fondo alle ancore e calare le vele, avevano interrotte bruscamente le manovre ed erano balzati verso il loro comandante, mandando un solo urlo.

- Alle armi!...

Le terribili tigri di Mompracem, quei formidabili scorridori dei mari della Malesia che un giorno avevano fatto tremare perfino il leopardo inglese, e che avevano distrutta la potenza di James Brooke, il famoso rajah di Sarawak, si risvegliavano.

La sete di sangue e di stragi, da alcuni mesi assopita, li riprendeva tutta d'un colpo.

In meno che non si dica, quei cinquanta uomini si trovarono ai loro posti di combattimento, pronti per l'abbordaggio.

Gli artiglieri dietro le grosse spingarde: gli altri dietro le murate e sul cassero con la carabina in mano, il kriss fra i denti ed i terribili parangs dalla lama larga terminante a doccia a portata di mano.

Tremal-Naik e Yanez avevano raggiunto precipitosamente la Tigre della Malesia, che dalla murata poppiera spiava le mosse delle due grab.

- Si preparano ad assalirci? - chiese il bengalese.

- Ed a prenderci fra due fuochi, - rispose Sandokan.

- I bricconi!... Approfittano del luogo deserto per piombarci addosso. Diamond-Harbour Ŕ giÓ lontano e sul fiume non ci sono pi˙ navi. Si vede che hanno fretta di sopprimerci.

- Lasciamoli venire, - disse Yanez, colla sua solita flemma. - Hanno equipaggi numerosi, ma gli indiani non valgono le tigri di Mompracem.

Non te ne offendere, Tremal-Naik.

- Conosco il valore dei miei compatriotti, - rispose il bengalese. - Non pu˛ competere con quello dei malesi.

- Sandokan, che cosa aspettiamo?

- Che le grab aprano per le prime il fuoco, - rispose la Tigre della Malesia. - Se fossimo in mare, attaccherei senz'altro, ma qui nel fiume, su acque inglesi non oso. Potremmo avere pi˙ tardi dei fastidi da parte delle autoritÓ e venire trattati come pirati.

- I Thugs approfitteranno per prendere posizione.

- La Marianna manovra meglio d'una baleniera e al momento opportuno sapremo sfuggire al doppio fuoco. Lasciamole venire: noi siamo pronti a riceverle.

- E anche a calarle a picco, - aggiunse Yanez.

- Hanno dei cannoni, - disse il bengalese.

- Dei miriam che non avranno molta portata e i cui proiettili non faranno gran danno al nostro scafo, - rispose Sandokan.

- Noi conosciamo quelle artiglierie, Ŕ vero Yanez?

- Semplici ninnoli, - rispose il portoghese. - Ah! ah! Vedi una come si avanza? Mirano a prenderci in mezzo.

- Fa' gettare un ancorotto a prora, - disse Sandokan. - Niente catena, un semplice cavo che troncheremo con un colpo solo. Cerchiamo di ingannare quei bricconi.

Le due grab avevano giÓ imboccato il canale e si avanzavano lentamente, con parte delle vele ammainate sotto le coffe.

L'una radeva la spiaggia dell'isolotto; l'altra invece si teneva verso la terra ferma. Da quella manovra si poteva facilmente capire che miravano a prendere fra due fuochi il praho, il quale si teneva in quel momento in mezzo al canale.

Una certa agitazione regnava sulle tolde delle due navi. Si vedevano i marinai affaccendarsi a prora ed a poppa, come se stessero innalzando delle barricate per meglio ripararsi dalle scariche delle artiglierie nemiche e altri a trascinare degli oggetti che parevano pesanti, a giudicarlo dal numero degli uomini che vi erano intorno.

Sandokan, tranquillo come se la cosa non lo riguardasse, seguiva per˛ attentamente le mosse dei due velieri, mentre Yanez ispezionava le spingarde e faceva preparare i grappini d'arrembaggio, onde tutto fosse pronto per abbordare le avversarie, nel caso ve ne fosse stato bisogno.

Le tenebre erano appena calate e la luna cominciava ad apparire sulle cime dei grandi alberi che coprivano la riva, quando le due grab, con una bordata, giunsero a trecento passi dal praho, prendendolo in mezzo.

Quasi subito dalla nave pi˙ prossima si udÝ una voce a gridare, in lingua inglese:

- Arrendetevi o vi coliamo a fondo.

Sandokan aveva giÓ in mano il porta-voce. Lo imbocc˛ rapidamente gridando:

- Chi siete per farci una simile intimazione?

- Navi del governo del Bengala, - rispose la voce di prima.

- Allora favorite mostrarci le vostre carte, - rispose Sandokan ironicamente.

- Vi rifiutate d'obbedire?

- Almeno per ora, sÝ.

- Mi obbligherete a comandare il fuoco.

- Fate pure, se cosÝ vi piace.

Quella risposta fu seguita da urla terribili che s'alzarono sulle tolde delle due navi.

- KalÝ!... KalÝ!...

Sandokan aveva gettato il porta-voce per sguainare la scimitarra.

- Andiamo, tigri di Mompracem! - grid˛. - Tagliate la fune e abbordiamo!

All'urlo dei Thugs, l'equipaggio della Marianna aveva risposto col suo grido di guerra, pi˙ selvaggio e pi˙ terribile di quello degli indiani.

Il canapo dell'ancorotto era stato tagliato d'un colpo solo ed il praho si era rimesso al vento, muovendo risolutamente contro la grab che si trovava a ridosso dell'isoletta.

Ad un tratto, un colpo di cannone rimbomb˛, ripercuotendosi lungamente sotto le foreste che ingombravano la spiaggia opposta.

La grab aveva aperto il fuoco col suo piccolo pezzo di prora, credendo i suoi artiglieri di sfondare facilmente i fianchi del praho, ma le piastre metalliche che ricoprivano lo scafo, erano una difesa sufficiente contro quelle piccole palle.

- A voi, tigrotti! - grid˛ Sandokan, che si era messo alla ribolla del timone, per guidare col proprio pugno il piccolo veliero.

Una scarica di carabine aveva tenuto dietro a quel comando. I pirati che fino allora si erano tenuti nascosti dietro le murate, erano balzati in piedi, aprendo il fuoco violentissimo sulla tolda della grab, mentre gli artiglieri facevano girare rapidamente sui perni le lunghe e grosse spingarde, per prenderla d'infilata da prora a poppa.

Il combattimento era cominciato, con grande slancio, da ambe le parti e di uomini ne erano giÓ caduti sulla grab e sulla Marianna, molti di pi˙ su quella per˛ che su questa.

I pirati, gente abituata alla guerra, non sparavano che a colpo sicuro, mentre i Thugs facevano fuoco all'impazzata.

Sandokan, impassibile fra quel grandinare di palle, che percuotevano i fianchi della sua piccola, ma bensÝ robustissima nave, che foravano le vele e maltrattavano le manovre, incitava senza posa i suoi uomini.

- Sotto, tigri di Mompracem! Mostriamo anche a questi uomini come combattono i figli della selvaggia Malesia!

Non vi era bisogno d'incoraggiare quei temuti predatori dei mari, incanutiti fra il fumo delle artiglierie e agguerriti da cento e cento abbordaggi.

Balzavano come tigri, salendo sulle murate e inerpicandosi sulle griselle per meglio mirare i nemici, senza inquietarsi del fuoco della grab, mentre i loro artiglieri, sotto il comando di Yanez, fracassavano con tiri aggiustati l'alberatura ed il fasciame della veliera bengalese.

La lotta per˛ si era appena impegnata, quando giunse dietro alla Marianna la seconda grab, scaricandole addosso i suoi quattro miriam.

- Orza alla banda! - aveva gridato Yanez.

Sandokan con un colpo di barra tent˛ di virare sul posto, mentre Tremal-Naik e Kammamuri si slanciavano a babordo con un pugno di moschettieri, per tener testa alla nuova avversaria.

La Marianna con una fulminea manovra si gett˛ fuor di linea, sfuggendo al fuoco incrociato delle due navi, poi messasi di traverso fece fronte alle due grab tempestandole colle carabine e colle spingarde.

La piccola nave si difendeva meravigliosamente e aveva ferro e piombo per tutte e due.

Yanez, che maneggiava una delle spingarde, con un colpo ben aggiustato, aveva giÓ fracassato l'albero di trinchetto della prima grab, facendolo rovinare in coperta, poi aveva scagliato sugli uomini che tentavano di spingerlo in acqua e di tagliare i paterazzi e le sartie, una bordata di mitraglia che aveva causata una vera strage fra i Thugs.

Tuttavia la situazione della Marianna era tutt'altro che rosea, poichÚ le due navi bengalesi, quantunque fossero assai maltrattate, la stringevano da presso per abbordarla d'ambo le parti.

Forti del loro numero, i Thugs speravano di espugnarla facilmente, una volta messi i piedi sulla tolda.

Sandokan tentava, con manovre ammirabili, di sfuggire alla stretta. Disgraziatamente il canale era poco largo ed il vento troppo debole per tentare delle bordate. Tremal-Naik lo aveva raggiunto per consigliarsi sul da fare.

Il coraggioso bengalese aveva compiuto miracoli, infliggendo alla seconda grab perdite considerevoli, e non era riuscito ad arrestarne la marcia.

- Ci piombano addosso e fra poco avremo l'abbordaggio, - aveva detto a Sandokan, ricaricando la carabina.

- Saremo pronti a riceverli, - aveva risposto la Tigre della Malesia.

- Sono quattro volte pi˙ numerosi di noi.

- Vedrai i miei uomini come si batteranno. Sambigliong! A me!

Il malese che faceva fuoco dall'alto della grisella di babordo, d'un balzo fu sul cassero.

- A te la ribolla, - gli disse Sandokan.

- Quale delle due, padrone?

- Abbordiamo noi prima di loro. Quella di babordo.

Poi si slanci˛ attraverso la tolda, gridando con voce tuonante:

- Pronti per l'arrembaggio! A me, tigrotti di Mompracem!

Sambigliong, che aveva sotto di sÚ cinque uomini per la manovra della vela poppiera fece allentare la scotta per raccogliere maggior vento, poi avvent˛ il praho contro la grab che fronteggiava l'isolotto e che era stata la pi˙ maltrattata, mentre Yanez dirigeva il fuoco di tutte le spingarde contro l'altra per cercar di trattenerla.

- Fuori i parabordi! - aveva gridato Sandokan. - Pronti pel lancio dei grappini.

Mentre alcuni uomini lanciavano sopra i bordi delle grosse palle di canape intrecciato per attenuare l'urto e altri raccoglievano i grappini disposti lungo le murate per gettarli fra le manovre della nave nemica, Sambigliong abbord˛ la grab a babordo, cacciando il bompresso fra le sartie e le griselle dell'albero maestro.

I Thugs che la montavano, sorpresi da quell'audace attacco, mentre avevano sperato di essere essi gli abbordatori, non avevano nemmeno pensato a sfuggire l'urto, manovra d'altronde non facile a eseguirsi con un solo albero e colle manovre gravemente danneggiate.

Quando tentarono di sottrarsi al contatto, era troppo tardi.

Le tigri di Mompracem, agili come scimmie, piombavano da tutte le parti, slanciandosi dalle griselle, dai paterazzi, perfino dai pennoni e balzando sul bompresso. Sandokan e Tremal-Naik, con la scimitarra nella destra e la pistola nella sinistra, si erano slanciati pei primi sulla tolda della grab, mentre Yanez scaricava bordate addosso all'altra per impedirle di accorrere in aiuto della compagna.

L'invasione dei tigrotti era stata cosÝ fulminea, che s'impadronirono del cassero quasi senza far uso delle armi.

I Thugs, quantunque assai pi˙ numerosi, si erano dispersi per la tolda senza opporre resistenza, ma alle grida dei loro capi, volsero ben presto la fronte e dopo essersi radunati dietro il troncone dell'albero di trinchetto, caricarono a loro volta coi tarwar in pugno, urlando come belve feroci.

Avevano rinunciato ai loro lacci, che non potevano essere di nessuna utilitÓ in un combattimento corpo a corpo.

L'urto fu terribile, ma i pesanti parangs delle tigri di Mompracem non tardarono ad avere il sopravvento sulle piccole e leggere scimitarre dei bengalesi.

Respinti dappertutto, stavano per gettarsi in acqua e salvarsi sull'isolotto, quando sul ponte della Marianna echeggiarono le grida di:

- Al fuoco! Al fuoco!

Sandokan, con un comando breve ed istintivo aveva arrestato lo slancio dei suoi uomini.

- Alla Marianna!

Balz˛ sulla murata della grab e si slanci˛ con un salto da tigre, sulla tolda del praho, mentre Tremal-Naik con un pugno d'uomini copriva la ritirata e respingeva vittoriosamente un contrattacco dei settari della sanguinaria dea.

Un denso fumo sfuggiva dal boccaporto maestro della Marianna, avvolgendo le vele e l'alberatura.

Qualche pezzo di miccia o qualche lembo di tela, o un pezzo di corda incendiata dai tiri delle spingarde doveva essere caduta nella stiva ed aveva dato fuoco al deposito degli attrezzi di ricambio.

Sandokan, senza preoccuparsi dei tiri incessanti della seconda grab, aveva fatto preparare la pompa, poi aveva gridato a Sambigliong che non aveva abbandonata la ribolla del timone:

- Al largo! Fila verso l'uscita del canale! Tutti a bordo.

Tremal-Naik e Kammamuri, assieme a coloro che avevano coperta la ritirata, balzavano in quel momento in coperta.

I grappini d'abbordaggio furono tagliati, le vele orientate e la Marianna si stacc˛ dalla grab passando dinanzi la prora della seconda.

La ritirata ormai s'imponeva, non potendo le Tigri di Mompracem far pi˙ fronte alle due navi avversarie col fuoco che avvampava a bordo e che poteva comunicarsi alle polveri della Santa Barbara.

Essendo stata la Marianna ben poco danneggiata nelle manovre dai miriam indiani pessimamente diretti da cattivissimi artiglieri, poteva allontanarsi senza temere di venire raggiunta, tanto pi˙ che la grab abbordata, priva del suo trinchetto, non poteva quasi pi˙ virare di bordo e mettersi in caccia.

Con un solo colpo d'occhio Sandokan si era reso conto della situazione e aveva lanciato a Sambigliong il comando:

- Su Diamond-Harbour!

Egli pensava e con ragione che lÓ almeno avrebbe potuto avere dei soccorsi dai piloti della stazione, in caso di estremo pericolo e che i Thugs si sarebbero ben guardati dall'inseguirlo fino a quella stazione.

Il comandante della seconda grab, come se avesse indovinato il pensiero di Sandokan, aveva fatto spiegare rapidamente tutte le vele per mettersi in caccia e dargli nuovamente battaglia, prima che la Marianna potesse uscire dal canale. Doveva aver capito che la preda stava per sfuggirgli.

Il fuoco dei miriam, per un momento sospeso per non colpire l'altra nave che si trovava sulla linea di tiro, fu ben presto ripreso dai Thugs, fra clamori assordanti e colpi di carabina.

Sandokan vedendo tanta ostinazione da parte di quel nemico che aveva giÓ quasi vinto, aveva mandato un urlo di furore.

- Ah! - grid˛. - Mi dai ancora la caccia? Aspetta un momento. Tremal-Naik!

Il bengalese si affaccendava a organizzare una catena di mastelli senza troppo preoccuparsi delle palle che grandinavano sempre in coperta.

Alla chiamata della Tigre della Malesia era accorso.

- Che cosa vuoi?

- Tu e Kammamuri occupatevi dell'incendio. Conduci sul ponte Surama e la vedova che sono rinchiuse nel quadro. Ti lascio venti uomini. A me gli altri.

Poi si slanci˛ verso poppa dove Yanez aveva fatto portare anche le spingarde di prora per contrabbattere poderosamente i miriam bengalesi.

- Fammi largo, Yanez, - gli disse. - Smontiamo quella carcassa.

- Non sarÓ cosa nÚ lunga, nÚ difficile, - rispose il portoghese colla sua solita calma. - Ecco qui una batteria che scalderÓ i dorsi dei Thugs. Palle e chiodi insieme! Tatueremo i Thugs col ferro.

- A te le due spingarde di babordo; a me quelle di tribordo, - disse Sandokan. - Voialtri coprite la batteria col fuoco delle vostre carabine.

Si chin˛ su una delle sue due spingarde e mir˛ attentamente il ponte della grab, la quale continuava ad avanzarsi come se avesse intenzione di tentare l'abbordaggio della Marianna.

Due colpi rimbombarono sul cassero. Il portoghese e la Tigre della Malesia avevano fatto fuoco simultaneamente.

L'albero di trinchetto della nave indiana, colpito un po' sotto la coffa, oscill˛ un momento, poi cadde con gran fracasso attraverso la murata di babordo che si frantum˛ sotto l'urto, ingombrando la coperta di aste e di cordami e coprendo i due pezzi del castello di prora.

- A mitraglia! - grid˛ Sandokan. - Spazziamo la tolda!

Due altri colpi avevano tenuto dietro ai primi. Urla terribili, urla di dolore e non pi˙ di vittoria, si erano alzate fra i thugs.

I chiodi facevano buon effetto sui corpi degli strangolatori.

Il fuoco era stato sospeso sulla grab, ma non giÓ a bordo della Marianna.

Sandokan e Yanez, che erano due artiglieri meravigliosi, sparavano senza tregua, ora mirando lo scafo ed ora mandando una vera tempesta di chiodi sulla tolda che infilavano da prora a poppa. Alternavano palle a mitraglia e con tale rapiditÓ da impedire all'equipaggio avversario di liberarsi dell'albero che immobilizzava la loro nave.

Cadevano le murate, precipitavano le manovre e i madieri s'aprivano. L'albero maestro, cinque minuti dopo, schiantato quasi a livello della tolda, seguiva il trinchetto, rovinando pure a babordo e sbandando la nave in modo da esporre completamente il ponte ai tiri dei pirati.

La distruzione della grab cominciava.

Ormai non era pi˙ che un pontone senz'alberi e senza vele, ingombro di rottami e di morti, tuttavia la Marianna non rallentava il fuoco, anzi! E le palle e gli uragani di mitraglia si succedevano, mentre le carabine dei tigrotti distruggevano l'equipaggio, che invano cercava un rifugio dietro le murate e dietro i tronconi degli alberi.

L'altra grab invano faceva sforzi prodigiosi per accorrere in aiuto della compagna. Priva del suo trinchetto, non s'avanzava che assai lentamente e le sue cannonate rimanevano senza effetto, giungendo i suoi proiettili di rado a destinazione.

- Ors˙, - disse Sandokan. - Un'altra bordata, Yanez e avremo finito. Tira, ed a fior d'acqua a palla.

I quattro colpi si successero a brevissima distanza l'uno dall'altro aprendo quattro nuovi fori nella carena.

Furono i colpi di grazia.

La povera grab, che pareva si mantenesse ancora a galla per un miracolo d'equilibrio, si pieg˛ bruscamente sul babordo, dove gli alberi pesavano e dove l'acqua del fiume giÓ irrompeva attraverso gli squarci, poi si rovesci˛ colla chiglia in aria.

Degli uomini si erano slanciati in acqua e nuotavano disperatamente. Alcuni si dirigevano verso l'isolotto e altri verso la seconda grab, che pareva fosse immobilizzata su qualche bassofondo, perchÚ non s'avanzava pi˙.

- Spazziamoli? - chiese Yanez.

- Lascia che vadano a farsi appiccare altrove, - rispose Sandokan. - Credo che ne abbiano abbastanza. Sambigliong, risali sempre il canale!

Poi si slanci˛ verso il boccaporto maestro dove parte dell'equipaggio lavorava con accanimento fra il fumo che continuava a irrompere, rovesciando mastelli d'acqua.

- E dunque? - chiese con una certa ansietÓ.

- Ormai non vi Ŕ pi˙ alcun pericolo, - disse Tremal-Naik, che lo aveva scorto e che aveva udita la domanda.

- Siamo padroni dell'incendio e i nostri uomini, che sono giÓ nella stiva, stanno sgombrando il deposito delle vele e degli attrezzi di ricambio.

- Avevo tremato per la mia Marianna.

- Dove andiamo ora?

- Riguadagneremo il fiume e scenderemo al di lÓ dell'isolotto. ╚ meglio non mostrarci pi˙ a Diamond-Harbour.

- I piloti devono aver udito le cannonate.

- Se non sono sordi.

- Che suonata pei Thugs!

- Per un po' non ci daranno pi˙ noia.

- E l'altra grab?

- Vedo che non si muove pi˙. Credo che si sia arenata, e poi Ŕ cosÝ malconcia che non potrÓ pi˙ seguirci in mare, - rispose Sandokan. - Potremo cosÝ sbarcare senza essere disturbati e mandare il praho a Raimatla senza avere delle spie alle spalle.

Ce la siamo cavata a buon mercato: l'affare non e' stato troppo cattivo.

Sbarcando pi˙ al sud, potremo raggiungere egualmente Khari?

- SÝ, attraverso la jungla.

- Dieci o dodici miglia attraverso i bamb˙ non ci fanno paura, anche se vi saranno delle tigri. Sambigliong! Risali sempre e vira di bordo all'estremitÓ dell'isolotto. Ritorniamo nell'Hugly.

midevebar.jpg (5474 bytes)

mideveh.jpg (3479 bytes) mideveb.jpg (3483 bytes) Edizione HTML a cura di:
 mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento:
13/07/2005 23.36

mideven.jpg (3407 bytes)

midevem.jpg (3663 bytes)




mideveadlogo.jpg (4131 bytes)
midevebar.jpg (5474 bytes)