Home

Welcome To My Homepage

Email

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Bullet     Bullet     Bullet     Bullet     Bullet

MISERIE E NOBILTA'

Commedia in tre atti

Di: EDUARDO SCARPETTA

BackHomeNext

Bar

.

ATTO TERZO

 

 

La medesima scena del secondo atto. Lampadaro e candelabri accesi. è sera.

 

SCENA PRIMA

 

Di dentro Voci, Vicienzo e Biase, poi Gaetano, indi Luigino, di dentro.

 

VOCI (di dentro): Evviva l’allegria!

VOCI (c.s.): Evviva! (Battute di mano e tintinnio di bicchieri.)

VICIENZO (entra un po’ brillo dal fondo a destra con Biase, che lo segue recando due lampioncini alla veneziana accesi): Jamme, Bià!... jammo cu sti lampiuncielle.

BIASE: D. Viciè, nun ghiate de pressa che io nun me fido cchiù da stammatina!

VICIENZO: Mò te chiavo nu paccaro! Nun se fida cchiù!... Comme si avesse fatta sta gran fatica... Haje magnato e vevuto comme a nu puorco!

BIASE: D. Viciè m’aggio fatto 2 butteglie de lunella.

VICIENZO: Mò te la faccio vedé io la lunella... dinto a lo puzzo! Va llà va miette li lampiuncielle dinto a lo ciardino... Ne haje da mettere cchiù?

BIASE: Nonsignore, solo sti duje.

VICIENZO: E va li miette, fà ampressa, pecché chille mò esceno, e lo padrone le vò fà piglià lo cafè miezo a lo ciardino.

BIASE: Va bene, simme leste... D. Viciè, io lo cafè lo boglio amaro. (Via barcollando per la porta, che conduce in giardino.)

VICIENZO: Mannaggia ll’arma de mammeta! Chillo, vì comme s’è cumbinato!

GAETANO (entrando): Guè, Viciè, lo ciardino è pronto?

VICIENZO: Sissignore, cavaliere eccellenza.

GAETANO: Bravo!... La guantiera cu li tazze, miettela ncoppa a lo tavulino che sta vicino a lo trillace.

VICIENZO: Sissignore.

GAETANO: Viciè, aggio fatta na bella figura! Quanno hanno visto lo servizio d’argiento dorato, so’ rimaste cu li bocche aperte!... E pò, comme hanno magnato!... Diceno che li nobele magnano poco. Nun è overo, sò tutte chiacchiere!... Chille magneno cchiù de nuje!... Nce sta specialmente lo marchese Favetti, mamma mia, e che s’ha magnato chillo!... E la contessa del Piede!... che bella lopa, neh... Io già n’aggio avuto piacere. Nun te può immaginà comme sto allegro stasera!

VICIENZO: Pe mill’anne, cavaliere eccellenza, pe mill’anne!

GAETANO: Grazie. Aggio fatto pace pure cu figliemo Luigino. Chillo è benuto pe tramente stevemo a tavola, che aveva fà?

VICIENZO: Se capisce!... E po’, sempe figlio v’è!

GAETANO: è giuvinotto, vò fà lo scicco, se vede senza nu soldo e m’arrobba... Ma mò ha giurato che nun lo fa cchiù, m’ha vasato la mano 2 vote... Intanto mò stongo cu nu penziero... A tavola s’è assettato vicino a la cuntessina, e nun hanno fatto auto che parlà zitto zitto tutte e duje. Io ncuorpo a me dicevo:, «Mò vide che se n’addona la Cuntessa, e cca nce ntussecammo la serata!... Ma, furtunatamente, né la cuntessa, né lo princepe e né lo marchese se ne sò addunate.

VICIENZO: Menu male!

GAETANO: Voglio vedé comme fa lo ciardino illuminato.

VICIENZO: Io vaco a piglià la guantiera cu li tazze. ( Via pel fondo, Gaetano via pel giardino.)

VOCI (di dentro, gridando).

Bevo, e fo brindisi,

Di tutto cuore,

All’illustrissimo,

Signor... Amore!...

VOCI (c.s.): Bravo! Bravo!... Molto bene! (Tintinnio di bicchieri.)

 

SCENA SECONDA

 

Bettina, poi Felice.

 

BETTINA: Povero Peppeniello! Sò 3 ore che sta durmenno ncoppa lo lettino mio... quanta cose m’ha cuntato!... La faceva sta senza cammisa, chell’assassina! Però, muntagne e muntagne nun se cunfronteno maje, e po’ essere che vene nu juorno che nce ncuntrammo n’auta vota, e putimmo fà li cunte nuoste.

FELICE (comparisce in fondo alla scena mezzo brillo; Bettina lo vede e fa per andar via): Nu momento, signora!... Lasciatemi prima parlare, sentite prima la ragione, e poi fate quello che vi pare e piace.

BETTINA: Io non pozzo sentere niente, pecché vaco de pressa.

FELICE: Io non debbo dire che poche parole, e voi le dovete sentire, perché io le voglio dire. Ricordatevi che sono vostro marito.

BETTINA: Marito! (Ridendo:) Tu, marito?

FELICE: Non ridete, signora, e sentitemi.

BETTINA: Ma justo mò vuò parlà? Parlammo dimane, quanno haje pariato lo sciampagne.

FELICE: Io non ho bevuto, e non ho mangiato...

BETTINA: E nce pare!

FELICE: Non ho fatto altro che piangere tutto il tempo della tavola... Ah!.. odoratemi il fiato.

BETTINA: Levate da lloco!

FELICE: Tutto quello che vi dissero, cioè, che io sciupavo tutto con Luisella, la sarta, non era vero. Calunnie! calunnie!... Ero stato due o tre volte in casa sua, si, è vero, questo non lo nego; ma sarebbe tutto finito, se voi non aveste fatta quella scenata. Quando voi avanti alle sue discepole mi faceste quel mazziatone, fu tale lo scuorno e la mortificazione che giurajo di non vedervi mai più. Dopo 6 mesi di silenzio, mi mandaste a chiedere nostro figlio... cioè, nostro, vostro!... (Chillo ha ditto: Vicienzo m’è padre a me... Io saccio sti fatte!...) Io ve lo negai.... Ma sapete perché ve lo negai? Perché dissi: «Solamente così Bettina verrà da me per far pace». Questo, Bettina non lo fece... E allora, currivato, ritornai da Luisella. Il resto lo sapete!

BETTINA: Che bella discolpa!... E chella povera criatura, senza cammisa!... Ma comme! Nu padre che fa stà lo figlio senza cammisa!

FELICE: E che direste se neanche il patre teneva la... cammisa.

BETTINA: Bella cosa!

FELICE: Adesso spiegatemi, o signora, come va che Vicienzo, il servo di questa casa, è il padre di mio figlio?... Parlate.

BETTINA: Pecché chillu povero guaglione se mureva de famma e lo compare Michele l’ha mannato a servì dinto a sta casa. Lo padrone, trattannese de nu piccerillo, nun se l’avarria certo pigliato; ma Vicienzo, essenno amico de Michele e avennone compassione, l’ha presentato ccà comme a figlio, e ha ditto nfaccia a Peppeniello: «Chiunque t’addimanna, dì ca te so’ padre».

FELICE: Possibile!

BETTINA: Possibile! (Esce Vicienzo col vassoio e le tazze, e si ferma sotto la porta in fondo.)

FELICE: Allora Bettina mia, se è così... se m’hai detto là verità.

 

SCENA TERZA

 

Vicienzo e detti, poi Gaetano e Vicienzo.

 

VICIENZO (sorpreso dalla parole udite): Principe, permettete, aggia purtà la guantiera cu li tazze fore a lo ciardino.

FELICE: (Steva facenno lo marrone!). Fate pure. (Siede sulla poltrona.)

BETTINA: Viciè, agge pacienza!... Siccome l’illustrissimo signor principe, qui presente, se crede che Peppeniello è veramente figlio a te, dille tu la verità. Pecché chillu guaglione te chiamma padre?

FELICE: Si, vorrei sapere perché quel bimbo vi chiama padre.

VICIENZO: Ecco qua, illustrissimo... Ma, pe carità, nun dicite niente a D. Gaetano!... Chillu guaglione steva miezo a na strada, abbandunato da tutte quante, e pe lo fà stà dinta a sta casa a servì, io lo presentaje a lo padrone comme a figlio mio, e v’assicuro, illustrissimo, che le voglio bene proprio comme a nu figlio, pecché se lo mereta, pecché è na povera criatura... E si putesse sapé chi è lo padre, le vularria dicere: «Piezze de nfame, galiota, cu quà core haje pututo abbandunà na povera criatura!?... Sì nu puorco!... Sì na carogna! E si me rispunnesse, a parola mia, principe, passaria lo guajo!... Vì che nfame assassino!.. Ppuh! pe la faccia soja!

FELICE: (Pe la faccia de mammeta!...). Me l’aggio vuluto sentere io sti quatte maleparole.

VICIENZO: Ma pecché, Bettì?... Lo principe se credeva che m’ire mugliera?

BETTINA: Già, perfettamente.

VICIENZO: Nonsignore, illustrissimo, io nun le songo niente. Bettina è na bona figliola, onesta e faticatora... Permettete? (Fa per andar via.) Lo patre de chillu guaglione è nu nfame! ... (Via pel giardino.)

FELICE: (Io abbusco da chillo!... ) Bettina mia, perdoname! Io ti giuro che da oggi in poi vularraggio bene sulo a te... Nun te faccio piglià cchiù collera...

BETTINA: Va bene starrammo a vedé.

FELICE: E Peppeniello addò sta?... Me lo voglio abbraccià e bacia.

BETTINA: Mò non pò essere, pecché chillo sta durmenno, te vede accustà vicino lo lietto cu stu mustaccio, e pò essere che se sceta, e lo faje mettere appaura.

FELICE: No, io nun lo faccio scetà, lo vaso chianu chiano. Io lo voglio vedé a chillu povero criaturo!... (Quasi piangendo.)

BETTINA: Nun chiagnere, ca sì brutto quanno chiagne... E ghiammo, ma zitto zitto!

FELICE (infilando il braccio di Bettina): Io ti ho voluto sempre bene.

BETTINA: E s’è visto!

FELICE: Sò state la gente che hanno posto mpuzature, ma io aggio penzato sempe a te. (Arrivano al primo uscio a sinistra.) E mò avimmo fatto pace?

BETTINA: Gnorsì, avimmo fatto pace.

FELICE: E ghiammo, ja! (Vanno via.)

GAETANO (entrando con Vicienzo dal giardino): Ma pozzo mai credere che lo principe se nnammurave de Bettina?

VICIENZO: Nce avita credere, eccellenza, pecché io ne songo cchiù che certo. Mò che sò benuto cu la guantiera e li tazze, l’aggie truvate tutte e duje a stu pizzo ccà. Lo principe steva cu li mane accussì, vicino a Bettina, le diceva: Bettina mia, se è cosi... se mi hai detto la verità.

GAETANO: E che era sta verità.

VICIENZO: E che ne saccio?... Ma io sospetto na cosa, lo principe se credeva che io l’era marito, e Bettina forse le steva dicenno ca no...

GAETANO: Ah, sicuro... E mò addò sò ghiute?

VICIENZO: E chi ne sape niente, eccellenza!

GAETANO: Basta, nun te n’incanicà, se lo vede essa!... Chillo è nzurato, e Bettina se po’ pure ncuità cu la principessa.

VICIENZO: E se capisce, cavaliere eccellenza!... E io perciò ve l’aggio ditto... E pure lo principe se pò ncuità co lo marito de Bettina.

GAETANO: Comme?!... Bettina è mmaretata?

VICIENZO: Sissignore... Ah, vuje nun sapite niente?

GAETANO: No!

VICIENZO Già... Bettina è mmaretata, ma sta spartuta da lo marito... Ma chesto nun bò dicere niente, pecché da nu mumento a n’auto, appuranno lo fatto de lo principe...

GAETANO: Se capisce...

VICIENZO: Tanto cchiù che Bettina tene pure nu figlio.

GAETANO: Nu figlio?

VICIENZO: Sissignore, eccellenza, e sapite chi è?... E chillu guaglione che v’aggio presentato io, Peppeniello!

GAETANO Peppeniello!... E comme, Peppeniello nun è figlio a te?

VICIENZO: Sissignore, è figlio a me, ma lo padre è lo marito de Bettina.

GAETANO: E io mò perdo la capa!... Tu a Bettina che le sì?

VICIENZO: Mò nun le songo niente, eccellenza, ma pe lo passato nce aggio fatto ammore.

GAETANO: Ah, va buono, aggio capito!...

VICIENZO: Ma ve raccumanno, cavaliere eccellenza!... Nun dicite niente.

GAETANO: Te pare!... Ma che so’ fatta na criatura!... S’ha da vedé però de riparà sta cosa... Tu, intanto, va piglia lo cafè, e portalo fora lo ciardino.

VICIENZO: Sissignore, cavaliere eccellenza. (Via pel fondo a destra.)

GAETANO: Vuje vedite lo diavolo!... Mò chist’auto penziero nce voleva!... Ma comme, tutto nzieme, lo principe s’è nnammurato de Bettina?... Già!... Chillo cu lo sciampagne ha visto che chella era bona... è principe, e ha ditto: «Neh che me ne preme ca so’ nzurato..». Ma, intanto, comme se pò fà?... Cu na mugliera moribonda!... Ah! Io pe me nun capisco!... Come si può fare?... Come si può fare?.

 

SCENA QUARTA

 

Eugenio, Gemma, Pascale, Concetta, Luigino, Pupella e detto, indi di nuovo Gaetano.

 

GEMMA: Papà, ch’avite fatto?... Nce avite lasciate?

EUGENIO: Senza di voi, capirete, noi siamo della gente morta.

CONCETTA: E poi, mi pare che non sia un atto legale abbandonare i convitti a tavola e non fare più la comparsa.

PASQUALE: (Cuncé, statte zitta, nun parlà!). Volevamo fare un brindisi alla vostra salute, ma non vi abbiamo più visto.

GAETANO: Sono venuto un momento per vedere se il giardino era tutto illuminato, e se non vi dispiace, piglieremo là il caffè.

PASQUALE: Nel giardino?... Bellissima idea!

LUIGINO (a braccetto di Pupella): Se i signori permettono, io vado con la contessina a vedere il giardino illuminato.

GAETANO: Non c’è bisogno, perché adesso andiamo tutti! (Mannaggia l’arma de mammeta!... Guè!... se la vò purtà dinto a lo ciardino!).

PASQUALE: A proposito, mio fratello, il principe, dov’è?

GAETANO: Io non lo sò, anzi credevo che stava con voi.

PASQUALE: Ma no, ha lasciato la tavola, e non s’è più visto.

GAETANO: (Quanno te vuò jucà che sta dinta a la cammera de Bettina?... Mò vaco a bedé!...). Signori, accordatemi 3 minuti di permesso, vado a prendermi nu fazzoletto.

PASQUALE: Fate pure. (Gaetano va via dal primo uscio a sinistra, poi torna.)

EUGENIO: Gemma mia, quanto sono felice!

GEMMA: Povero papà, se crede tutte cose!

LUIGINO: Pupella mia, cuore di questo petto. (L’abbraccia.) Me vuò bene?

PUPELLA: Ma si, assaje, assai!

CONCETTA: E tu, Pasqualino, non mi dici niente?... Anima dell’anima...

PASQUALE: De mammeta e de pateto!... Statte zitta!

EUGENIO: Silenzio, ecco D. Gaetano!

GAETANO (entrando): Eccomi qua a voi! (Aggio truvato lo principe che steva vasanno a Peppeniello, e diceva: Figlio mio! Figlio mio!...) — (Neh!... Ma se pè sapé stu guaglione a chi cancaro è figlio?!). Dunque, signori, vogliamo andare?

PASQUALE: Andiamo pure.

GAETANO: Prego, contessa! (Offre il braccio a Concetta. Tutti si avviano verso il giardino.)

 

SCENA QUINTA

 

Vicienzo e detti, poi Luisella.

 

VICIENZO: Cavaliere eccellenza, vi è fuori la principessa di Casador. (Sorpresa generale.)

GAETANO: La principessa di Casador!

EUGENIO: (Mia zia! Possibile!).

PASQUALE: (Oh! mò che avimmo mangiato, nce spetta lo digestivo).

GAETANO: Marchesì, vostra zia. (A Pascale.) Vostra cognata qua?

PASQUALE: Ma io non so...

EUGENIO: Credo che sarà uno sbaglio. (A Vicienzo.) Vi ha detto proprio così: la principessa di Casador?

VICIENZO: Sissignore, eccellenza, la principessa di Casador... Ma se vedite comme sta malata!... Nun se fida manco de parlà... Io l’aggio addimannato: «A chi vulite?». E essa m’ha risposto: «Qui stanno i miei parenti, qui sta il principe mio marito: perciò annunziatemi».

EUGENIO: (La principessa! Ma è impossibile!).

GAETANO: Ma comme!... Chella nun tene cchiù né fegato, nè pulmone, e se ne va cammenanno?!... Qualche cosa di serio ci dev’essere. Chi sa che vi deve dire!... Vado subito a riceverla. (Via pel fondo con Vicienzo.)

PASQUALE: Marchesì, jammo!... Levatece sti panne da cuollo, che ccà mò assommano ll’anema de li palate!

EUGENIO: Ma no, non temete! Dev’esserci qualche equivoco.

LUIGINO: Io diciarria, fuitevenne pe lo ciardino.

PASQUALE: Siente a chisto, siè!... A chest’ora nce vedeno fuì cumbinate de chesta manera, nce pigliano pe mariuole, nce arrestano.

CONCETTA: Lo core me lo diceva de nun ce venì!

PASQUALE: Ma chill’assassino de Felice addò sta?... Marchesì, pensate vuje ch’avita fà, pecché vuje site stato!

EUGENIO: Va bene, non avete paura, coraggio!

GEMMA: Ma a sta principessa come l’è benuto ncapo de venì.

GAETANO (di dentro): Piano!... piano, principessa. Ecco, siamo arrivati. (Concetta e Pasquale voltano la faccia dall’altra parte.) Luigi, na poltrona!

LUIGINO: Subito. (Preparata una poltrona nel centro della scena.)

LUISELLA (entrando in abito nero con mantellina di merletto, guanti neri e cappellino, molto pallida. Gaetano e Vicienzo l’accompagnano in mezzo alla scena sorreggendola per le braccia): Grazie, signore. Quante siete buono!

PASQUALE: (Uh! Luisella!).

CONCETTA: (Pascà, Luisella!).

EUGENIO: (La moglie di D. Felice!... Ah!... respiro!) (Gaetano e Vicienzo fanno sedere Luisella sulla poltrona.)

LUISELLA (respirando): Ah!...

GAETANO: Principessa, ma come vi viene in testa di uscire a quest’ora, voi che state tanto ammalata?... Marchesì, baciate la mano alla zia. Marchè, abbracciate la cognata... (Chiste che pariente nfame songo, neh?).

PASQUALE: Cognata mia, cara cara. (L’abbraccia.) (D. Luisè, chiste so’ prudite de capa!).

EUGENIO: Zia mia! (Le bacia la mano.) (Ma perché avete fatto questo?).

CONCETTA: Ci è sembrata proprio strana, cara cognata, questa vostra visita... Chella malatia che avete, uscire di casa significa proprio abbreviarsi la vita!... (Puozze schiattà!)

LUISELLA: (Mò proprio!). Si, è vero, cara cognata, io non doveva muovermi dalla casa. Ma che volete?... Mi sono vista sola, abbandonata da tutti, e ho detto: «Giacché debbo morire assolutamente, voglio morire in mezzo ai miei dilettissimi parenti, fra le braccia del mio amato consorte».

GAETANO: (è benuto a murì dinta a la casa mia!).

LUISELLA: Lo sò che voi poco mi curate, e che aspettate con ansia la mia monte... Ah, lo sò, lo sò!... Ma sapete come si dice? Morte desiderata non viene mai! (Tossisce.)

GAETANO: Ah, questo è certo!

LUISELLA: Se avesse avuto un poco di affezione per me, dovevate dire: «Povera principessa, che farà lei sola in casa? Noi ci divertiamo, e quella povera principessa sta digiuna.

GAETANO (a Eugenio): Sta digiuna?

EUGENIO: (Non ci badate. Fa sempre questo!) Mia cara zia, se siete stata digiuna, è perché il medico vi ha proibito di mangiare.

LUISELLA: Si, lo sò, ma io adesso mi sento meglio... Mi ho mangiato due uova dure e nu poco di pane.

GAETANO: (Ha fatta na culazione leggiera, la principessa!).

LUISELLA: Tanto per aver la forza di venire qua, e vedere anch’io la bella sposina. (Tossisce.)

GAETANO: (Guè, ma sta proprio arruinata, sà!).

LUISELLA: E poi voglio parlare con mio marito, il principe, di un affare molto serio... Ma dov’è?... Dov’è il principe? (Si guarda intorno.)

GAETANO: (Eh!... Staje fresca!). Non sappiamo, principessa... Forse sarà andato in giardino, perché io ho fatto una grande illuminazione stasera.

LUISELLA: Bravissimo!... E allora andiamo in giardino a trovare il principe... Ho bisogno di parlare col principe!...

GAETANO: Volete andare in giardino? Ma quell’aria può essere che vi fa male!

LUISELLA: Oh, no!... Anzi mi fa tanto bene l’aria del giardino... Andiamo, datemi il braccio.

GAETANO (a Pascale): Marché, che ne dite? L’avessa fà ascì fora a lo ciardino?

PASQUALE: E dopo che le fa male a voi che ve n’importa?... Che ve n’importa?...

GAETANO: (E nun fà che murite de subeto tutte quante! Vuje vedite a me che me succede!... Chille me la cumbina pure de brutto!). Allora, principessa, andiamo!

LUISELLA (alzandosi con l’aiuto di Gaetano): Piano, piano, signore, perché le gambe mi tremano. (Alzandosi:) Ah, mi sento debole, che voi non potete credere... Questa è l’ora...

GAETANO: (De la tiella, puparuò!).

LUISELLA: Che ogni sera mi si abbaglia la vista, e poi, dopo poco, mi viene la tosse, l’affanno, i dolori, le convulsioni... Oh, quante cose, quante cose!...

GAETANO: (Mò che vaco dinto a lo ciardino, l’atterro sotto a n’albero de limone!).

LUISELLA: Però, sapete quanto mi calmo?... Quando vedo mio marito, il principe... Fatemi vedere il principe, e io mi calmo... Io voglio vedere il principe!... Io voglio vedere il principe!...

GAETANO: Mò jammo!... (Neh, venite vui pure, chesta m’avessa murì mbraccia!). (Si avviano entrambi verso il giardino.)

LUISELLA (gridando): Io voglio vedere il principe!... Io voglio vedere il principe!...

GAETANO: E mò jammo!... (Vi che guajo de notte!). (Escono.)

EUGENIO: Come diavolo ha saputo l’indirizzo?

PASQUALE: Forse cu chillu biglietto che io rimanetta ncoppa lo tavulino.

EUGENIO: Ma che intende di fare? Io non lo sò. (Via pel giardino.)

PUPELLA: Jamme, jamme, viene Luigi. (Via.)

LUIGINO: Vengo, vengo, bellezza mia! (Via.)

PASQUALE: Me sento scennere dinto a li rime che stasera abbuscammo.

CONCETTA: Pozza sculà essa che nc’è benuta!... Stevemo accussì bello.

PASQUALE: Cammina, balla de baccalà! (Escono.)

 

SCENA SESTA

 

Ottavio, poi Eugenio, indi Gaetano.

 

OTTAVIO (di dentro): è permesso?... Si può?... (Entrando.) Non c’è nessuno. Eppure il servo mi ha detto che stavano qui. Forse saranno andati in giardino. (Si avvia verso il giardino.) Oh, guarda. C’è illuminazione stasera... Bravissimo! (Guardandolo.) Pare che ci sia molta gente... Oh! Che vedo!... Eugenio, mio figlio!... (Si allontana.)

EUGENIO: Quella donna, quella donna, farà scoprire tutto!... Chi è?... (Sorpreso:) Papà!...

OTTAVIO: (Qui ci vuol coraggio!). Si, proprio papà, che viene a domandarvi che cosa venite a fare in questa casa!... Eugenio!... Una delle due: o mettete giudizio ed ascoltate gli avvertimenti di vostro padre, oppure allontanatevi da Napoli, e non vi fate più vedere. Voi sapete che vostro padre, per le disgrazie sofferte in Borsa, non ha più i mezzi di una volta. E la principessa che oggi pensa a me ed a voi... E se domani appurerà la vita che fate, sarà una rovina per voi e per me!

EUGENIO: Ma quale vita faccio io?... Amo una buona ed onesta ragazza, ho promesso di sposarla, e la sposerò!...

OTTAVIO: Parlate della ballerina?

EUGENIO: Sicuro!

OTTAVIO: Sposarla? (Ride.)

EUGENIO: Si, sposarla, padre mio, perché è un angelo! Ella mi ama tanto, ed io non cerco di meglio.

OTTAVIO: Ed io vostro padre, mi oppongo!...

GAETANO (entrando): Voglio avvisà lo principe... (Vedendo Ottavio:) Oh!... Voi state qua?... E come! nessuno mi diceva niente!... Marchesì, vi presento il signor Bebè...

EUGENIO: Il signor Bebè! (Con sorpresa.)

GAETANO: Già, così si vuol far chiamare; è il suo pesobonimo, e non sappiamo perché!... V’importa a voi?

EUGENIO: No!

GAETANO: Signor Bebè, vi presento il marchesino Favetti, fidanzato di mia figlia.

EUGENIO: Tanto piacere!... E viene spesso qui il signore?

OTTAVIO: Spesso?... Così... Qualche volta...

GAETANO: No spesso!... spesso!

OTTAVIO: Ma che spesso...

GAETANO: Si, spesso!... spesso!

OTTAVIO: E si, spesso... spesso!

GAETANO: Eh!... Ma vuje nun avita dì buscie! (Ad Eugenio:) (Capite, vene a fà lo spasimante! Ma chillo mò ha ntiso che siete il fidanzato di mia figlia, e nun ce vene cchiù!).

EUGENIO: (Ho capito!).

GAETANO: Intanto, permettetemi nu momento! Vado a dì a lo principe che la mugliera lo vò vedé, si no l’affanno nun se calma. (Poi ad Ottavio:) Signor Bebè, vuje nun avita dì buscie, sinò site nu cattivo pesolonimo! (Via dal primo uscio a sinistra.)

EUGENIO: Bravo! Lei dunque è il signor Bebè?... Lei dunque viene spesso in questa casa?

OTTAVIO: Io sono un uomo... sono vostro padre, e non debbo render conto a voi delle mie azioni!

EUGENIO: è giusto!... Non sò che cosa rispondervi, ed il meglio che io possa fare è di andar via... (Prende il cappello.) Permettete però, caro padre, che io vada a raccontar tutto a mia zia, la principessa.

OTTAVIO: Oh!...

EUGENIO: Oh! Questo lo farò, sul mio onore, lo farò!... Non sarete nominato, ma le racconterò ogni cosa con una storiella. Vi è, cara zia, un giovine che ama ed è riamato da una fanciulla onesta. Egli vuole sposarla e si presenta al padre di lei col suo vero nome. Tutto è stabilito per le nozze. Ma questo giovine è figlio di un signore, di un nobile signore, che, disgraziatamente, ama la stessa fanciulla; però egli non vuole sposarla, né può sposarla, perché i suoi nobili parenti vi si oppongono. E che cosa fa? Sotto un falso nome si reca spesso in quella casa, e, incontratovi il figlio, gli dice: Io non dò conto a voi delle mie azioni!... — Ebbene! Cara zia, ditemi francamente chi vi sembra più onesto dei due: il padre o il figlio?... (Fa per uscire.)

OTTAVIO: Fermatevi. Eugenio!... Voi non farete ciò! Volete sposare Gemma?... Ebbene sposatela!...

EUGENIO: Ma col vostro consenso?

OTTAVIO: Col mio consenso?... Oh, mai!

EUGENIO: Benissimo! E allora io dirò alla zia, che quel padre si chiama Ottavio, soprannominato il sig. Bebè, e che quel figlio si chiama Eugenio!...

OTTAVIO: Venite qui, assassino!... Va bene!... Vedremo di aggiustar la cosa...

 

SCENA SETTIMA

 

Gaetano, Felice e detti, poi Gaetano, Luisella, Pasquale e Concetta.

 

FELICE: Dunque, di che si tratta?... che cosa mi dovete dire? State da mezz’ora dentro, e non mi avete ancora detto niente?

GAETANO: Scusate, principe... Là c’era Bettina, e io non potevo parlare.

FELICE: La cameriera?... Ah!... sapete!... Mi piace quella ragazza.

GAETANO: Me ne so’ acconto!... Sapete chi è venuta, principe e vuole parlare con voi?

FELICE: Chi?

GAETANO: Nientemeno la principessa!... Vostra moglie!

FELICE (stupito): Neh?!... E comme faccio?...

GAETANO. E io che ne saccio!

FELICE: No, dico come farò?

GAETANO: Ci dovete parlare, si nò, poveretta, l’affanno non si calma... Aspettate, mò ve la porto io stesso qua... Sig. Bebè, scusate si stasera non vi dò tanto retta, ma sono occupatissimo!... Vi presento il principe di Casador...

OTTAVIO (a Eugenio): Che!...

GAETANO: Là pò tengo il marchese Ottavio Favetti...

OTTAVIO: (Io!...).

GAETANO E la contessa del Piede... Perciò abbiate pazienza. Fate voi, marchesi, fate voi le mie veci. (A Felice:) Mò, ve la porto, mò ve la porto!... (Via pel giardino.)

OTTAVIO (ad Eugenio): Che diavolo di pasticcio è questo?... Il principe, la principessa, la contessa!...

EUGENIO (ridendo): Venite con me, e vi spiegherò tutto... Ci sarà da ridere a crepapelle!... Venite... (A Felice:) Caro zio!... (Ridendo.)

FELICE: Addio, nipote. (Con grande sussiego.)

EUGENIO (sulla porta): Caro zio! (Ridendo) Ah, ah, ah! (Via pel fondo a sinistra.)

FELICE: Oh! Ride l’imbecille!...

OTTAVIO (corre verso Felice, che indietreggia spaventato).

FELICE: (Me credevo che me zumpava ncuollo!).

OTTAVIO: Signor Principe di Casador! (Ridendo.)

FELICE: Addio, addio! (Con sussiego.)

OTTAVIO (sulla porta): Signor principe di Casador! (Ridendo ironicamente:) Ah, ah, ah! (Segue Eugenio, e via.)

FELICE (va verso la porta in fondo): Neh?... Ma pecché faje lo farenella!... A te chi te cunosce!... (Sulla porta.) D. Eugè, D. Eugè!... (Chiamando.) Mò che vene la principessa comme m’aggia regolà. Guè!... Chillo nun me dà udienza!... E che me ne mporta a me! Mò vide che paliata nce facimmo, io e la principessa!...

LUISELLA: Ah!... Dove sta il principe?

FELICE (atterrito): Luisella!!

GAETANO: Eccolo qua... principe!... Vedete chi vi porto?

FELICE: (Me l’ha fatto lo piacere!).

LUISELLA (abbraccia Felice): Ah, marito mio, caro caro!... Ho bisogno di dirti tante cose! Abbracciami, dimmi tu pure qualche cosa. (Abbraccia forte Felice.)

FELICE: (Mannaggia chi t’ha allattata!). Ma come?!... Lei non è morta ancora?... (A Pasquale:) Fratello, e voi che ne dite di questa visita?

PASQUALE: E che ne debbo dire!... Mi ha fatto tanto piacere!

CONCETTA: Siamo rimasti tutti meravigliati!

LUISELLA: Oh! Ma come questa meraviglia? Perché tanta sorpresa? Certamente io non era morta ancora!... E tu caro principe, avevi già dimenticata la tua cara principessa? (Dà un pizzico a Felice.)

FELICE: Oh!... Ma che dimenticata!... Poc’anzi si parlava di voi.

GAETANO: Neh! Io qua sono soverchio. Voi forse dovete parlare di affari di famiglia, e perciò, se credete, mi allontano.

LUISELLA: Si... difatti... mi farebbe piacere di rimanere sola col principe...

FELICE: (Sicuro! p’avè ma mazziata!) Ma mio fratello e mia sorella possono restare... sono parenti.

GAETANO: Eh! Dice bene il principe. Io me ne vado, perché sono ancora estraneo, ma fra poco sarò anche io parente, allora... Per ora fate il vostro comodo. (Via pel giardino.)

LUISELLA (guarda minacciosa verso il giardino e verso la porta in fondo).

FELICE: (Pascà, mantienela a chesta!...).

LUISELLA (vieni avanti con le mani nei fianchi): A quanto pare, nun nce avite avuto troppo piacere che io sò benuta ccà, pecché D. Concetta mazzeca limone, D. Pascale se mozzeca lo musso, e tu m’avuote la faccia!... Ma che!... ve crediveve che la casa aviveve rimasta la cacciuttella. (Dando un urtone a Felice.)

PASQUALE: Vuje tutto aviveva fà, ma fore de venì ccà, pecché v’era stato avvisato!

CONCETTA: A la fine po: nun se trattava de nu mese!... Se trattava de nu pare de juorne!

LUISELLA: Nu pare de juorne che io aveva stà diuna, ma già io nun parlo cu buje; io l’aggio cu stu piezzo d’assassino, che me puteva purtà pure a me!

FELICE: Io nun era juto a la villeggiatura, nun me n’era juto ncampagma!... Se trattava de fà nu piacere a n’amico, e tu nun nce putive venì!

LUISELLA: E io sò benuta! Sta rroba (mostrando l’abito che indossa) me l’aggio fatto mprestà da na signora e me sò presentata.

PASQUALE: E avite fatta ma cosa bona, neh, D. Luisè? Pe causa vosta avimmo avuta na cancheriata da D. Eugenio... Cheste sò penzate de femmenella, scusate!

LUISELLA (adiratissima, scuotendo a destra e a sinistra il cappellino che ha in testa).

FELICE: (Ma ch’è nu berrettino pe la notte!).

LUISELLA: Guè!... nun me chiammà femmenella, sà, pecché si nò, comme stongo mò, nun saccio a che ghiammo a fenì.

FELICE: Luisè, ca ccà nun staje a casa toja!... Qua stiamo in casa di un signore... Statte zitta!

LUISELLA: Chi se sta zitta! Chi se sta zitta!... Io t’aggio ditto che sta vita nun la voglio fà cchiù, nun te voglio vedé cchiù.

 

SCENA OTTAVA

 

Detti e Bettina che entra, e resta ad osservare tutti tenendosi in disparte.

 

FELICE: Ma chi te vò vedé cchiù!... Chi te vò vedé... Pe causa soja aggio passato nu sacco de guaje!

LUISELLA: Pe causa mia haje passate nu sacco de guaje?... Tu sì stato sempe nu disperatone!

FELICE: Sò stato sempe nu disperatone? Neh, tu siente, Pascà?

PASQUALE: Eh! dimmella a me!... Chesto nun lo può dicere, pecché cunuscenno a te è ghiuto pezzenno.

LUISELLA: Sciù, pe la faccia toja!...

PASQUALE: Pe la faccia de mammeta!

LUISELLA: E ghiuto pezzente pe me?!... Chillo m’ha mpignato tutte cose.

FELICE: E n’auta vota mò cu sti pigne!... E n’auta vote cu sti pigne!... Ma chi me li dà 47 lire pe nun la sentere cchiù?

BETTINA (avanzandosi): Te le dò io!...

CONCETTA: D.a Bettina!...

PASQUALE: La mugliera...

LUISELLA: Oh!... vuje State ccà?

FELICE (in mezzo alle 2 donne): Ma che bulimmo fà mò ccà?... che bulimmo fà?!

LUISELLA: E allora è n’auta cosa, allora nce penzate vuje... A vuje nun ve songo niente 47 lire?...

BETTINA: Se capisce, ca nun me songo niente, pecché io me l’abbusco co la fatica!... E sa che te dico, Luisè!... Vattenne co lo buono, pecché si nò te ne vaje malamente!

LUISELLA: Me ne vaco malamente!... Me ne vaco malamente!...

FELICE: Ca chella tene lo curtellino dinto a la sacca...

LUISELLA: Vattenne, che tu nun haje fatto mai niente; e si vuò fà buono, và fa lo lietto a la signora, ca tu, nfaccia a me nun può dicere: vattenne!

PASQUALE: Chella è mugliera! E comme a mugliera lo pò dì! (Mentre gestisce lascia cadere per terra, disotto al pastrano una posata d’argento.)

FELICE: (Pascà, ca nuje jammo ngalera! Pascà, ca nuje jammo ngalera).

PASQUALE (raccoglie in fretta la posata, e la ripone su una mensola): (Ma che! Io a tavola era distratto, e me l’aggio misa dinta a la sacca).

LUISELLA: Ma la mugliera se l’ha dà piglià co lo marito ca va facenno tanta mbroglie, e accussì me ngannate a me puverella!

BETTINA: No, me l’aggia piglià sempe cu tico, che te mettiste cu n’ommo nzurato!

CONCETTA: E se capisce!... Na bona figliola chesto nun lo fà!

LUISELLA: Guè, trabaculo scassato, statte zitta, pecché io piglio a schiaffe, primma a te e po’ all’aute!...

CONCETTA (gridando): Lo dice pecché staje ccà ncoppa!

LUISELLA (gridando): No, ve lo dico pure abbascio!

FELICE (gridando): Statte zitta!...

PASQUALE (gridando): Sì stata sempe na zantraglia!...

LUISELLA (gridando): A me zantraglia?! (Si azzuffano urlando e strepitando e nella zuffa Felice prende uno dei suoi bqffetti finti.)

 

SCENA NONA

 

Gaetano, Gemma, Luigino, e Pupella, dal giardino; Vicienzo, e Giacchino dal fondo indi Ottavio, Eugenio e detti.

 

GAETANO: Guè, oh!... E che stammo abbascio a lo Lavenaro! (Accorrono tutti gli altri e riescono a separarli.)

GIOACCHINO: Ch’è stato?... Se sentono li strille da vascio?

GAETANO (guarda Felice che ha un baffo solo): Che!... Principe!... Se n’è caduta ma mignatta!...

FELICE (sorpreso, avvicina la mano alle labbra, e gira intorno a D. Gaetano).

GAETANO: Mò lo va truvanno da dereto a me!

FELICE (a Gaetano): Forse, chi sa... qualche mossa di sangue!...

GAETANO: Eh!... Ma ch’è stato, principe, marchese.

LUISELLA: Vuje quà principe?... Quà marchese?... Signò, vuje che dicite! V’hanno mbrugliato!... Chiste sò quatte disperatune!... Uno è D. Felice Sciosciammocca, lo scrivano, e l’auto è D. Pascale lo salassatore!

GAETANO: Chè!

LUISELLA: Nu certo D. Eugenio, che fa l’ammore co la figlia vosta, l’ha fatte travestì de chella manera pe ve puté mpapucchià, e io me sò finta principessa, pe scummiglià tutte cose! E vuje ve l’avite creduto?... Mamma mò, e che piezzo de battilocchio site, neh! (A D.a Concetta, Felice, Pasquale e Pupella.) Chillo era lo Marchese! Chillo era lo principe!... Chella era la cuntessa!... Chell’auta la cuntessina!... Sti quatte muorte de famma! ... E mò sa che ve dico!... Dimmane purtateme li 47lire, pecché si no addò ve trovo, ve mengo ma vricciata mmocca, e ve faccio perdere lo sapore de lo pane. Marchese... principe... contessa!... Sciù pe li facce voste! Che puzzate essere accise! accise! (Via pel fondo a destra, mentre compariscono sulla soglia Ottavio ed Eugenio.)

GAETANO: Possibile! Ed è vero tutto questo?

GIOACCHINO: Sissignore, D. Gaetà! Vuje quà principe?!... quà marchese?!... quà cuntessa?!... Chille m’hanna dà 5 mesate pe nu quartino che l’affittaje!

GAETANO: Vuje che dicite?... Neh!... Gemma?... Lo marchesino addò stà? (Gridando.)

EUGENIO (avanzandosi con Ottavio): D. Gaetano mio, perdonatemi, ho fatto fare questa finzione, perché amavo troppo Gemma, ed ora sono pronto a sposarla col consenso di mio padre, qui presente. (Mostra Ottavio.)

GAETANO: Come! Voi, suo padre?!...

PASQUALE: Sissignore, lui è il marchese Ottavio Favetti.

GAETANO: E perché ve faciveve chiamà il signor Bebè?

OTTAVIO: Per poter venire in questa casa da incognito, parlare con Gemma, conoscere il suo carattere, e vedere se era degna di mio figlio!

GAETANO: Veramente?

OTTAVIO: Parola d’onore!

GAETANO: Meno male!... Allora, sposatevi e il Cielo vi benedica!

EUGENIO: Finalmente! (Abbraccia Gemma.)

LUIGINO: Papà, benedite anche a noi!... Io amo la contessina, la contessina mi ama, e ci vogliamo sposare.

GAETANO: Quà contessina?!... Faciteme capì, chesta mò chi è?

PASQUALE: è mia figlia.

CONCETTA: E io songo la mamma.

GAETANO: E bravo!... E tu comme te ne sì nnammurate, tutto nzieme?

PUPELLA: Tutto nzieme?!... Nuje facimmo ammore da nu mese e miezo!... Guè! oh!...

LUIGINO: Sissignore, papà, da tanto tiempo!

GAETANO: Va bene, per il piacere che ho maritata mia figlia, vi sposerete anche voi.

PUPELLA: Che bella cosa!... Che bella cosa!

LUIGINO: Bellezza mia. (L’abbraccia.)

GIOACCHINO: D. Gaetà, scusate, e a me le 5 mesate chi me le dà?

GAETANO: Ve le dò io!

GIOACCHINO: Va bene.

CONCETTA: Oh, che piacere!

PASQUALE: Bravo D. Gaetano!

FELICE: D. Gaetà, e io?...

GAETANO: A proposito. Vuje pecché stiveve dinto a la cammera de Bettina, e pecché diciveve nfaccia a Peppeniello: «Figlio mio! Figlio mio!»?

FELICE: Pecché a Bettina le so’ marito, e a Peppeniello le so’ padre.

BETTINA: Sissignore, eccellenza! Simme state spartute 6 anne, e mò pe sta cumbinazione nce simmo cuncentrate.

GAETANO: Bravissimo!... E Peppeniello v’è figlio?

VICIENZO: Sissignore, eccellenza, e io pe lo fà rimané dinta a sta casa, v’aggio ditto che l’era patre.

GAETANO: Mannaggio ll’arme de li mamme voste!... Vì quanta mbroglie!... E chill’assassino de lo guaglione, comme ha fatto la parte naturale!... Vicienzo m’è padre a me!... Addò sta? Addò sta?

VICIENZO: Sta dinta a chella cammera. (Mostra la prima porta a sinistra.) Se sta mettenno la sciassa.

GAETANO: Aspettate, voglio vedé si se ricorda. (Suona 3 tocchi.)

 

SCENA ULTIMA

 

Peppeniello e detti.

 

PEPPENIELLO: Comandate, eccellenza!

GAETANO: Bravissimo!... Dimme ma cosa? (Conducendolo nel mezzo della scena.) Tu a chi sì figlio?

PEPPENIELLO: Vicienzo m’è patre a me!

GAETANO: Mò te dongo nu schiaffone!... Nun è overo!... Chesto te l’hanno mparato. Pateto è chistu ccà! (Mostrandogli Felice.)

PEPPENIELLO (voltandosi): Uh! Papà!

FELICE: Sì, pateto, che ha passato tanta guaje, fra la miseria vera e la falsa nobiltà!

 

(Cala la tela.)

 

Fine dell’atto terzo

 

Fine della commedia

Bar

Home

Next

Back

Email

Edizione HTML a cura di: [email protected]
Ultimo Aggiornamento:17/07/2005 01.00

Bar

Victorian Elegance Logo

Guestbook

View Guestbook