Home Button

Welcome Title

E-mail Button

De Bibliotheca
La biblioteca di Babele

Biblioteca Telematica
CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Testi senza diritti d'autore

Separator Bar

LE TERZE RIME SECONDO L'EDIZIONE DEL 1528 ED ALTRI COMPONIMENTI GIOCOSI

di: Giovanni Della Casa

Separator Bar

 


CAPITOLO SOPRA IL FORNO
S'io mi levassi un'ora innanzi giorno
E ragionassi insino a mezza notte,
Ancor non loderei ben bene il forno.
Questa materia da persone dotte:
Chi non ha'n capo del cervello a macco [5]
Vadi a sentir lodar le pere cotte.
E perch'io voglio scior la bocca al sacco,
Voi, ch'a questi signor rodete il basto,
Venitemi aiutar, quand'io mi stracco.
D'ogni ben fare il mondo s' rimasto.[10]
Soleva esser gi'l forno un'arte santa,
Ora il mestiero poco men che guasto.
Perch'oggid quest'avarizia tanta,
C'h'ognun vorrebbe infornare a credenza,
E che , che non , qualcun ti pianta[15]
Mi fanno rinnegar la pazienza
Certi, ch'al primo hanno la pala in mano,
Venga chi vuole o con danari, o senza.
Questo non mestier da farlo invano:
Chi ha danari, inforni quanto vuole; [20]
E chi non ha, dite ch' e' vadi sano.
Tennero il forno gi le donne sole,
Oggi mi par, che certi garzonacci
L 'abbin mandato poco men ch'al sole.
Spazzinlo a posta lor, nessun non vacci: [25]
Dican pur ch'egli umido e mal, netto,
E sonne ben cagion questi fratacci,
Io per me rade volte altrove il metto,
Con tutto ch'il mio pan sia pur piccino,
E'l forno delle donne un po'grandetto. [30]
Bench chi fa questo mestier divino,
Sa ben trovar, dove l'hanno nascosto
Col dirieto un certo fornellino,
Ch' troppo buon da far le cose arrosto:
Cuocere, come a dir, pasticci e torte, [35]
Non si pu dir, quanto fa bene e tosto.
E puossi almanco infornar piano e forte
Pur ch' e' non s vetriolo e mezzo,
Come questi altri, ch' proprio una morte.
Come tu 'l tocchi, se ne leva il pezzo: [40]
Ad ogni poco il fornaio dice, ohi!
Voi non potete mai informare a mezzo.
Ma pure a questo pensateci voi:
Perch'egli chi si mangia anche il pan crudo:
Ognun faccia a suo modo i fatti suoi.[45]
Ch'inforna, doverebbe stare ignudo;
Bench vestito anche infornar si possa,
E per una infornata anch'io non sudo.
La pala poi vuol esser corta e grossa,
Dice la gente ignorante; ma io [50]
Non trovo che ragion se l'abbi mossa;
E bench'io dica or contra'l fatto mio,
Perch Soranzo, a non vi dir bugia,
La pala mia non gran lavorio;
Io credo che bisogni, ch'ella sia [55]
Grande e profonda e grossa e larga e lunga,
E s'altro nome ha la geometria:
Perch'io veggio il fornaio che si prolunga,
Per accostarla del forno alle mura,
E Dio vogli anco poi, ch'ella v'aggiunga. [60]
Ma sopra tutto la vuol esser dura,
E chi l'adopra gagliardo di schiena,
Che la sappi tener ritta e sicura.
Or io v'ho dato la dottrina piena:
Restami a dir, come s'inforna il pane, [65]
Come si fa a levar, come si mena.
Se ti bisogna adoperar le mane
A stropicciarlo e rinvenirlo a stento;
Ti so dir io, tu infornerai domane:
Che quando il pane a lievitarsi lento; [70]
Scalda e riscalda a tua posta, non basta:
Perch ci , diciam noi, poco fermento.
E per contrario s'egli buona pasta,
Al primo tratto lievito e gonfiato,
Portalo alla fornaia, che si guasta. [75]
Ma se pur fusse qualche sciagurato,
Che levitasse il pane a stento o tedio,
E non avesse fermento n fiato,
Ad ogni cosa si trova rimedio.
Un certo vescovaccio ha la ricetta, [80]
Ch'amore e crudelt gli han posto assedio.
E perch vuol del pan tal volta in fretta,
M' stato detto, che l'ha sempre drieto,
E tienla il suo garzon nella brachetta:
E bench in casa sia molto segreto, [85]
Io sento dire un non so che di pesche:
Ma di grazia, Soranzo, state cheto.
Le fornaie non voglion queste tresche,
Che se l'avessero aspettar gl'incanti
Per infornar, per Dio, le starien fresche. [90]
Molti di questi giovani galanti
Tenner gi il forno in qualche bella posta,
E si pagava in quel tempo a contanti.
O forno da signor! Fornai a posta!
Ti so dir, che gli offici allor volavano[95]
Con l'espedizion bella e composta,
E pensioni, e scudi che fumavano: [p.698]
Prometton or, finch 'l lor pan si faccia;
E se ne ridon poi come ne 'l cvano.
E ciascheduno strazia, e mena a caccia [100]
Il veltro giovinetto a suon di corno;
E com'un che gl'invecchia, a fiume il caccia.
Ma lasciam questo, e ritorniamo al forno:
Diciam, come lo spazzan le maestre
E di sotto e di sopra, intorno intorno. [105]
Ell'hanno a posta le belle canestre
Di cenci e pezze, tutte arsiccie e rosse,
A tal servigio apparecchiate e destre.
E vo' mostrare a queste genti grosse,
Con quanto studio se lo tien asciutto [110]
Una, che'1pane a questi d mi cosse.
La lo lava ben bene, e spazza tutto
Sera e mattina per un ordinario;
E vuol ch'e' non le puta sopra tutto.
E poi si reca in mano il calendario, [115]
E guarda molto ben la volta e '1 tondo,
Che '1 corso della luna sempre vario.

Separator Bar

Home Button

Edizione HTML a cura di: [email protected]
Ultimo Aggiornamento: 17/07/05 01.59.16

E-mail Button
View Guestbook Button
Victorian Elegance Logo

Bullet        Bullet        Bullet        Bullet        Bullet