clear.gif (98 bytes)

mideveh.jpg (3479 bytes)

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele
Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA
Testi senza diritti d'autore

midevem.jpg (3663 bytes)

midevebar.jpg (5474 bytes)

LE DUE TIGRI

di: Emilio Salgari

midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)midevedot.jpg (766 bytes)

midevebar.jpg (5474 bytes)

mideveb.jpg (3483 bytes)

mideven.jpg (3407 bytes)

Capitolo IX - LE CONFESSIONI DEL MANTI

A un gesto di Sandokan, il malese Sambigliong che doveva aver giÓ ricevute precedentemente delle istruzioni, si era diretto verso un grosso tamarindo che si innalzava a trenta o quaranta passi dal rogo fra le rovine della cinta della vecchia pagoda.

Teneva in mano una lunga corda, un po' pi˙ grossa dei gherlini e che aveva giÓ annodata a laccio.

La gett˛ destramente attraverso uno dei pi˙ grossi rami e lasci˛ scorrere il nodo scorsoio fino a terra.

Intanto alcuni marinai avevano legate strettamente le braccia al manti e passate sotto le ascelle due corde sottili e resistentissime.

Il vecchio non aveva opposta alcuna resistenza, tuttavia si capiva, dall'espressione del suo viso, che un indicibile terrore l'aveva improvvisamente preso.

Grosse gocce di sudore gli colavano dalla rugosa fronte e un forte tremito scuoteva il suo magro corpo. Doveva aver giÓ compreso quale atroce supplizio stava per provare.

Quando lo vide ben legato, Tremal-Naik gli si accost˛, dicendogli:

- Vuoi dunque parlare, manti?

Il vecchio gli lanci˛ uno sguardo feroce, poi disse con voce strangolata.

- No... no...

- Ti dico che non resisterai e che finirai per dirmi quanto noi desideriamo sapere.

- Mi lascer˛ piuttosto morire.

- Allora ti faremo dondolare.

- Qualcuno vendicherÓ la mia morte.

- I vendicatori sono troppo lontani per occuparsi di te in questo momento.

- Un giorno Suyodhana lo saprÓ e proverai le delizie del laccio.

- Noi non temiamo i Thugs, e ce ne ridiamo di KalÝ, dei suoi settari e anche dei loro lacci. Per l'ultima volta vuoi confessarci dove si trova ora Suyodhana o dove hanno nascosta mia figlia?

- Va' a chiederlo al źpadre delle sacre acque del Gange╗, - rispose il manti con voce ironica.

- Va bene: avanti voialtri.

I quattro malesi spinsero il vecchio verso l'albero.

Sambigliong gli pass˛ il laccio attraverso il corpo stringendolo un po' sotto le costole, in modo che la funicella gli comprimesse il ventre e quindi gl'intestini, poi grid˛:

- Ohe! Issa!

I malesi afferrarono l'altra estremitÓ della fune che era passata sopra il ramo e il manti fu sollevato per un paio di metri.

Il disgraziato aveva mandato un urlo d'angoscia. Il nodo sotto il peso del corpo, si era subito stretto in modo da penetrargli quasi nelle carni.

Tutti si erano radunati intorno all'albero, compresi Yanez e Sandokan, i quali assistevano a quel nuovo genere di martirio senza battere ciglio.

Anzi il portoghese, come sempre, aveva acceso la sua ventesima o trentesima sigaretta e fumava placidamente.

- Spingete, - comand˛ freddamente Tremal-Naik ai quattro malesi che avevano legato il manti.

- Fatelo dondolare senza preoccuparvi delle sue grida.

I pirati si misero due da una parte e due dall'altra e diedero la prima spinta.

Il manti strinse i denti per non lasciarsi sfuggire alcun grido, per˛ si vedeva che doveva soffrire atrocemente sotto quella stretta che a causa del dondolamento aumentava sempre.

Aveva gli occhi schizzanti dalle orbite e il suo respiro era diventato affannoso come se i polmoni, pure compressi, non potessero quasi pi˙ funzionare.

Alla terza spinta che gli fece penetrare la funicella nelle carni, il disgraziato non potÚ pi˙ frenare un urlo di dolore.

- Basta! - grid˛ con voce rauca. - Basta... miserabili.

- Parlerai? - chiese Tremal-Naik, accostandoglisi.

- SÝ... sÝ... dir˛ tutto quello... che vorrai... sapere... ma fammi togliere il laccio... Soffoco...

- Potresti pentirti e mi seccherebbe dover ricominciare il supplizio.

Fece arrestare il dondolamento, poi riprese:

- Dove si trova Suyodhana? Se non me lo dici, non faccio allentare il nodo scorsoio.

Il manti ebbe un'ultima esitazione, che non ebbe che la durata di pochi secondi. Ora non si sentiva in caso di resistere pi˙ a lungo a quello spaventevole supplizio inventato dalla diabolica fantasia dei suoi compatriotti.

- Te lo dir˛, - rispose finalmente, facendo una smorfia orribile.

- Dimmelo dunque.

- A Rajmangal.

- Negli antichi sotterranei!

- SÝ... sÝ... basta... m'uccidi...

- Una risposta ancora, - disse l'implacabile bengalese. - Dove hanno nascosto mia figlia?

- Anche quella... la vergine... a Rajmangal.

- Giuramelo sulla tua divinitÓ.

- Lo giuro... su KalÝ... Basta... non ne posso... pi˙.

- Calatelo, - comand˛ Tremal-Naik.

- Non resisteva pi˙, - disse Yanez gettando via la sigaretta. - Questi diavoli d'indiani possono dare dei punti all'Inquisizione della vecchia Spagna.

Il manti fu subito calato e liberato dal nodo scorsoio e dalle corde. Attorno al ventre aveva un solco profondo, azzurrognolo che in certi punti sanguinava.

I malesi furono costretti a farlo sedere, perchÚ il disgraziato non si reggeva pi˙ sulle gambe.

Ansava affannosamente e aveva il viso congestionato.

Tremal-Naik attese qualche minuto onde riprendesse fiato, poi riprese:

- Ti avverto che tu rimarrai nelle nostre mani, finchÚ noi avremo le prove di non essere stati da te ingannati. Se avrai detto la veritÓ, un giorno tu sarai libero e anche largamente ricompensato delle due delazioni; se avrai mentito non risparmieremo la tua vita e ti faremo soffrire torture spaventevoli.

Il manti lo guard˛ senza fare nessun gesto. Vi era per˛ nei suoi occhi un terribile lampo d'odio.

- Dov'Ŕ l'entrata del sotterraneo? Ancora presso il banian? - chiese Tremal-Naik.

- Questo non te lo posso dire, non essendomi pi˙ recato a Rajmangal dopo la dispersione dei settari, - rispose il manti. - Credo per˛ che non sia pi˙ quella.

- Dici il vero?

- Non ho forse giurato su KalÝ?

- Se tu non sei pi˙ tornato a Rajmangal, come sai che mia figlia si trova colÓ?

- Me lo hanno detto.

- PerchÚ me l'hanno presa?

- Per fare di quella bambina la źVergine della pagoda╗. Tu hai rapito la prima; Suyodhana ti ha preso la figlia che ha nelle sue vene il sangue di Ada Corishant.

- Quanti uomini vi sono a Rajmangal?

- Non sono molti di certo, - rispose il manti.

- Una parola ancora, - disse Sandokan, intervenendo. - I Thugs posseggono delle navi?

Il vecchio lo guard˛ per qualche istante, come se cercasse d'indovinare il motivo di quella domanda, poi disse:

- Quand'io ero a Rajmangal non avevano che dei gonga. Non so quindi se Suyodhana in questi ultimi tempi abbia acquistata qualche nave.

- Quest'uomo non confesserÓ mai tutto, - disse Yanez a Sandokan. - D'altronde ne sappiamo abbastanza e possiamo andarcene prima che i sacrificatori tornino con dei rinforzi. Ah! E della vedova, che cosa ne faremo?

- La manderemo a casa mia, - disse Tremal-Naik. - Si troverÓ meglio che fra i Thugs.

- Allora partiamo, - disse Yanez. - Che siano giÓ giunti gli elefanti a Khari?

- Fino da ieri, ne sono sicuro.

- Saranno belli?

- Splendidi animali, senza dubbio, giÓ abituati a cacciare le tigri. Sono stati pagati cari ma meriteranno quella somma.

- Andiamo dunque a cacciare nelle Sunderbunds, - concluse Yanez. - Vedremo se le tigri del Bengala valgono quelle delle foreste malesi.

Due uomini presero il manti sotto le braccia e la truppa, a un cenno di Sandokan, abbandon˛ il piazzale, dove finivano di consumarsi, sugli ultimi tizzoni, le ossa del thug.

La foresta dei cocchi fu attraversata senza incontrare nessuno e verso le due del mattino la spedizione prendeva posto nelle due scialuppe, aumentata del manti e della vedova.

Avendo la corrente in favore, il ritorno fu compiuto in brevissimo tempo. Un'ora dopo infatti tutti erano a bordo del praho.

Il manti fu rinchiuso in una delle cabine del quadro e per maggior precauzione gli fu collocata una sentinella dinanzi all'uscio.

- Quando partiamo? - chiese Tremal-Naik a Sandokan, prima di rientrare nelle loro cabine.

- All'alba, - rispose il pirata. - Ho giÓ dato gli ordini opportuni onde tutto sia pronto prima dello spuntare del sole. Domani sera potremo trovarci a Khari?

- Certo, - rispose Tremal-Naik. - Non vi sono che dieci o dodici chilometri dalla riva del fiume a quel villaggio.

- Una semplice passeggiata. Buona notte ed a domani.

Cominciavano a tramontare le ultime stelle quando l'equipaggio del praho era tutto in coperta per prepararsi alla partenza.

Mentre issavano le immense vele, Sambigliong che dirigeva la manovra s'avvide, con una certa inquietudine, che anche le due grab ancoratesi il giorno innanzi, si preparavano a lasciare l'ancoraggio.

Le loro tolde eransi rapidamente coperte d'uomini i quali alzavano precipitosamente le vele latine e spiegavano i fiocchi, come se avessero avuto timore che la brezza dovesse da un momento all'altro mancare o che la corrente del fiume cambiasse direzione.

Il malese che aveva pure i suoi sospetti su quelle due misteriose navi, le quali portavano equipaggi quattro o cinque volte pi˙ numerosi di quelli che sogliono avere quei velieri, rimase profondamente turbato da quelle manovre precipitose.

- Qui gatta ci cova, - mormor˛. - Che il padrone abbia ragione di aver diffidato di questi vicini? Non ci vedo chiaro in questo affare.

Stava per dirigersi verso poppa, onde scendere nel quadro e avvertire Sandokan, quando questi comparve.

- Padrone, - gli disse. - Anche le due grab salpano con noi.

- Ah! - si limit˛ a dire il pirata.

Guard˛ tranquillamente i due velieri che stavano ritirando le ancore, poi disse:

- E la partenza improvvisa di quelle due navi t'inquieta, Ŕ vero mio bravo tigrotto?

- Non mi sembra naturale, padrone. Sono giunte l'altro ieri, non hanno caricata nemmeno una balla di cotone ed ecco che vedendo noi rimetterci alla vela, s'affrettano ad imitarci. E poi guardate quanti uomini hanno a bordo! Mi sembra che siano aumentati.

- Fra tutte e due hanno almeno il doppio dei nostri; se sperano per˛ di darci delle noie, s'ingannano.

Se vorranno seguirci fino alle Sunderbunds, faremo giuocare le nostre artiglierie e vedremo a chi toccherÓ la peggio. Alla ribolla, Sambigliong e bada a non urtare qualche nave.

Le immense vele erano giÓ state alzate con due mani di terzaruoli per diminuire di qualche po' la loro superficie e le ancore di prora e di poppa apparivano allora a fior d'acqua. La Marianna, presa dalla corrente e spinta dalla brezza mattutina, cominciava a muoversi.

Una delle due grab si era messa giÓ in marcia, scivolando fra le numerose navi che ingombravano il fiume e l'altra si preparava a seguirla.

Sandokan, dal cassero, le osservava attentamente, senza dare alcun segno d'inquietudine. Non era uomo da preoccuparsi anche se quelle due navi avevano equipaggi pi˙ numerosi ed erano armate di cannoncini.

Si era misurato con altri avversari ben pi˙ poderosi e formidabili per avere qualche timore.

Una mano che gli si pos˛ sulla spalla, lo fece volgere.

Yanez e Tremal-Naik erano saliti sul ponte, seguiti da Kammamuri.

- Che tu abbia ragione? - gli chiese il portoghese. - O che si tratti d'un puro caso?

- Un caso molto sospetto, - rispose Sandokan. - Sono certo che ci seguono, per vedere se noi andiamo a gettare le ancore in qualche canale delle Sunderbunds.

- Che vogliano assalirci?...

- Nel fiume, non credo; in mare forse. Ci˛ per˛ mi seccherebbe, quantunque abbia piena fiducia in Sambigliong.

- Dobbiamo sbarcare prima di giungere alla foce del fiume, - disse Tremal-Naik. - Khari dista dal mare molte leghe.

- Se potessi liberarmi di quei due spioni! - mormor˛ Sandokan. - Passeremo la notte a bordo e non sbarcheremo prima di domani mattina, cosÝ potremo meglio accertarci delle intenzioni di quei due velieri.

Sono risoluto a chiedere ai loro equipaggi delle spiegazioni, se questa sera si ancoreranno ancora presso di noi.

Fingiamo per ora di non occuparci di essi onde non metterli in sospetto e andiamo a prendere il thŔ. Ah! E la vedova?

- La lasceremo nel mio bungalow di Khari, - rispose Tremal-Naik. - FarÓ compagnia a Surama.

- La bajadera pu˛ esserci necessaria nelle Sunderbunds, - disse Yanez. - Preferisco condurla con noi.

Sandokan guard˛ il portoghese in certo modo, che questi arrossÝ come una fanciulla.

- Oh! Yanez, - disse ridendo. - Il tuo cuore avrebbe perdute le sue corazze?

- Invecchio, - rispose il portoghese, con aria imbarazzata.

- Eppure io credo che gli occhi di Surama ti faranno ritornare giovane.

- Bada, - disse Tremal-Naik. - Le donne indiane sono pericolose pi˙ di quelle bianche. Sai con che cosa sono state create, secondo le nostre leggende?

- Io so che sono generalmente bellissime e che hanno degli occhi che bruciano il cuore, - rispose Yanez.

- Narrano le vecchie istorie che quando Twashtri cre˛ il mondo, rimase molto perplesso nel creare la donna e dovette pensare a lungo, prima di scegliere gli elementi necessari per formarla. Ti avverto che parlo della donna indiana e non di quella bianca o gialla o malese.

- Udiamo, - disse Sandokan.

- Prese le rotonditÓ della luna e la flessuositÓ del serpente, lo slancio della pianta rampicante e il tremolio della zolla erbosa, il fascino del rosaio, il colore vellutato della rosa e la leggerezza delle foglie; lo sguardo del capriuolo e la gaiezza folle del raggio di sole; il pianto delle nuvole, la timidezza della lepre e la vanitÓ del pavone; la dolcezza del miele e la durezza del diamante; la crudeltÓ della tigre e la freddezza della neve; il cicaleccio della gazza e il tubare della tordella.

- Per Giove! - esclam˛ Yanez. - Che cosa ha preso ancora quel dio indiano?

- Mi pare che abbia fuso sufficienti materie ed elementi, - disse Sandokan. - Mio caro Yanez, le donne indiane hanno perfino un po' della crudeltÓ delle tigri!...

- Noi siamo le tigri di Mompracem, - rispose il portoghese, ridendo. - PerchÚ dovremmo o almeno dovrei io aver paura d'una fanciulla che ha... un po' di pelle di tigre indiana?

Scoppi˛ in un'allegra risata, poi diventando improvvisamente serio, disse:

- Ci seguono sempre, Sandokan.

- Le grab? Le scorgo: ma vedremo se domani galleggeranno ancora.

- Che cosa vuoi fare?

- Lo saprai questa sera, - rispose Sandokan con accento minaccioso. - Lascia che ci seguano per ora.

Il praho era uscito dal caos di navi e di barcacce che ingombravano il fiume, e veleggiava con sufficiente rapiditÓ verso il basso corso.

Le due grab lo seguivano sempre, a una distanza di tre o quattrocento passi l'una dall'altra, tenendosi verso la riva opposta.

Verso il tramonto, dopo esser passata dinanzi alla stazione dei piloti di Diamond-Harbour, la Marianna entrava in un ampio canale formato dalla riva e da un isolotto boscoso lungo qualche miglio.

Era il posto scelto da Tremal-Naik per sbarcare, trovandosi di fronte alla via che doveva condurli a Khari.

L'equipaggio aveva appena gettato le ancore, quando, verso l'estremitÓ settentrionale del canale, si videro improvvisamente apparire le due grab.

Sandokan, che si trovava in coperta, vedendole aveva corrugata la fronte.

- Ah! - diss'egli. - Ci seguono anche qui? Ebbene, vi dar˛ il vostro conto. Artiglieri: smascherate i pezzi e gli altri ai posti di combattimento.

Offro battaglia!

 

 

midevebar.jpg (5474 bytes)

mideveh.jpg (3479 bytes) mideveb.jpg (3483 bytes) Edizione HTML a cura di:
 mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento:
17/07/2005 20.49

mideven.jpg (3407 bytes)

midevem.jpg (3663 bytes)




mideveadlogo.jpg (4131 bytes)
midevebar.jpg (5474 bytes)