Home

Welcome To My Homepage

Email

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Bullet     Bullet     Bullet     Bullet     Bullet

MISERIE E NOBILTA'

Commedia in tre atti

Di: EDUARDO SCARPETTA

BackHomeNext

Bar

.

ATTO SECONDO

 

 

Salotto in casa di Don Gaetano. Mobili dorati, un divano, due poltrone, sei poltroncine. Due mensole con specchi, orologio e candelabri. Nel centro della camera pende un lampadario. Molte corbeilles di fiori sono sparse per la scena, e tutte recano il biglietto da visita del donatore. Un tavolino con occorrente da scrivere, campanello a timbro e album di fotografie. Porta d’ingresso in fondo, quattro usci laterali, da uno dei quali il secondo a destra del pubblico si accede in giardino.

 

SCENA PRIMA

 

Vicienzo e Peppeniello, poi Gaetano e Biase.

 

VICIENZO (dal fondo a Peppeniello, che lo segue con un involto sotto il braccio): Trase, trase, Peppeniè!... Nun avè paura, aspetta ccà, e non te movere. Chillo mò esce lo patrone, e io te ce presento. Haje capito?

PEPPENIELLO: Sissignore.

VICIENZO: Vedite llà!... A chell’aità!... Povero guaglione, va truvanno de fà lo servitore pe magnà. Ma, dimme na cosa, vienè ccà... tu a Michele lo senzale comme lo canusce?

PEPPENIELLO: Pecché ha fatto lo cumpare a paterno... e io le songo cumpariello.

VICIENZO: E isso t’ha mannato ccà?

PEPPENIELLO: Sissignore, ha ditto va llà, ca chella è na bona casa pe tte, nce sta Vicienzo che è amico stretto, parla cu chillo, e nun te n’incaricà.

VICIENZO: Va bene, ma fino a nu cento punto, Peppeniello mio, pecché io nun songo lo patrone. Mò vedimmo isso che dice. Si te vò fa stà, bene, e si no ch’aggia fà?... Te ne vaje.

PEPPENIELLO: Me ne vaco? E addò vaco, neh, D. Viciè?... Io me moro de famma!

VICIENZO: (Vuje vedite chisto comme è curiuso! Da na parte me fa pure cumpassione!). Ma dimme na cosa: tu tiene mamma, tiene patre?

PEPPENIELLO: Li ttengo, li tengo, ma comme nun li tenesse.

VICIENZO: E pecché?

PEPPENIELLO: Pecché stanne cchiù disperate de me... A casa mia se magna nu juorno sì e nu juorno no...

VICIENZO: Aggio capito! Ma pateto e mammeta po avessena strillà che tu stai luntano da la casa, che faje lo servitore?

PEPPENIELLO: A chi?!... Chille hanno ditto: mparate n’arte, e vattenne, pecché nuje nun te putimmo dà a magnà.

VICIENZO: Ah! Chesto hanno ditto? E bravo!... Vì che belli patre e mamme!... Va buono, Peppeniè, nun te ne incaricà, nce stongo io che penzo pe tte!... Dinto a sta mappata che puorte?

PEPPENIELLO: Lo vestito da servitore, che m’ha rialato lo cumpare.

VICIENZO: Va bene. (Mò dico a lo patrone che chisto m’è figlio, e, o vò, o nun bò, se l’ha da piglià pe forza). Siente, si tu vuò rimane certo dinto a sta casa, haje da dicere che io te so’ patre; e quanno lo patrone t’addimanna: «Vicienzo che t’è?» tu haje da risponnere: M’è patre, eccellenza. Haje capito?

PEPPENIELLO: Vuje abbasta che me facite magnà, io ve chiammo pure mamma!

VICIENZO: E chiunque t’addimanna haje da dicere sempe che me sì figlio.

PEPPENIELLO: Va bene.

GAETANO (di dentro, gridando): Tu sì na bestia, tu non sì buono a niente, vattenne fora!

VICIENZO: Zitto, lo patrone! Mettimmece ccà. (Si ritirano in fondo.)

GAETANO (comparendo in iscena): Lassa, lassa a me! Mannaggia l’arma de mammeta! (Reca una lunga treccia di rose e camelie. Biase lo   segue.)

BIASE: Ma addò la vulite mettere?

GAETANO: La voglio mettere ncapo a mammeta!... Guardate! Aggia dicere a isso addò la voglio mettere...

VICIENZO: Eccellenza, ch’è stato?

GAETANO: Viciè, staje lloco, e me faje venì stu mamozio de Puzzuole? Viene ccà, saglie ncoppa a chella seggia, e miette sti fiori ncoppa a chella porta. (Indica il secondo uscio a sinistra.)

VICIENZO: Subeto! (Esegue.)

BIASE: Ma ch’avita da fà la festa, neh, signò? (Ride.)

GAETANO: Tu statte zitto e nun ridere, pecché si no te mengo da coppa abbascio!... Entrate fuori!

BIASE: Uh! Entrate fuori! (Ride.)

GAETANO: Guè! Non tanta confidenza, sà!

BIASE: Ma io...

GAETANO (gridando): Fuori! fuori!

BIASE: Bis! Bis! (Via pel fondo.)

GAETANO: Va buono, te voglio fà vedé io lo bis, lo ssà!... Vì che ciuccio!... Faccio la festa! Comme si avesse mise tutte lampiuncielle. Io ho messo tutte rose e camelie, e ogni camelia m’è costata 5 soldi... Eh! E doppo che me custava 5 lire, che me mpurtava?!... Per mia figlia Gemma voglio spendere qualunque somma. Oggi è l’anno avversario della sua nascita, e l’aggia sulennizzà come si deve... E poi, povera figlia, so’ denare suoje, s’è fatica cu li piede... Viciè, aissera, chillu passo a duje!... Dì la verità?

VICIENZO: Ah! che lo dicite a fà, eccellenza!... La signurina me pareva n’auciello.

GAETANO Bravo! N’auciello!... Che bella cosa!... Te ricuorde quanno avette chella sbattuta de mane che duraje cchiù de nu quarto d’ora?

VICIENZO: Sicuro, eccellenza!

GAETANO: E tu pazzie!... Chella facette chillu passo accussì difficile, te ricuorde?... Mettette nu pede cu la ponta nterra e cu l’auto pede po’, la coppa a lo palcoscenico, scennette fino abbascio menanno cauce! (Esegue in caricatura.) Che bella cosa! Benedetta figlia mia, benedetta!... quanno avette chella sbattuta de mane, n’auto poco me steva venenno na cosa dinta a la quinta.

VICIENZO: E se capisce!

GAETANO: Mò avarria essere viva Angelarosa, la mamma! quanno la vuleva bene!...

VICIENZO: Ma scusate, signò, chelli camelie pecché l’avite mise là?

GAETANO: Pecché chella è la cammera soja, e mò che se ritira da la passeggiata, trova la sorpresa. Vide ccà quanta mazzette! Quanta fiori!... (Addita alcune corbeilles; poi prende un biglietto da visita che è sulla prima a sinistra e legge.) Alfonso... Alfonso... Vide, Viciè, liegge tu, chisto è nu carattere troppo piccerillo.

VICIENZO (legge): «Alfredo del Cane, Barone di Terranova».

GAETANO: Capisce, tutte nobele! — Barone Alfredo dei cani di Terranova —. E chist’auto? (Prende il biglietto da visita che è su un’altra corbeilles in fondo a sinistra.) Liegge, Viciè.

VICIENZO: «Aurelio Frichè dei Duchi di Castelquagliato. (Leggendo.)

GAETANO: Scuse!... Castelquagliato!... E chist’aute? (Come sopra, dal fondo a sinistra.) Liegge, Viciè.

VICIENZO (legge): «Il signor Bebè».

GAETANO: Ah, va buono, chisto è il signor Bebè... E nu viecchio ch’è benuto 3 o 4 vote ccà; e nun putimmo sapé comme se chiamma... è abbonato alla poltrona, vene ogne sera... Seh! E sul’isso vene!... Ne venarranno da nu centenaro, e tutte pe figliema, veneno, tutti suoi adoratori!

VICIENZO: Signò, scusate, e cu lo Marchesino D. Eugenio che facite? A me mme pare che la signorina lo vò bene assaje.

GAETANO: Che bene e bene!... Viciè, ma che sì pazzo? Chella lo cuffea!

VICIENZO: Ma isso dice che se la vò spusà?

GAETANO: Ah, dice, ma non lo fa... Io per me ne avrei piacere, ma so’ i parenti suoi che si oppongono, e io nun pozzo tené nu spittenicchio dinto a la casa. Po’ essere che chella povera criatura overo ne mette na passione. Io aiere matina nce lo dicette: Marchesì, fenimmo sta storia!... quanno vuje me purtate a papà co lo zio e co la zia, e nnanze a me ve danno lo cunsenso, allora trasite dinto a la casa mia, e si no nun ce venite cchiù, pecché nce ncuitammo.

VICIENZO: E isso che ve rispunnette?

GAETANO: Niente. Me lassaje comme a na carota, e se ne jette. Ma io lo ssaccio: lo patre e li zii ccà nun veneno, pecché sò nobili, sò superbi.

VICIENZO: Embè, ched’è? Vuje nun site nobele?

GAETANO: Sicuro!... Embè, che nce vuò fà?... Anze, Viciè, io te volevo dicere na cosa, quanno me parle, nun te scordà de lo titolo. Tu dice sempe: Eccellenza, eccellenza, eccellenza! Ma vene primma lo titolo, e po’ l’eccellenza. Per esempio, io ti dico: Vicienzo, avete fatto la tal cosa? Si, cavaliere eccellenza... — Haje capito?

VICIENZO: Va bene!... Cavaliere eccellenza, vi dovrei dire na cosa.

GAETANO: Che cosa?

VICIENZO: Peppeniè, fatte nnanze, e saluta lo signore.

PEPPENIELLO (si fa avanti): Servo vostro, eccellenza.

GAETANO: Buon giorno! E chi è stu guaglione?

VICIENZO: Cavaliere eccellenza, m’è figlio, nun aggio addò lo mettere, lo vurria tenè vicino a me, e se il cavaliere vostra eccellenza vuole, lo faccio sta cu me... Ve serve pur’isso, e le date na cusarella e lo magnà!

GAETANO: Ah! bravo!... Tu sì figlio a Vicienzo?

PEPPENIELLO: Sissignore, isso m’è patre a me!

GAETANO: E se capisce! Si tu sì figlio a isso, isso ha da essere patre a te... Seh! Me piace! è nu bellu guaglione. (Piano a Vicienzo:) (Viciè, ma tu mme pare che me diciste che nun ire nzurato?).

VICIENZO: (Nun songo nzurato, ma comme si fosse... Capite?).

GAETANO: (Va buono, aggio capito!). Sissignore, aggio capito! fallo sta cu tico. Pe mo le damme diece lire a lo mese, si pò se porta buono l’avanzammo pure...

VICIENZO: Grazie, eccellenza... o sia, cavaliere eccellenza! Vase la mano a lo signore, Peppeniè!... (Peppeniello bacia la mano a Gaetano.)

GAETANO: Grazie, grazie.

PEPPENIELLO: Vicienzo, m’è patre a me!

GAETANO Va bene, aggio capito!... Guè, chillo me lo dice n’ata vota!... Si, ma chisto nun po’ stà vestuto accussì

VICIENZO: Nonsignore, cavaliere eccellenza, io l’aggio fatto lo vestito da servitore... Lo tene dinto a sta mappata.

GAETANO: Embè, allora va lo vieste, e po’ lo mettimmo fora a la sala, vicino lo casciabanco... Lo lo vulimmo mettere ncoppa a lo casciabanco?

VICIENZO: E allora pare na statuetta de gesso!

GAETANO: Haje ragione... Miettelo vicino a lo casciabanco, comme si fosse nu valletto.

VICIENZO: Va bene.

GAETANO: Viene ccà!... Tu comme te chiamme?

PEPPENIELLO: Peppeniello.

GAETANO: Peppeniè, ccà sta lo timbro.

PEPPENIELLO: E ched’è lo timbro?

GAETANO Lo campaniello. (Suona un tocco.) Un tocco, è la cameriera di mia figlia. Ma tu nun te n’incaricà, nun te movere. (Suona due tocchi.) Due tocchi.

BIASE (entrando): Comandate, eccellenza!

GAETANO: (Guè, chillo nun è stato maje esatto comme a mò!). Chi t’ha chiammato?

BIASE: Due tocchi, eccellenza.

GAETANO: A te te n’ha da afferrà uno buono!... Vattenne ca nun aggio chiamato a te!

BIASE (guarda i festoni di fiori attaccati alla porta, e va via ridendo).

GAETANO: No, io a chillo cestariello ne l’aggia mannà.

VICIENZO: Perdonatelo, cavaliere eccellenza, chillo è nu poco scemo.

GAETANO: Seh! Portatillo a casa, chillo scemo!... Dunque? Due tocchi, o chiammo a pateto o a chill’auto animale anfibio, che mò se n’è ghiuto. (Suona 3 tocchi.) Quanno po’ siente sti 3 tocchi, è segno che chiammo a te, e tu te presiente... Haje capito?

VICIENZO: Va bene, cavaliere eccellenza, nun ce penzate! Chillo, lo guaglione tene talento. Jammuncenne, Peppeniè...

PEPPENIELLO: Permettete, signò... (Arriva sotto l’uscio in fondo, si volta e ripete a Gaetano.) Vicienzo m’è patre a me!

GAETANO: E che buò da nuje? ( Vicienzo e Peppeniello vanno via pel fondo a sinistra.) Che giornata, che bella giornata, che bella giornata!... Comme pare bella sta cammera tutta fiori!... Intanto stammatina aggio ordinato lo pranzo pe 12 perzune, e ccà nun sarranno manco 6. Aiessera mannaje l’invito a lo miedeco de lo primmo piano, e chillo stammatina m’ha mannato a dicere che nun po’ venì, pecché è vigilia e mangia pane e mellone. Mmitaje pure all’architetto de lo terzo piano cu tutta la famiglia, e stammatina m’ha mannato a dicere che nun po’ venì, pecché la mugliera tene dulore de mola. Io po’ dico: sti guaje me li putiveve fà sapé aissera, e io nun avarria ordinato lo pranzo pe dudece. Pure è buono che vene l’avvocato mio co la mugliena e le doje figlie. Sò 4 e 2 nuje sei, e D. Dumenico, lo negoziante a Toledo, sette... Pure na bona tavola è... Ma 12 era meglio, tengo tutto lo servizio completo!... Nun c’è che fà!... Quanno se danno tanta combinazione!... Nce sarria stato pure chill’assassino de figliemo Luigino; ma no, nun lo voglio vedé me n’ha fatte assaje! E pe la capa soja se perde chesti ghiurnate!

 

SCENA SECONDA

 

Ottavio e detto.

 

OTTAVIO (di dentro): è permesso?

GAETANO: Chi è?... Ah! Il sig. Bebè!... Avanti, favorisca.

OTTAVIO (di fuori) : Grazie... Se disturbo, ritornerò un’altra volta.

GAETANO: Ma niente affatto, voi ci fate sempre onore e piacere.

OTTAVIO: Grazie, troppo gentile!

GAETANO: Accomodatevi.

OTTAVIO: Grazie! (Seggono.) Come state? State bene?

GAETANO: Eh, non c’è male. E voi sempre svelto, sempre allegro!

OTTAVIO: Che volete?... io non sto mai di cattivo umore.

GAETANO: Bravo!... Sempre così!...

OTTAVIO: Quanti fiori!... Sono tutti regali di vostra figlia, non è vero?

GAETANO: Sicuro perché oggi è l’anno avversario della sua nascita.

OTTAVIO (ride): Ah, ah! L’anno avversario? L’anniversario volete dire?

GAETANO: E nun aggio ditto accussì?... Oggi ha finito 18 anni.

OTTAVIO: Diciotto anni!... Che bell’età!... L’età dell’allegria, dei fiori e degli amori!

GAETANO: Ah! Nuje l’avimme finite da nu piezzo 18 anni! Anche voi avete mandati dei bei fiori... Ho letto il vostro nome. Il sig. Bebè!

OTTAVIO: Sicuro... perfettamente!... E la sig.na Gemma non c’è.

GAETANO: Nonsignore, è uscita in carrozza con la sua cameriera... Ma poco po’ tricà.

OTTAVIO: Se non vi dispiace, l’aspetterò. Voglio personalmente darle i miei auguri, e di più offrirle un piccolo ricordo. (Tira fuori da una tasca un astuccio con un anello.) Ecco!... Un anellino.

GAETANO (ossetvandolo): Bellissimo! Altro che anellino, questo è nu anellone!... C’è una lettera sopra tutta in brillanti.

OTTAVIO: Sicuro, è una B... Bebè, il mio pseudonimo.

GAETANO: Già, Bebè, il vostro pseudonimo!... Per ora vi ringrazio con la bocca mia; quando poi viene mia figlia vi ringrazia a voce, con la bocca sua.

OTTAVIO: Oh, niente, per carità!

GAETANO: Ma scusate, voi perché non volete dire come vi chiamate?

OTTAVIO: Perché è inutile. Che ve n’importa a voi? Mi chiamo Bebè... il sig. Bebè.

GAETANO: Va bene, come volete voi.

OTTAVIO (tira fuori un portasigarette, ne prende una e ne offre un’altra a Gaetano): Posso offrirvi?

GAETANO: Che è chesta?... Na bacchetta de spirito d’amenta?

OTTAVIO (ridendo): Ma no, una sigaretta.

GAETANO: Oh, se fumano?

OTTAVIO: Sicuro! (Accende un cerino.) Accendete. (Gaetano accende.) Queste vengono dal serraglio.

GAETANO: Ah!... Li ffanno li guagliune llà dinto!...

OTTAVIO: Ma che! Vengono da Costantinopoli, c’è dentro la barba del Sultano.

GAETANO: Sò fatte co la barba del Sultano?!... Vì! Comme hanna addurà!

OTTAVIO (ridendo) Son fatte con un tabacco che si chiama così: la barba del Sultano.

GAETANO (fumando si disturba e tossisce).

OTTAVIO: Che cos’è?

GAETANO: M’è ghiuto nu pilo de la barba nganna!

OTTAVIO: Se vi disturba, non fumate.

GAETANO Sì, la verità. (Posa la sigaretta.) Signor Bebè, vi ricordate ieri sera che festa a mia figlia?

OTTAVIO: Ah, sicuro!... C’era però un pochino di contrasto, ma la sinistra vinse.

GAETANO: Già! Io questo osservai; tutte le poltrone a sinistra sbattevano le mani, facevano chiasso, e chelle a dritta, nun se muvevano... Perché, Don Bebè?

OTTAVIO: Eh!... Perché?... Partito contrario, mio caro!... Tutte le poltrone a destra proteggono Erminia Pax, l’altra prima ballerina.

GAETANO: Ah, perciò!... E vonno mettere la Pax con mia figlia?... Seh!... Nce ne vonno Pax per mia figlia!

OTTAVIO: Ah, non c’è paragone!

GAETANO: Dite la verità, D. Bebè?

OTTAVIO: D’altronde che ci volete fare? Sono partiti!... Poi vi sono i capipartiti; io, per esempio, sono capo partito della sinistra, e se domani sera... questo già non sarà mai, dico per dire, se domani sera voglio subissare vostra figlia, la subisso!

GAETANO: Eh, va bene, ma mia figlia tiene l’arte.

OTTAVIO: Che vuol dire!... Il pubblico a questo non ci bada. Io mi metto in testa di fischiarla, e la fischio!... Dico per dire.

GAETANO: Già! è l’istesso fatto, per esempio che io, essendo suo padre dopo che voi l’avete fischiata, v’aspetto fora, e ve faccio nu paliatone!

OTTAVIO: Oh!

GAETANO: Dico per dire!

OTTAVIO: Ah, va bene.

GAETANO: Ma voi siete un gentiluomo, e non la fischierete.

OTTAVIO: Ma che! Ho portato un paragone per farvi comprendere di che sono capaci i capi partiti.

GAETANO: Ed io vi ho portato un altro paragone per farvi comprendere di che sono capaci i padri. (Ottavio ride.) D. Bebè, lo vì!... D. Bebè! A proposito D. Bebè, potrei avere il piacere di tenervi a pranzo con noi quest’oggi?

OTTAVIO: Quest’oggi?... Mi dispiace, ma non posso... Sono stato già invitato, mi procurerò il piacere un’altra volta... Questa sera, se vi fa piacere, verrò a prendere il caffè con voi.

GAETANO: Va bene. Intanto, permettetemi, vado a lavarmi un poco, a fare un po’ di toletta. Da che mi sono alzato, non ho fatto altro che attaccare rose e camelie per mia figlia. Vedite llà! (Mostra la porta.)

OTTAVIO: Ah, bravo!... Fanno bene!

GAETANO: Con permesso?

OTTAVIO: Attendete.

GAETANO (dopo una pausa): Ma che?... Mi dovete dire qualche cosa?

OTTAVIO: No.

GAETANO: E voi mi avete detto: Attendete.

OTTAVIO: Dico, attendete, fate pure il vostro comodo.

GAETANO: Ah, va bene... Intanto voi potete vedere i ritratti nell’album... potete passeggiare un poco in giardino. Io vengo subito.

OTTAVIO: Ma si, fate pure.

GAETANO: Grazie, sig. Bebè!... Io non capisco pecché v’aggia chiammà Bebè. Ogne vota che parlammo, aggia sunà lo tamburro pe nu quarto d’ora... bè brè... bè brè... Ma voi dite che è il vostro pesolonimo, e io non voglio contraniarvi. (Via dalla quinta a destra.)

OTTAVIO (ridendo): Ah! ah! ah!... Che tipo curioso!... Per forza vuol sapere come mi chiamo. Dire il mio vero nome a lui!... Dovrei esser pazzo! Se mio fratello, il principe di Casador e mia sorella, la contessa del Pero, venissere a scoprire che io faccio la corte ad una ballerina, povero me!... Starei fresco!... Se non avessi sciupato quasi un milioncino con queste ragazze, non darei conto a nessuno delle mie azioni; ma oggi, pur troppo, ho bisogno dei miei parenti, e debbo agire con molta cautela. Tanto più che faccio sempre delle lezioni di moralità a mio figlio Eugenio!... Se egli sapesse che vengo in questa casa, povero me!... Povero me!

 

SCENA TERZA

 

Gemma, Bettina e detto.

 

GEMMA (di dentro, ridendo con Bettina): Ah! ah! ah! Va bene... grazie, grazie.

OTTAVIO: Ah, eccola qui. (Va in giardino.)

GEMMA (viene avanti con 2 mazzolini di fiori in mano, in abito da passeggio, elegantissima. Bettina la segue con altri 2 mazzolini in mano. Indossa un abito di seta nera): Ma chesta veramente è na cosa curiosa! Sta jurnata me subissanno de buchè. Pure Biase me n’ha dato uno!... Fiori da tutte le parte!... Teh! Guarda ccà! Io mò che ne faccio de tutti sti fiori?

BETTINA: L’anno che bene, nce l’avite avvisà 4 juorne primma a tutte quante che fiori nun ne vulite, sentite a me. (Si levano i cappellini.)

GEMMA: Vedimmo chisto chi è? (Prende il primo biglietto da visita come ha fatto Gaetano, e legge:) «Alfredo del Cane». Ah! Chisto è lo baruncino!... Chill’antipatico... Nun lo dammo audienza. (Prende il secondo biglietto e legge:) «Aurelio Frichè». (A Bettina:) E chi è stu Frichè?

BETTINA: E chi lo ssape?

GEMMA: Ah, chisto è chillu nobele, curto curto... Si vide quant’è curiuso!... La sera se fa mettere 4 cuscine ncoppa a la poltrona, e po’ s’assetta.

BETTINA: E chisto ha da essere Tombus.

GEMMA: Proprio Tombus! Accussì lo chiamammo nuje... E chist’auto chi è? (Prende il terzo biglietto, e legge.) «Il sig. Bebè».

OTTAVIO (avanzandosi) M’avete chiamato?

GEMMA: Ah, vuje stiveve ccà?

OTTAVIO: Si, stavo qua, tesoretto mio. Son venuto per augurarvi tutte quelle felicità che il vostro bel cuore desidera! Anche io questa mattina ho voluto mandarvi dei fiori; poi personalmente, vi prego di accettare questo piccolo dono, che terrete come semplice ricordo del sig. Bebè.

GEMMA: Ah, bravo! (Prende l’astuccio, lo apre, ed osserva l’anello.) Carino!

OTTAVIO: (Carino!... Quello mi costa 1600 lire!). Quella è una B. tutta in brillanti.

GEMMA: Già, una B!... Tiene, Bettì, miette là ncoppa!... (Bettina prende l’astuccio, e lo pone sulla mensola.)

OTTAVIO: Se voi, signorina foste meno crudele con me, quante e quante cose farei per voi, perché vi giuro che mai in vita mia ho amato una donna come amo voi, o Gemma!...

BETTINA: Oh! signurì, io nun ce avevo badato!... Guardate quanta rose e quanta camelie stanno vicino a la porta de la cammera vosta!

GEMMA: Uh! Veramente!... E chi nce l’ha poste?

OTTAVIO: Vostro padre mi ha detto che da stamattina non ha fatto altro che attaccar rose e camelie... Forse sarà stato lui.

GEMMA: Povero papà! Quanto me vo bene!... Pe sta nascita mia sta ammuinato da 8 juorne, e se po’ dì che la notte nun ha durmuto.

OTTAVIO: Non solamente vostro padre, signorina. Anch’io stanotte non ho potuto riposare, e pensando a voi, dicevo fra me: chi sa se mi accorderà una sola parola di speranza, quella parola che non ho potuto mai ottenere, e non sè perché...

GEMMA: Ma scusate, signore, io credo che v’aggio parlato chiaro bastantemente. Site vuje che ve piace de perdere lo tiempo. Quanno venisteve la primma vota, e me dicisteve tante belle parole, e me facisteve tanta belle promesse senza mai parlare della cosa più essenziale, io subito capii, e che ve rispunnette?... «Signor Bebè, voi avete sbagliato, io non voglio diventare chella che me vulite fà diventà vuje. Si veramente tenite na gran premura pe me, spusateme, chesto è chello che desidero, «A sta parola “spusateme”» che v aggio ripetuto cchiù de ciento vote, vuje nun parlate cchiù, e v’arreffreddate. Ma pecché vurria sapé?

OTTAVIO: Ecco qua, Gemma mia, vi dirò... Io appartengo ad una nobile famiglia... e i miei parenti, capisci…

GEMMA: Capisco... i vostri parenti... la vostra nobile famiglia, nun vedarrieno buono stu matrimonio, pecché io sò na ballerina... e siccome chesta ballerina amerà sulamente a chillo che le parlarrà de matrimonio, così caro signor Bebè, scusate se vi dico che dovete battere la ritirata. (Bettina canterella il motivo della ritirata, e Gemma le fa coro. Tutte e due ridono con aria di scherno.)

OTTAVIO (dopo una pausa): E mi lasciate così barbaramente?... Non mi dite altro?

GEMMA: Nient’altro, non ho altro da dirvi.

OTTAVIO: Ebbene, ci penserò, e spero di farvi contenta, perché mi sarà impossibile dimenticarvi, o Gemma. Vi amo troppo, e col tempo ve ne convincerete! (Una pausa.) Uno di questi giorni resterò a pranzo da voi. Vostro padre voleva farmi rimanere oggi, ma con mio dispiacere non ho potuto accettare, perché avevo un altro impegno... Vi farà dispiacere se pranzerò un giorno con voi?

GEMMA: Oh, anzi, staremo allegri!

OTTAVIO: Bravissimo! Dunque, arrivederci mia cara!... A questa sera.

GEMMA: A rivederci.

OTTAVIO: Col tempo ve ne convincerete... ve ne convincerete... (Bisogna aver pazienza e costanza, io sò il mestiere!). (Via.)

GEMMA: Ah! ah! ah! (Ridendo.) Quanto è curioso!

BETTINA: A chell’età vò fà ancora lo giuvinotto!

GEMMA: Appena sente parlà de spusalizio se ne scappa!... Basta Bettì, mò che simme trasute dinto a lo palazzo, lo guardaporte m’ha conzignato stu biglietto. Dice che nce lo ha dato Eugenio da stammatina, e nun ha avuto tiempo de me lo dà primma. Vedimmo che dice. (Apre il biglietto.) Attiente, Bettì! Avessa venì papà?

BETTINA: Nun avite appaura, leggite! (Va a guardare verso l’uscio a destra.)

GEMMA (legge): «Cara Gemma, oggi presenterè a tuo padre la mia famiglia, e se la sorte ci sarà favorevole, se riuscirà la finzione, saremo felici e per sempre. Per ora non ti dico altro; a voce ti dirò il resto. Ama sempre il tuo Eugenio». E che vò dicere chesto? Che sarrà sta finzione?

BETTINA: Che ne saccio, signurì?... Chello che ve pozzo dicere sulamente: stateve attiente, pecché a li vote, na figliola quanno meno se crede è ngannata!

GEMMA: Tu che dici, Bettì!?... Chillo, Eugenio, va pazzo pe me.

BETTINA: E chill’assassino de maritemo pure lo pazzo faceva e pè quanno me spusaje...

GEMMA: Comme!... Bettì, tu sì mmaretata?

BETTINA: Sissignore, signurì, da 8 anne! Me spusaje nu giovene de nutaro, nu certo Felice Sciosciammocca, e doppo 2 anne de matrimonio nce spartetteme.

GEMMA: E pecché ve spartisteve?

BETTINA: Pecché chillu birbante se mettette a fà ammore cu na sarta, e pe chella femmena steva facenno j la casa sotte e ncoppa. Io l’appuraje, e le facette prima nu paliatone, e po’ me ne jette. Me credeve che stu mio signore, doppo quacche tiempo, se fosse ricurdato de me. Ma niente!... Sò 6 anne che sta cu chella tale, e io comme fosse morta addirittura!

GEMMA: Povera Bettina!

BETTINA: A me nun me dispiace pe isso, signurì, crediteme, ma pe nu guaglione che le rimmanette, e che isso nun m’ha vuluto mai dà... Ma si me vene ncapo, nu juorno de chiste lo vaco piscanno, e mare a isso vì!... Mare a isso! M’aggia scuntà tutto chello che m’ha fatto!

 

SCENA QUARTA

 

Luigino e dette, poi Eugenio, indi Gaetano.

 

LUIGINO (dal giardino): Psst!... Gemma!... Gemma!...

GEMMA: Guè, Luigi!... Mannaggia all’arma toja!... E comme?... Te pigliasti n’auti 1500 franche da dinto a la scrivania?

LUIGINO: E so’ finite, bellezza mia!... Nun tengo manco nu sordo.

GEMMA: Eh!... E che buò da me, mò?... Chillo, papà, nun te vò vedé cchiù.

LUIGINO: Addò sta papà?

GEMMA: Starrà dinto a la cammera soja.

BETTINA: Sissignore, sta cca.

LUIGINO: E chiude ha porta cu la chiave, agge pacienza, io t’aggia parlà. (Bettina chiude l’uscio a chiave.) Gemma, famme fa pace cu papà.

GEMMA: è impossibile! Chillo sta arraggiato cu ttico de na mala manera!

LUIGINO: Tu puoi far tutto, bellezza mia! Vuoi vedere pure chi te ne prega? (Si avvicina alla porta del giardino, e chiama:) Marchesì, venite.

EUGENIO: Eccomi qua, Gemma mia!

GEMMA: Eugenio!... E pe dò site trasuto?

LUIGINO: Papà aveva dato ordine a lo guardaporte de nun fà passà né a me né a isso, ma s’era scurdato però de lo ciardino... Lo canciello steva apierto, e nce simme mpizzate...

GEMMA: Basta! Eugè, che vò dicere stu biglietto, ched’è sta finzione?

EUGENIO: Ho fatto tutto! Abbasso c’è la mia famiglia in una carrozza chiusa, ed aspetta me per salire.

GEMMA: La famiglia toja?

EUGENIO: Si, è na finta famiglia. Sono 4 miei amici che fingeranno di essere miei parenti.

GEMMA: Tu che dice!... E si papà se n’addona?

EUGENIO: è impossibile, sono travestiti alla perfezione!

LUIGINO: E po’, chillo papà è nu ciuccio!... Se crede qualunque cosa...

GEMMA: Ma pecché haje fatto chesto?

EUGENIO: Per vederti, Gemma mia, e parlarti con libertà. (Si picchia alla prima porta a destra.)

GAETANO (di dentro, gridando): Neh? Chi ha chiuso sta porta?!...

GEMMA: Papà!

EUGENIO: Zitto!... Andate via tutti, lasciatelo qui solo... Io ritomnerò fra poco.

LUIGINO: Io voglio fà pace cu papà, si no le dico tutte cose.

GEMMA: Va buono, pe mò vattenne, nce penz’io.

LUIGINO: Grazie, bellezza mia! (Via pel giardino.)

EUGENIO: Mia cara Gemma! (Le bacia la mano, e via pel giardino.)

GEMMA: Bettì, arape la porta, e trova tu na scusa. (Via da secondo uscio a sinistra.)

GAETANO (bussando e gridando): Vicienzo!... Biase!... Chi ha chiusa sta porta?

BETTINA (apre): Eccellenza, scusate, l’aggio chiusa io, pecché me credeva che nun ce steva nisciuno.

GAETANO (in frak e cravatta bianca): Nun ce steva nisciuno? E io, ched’è, era squagliato?

BETTINA: Me credeva che stiveve dinto a lo ciardino.

GAETANO: Gemma addò stà?

BETTINA: Sta dinta a la cammera soja, eccellenza. Mò proprio nce simmo ritirate.

GAETANO: Sta bona?... Se sente bona?

BETTINA: Sissignore, eccellenza. Specialmente stamattina sta comme a na rusella de maggio.

GAETANO: Benedetta figlia mia, benedetta!... La surpresa l’avite vista?

BETTINA: Quà surpresa?

GAETANO: La porta chiena de camelie e rose.

BETTINA: Ah, sissignore, eccellenza. N’ha avuto tanto piacere!... Chillu viecchio, il signor Bebè, l’ha puntato stu bell’aniello. (Glielo mostra.)

GAETANO: Lo ssaccio! E essa che ha ditto?... N’ha avuto piacere?

BETTINA: Accussì, accussì... Vuje po’ sapite che chella tene tanta oggette, e difficilmente le fà specie na cosa.

GAETANO: Se capisce!... Pe fa specie a chella, nce vonno brillante accussì! (Fa segno con le mani.)

BETTINA: Io vaco dinto, signò, permettete? (Via a sinistra.)

GAETANO: Lo cumplimento mio po’ nun se lo po’ maje aspettà. Me sto accattanno na casarella ncoppa a lo Vommero. Attuorno nce faccio fà nu bellu ciardino, e ncoppa a lo canciello nce faccio scrivere: Villa Gemma. Stamattina aspettavo lo proprietario pe finalizzà tutto e nun è benuto ancora.

 

SCENA QUINTA

 

Eugenio, Biase e detto;  poi Vicienzo e Biase; indi Pascale, Eugenio;  infine Concetta, Pupella e Felice.

 

EUGENIO (di dentro gridando): Tu sei una bestia qualunque, capisci!

BIASE (di dentro): Io tengo l’ordine de nun ve fà passà!

EUGENIO (di dentro): Una volta!... Ma adesso l’ordine si cambierà! Non mi rompere la testa! (Dà un urtone a Biase ed entrano insieme in scena.)

GAETANO: Che cos’è? Che cos’è?

EUGENIO: Egregio cavaliere!...

GAETANO: Marchesì, ma io v’aveva pregato...

EUGENIO: Di far venire qui mio padre, e i miei zii... Ebbene, essi son venuti, e stanno abbasso in carrozza... Aspettano me per salire.

GAETANO: Possibile!

EUGENIO: Possibilissimo!... Sono state tante le mie preghiere che finalmente li ho persuasi. Vi raccomando però di riceverli bene... Si tratta del principe di Casador, della contessa del Pero, del marchese Ottavio...

GAETANO: Uh! Mamma mia, aspettate?... Bià, va chiamme a Vicienzo, subeto! (Gridando.)

BIASE: Eccome ccà! (Via correndo pel fondo a sinistra.)

GAETANO: Menu male che me trovo la sciassa ncuollo!... Ma nce vularriano i guanti, che dicite, marchesì?

EUGENIO: E si capisce! I miei parenti non danno la mano se non c’è il guanto.

GAETANO: Fortunatamente ca tengo nu pare de guante! (Tira fuori un paio di guanti dalla saccoccia, e se l’infila frettolosamente.)

EUGENIO: Dunque, io vado, mi raccomando! ( Via pel fondo a destra.)

GAETANO: Sangue de Bacco! Questo è un grand’onore, figlia mia fortunata!... S’avarria levà st’ammuina de miezo. (Gridando:) Vicienzo!... Biase!...

VICIENZO: Comandate, cavaliere eccellenza!... Io stongo vestenno lo guaglione.

GAETANO: Che guaglione e guaglione!... Se ne parla doppo!... Levate sta rroba da miezo!... Stanno saglienno principe, marchese, contessa, tutta la famiglia de D. Eugenio!

VICIENZO: Vuje che dicite? Stanno saglienno?... Io ve l’avevo ditto, caspita! (Biase porta via, una per volta tutte le corbeilles di fiori.)

GAETANO: Mettiteve i guante!... Guante ne tenite?

VICIENZO: Addò li pigliammo, signò?

GAETANO: E nun mporta!... Viciè, tu va te miette vicina la porta accussì, dritto comme a na sentinella.

VICIENZO: Nun ce penzate, lassate fà a me! (Via pel fondo.)

GAETANO: Bià, tu miettete cca, vicino a la porta, e nun te movere... Quanno io te chiammo, ricordete cavaliere eccellenza!

BIASE: Va bene, non dubitate.

GAETANO: Accussì, dritto, e nun te movere sà!

BIASE: E si me vene nu sternuto?

GAETANO: Nun t’hanna venì sternute, e si te veneno te li tiene... Zitto, li bì ccà. (Si pone in atto rispettoso.)

EUGENIO: Venite, venite papà... Ecco qui il cavaliere.

PASQUALE (viene avanti in parrucca bionda, basette, guanti chiari, cappello a cilindro e bastone. Indossa un lungo pastrano scuro, e si presenta in iscena con molto sussiego, guardando a destra e a sinistra attraverso un paio di lenti a manico di tartaruga).

GAETANO: Rispettabilissimo signor marchese... (Dandogli la mano.) L’onore che lei mi accorda, mi fa diventare, direi quasi, scemo, e io mi credo d’essere proprio impotente, vale a dire, non mi trovo alla portata di poter degnamente contracambiare...

PASQUALE: Psst! Basta... basta... basta!...

GAETANO: E chi sta parlanno cchìù!...

PASQUALE: Basta!... Se io mi trovo... se io mi trovo. (Mostra a Biase il cappello e il bastone perché glieli tolga di mano, ma il servo non si muove.) Se io mi trovo... basta... basta...

GAETANO: (Io nun sto aprenno cchiù la vocca!).

PASQUALE: (mostra di nuovo a Biase il cappello e il bastone, e visto che egli non si muove, li butta a terra).

GAETANO (ad Eugenio): (Che è stato neh?... Pecché ha jettato nterra lo cappiello e lo bastone?).

EUGENIO: (Perché nessuno glieli ha tolti di mano).

GAETANO: (Ah, sicuro!... E chi nc’ha penzato?! E chill’animale che nun se move!... Aiza llà!).

BIASE: (Vuje avite ditto nun te movere!). (Raccattando il cappello e il bastone.)

EUGENIO (a Gaetano): (Andate a ricevere mia zia la contessa... Spetta a voi).

GAETANO: (Ah! Spetta a mè... Eccomi qua). Con permesso! (Via pel fondo di corsa.)

EUGENIO (sottovoce): Bravo, bravo D. Pasquale!... Vi raccomando.

PASQUALE: Non ve n’incaricate, lassate fà a me.

GAETANO: Venite, venite, illustrissima signora contessa. (La conduce per mano. Concetta è vestita di un abito chiaro, elegante, con cappello alquanto esagerato e guanti. Pupella veste anche un abito molto elegante con cappellino e guanti. Segue Concetta a braccetto di Felice, che vestirà di nero, ed avrà due piccoli baffi.) Accomodatevi, la prego.

EUGENIO: Cavaliere, vi presento l’illustrissima signora contessa del Pero, mia zia, sua figlia Clara, contessina del Pero, mio padre, il marchese Ottavio Favetti, e mio zio, il principe di Casador.

GAETANO: Fortunatissimo di aver conosciuto una famiglia tanto illustrata!

EUGENIO: Il cavalier Gaetano Semmolone. padre di Gemma.

PASQUALE: Molto piacere!

FELICE: Fortunato! (Tutti seggono.)

GAETANO: (Bià, fa venì 5 gelati, ma mò proprio!).

BIASE: (Subito, cavaliere eccellenza). (Via.)

PASQUALE: Dunque, voi siete il padre della ragazza, che mio figlio dice di amare tanto?

GAETANO: Sicuro, per servirla!... E anche mia figlia, posso assicurarla, gli porta un amore inqualificabile, ci tiene proprio una gran passione.

FELICE: Questa, per esempio, per me è una novità... Quando mai le ballerine hanno tenuto una passione!... (Sdraiandosi sul divano a molle vi affonda.)

PASQUALE: (Statte fermo!).

FELICE: (Ma che?... è vacante da dinto?).

PASQUALE: (Chelle sò li molle!).

GAETANO: Ma, ecco, signor principe... è vero che le ballerine sono stravaganti, e non tengono affezione per nessuno: ma mia figlia è un’altra cosa. Quando la conoscerete, vedrete... che direte... sapete... avete... una bella bella cosa... Io appunto pensando che mia figlia era una ballerina, mettevo quasi l’imponibile, sempre da parte di lor signori illustrissmmi, e con poca propenzione... anzi, con molta insufficienza io subivo quest’amore... ma dal momento che mi veggo assediato, circuito da una famiglia tanto lustra, non posso che prendere mia figlia, e buttarla in mezzo a voi!... Amatela, e compatitela, e a me suo padre poi credetemi per sempre vostro umilissimo parente Gaetano Semmolone.

FELICE: Napoli li... (Dice la data del giorno della recita.)

PASQUALE: (Ha chiusa la lettera!). Signore!... io era molto contrario a questo matrimonio, ma vedendo che mio figlio piangeva la matina... il giorno... la sera... la notte...

FELICE: (Chisto chiagneva sempe!).

PASQUALE: Dissi fra me e me; questo ragazzo ne piglierà certo una malattia, contentiamolo, e non ne parliamo più. D’altronde, egli tiene seicentomila lire di rendita, e può sposarsi una giovane di suo piacere...

GAETANO: Seicento mila lire di rendita?!

PASQUALE: Oh!... E che cosa sono!...

FELICE: (Ma chi l’ha viste maje!).

PASQUALE: Mio fratello il principe di Casador, ha già fatto il testamento tutto in suo favore...

FELICE: Già!... I miei milioni sono suoi.

CONCETTA: Scusate, c’è mia figlia, che è pure vostra nipote.

FELICE: E mi dite sempre questo, contessa! Io la roba mia la voglio dare a chi mi pare e piace. La contessina tiene il vostro... Il vostro che ne fate?... Avete tanta roba!

EUGENIO: Va bene, di questo potrete poi parlare a casa. Qui non mi pare il momento.

PASQUALE: Dunque, dicevamo... vedendo che Eugenio si era ridotto mezzo per causa di questa signorina Gemma ci riunimmo tutti i parenti, e si decise di contentarlo. Solo mia sorella la contessa qui presente, era un poco duretta... un poco duretta...

FELICE: (Era?... Molti anni fa!... Ma mò è molla, mò!).

PASQUALE: Ma poi ha finito col cedere anche lei.

GAETANO: Bravissimo!

CONCETTA: Io se era duretta, avevo mille canne di ragione.

FELICE: (Quanto sò belle sti mille canne de chesta!).

CONCETTA: Che ci passava per sopra mio fratello, il marchese Ottavio, e l’altro mio fratello, il principe di Cassarola...

FELICE: Casador, contessa, Casador!

CONCETTA: Oh, sicuro, Casador, ho sbagliato...

FELICE: La contessa sbaglia sempre i cognomi... Ah! Questa contessa!... questa contessa!... (nce scumbina a nuje!).

CONCETTA: Erano padroni di fare ciò che volevano... ma io la contessa del Piede...

FELICE: Del Pero, contessa, del Pero.

CONCETTA: Scusate, principe, del Pero lo dicono i lazzari. Noialtri nobili diciamo del Piede.

FELICE: (Nun ce fà avutà lo stommaco!).

GAETANO: Perdonate, principe, me pare che have ragione la contessa... Lo Pero chi lo dice? Proprio chille de miezo a via.

FELICE: (Siente a chill’auto pede de vruoccole da llà!).

CONCETTA: Dunque, io, la contessa del Piede, apparentare con una ballerina? Questo solamente mi faceva stare in attitudine di sospensione; ma poi sentendo che la ragazza aveva buoni principi e fini, ho detto: Ebbene, sia fatta la volontà vostra!...

GAETANO: Ed io ve ne ringrazio con la faccia per terra.

BIASE (recando un vassoio con 5 gelati): Ecco servito, cavaliere eccellenza.

GAETANO: Ah, bravo, qua, a me!... Prego, signori, di accettare un gelato.

PASQUALE: Oh, ma perché questo disturbo?

FELICE: Sà!... noi mangiamo sempre gelati.

GAETANO: Ma che disturbo! è dovere, nient’altro che dovere!... (Pasquale, Felice, Concetta e Pupella sorbiscono i gelati con grande avidità.)

FELICE: (Nun pigliavo gelate da seje anne!).

PASQUALE: Ma vostra figlia, questa Gemma, quando ce la farete vedere?

GAETANO: Subito!... (Chiama:) Biase!

BIASE: Cavaliere eccellenza!

GAETANO: Andate a chiamare mia figlia Gemma.

BIASE: Subito, cavaliere eccellenza! (Esce dalla seconda porta a sinistra.)

GAETANO: Vedrete!... Un angioletto... un tipo di virtù e di candore.

FELICE: E poi balla divinamente! Poche volte l’ho vista, e posso dirvi che balla molto meglio di quante ballerine ho vedute a Parigi.

GAETANO: Ah, principe, siete stato anche a Parigi?

FELICE: Se sono stato a Parigi!... Ma io conosco più Parigi che Napoli!... Fratello quante volte siamo stati in Francia.

PASQUALE: Uh!...

BIASE: Ecco ccà la signorina!

GAETANO (va ad incontrarla): Vieni, figlia mia. (La prende per mano.) Figlia mia fortunata! Nobile figlia!... Bacia la mano al tuo secondo padre e ai tuoi nobili parenti.

 

SCENA SESTA

 

Biase, Gemma e detti.

 

GEMMA: Obbedisco. (Bacia la mano a Pasquale, Concetta e Felice.)

PASQUALE: Bravo!... Bella ragazza! Siedi. (Gemma siede vicino ad Eugenio.)

FELICE: (Chesta overo è bona!).

CONCETTA (la guarda attraverso le lenti): è veramente una graziosa fanciulla!

FELICE: Ah! (Grida per non far sentire lo sproposito di Concetta.) Sarà una coppia proprio invidiabile!

GAETANO: I parenti del tuo caro Eugenio acconsentono con piacere al matrimonio. Mò sei contenta?

GEMMA: E vi pare!... Contentissima!

FELICE: Abbiamo fatto tutto ciò che volevate, e siamo veramente lieti di avervi data quella felicità da voi tanto desiderata.

PUPELLA: Dopo il matrimonio di mio cugino, dovete pensare di maritare anche a me, perché se no parlo, e scumbino tutto!

GAETANO: Comme!... scumbina?

FELICE: Si, è un intercalare che tiene. Quando non può avere una cosa, dice: Badate che io scombino tutto!

GAETANO (ride): Ah! ah!... Ho capito.

PASQUALE: La biricchina, la biricchina!

FELICE: La biricchina, la biricchina! (All’arma de mammeta!)

GAETANO: Va bene, contessina, si penserà anche per lei!... A proposito, marchesì, voi giorni fa mi diceste che la principessa di Case-e-ova... voglio dire Casador, moglie di vostro zio, qui presente, era ammalata... Adesso, come sta?

EUGENIO: Ah, male, molto male!

FELICE: Malattia inguaribile, caro mio, si tratta di petto.

PASQUALE: Poveretta! Non capisce niente più, si è ridotta così...

FELICE: Ieri sera sono arrivati 4 medici da Londra e 2 dall’America, e, dopo di averla osservata, dissero: «Caro principe, non ci pensare più a tua moglie, essa non tiene più né polmone, né fegato... Tiene sì nu poco di fegato, ma è poco, è troppo poco!...».

GAETANO: Nun avasta manco pe nu fritto!

FELICE: Dissero: «Se la milza si mantiene ancora fresca, potrà vivere un’altra settimana; ma è difficile, perché la milza sta già per putrefarsi».

EUGENIO: Poverina! Fa proprio compassione!... (Non capisco perché dire tante bestialità!).

GAETANO: Mi piace però il carattere del principe! (Tiene la moglie quasi moribonda, e non se ne incarica).

FELICE: Ah, io sto sempre così!... Sempre di buon umore!... E poi si deve morire una volta... Che si deve fare? Pazienza!... Ne sposeremo un’altra.

GAETANO (ridendo): Ah! ah!... che bel carattere! (Gl’invitati hanno intanto finito di sorbire i gelati, e Biase, dopo di aver rimesso i piattini nel vassoio, esce dal fondo a sinistra.)

 

SCENA SETTIMA

 

Vicienzo e detti, poi Giacchino, indi Luigino.

 

VICIENZO: Cavaliere eccellenza, c’è in sala una persona che desidera di parlarvi.

GAETANO: Chi è?

VICIENZO: Dice che si chiama D. Giacchino Castiello.

PASQUALE: (D. Giacchino Castiello!).

FELICE (con terrore): (Lo patrone de casa!).

GAETANO: Ah, ho capito. Questo è il proprietario di quel casino al Vomero che io forse acquisterò... Ma adesso non mi sembra il momento... Basta!... fallo entrare...

VICIENZO: Subito. (Dal fondo.) Favorite, signore. (Pasquale, Felice, Concetta e Pupella si raggruppano e restano a testa bassa per non farsi riconoscere. Gaetano si è alzato per andare incontro a Giacchino. Vicienzo esce.)

GIOACCHINO: Grazie... Carissimo D. Gaetano.

GAETANO: D. Giacchì, io v’aspettava da stammatina... Site venuto justo mò!

GIOACCHINO: Che volete? Ho avuto tanto da fare!

GAETANO: Ma mò è impossibile de parlà. Tengo qua una famiglia nobilissima... si tratta della fortuna di mia figlia, capite?

GIOACCHINO: Oh, io non voglio incomodarvi, tornerò stasera.

GAETANO: Me faciarrisseve nu gruosso piacere, scusate.

GIOACCHINO: Ma niente affatto, per carità. (Avvicinandosi a Pasquale, Felice, Concetta e Pupella senza riconoscerli.) Signori, scusate se vi ho disturbati... ma io non poteva supporre che D. Gaetano era occupato con voi... Fate pure il vostro comodo. (Ma che se stanno piglianno a capuzzate?) D. Gaetà, stateve bene, nce vedimmo stasera.

GAETANO: A rivederci. (Giacchino esce.) Signori, faccio le mie scuse...

FELICE: Ma che scuse e scuse!... Quando si parla con noi non si da retta a nessuno.

PASQUALE: Noi non siamo abituati ad essere trattati così!

GAETANO: Perdonatemi, non lo farò più, è stata la prima ed ultima volta! (Guè! Se sò pigliate collera! Ah! Perciò se pigliavene a capuzzate!) Vi chiedo mille scuse!

PASQUALE: Va bene, non se ne parli più.

FELICE: Ma se ritorna quell’uomo, non lo fate più entrare, mandatelo via!

PASQUALE: Si, si, non lo fate entrare più!

GAETANO: Va bene, vi servirò.

EUGENIO: Dunque, pare che si sia tutto conchiuso per il matrimonio?

GAETANO: Tutto, non c’è altra difficoltà non è vero?

PASQUALE: Ma nessun’altra, nessun’altra.

FELICE: Siamo tutti contenti.

GAETANO: Bravissimo!... Adesso vorrei dirvi una cosa, ma non sò come la prenderete... mi metto paura di offendervi...

PASQUALE: Ma che cosa?

GAETANO: Ecco qua... Siccome oggi è stata la nascita di mia figlia... io aveva ordinato al cuoco un piccolo pranzetto, ed ora vorrei sapere se... Voi certo ve pigliate collera...

FELICE: Ma parlate!

PASQUALE: Di che si tratta?

GAETANO: Lo dico o non lo dico?...

PASQUALE: Ditelo.

GAETANO: Ma ve pigliate collera?

FELICE: No!... parlate per Bacco!

GAETANO: Siamo a tavola io e Gemma solamente, non ci sta nessuno estraneo... Potrei avere l’alto onore di farvi pranzare con noi?

FELICE: Oh!...

GAETANO: (Aggio fatto lo guajo!).

FELICE: Aveva ragione che non voleva dire...

PASQUALE: Noi non siamo abituati... Contessa, che ne dite?

CONCETTA: Fate voi, marchese.

PASQUALE: Che ne dite, principe?

FELICE: Per me accetterei.

PASQUALE: Allora accettiamo.

GAETANO: Bravissimo! E io ve ne sarò grato fino alla morte.

FELICE: Ma vi fa molto piacere che mangiamo qui?

GAETANO: Moltissimo!

FELICE: Allora per farvi contento, resteremo anche domani.

GAETANO: Domani, dopo domani, quanto volete voi!

FELICE: Pure una settimana?

GAETANO: Ma pure un mese!

FELICE: Anche due mesi?

GAETANO: Anche sei mesi!

FELICE: Un anno?

GAETANO: Due anni!

FELICE: (E stai frisco!). E noi vi terremo contento.

GAETANO: Bravissimo! Intanto permettetemi che vado a dare gli ordini necessari e a sollecitare il tutto! Gemma, porta nella tua stanza la signora contessa e la contessina, e falle togliere i cappelli, tutto quel che vogliono... Questa è casa vostra! Il principe e il marchese possono girare un poco per la villetta... Qualunque cosa desiderate, bussate il campanello, e sarete serviti. Io tornerò subito da voi.

PASQUALE: Fate pure.

FELICE: Senza cerimonie.

GAETANO: Grazie tanto. Dunque resterete a mangiare con me due anni?

FELICE: Ma si ma si.

GAETANO: Oh, che onore!... Oh! che grande onore!... E chi se l’aspettava mai tanta fortuna. Tenere in casa mia 4 signoroni come voi! Io nun ce capo dinto a li panne pe la cuntentezza. Vuje nun v’avita movere cchiù da ccà, e per stare più sicuro mò vaco da nu ferraro, faccio fà na catena, e vi attacco a tutte e 4.

FELICE: (E nuje accussì jammo a fernì, che te cride!).

GAETANO: Che piacere!... Che grande consolazione!... Che bella cosa, che bella cosa!... Addò me steva astipato questo grande onore! (Via pel fondo a sinistra.)

EUGENIO: Bravi! Bravi, Seguitate sempre cosi.

FELICE: Basta che se magna!... Nun ve n’incaricate de lo riesto.

EUGENIO: D. Felì, ma badate di non dire tante bestialità! Il fegato, il polmone, la milza!... Che c’entrava tutto questo?

FELICE: Che volete da me?... Riguardo alla malattia, io non aveva che dicere.

LUIGINO (dal giardino): Neh, signori miei!... Che vedo Pupella!... La madre!...

PUPELLA: D. Luigino!... E comme state ccà?

LUIGINO: Come!?... Io sono il padrone di casa, bellezza mia!

PUPELLA: Ah! benissimo.

LUIGINO: E siete voi che avete fatto la finzione? Oh! che piacere!... Allora putimmo sta sempe vicino, bellezza mia! (L’abbraccia.)

PASQUALE: Amico!... Io so’ lo patre, sapete!...

LUIGINO: Ah! Voi siete il padre? benissimo!... Io so’ venuto in casa vosta stammatina, e non v’ho trovato... Sappiate che io amo vostra figlia, e me la voglio sposare.

PASQUALE: Va bene!... Ma mò nun putimmo penzà a chesto.

GEMMA: E se capisce! Dimane se ne parla. Pe mò, Luigi, vattenne!

LUIGINO: Me ne vaco?... E quanno faccio pace cu papà?

GEMMA: Sa che buò fà? Mò che nce jammo a mettere a tavola, tu te presiente cu na barzelletta, e vide che fernesce tutte cose.

FELICE: Signori miei, lasciatece mettere primma a tavola!

LUIGINO: Va bene, così farò, bellezza mia. Pupè, statte bona n’auto poco nce vedimmo... Amami, sa... amami, sa!

PASQUALE: Amami, sa!... Embè, io vi ho pregato che sono il padre!... Scusate, diteme na cosa, voi chi siete?

LUIGINO: Io sono nu giovine ricchissimo, posso fare la fortuna di vostra figlia... (Prende Pasquale a braccetto, e discorrendo insieme, vanno via per la porta che conduce in giardino.)

FELICE (avvicinandosi a Pasquale, mentre questi va via): Pascà, cumbina! Tu staje a li piede de Pilato!

EUGENIO: Cara Gemma, non puoi immaginarti come sono contento.

GEMMA: E io pure; ma nun saccio come m’aggio mantenuta la risa.

FELICE: Stammece attiente però, pecché si papà se n’addona nuje l’avimmo na cauciata.

GEMMA: Ma che cauciata! Nun avite appaura, nce stongh’io che arreparo tutto... Signò, venite cu me, jammo dinto. (A Concetta e Pupella. Escono tutte e tre dalla porta a sinistra.)

CONCETTA: Andiamo pure! Pe me nun se ne po’ addunà, pecché io la cuntessa la faccio bona assai. (Uscendo dopo Gemma e Pupella.)

FELICE: Me ne so’ accorto!... Ha ditto chelli 4 ciucciarie!... Lo pede, la cassarola...

EUGENIO: E voi no? Lo fegato, lo pulmone, la milza...

FELICE: Io ve l’aggio ditto. Riguardo alla malatia, io nun sapeva che aveva dicere.

EUGENIO: Ma stateve attiente, D. Felì!

FELICE: Nun dubitate... Ma quanno se mangia?

EUGENIO: Da qui a momenti.

FELICE: Capite! Tengo nu poco d’appetito.

EUGENIO: Nce pare da la faccia! (Via dietro alle donne.)

FELICE: E pure che bella cosa è fà lo nobile!... Rispettato, ossequiato da tutti... cerimonie, complimenti... è un’altra cosa, è la vera vita!... Neh? Lo pezzente che nce campa a ffà?... Il mondo dovrebbe essere popolato di tutti nobili... Tutti signori, tutti ricchi!... Pezziente nun ce n’avvarriana stà!... Eh!... E si nun ce starrieno pezziente, io e Pascale sarriemo muorti... Nce ha da stà la miseria e la ricchezza, se capisce!... Ma sangue de Bacco!... Chillu cancaro de parrucchiere m’ha cumbinato alla perfezione... (Mirandosi allo specchio.) Pare proprio nu principe!... Nun pozzo ridere ca se ne cade lo mustaccio!... Eh, chi sa che la sorta nun nce farrà diventà quacche cosa veramente!... A la fine sò giovene, che nce vò a benì nu colpo de fortuna?... Niente!... Allora jarrìa truvanno a muglierema, e le diciarria: «Guarda! tu mi hai trattato in quel modo, tu non ti sei più curata di me, ed oggi sono un signore! Vuoi far pace?... Ebbene, mettiti il cappello, perché non puoi venire con me senza cappello!... Che bella soddisfazione. Eh!... Che bella vendetta!...» Che bella paliata me facette quanno me truvaje ncoppa addo Luisella, la santa?!... Quatto perzune nun me putevano levà da sotto a essa!... Basta!... Mò và trova addò sta!... Pensiamo adesso che sono un principe, e come principe posso fare quello che voglio io... che potrei desiderare?... Ah!... nu bicchiere di vermouth, tanto per stuzzicar l’appetito!... (Suona un tocco di campanello, che è sul tavolino.)

 

SCENA OTTAVA

 

Bettina e detto, poi Peppeniello, indi Vicienzo.

 

BETTINA: Comandate, eccellenza.

FELICE (atterrito): (Muglierema!... Eh! Mò l’aggio lo bicchiere de vermouth!). (Si volta dall’altra parte.)

BETTINA: Eccellenza, pertanto sono venuta io, perché ho inteso un tocco, e con un tocco vengo sempre io.

FELICE: (E a me nu tocco m’è benuto!).

BETTINA: Dunque, che comandate?

FELICE: (E io si parlo, chesta me cunosce!)

BETTINA (con precauzione e quasi ridendo gli parla alle spalle): Io saccio tutte cose, io stongo de la parte de la signorina... Chesta è stata na finzione ch’avite fatta tutte quante.

FELICE: (Allora sape tutte cose... Sape che io sò lo marito!...) Bettina mia, mugliera mia!...

BETTINA: Che!... Feliciello!... Ah, piezzo de nfame!... Assassino!... Sì tu!...

FELICE: Ma lo ssaie o nun lo ssaje?...

BETTINA: A che sto si arredutto, a ghì facenno mbroglie?... Galiota!... Birbante!... Ah, me sì capitato n’auta vota sotto.

FELICE: Bettì, pe carità!...

BETTINA: Scellerato!... nfame!... Ommo senza core!... Seje anne luntano de la mugliera, senza ncanicarse cchiù si sta femmena era viva o morta! Seje anne, senza farme vedé na vota chella povera criatura!... Addò sta Peppeniello? Addò stà figliemo?... Parla!... Assassino!...

FELICE: Sissignore, io te dico tutto, ma nun alluccà!...

BETTINA: Tu haje ragione che io nun pozzo fà chiasso, pecché sino faciarria nu male a la signurina... nun pozzo parlà... nun pozzo dicere chi sì... Ma però, guè! Tu lo vide stu curtelluccio... (Tiro fuori un coltello a serramanico.)

FELICE: Bettina!... Posate il cortelluccio!...

BETTINA: Dinto a la panza te lo chiavo si nun me dice figliemo addò sta! (Si guarda intorno con precauzione.)

FELICE: (E chesta è capace de me lo dà dinto a la panza!... Ma ha ditto che nun pò parlà, nun pò dicere chi songo... Ah!... Aspetta che mò t’acconcio io!).

BETTINA: Dunque?...

FELICE: Io non sò voi chi siete, e che cosa dite... Io sono il principe di Casador!... (Eh! Allucca, mò!...)

BETTINA: Ah, si lo principe de li cassarole?

FELICE: (No, so’ lo princepe de li caccavelle!).

BETTINA: E che me mponta a me! Figliemo addò sta? (Minacciando Felice col coltello.)

FELICE: Indietro vaiassa. O chiamo un servo e ve ne faccio cacciare. (Suona tre tocchi.)

PEPPENIELLO: Comandate eccellenza?

FELICE: (Peppeniello!).

BETTINA: Chi è chistu guaglione?

FELICE (avvicinandosi a lei): Zitto, è Peppeniello è nostro figlio.

BETTINA: Figliemo. (Da un grido e corre ad abbracciare il ragazzo.) Ah, Peppeniello mio, quanto te sì fatto bello. Damme nu vaso. (Lo bacia.)

PEPPENIELLO: E vuje chi site?

BETTINA: Songo mammeta, la vera mamma toja!

VICIENZO (entrando) Neh, ch’è stato?... Ched’è?

BETTINA: Vicienzo mio, chisto m’è figlio!... Erano 6 anni che nun lo vedeva!... (Al ragazzo:) Ma parla!... Comme te truove dinto a sta casa?

PEPPENIELLO: Vicienzo, m’è patre a me! (Felice, stupefatto, sorpreso, salta su una poltrona.)

BETTINA: Viene!... Vieneme conta tutte cose... figlio mio! (Via col ragazzo dal primo uscio a sinistra.)

VICIENZO: Principe, scusate!... Chillu guaglione m’è figlio!

FELICE (si butta giù dalla poltrona, e si precipita addosso a Vicienzo): Figlio!!!

 

(Cala la tela.)

 

Fine dell’atto secondo

 

Bar

Home

Next

Back

Email

Edizione HTML a cura di: [email protected]
Ultimo Aggiornamento:17/07/2005 01.00

Bar

Victorian Elegance Logo

Guestbook

View Guestbook