Home

Welcome To My Homepage

Email

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Bullet     Bullet     Bullet     Bullet     Bullet

MISERIE E NOBILTA'

Commedia in tre atti

Di: EDUARDO SCARPETTA

BackHomeNext

Bar

.Personaggi

Gaetano, padre di

Gemma, e

Luigino

Marchese Ottavio Favetti

Eugenio, suo figlio

Pasquale

Felice

Concetta

Luisella

Bettina

Pupella

Gioacchino Castiello

Vicienzo

Biase

Peppeniello, ragazzo di 8 anni

Due facchini che non parlano

 

La scena è in Napoli, epoca presente.

 

 

ATTO PRIMO

 

 

Una camera squallidissima. Porta d’entrata in fondo. Accosto all’uscio, a destra, uno strapuntino abballinato con sopra una coperta e 2 guanciali. Alla prima quinta a destra una finestra. Alla seconda quinta un uscio. Altro uscio a sinistra della prima quinta. Più in là un canterano sul quale sono ammucchiati alcuni utensili di cucina: un colabrodo, una pignatta, una graticola, ecc. A destra, scendendo la ribalta, una rozza tavola con 6 sedie spagliate ed una senza fondo. In fondo, a sinistra, un catino e un bacile per terra. In un tiretto del canterano sono riposti un soprabito nero, 2 lenzuola di bucato, e un grande fazzoletto a scacchi, colorato. A piè del lettuccio, sopra una sedia, è un piccolo braciere col fuoco spento. Su di un’altra sedia sono gettati un vecchio cappello e un vecchio scialle di donna.

 

SCENA PRIMA

 

Concetta e Pupella, poi Luisella. Concetta lavora la calza; Pupella è vicina alla finestra; entrambe sono sedute.

 

PUPELLA: Mammà, songo li 4 e meza, e papà nun se vede ancora; mo vide che facimmo lo stesso fatto d’ajere. A n’ore de notte nce magnajeme nu ventre de puorco 5 perzune. (Gridando:) I tengo famma, i tengo famma!

CONCETTA (alzandosi): Haje ragione, figlia mia, haje ragione, tu sparte lo core, ma che aggia fà io puverella? Mannaggia quanno maje me jette a spusà a chillu disperatone! Me fosse rotte li gamme quanno jette ncoppa a lo Municipio! Da che m’aggio spusato a isso, sto passanno nu sacco de guaje! Mò nce ha cumbinato chist’auto piattino. Steveme sule a casa, e chellu poco che tenevemo, nce lo sparteveme a magnà nuje sule, puteveme sfucà na chiacchiera senza che nisciuno nce senteva; a maggio truvaje sti 2 cammere e se vulette aunì cu chill’auto disperatone de D. Felice, ma stasera la faccio feruta, vì!

PUPELLA: Oh! Po’ sà che ve dico, mammà, avisate a mugliera de D. Felice che nun me ncuitasse.

CONCETTA: Chi mugliera?

PUPELLA: Comme chi mugliera? D.a Luisella!

CONCETTA: Ah! già, mugliera! (Chella è la nnammurata). Pecché, che è stato?

PUPELLA: Ajssera io steva affacciata a la fenesta, aspettanno quanno passava chillo giuvinotto che va pazzo pe me, tutto nzieme venette essa e se mettette alluccà dicenno che nun steva bene a fà ammore da coppa la fenesta.

CONCETTA: Uh! Teh teh ha fatto scrupolo D.a Luisella! E chello che fa essa sta bene? E tu pò sì figlia a me, haje da dà cunto sula a me dinto a sta casa e a nisciuno chiù! (Luisella esce.) Vuje vedite addò nce steva aspettato stu guajo!

LUISELLA: Mò avite ditto buono D.a Concè, overo che avimmo passato lo guajo, e me parene mill’anne che passene sti 4 mise... Ne voglio fà miglia! Mamma mia, e che gente disperate e superbe!

CONCETTA: Nuje si vulimmo essere superbe, nun avimma da cunto a nisciuno! Pe riguardo po’ a disperazione, vuje nun putite parlà...

PUPELLA: Sempe cchiù disperate de nuje state!

LUISELLA: Eh, avite ragione, che v’aggia dicere, me l’aggia piglià sulamente cu chillu sfurcato che m’ha miso a chesto, ma va trova quà juorno de chisto, fernesce malamente dinto a sta casa!

CONCETTA: Guè! D.a Luisè, tu senza che faje la guappa, fernesce malamente, e nun fernesce malamente, nuje nun simme fatte gente de mieze a la strata, che ghiammo truvanno de fà chiasso... Zitto zitto, te piglie la robicella toja e te ne vaje, sà!

LUISELLA: Me piglio la rrubicella e me ne vaco? D.a Concè, io credo che staje cu li pazzielle ncapo! Ve ne jate vuje ma no nuje.

PUPELLA: Ve ne jate vuje, pecché papà facette l’affitto, isso firmaje.

LUISELLA: Neh? E lo patrone de casa pecché nce la dette? Pecché Feliciello facette lo garante... chillo piezzo de stupito! Intanto mò lo patrone de casa avanza 5 mesate, voglio vedé chi li caccia sti denari, ha da pensà primme a me spignà li pigne, e specialmente l’aniello cu li turchine che me lo mpignaje pe ve fà magnà.

CONCETTA: E io lo ssapevo che a chesto avevama ascì! L’aniello cu li turchine!... Comme avesse ditto stu grand’oggetto, n’anelluccio tutto strutto, nun saccio quanto pesaje, chillu povero mpignatore pe me da 5 lire, nce vulette la mano de lo Cielo!

LUISELLA: E che vulite? Io chill’oggetto teneva, a la fine na sarta era, e chellu ppoco d’oro me lo facevo cu la fatica... Si avesse fatto ammore io pure cu nu signurino... (Marcato.)

PUPELLA: Mammà, l’have cu mico?

CONCETTA: (Ma tiene mente! Chesta comme vò ncuità la gente!). Guè, D.a Luisè, si figliema fa ammore cu nu signurino, nce fa ammore onestamente, e tu nun sì degna de parlà de sta guagliona, sa, pecché li fatte tuoje se sanno.

LUISELLA: D.a Concè, i fatte miei so’ chiari, e parla comme haje da parlà, si nò te rompo la capa!

CONCETTA: A me me rumpe la capa? Vattenne, zantraglia!

LUISELLA: Uh! Vì chi parla! Ma che, te sì scurdata che fratete è solachianiello?

PUPELLA: Uh! zi-zio è solachianiello, neh, mammà?

CONCETTA: Nun la dà udienza, figlia mia, chillo fa li scarpe de raso a tutte li ballerinole de S. Carlo, e quanno s’annommena Masto Mmalora, nun se passa cchiù nnanze.

LUISELLA: Oh, chesto è overo, chillo fa buon’affare cu li ballerine...

CONCETTA: Luisè, statte zitta, si no ogge te tiro tutte li capille da capa.

LUISELLA: Tu a chi tire i capille, a chi? (Gridando.)

CONCETTA: A te, a te! (Gridando.)

PUPELLA: A te! Sì, a te! (Gridando. Di dentro suona il campanello.)

CONCETTA: Io chiacchiere nun ne faccio, me piace de fa i fatte!

LUISELLA: E io pure, D.a Concè, perciò, pe tutto dimane, vedimmo da nce spartere, si no succede brutto! (Pausa. Di dentro suona di nuovo il campanello.)

PUPELLA: Mammà, la porta! (Tutte e tre seggono.) (Chisto po’ essere che è D. Felice, non le voglio arapì). (Alla madre.)

CONCETTA: (E io manco vogl’j a arapì, pecché si è chill’assassino de maritemo, comme stongo mò, lle chiavo nu muorzo appena lo veco!). (Altro squillo di campanello di dentro.)

LUISELLA: La porta nun la sentite?

CONCETTA: E ched’è, nce stamme sole nuje dinta a la casa?

PUPELLA: Và arape tu.

LUISELLA: Io nun voglio arapì, pecché po’ essere che è lo marito vuosto e io nun songo la serva soja!

PUPELLA: Ma po’ essere pure D. Felice?

LUISELLA: E po’ essere pure patete, chi ne sape niente?

CONCETTA: Và arape tu, Pupè, nun mporta và arape tu.

PUPELLA: (Haje ragione che po’ essere papà, si no mò me muveva!). (Via pel fondo, poi torna.)

CONCETTA: (Sì è Pascale, aggia fà revotà la casa!).

LUISELLA: (Sì è Felice, l’aggia fà fernuta!).

PUPELLA (uscendo): D. Giacchino, lo patrone de casa.

LUISELLA: Oh!

CONCETTA: è arrivato a tiempo!

 

SCENA SECONDA

 

D. Giacchino, e dette.

 

GIACCHINO (esce fregandosi le mani): Buongiorno.

CONCETTA: Buongiorno.

GIOACCHINO: Come state, state bene?

CONCETTA: Eh! non c’è male.

GIOACCHINO: D. Pascale nun c’è?

CONCETTA: Nonsignore, ancora s’ha da ritirà.

GIOACCHINO: Mò so’ li 5 manco nu quarto e ancora s’ha da ritirà?

CONCETTA: Ancora s’ha da ritirà.

GIOACCHINO (a Luisella): E D. Felice manco nce sta?

LUISELLA: Nonsignore.

GIOACCHINO: Eh! Ma sapete, io nun pozzo j e venì continuamente, io tengo gli affari miei! Dite ai mariti vostri che me pagassero, si no nce ncuitammo seriamente, io avanzo 5 mesi di pigione, e non posso aspettare più.

LUISELLA: Queste sono cose che a noi non ci riguardano, rivolgetevi a chi ha firmato l’affitto.

GIOACCHINO: Va bene, l’affitto l’ha firmato D. Pasquale, ma vuje abitate cu isso?

LUISELLA: Che c’entra? Sempe D. Pascale ha da pagà.

GIOACCHINO: D.a Cuncè, vuje sentite?

CONCETTA: V’avarria pagà D. Pascale sempe che vuje avisseve avuto fiducia d’isso, ma vuje vulisteve lo garante, e per conseguenza il garante paga.

LUISELLA: Lo garante ha da penzà pe me, e pe nu figlio che tene.

CONCETTA: Caspita! E tu lo cure assai chillu guaglione, lo faje j senza cammisa!

LUISELLA: E che nce aggia penzà io?! Nce ha da penzà lo padre. Bastantemente chello che l’aggio fatto. A la fine po’ nun m’è figlio a me, è figlio a la primma mugliera.

CONCETTA: Osìa, osìa, a la vera mughera!

LUISELLA: D.a Concè, statte zitta, si no me faje passà nu guajo!

CONCETTA: No, lo guajo lo passo io!

LUISELLA: No, lo passo io lo guajo!

CONCETTA: No, io.

LUISELLA: No, io!

GIOACCHINO: No, lo guajo l’aggio passato io. (Gridando:) Vì che bell’affitto che facette.

CONCETTA: D. Giacchì, scusate che facimmo sti chiacchiere nnanze a buje?

GIOACCHINO: Che me ne preme a me de i fatte vuoste! Io vengo per essere pagato, e non voglio cchiù aspettà, chesta è l’ultima vota che so’ venuto, mò m’assetto ccà, e ccà faccio scurà notte. Quanno veneno m’hanna dicere chi ha da pagà, altrimenti mi avvalgo dei dritti che mi accorda la legge: prima e seconda citazione, poi sentenza, e poi sequestro! (Guarda intorno.) Eh! E che sequestro cca?! Chiste stanno cumbinate de chesta manera, nce so’ ancappato justo io! (Siede.) Che porcheria! 22 lire a lo mese... Unnece lire perono! Due uommene che nun ponno caccià 11 lire lo mese!... E nun vulimmo pagà li 2 lire a lo guardaporte — e nonsignore nun le pagate. Nun vulimmo pagà nu soldo a sera pe lo lampione — e nun lo cacciate. Doje lire a lo mese nun de putimmo caccia pe l’acqua de serino, nce jammo a tirà l’acqua dinto a lo palazzo de rimpetto — fate come volete, non cacciate manco ste 2 lire, e ve facetta chiudere lo rubinetto. Che altro doveva fare?... So’ proprio truffatori... non vonno pagà!

LUISELLA: D.a Concè, quanno vene lo marito vuosto m’avita fà spiegà che vonno dì chelli parole che m’avite ditto.

CONCETTA: Va bene, ve le facimmo spiegà.

LUISELLA: Pecché, capite, vuje site vecchia, e una cu buje nun se po’ mettere.

CONCETTA: No, non mporta che so’ vecchia, quanno vuò parlà, parlammo.

LUISELLA: E va bene, stasera parlammo, e si chillu turzo de mariteto se mette pe miezo, lo scommo de sango. (Via.)

CONCETTA: Vattenne, scumme de sango!... Tu non haje fatto mai niente!... Nun fà la ricca de vocca!

PUPELLA: Va buono, mammà, fernitela mò! (Va alla finestra.)

CONCETTA: Vedite chi have lo curaggio de parlà. Na povera criatura de 8 anne che la fà stà senza cammisa!... Chella, essa, nun l’è mugliera a D. Felice... la vera mugliera nun l’è morta... stanne spartute da 6 anne!... (A Giacchino.)

GIOACCHINO: D.a Concè, a me chesto non me preme, io sto penzanno a li 5 mesate, lassateme stà!

PUPELLA: E papà nun se vede! Mammà, io tengo famma, io tengo famma!

CONCETTA: Haje ragione, figlia mia, ma comme faccio?... D. Giacchì, prestateme 5 lire, dimane ve le dongo.

GIOACCHINO: Niente, D.a Concetta mia!!... So’ asciuto cu 2 centesimi dinto a la sacca.

CONCETTA: E va bene! Isso non se ritira, e io mò vaco a fà n’auto pigno. (Apre il tiretto del comò.) Stu soprabito niro e sti due lenzole. (Fa un involto col fazzoletto.) Pupè, io mò vengo lesto, porto miezo ruotule de maccarune pe nuje sole, due custate, una a te e una a me, e nce magnammo tutte cose a la faccia lloro!

PUPELLA (a Giacchino): A la faccia vosta!

GIOACCHINO: A la faccia toja... e de mammeta!

CONCETTA: Tu pe tramente, Pupè, miette la caudara, e fà vollere l’acqua.

PUPELLA: Sì, sì, mò faccio lesto lesto. (Via dalla prima quinta a sinistra.)

CONCETTA (si mette ilcappello, e si butta sulle spalle lo scialle rappezzato che trovasi in scena.): Permettete, D. Giacchì! (Via pel fondo.)

GIOACCHINO: Fate, fate. Mamma mia, che gente, che disperazione!... E chiste comme me le danno 110 lire?... Eh, comme me le danno?... E a me che me ne preme! Nce hanna penzà lloro, sino pe la fine de stu mese le manno sequestro e sfratto!... Vide ccà!... Li segge spagliate, na caccavella ncoppa a lo cummò, nu vacile pe terra... Gente sguajata! Gente sguajata!...

 

SCENA TERZA

 

Luigino e detti, poi Pupella.

 

LUIGINO (di dentro): è permesso, bellezza mia?

GIOACCHINO: Chi è? Favorite.

LUIGINO (fuori): Oh! chi vedo! D. Giacchino! E voi comme state qua, bellezza mia?

GIOACCHINO: So’ venuto pecché avanzo 5 mesate da due galantuomini che se fittarono stu quartino mio; e vuje che ghjate facenno da chesti parte?

LUIGINO: Lo volete sapere? E io ve lo dico, bellezza mia, ma basta che non dite niente a nessuno, e specialmente a papà, bellezza mia!

GIOACCHINO: Oh! Nun ce penzate.

LUIGINO: Dovete sapere che io amo pazzamente la figlia di D. Pasquale, Pupella, una vera pupatella, e per quella giovine, bellezza mia, farei qualunque cosa.

GIOACCHINO: E cu papà come state, in pace o in urto?

LUIGINO: In urto, bellezza mia, sempre in urto!

GIOACCHINO: E bravo!

LUIGINO: Due mesi fa me pigliaje 1.500 franchi da dentro la scrivania, e me n’andai, lui non disse niente, solamente non me vò ricevere più in casa.

GIOACCHINO: E avite ditto niente!

LUIGINO: No, ma quello fa così, e poi le passa, sempre così facciamo, bellezza mia, quanno me servevo denare, io me li piglio e me ne vaco. Appena li ho finiti, o per mezzo di mia sorella, o per qualche amico che metto per lo mezzo nce faccio pace... Mò, per esempio, bellezza mia, me so’ rimaste 4 solde dinta a la sacca, dimane assolutamente aggia fà pace cu papà, bellezza mia.

GIOACCHINO: E si dimane papà è tuosto, e nun vò fà pace, vuje comme magnate, bellezza mia?

LUIGINO: Eh! nun fa pace, io ne so’ sicuro, nce sta mia sorella che lo cumanna a bacchetta: E pò papà è ricco bellezza mia. L’inglese quando morì lasciò tutto a lui.

GIOACCHINO: Chi Inglese?

LUIGINO: Comme chi Inglese. Addò isso steva pe cuoco!

GIOACCHINO: Ah, papà era cuoco?

LUIGINO: Sissignore, bellezza mia, e come, non lo sapete?

GIOACCHINO: Sì, saccio qualche piccola cosa.

LUIGINO: Sissignore, papà tre anni fa era cuoco, e io aggio fatto tre anne lo sguattere cu isso.

GIOACCHINO: Ah? Neh? (è stato tre anne impiegato co lo ministro de le finanze!).

LUIGINO: Stava cu n’inglese ricchissimo, il quale non tenendo parenti, bellezza mia, non tenendo a nessuno, quando morì lascio tutto a papa... Me pare da 300 mila lire.

GIOACCHINO: Ah!

LUIGINO: Sì, pecche lo vuleva bene comme a nu padre, erano venticinque anne ca lo teneva, e poi senza parenti.

GIOACCHINO: E bravo! Vì che bella fortuna!

LUIGINO: Eh! Solo questa? Oltre poi di questa fortuna, bellezza mia, papà tiene la figlia, mia sorella, che è prima ballerina di S. Carlo, e ogni stagione piglia cinque o seimila lire... e capite, tanta denari po’, che ne fanno, bellezza mia?

GIOACCHINO: Oh! Questo è certo, è buono che frusciate voi qualche cosa, bellezza mia!

LUIGINO: Ma, D. Giacchì, se vedete a papà, ve raccomando, non dite niente.

GIOACCHINO: Oh, non dubitate; anzi, siccome domani nce aggia j, pecché se vò accattà na casarella che tengo ncoppa a lo Vommero, se mi riesce, in discorso, metterà qualche buona parola per voi.

LUIGINO: E io vi ringrazio tanto tanto, bellezza mia!... Uh! Vene essa da chesta parte... quant’è bella!... D. Giacchì, le voglio fà na sorpresa, non dite che so’ venuto. (Si nasconde in fondo.)

 

SCENA QUARTA

 

Pupella e detti, indi Concetta.

 

PUPELLA (con un ventaglio da cucina in mano): Aggio allummato lo fuoco, e aggio misa la caudara. Me pareno mill’anne che vene mammà.

LUIGINO (mostrandosi): Eccomi a te, bellezza mia!

PUPELLA: Isso! (Si nasconde il ventaglio dietro la schiena.) Ma scusate, pecché site venuto accussì... tutto nzieme?... (Che scuorno, si me vedé lo ventaglio!).

LUIGINO: E che fà?... forse ne avete avuto dispiacere, bellezza mia? Ieri al giorno, se vi ricordate, vi feci segno che stamattina sarei salito... Se poi volete che me ne vada, io me ne vado.

PUPELLA: No, chesto, no... ma, capite,... si avesse saputo... (D. Giacchì, pigliateve lo ventaglio). (Giacchino ride e finge di non udire.) Quanno na figliola sta sola, non è regolare che ricevesse nu giovinotto, e specialmente po’ quanno sta figliola non sta prevenita... pecché io saccio l’educazione, e saccio comme s’ha da ricevere nu signurino. (D. Giacchì, pigliateve lo ventaglio!)

LUIGINO: Ma che educazione ma che ricevere, tu stai sempre bene, bellezza mia! Io son venuto per due cose; prima per sentire da quella bocca se mi ami veramente, e poi, per parlare con mammà e con papà. Dunque, rispondimi sulla prima cosa, bellezza mia.

GIOACCHINO: (Vì che bella figura sto facenno, da ccà dereto io!).

PUPELLA: Pe la primma cosa, mi pare che non ci sta nessuna difficoltà... vuje avite potuto vedé se io ve voglio bene o no... (D. Giacchì, pigliateve lo ventaglio.) Ogne ghiuorno site stato n’ora fermato mmiezo la strada, de rimpetto a la fenesta mia, e io, chiuveva o faceva friddo, so’ stata llà affacciata senza me movere. Pare che chesta sia na prova che ve voglio bene, e mò cchiù ve ne voglio, pecché aggio ntiso che vulite parlà cu mammà e cu papà.

LUIGINO: Oh! Brava! Brava chella Pupella mia!... Ma perché nascondi quelle belle manine? Fammene baciare una, bellezza mia!

PUPELLA: Oh! Chesto po’ no, scusate... quanno avite parlato cu mammà e cu papà, si loro vonno, ve la faccio vasà.

GIOACCHINO: Eh! Mi pare che sia regolare.

LUIGINO: è giusto, bellezza mia, e io ti giuro che farò tutto quello che vuoi tu. Ma perché tieni questa faccia così pallida? Forse è la passione che tieni per me, o ti affligge qualche pensiero? Parla!

PUPELLA: No, vedite... io sto sempe accussì... a li vote, tanto della faccia bianca che tengo se credono che io sto malata, mentre io sto benissimo! Non è vero, D. Giacchì?

GIOACCHINO: Ah, sicuro!... (D. Luigi chella se more de famma, la mamma è ghiuta a fà nu pigno pe le portà due maccarune e na custata!)

LUIGINO: (Voi che dite, bellezza mia?!... Come, quell’angioletto si muore di fame? Possibile!).

GIOACCHINO: (Se more de famma, bellezza mia!).

LUIGINO: (E io tengo 4 soldi!).

GIOACCHINO: (E che bulite da me?).

LUIGINO: (Già, che fa? Se non tengo denari, tengo credito per tutte le trattorie... Mò faccio vepire il pranzo per 4 persone... maccheroni, carne, polli, pesce, tutto! Quella ragazza non deve star digiuna!).

GIOACCHINO: (Bravo! Questo significa aver cuore!). (Entra Concetta.)

PUPELLA (vedendo la madre): (Ah! mammà, site venuta?).

CONCETTA (con l’involto del pegno): (Eh! So’ benuta, aggio trovata l’agenzia chiusa chella chiude a li quatto).

PUPELLA: (E comme facimmo?... Basta, stateve zitta, cca nce sta chillu giovinotto che me vò spusà).

LUIGINO: Signora rispettabile... bellezza mia!

GIOACCHINO: (E che!... poteva mancà!).

LUIGINO: Se mi trovate qui in casa vostra, è stato perché amo immensamente vostra figlia, ed essendomi assicurato che lei pure mi ama, io senza perdere tempo, vi dico che la voglio sposare.

CONCETTA: Signore, questa vostra sollecitazione nel parlare, mi gonfia di gioia e di condoglianza. Io come madre non potrebbo dare una decisione coincisa! All’infuori di me c’è puranche il padre, che sarebbe il suo genitore, sono certa però che anch’egli quando sentirà questa cosa ne avrà molta giubilazione. La ragazza avesse molta roba da portarle in dote, ma per le troppe disgrazie capitanate al padre, non tiene neanche il corriere. Come la vedete... la scrivete. Nella nostra casa non trovate altro che buone viscere e dissonore!

LUIGINO: (D. Giacchì, vuje avite ntiso!).

GIOACCHINO: (Ha fatto na bella parlata!).

LUIGINO: (Me ne so’ accorto!). Signora, io non voglio niente, voglio solamente la ragazza.

CONCETTA: Va bene, allora tornate domani, e parlate pure col padre.

LUIGINO: Perfettamente! (D. Giacchì, ma i maccarune non l’ha portate?).

GIOACCHINO: (E io che ne saccio!... Mò ci domando io qualche cosa). (Va da Concetta.) D.a Concè, vedite de cumbinà, pecché chisto è figlio de n’amico mio ricchissimo... Vuje jate dinto a lo nietto!).

CONCETTA: (E comme! Ve pare? Sarria na fortuna!).

GIOACCHINO: (I maccarune non l’avite portate?).

CONCETTA: (Lassateme sta, D. Giacchì, aggio trovata l’agenzia chiusa!).

GIOACCHINO: (Pure chesto!). (Si avvicina a Luigino e gli dice:) (Nun ha potuto fà lo pigno, ha trovata l’agenzia chiusa!).

LUIGINO: (Sangue de Bacco, e si non veneva io comme facevano? Mò le manno tutte cose!). Dunque, signora, ci vediamo domani.

CONCETTA: Venite senza meno.

LUIGINO: Oh! Vi pare!... D. Giacchì, voi ve ne calate?

GIOACCHINO: E comme me ne calo, io aspetto a chilli llà.

LUIGINO: (Non ve n’incancate, jammoncenne, domani vi pago io!).

GIOACCHINO: (Veramente?).

LUIGINO: (Quà la mano).

GIOACCHINO: (Va bene!). D.a Concè, a rivederci, salutatemi tanto tanto a D. Pasquale.

CONCETTA: E che d’è, non lo vulite aspettà cchiù?

GIOACCHINO: Non fa niente, torno un’altra volta. Stateve bene. (Via.)

LUIGINO: A rivederci, bellezza mia, e buon appetito!... buon appetito!... (Marcato, e via.)

PUPELLA: Grazie. Eh!... Buon appetito!... Ccà nun ce sta speranza de magnà!... Mammà, comme ve pare stu giovene?

CONCETTA: Eh, nun c’è male, e nu simpatico giovinotto, e po’, figlia mia, basta che te lieve da dinta a sta pezzentaria. D. Giacchino m’ha ditto ch’è figlio de n’amico suojo ricchissimo... Sperammo a lo Cielo che facesse overamente.

 

SCENA QUINTA

 

Luisella e dette, poi Pasquale.

 

LUISELLA (entra e va a vedere se c’è acqua nel catino): Acqua non ce ne sta?

CONCETTA: Me pare che l’avite visto.

LUISELLA: E comme se fa senz’acqua? Io sento sete!

CONCETTA: E ghiatevella a tirà.

PUPELLA: Ched’è, non lo sapite che s’adda j a tirà a lo palazzo de rimpetto?!

LUISELLA: Lo ssaccio, ma io aiere ne jette a tirà tre cati; putarrisseve avé la compiacenza de ne tirà nu cato vuje.

PUPELLA: Io ogge nun me fido, me fa male lo pietto.

CONCETTA: E a me me fa male la capa.

LUISELLA: Me dispiace... ma chesto po’ è cosa de niente. Pe lo pietto nce và na carta senapata, e pe la capa nu paro de prese de tabacco; facite cinque o sei sternuti, scaturite, e ve passa.

CONCETTA: Io nun aggio bisogno de scaturì, scaturite vuje, D.a Luisè!...

LUISELLA: E io nun tengo dolore de capa, io sto bona.

PUPELLA: E nuje pure stammo bone, ma l’acqua nun la vulimmo tirà!

LUISELLA: Vì che dispietto, teh! Pare che si è accussì, vuje pure nun avite da vevere... quanno vevite vuje, vevo io.

CONCETTA: Io pe me nun tengo sete.

PUPELLA: E io manco. (Io tengo famma, auto che sete!... La caudara starrà vullenno pure!).

LUISELLA (alla finestra): Ah, che bell’aria fresca!... Me pareno mill’anne che vene Feliciello... Me voglio mannà accattà miezu chilo de sacicce, nu poco de lattuca, e nu litro de vino buono, me voglio cunzulà!

PUPELLA: Mammà, mò che vene papà e porta i denari, avimma accattà tre custate d’annecchia, nu ruotolo d’alice pe nce fà nturtiera, e due litre de vino buono... Nce vulimmo addecrià!

CONCETTA: A la faccia de chi non lu po’ vedé!...

LUISELLA (canta): Fronn”e ‘e cerasa mia, fronn “e ‘e cerasa, collera ncuorpo a me nun ce ne trase... (Di dentro suona il campanello.)

PUPELLA: Chisto è certo papà!... Che bella cosa!... (Va ad aprire e torna subito con Pasquale.) Papà, finalmente site venuto!... Io nun ne putevo cchiù de la famma... Iammo, cacciate i denari, avimma piglià tre custate, nu ruotolo d’alice pe nce fà ntortiera e due litre de vino buono. Facite ampressa, jammo, cacciate i denari!

PASQUALE (siede in mezzo alla scena e getta il cappello): Pupè, ch’aggia caccià, figlia mia! Stò cammenanno da stammatina, e trun aggio potuto cumbinà na lira!... Tengo due solde dinto a la sacca: uno è papalino, e n’auto è francese!

CONCETTA: Tu che dice!... E comme se fa ogge cu sta povera guagliona?... Chella tene famma.

PASQUALE: E io ch’aggia fà? Anze, io me credeva che me faciveve truvà quatte maccarune.

CONCETTA: E comme te le facevo truvà?... Che m’è rimasto quacche cosa stammatina?

PASQUALE: Nun t’aggio rimasto niente, ma tu vedenno che s’era fatto tarde, putiveve fa nu pignetiello.

CONCETTA: E nce vuleve che me lo dicive tu!... So’ ghiuta e aggio truvato l’agenzia chiusa. (Luisella ride.)

PUPELLA: Mammà, chella ride, la vedite?

CONCETTA: Eh, se capisce!... Mò D.a Luisella have ragione de ridere, pecché tu aspettave a pateto pe magnà, e io aspettavo a maritemo, senza penzà che chisto nun è stato mai né padre né marito... è stato sempe nu sfaticato!

PASQUALE: Sà! Si avimma accumincià la solita storia, io aizo ncuollo e me ne vaco, pecché bastantemente la vita che sto facenno!... Po’ D.a Luisella ne putarria fà a lo meno de ridere... quanno stammo a ridere... nuje putimmo ridere assaje ncoppa a li spalle soje!

LUISELLA: Redite ncoppa a li spalle meje? Jatevenne, pezzentune!

PASQUALE: Pezzentuni si ma onesti!... chello ca nun songo ll’aute!

LUISELLA: D. Pascà, parle comme hai parlà, pecché si no chello che nun aggio fatto a mugliereta, lo faccio a te!

PASQUALE: Già, tu sì femmena, figlia mia, e cu te nun me pozzo mettere.

CONCETTA: Te le buò sentere tu sti parole, pe la capa toja! Si nun avisse jucato, si nun te fosse piaciuto lo vino, mò tenarrisse ancora la puteca de salassatore.

PASQUALE: Tenarrìa ancora la puteca de salassatore? E che l’aggio levata pe causa mia la puteca? è stata la epoca che s’è cambiata!... So’ stati i miedici che hanno rovinata l’arta nosta! Non più salassi, non più salassi, non vi togliete sangue! E nce hanno fatto j sotto e ncoppa a nuje puverielli, e intanto siente morte repentine ogni ghiuorno. E perché? Per l’abbondanza di sangue. Hanno fatto male a la gente e a nuje! Io quanno sento na morte de subito, ah, me recreo tutto quanto!... E muorto lo si Ciccio, lo putecaro, de subito, bene! — E muorto lo si Pascale, lo cantinère, de subito, benone! — Si se salassavano nun murevano. Nuje sta morte cento nun la facimmo.

CONCETTA: E che vuò murì de subito! Nuje murimmo de debolezza. Nun me dispiace pe me, ma pe chella povera criatura! (Una pausa.)

PASQUALE (a Concetta): Lo sapunaro è passato?

CONCETTA: Nun lo ssaccio! (Di malgarbo.)

PASQUALE (a Pupella piano): Felice s’è ritirato?

PUPELLA: No ancora.

PASQUALE: Figlia mia, agge pacienza, core che papà tujo; chillo mò vene Feliciello, porta quacche cosa de denare, e io te faccio magnà... Tanta vote nce l’aggio prestate io a isso — Tiene famma assaje?

PUPELLA: Assaje!

PASQUALE: Lascia crescere, è segno di salute.

CONCETTA: Poco prima è benuto D. Giacchjno lo padrone de casa e mò se n’è ghiuto.

PASQUALE: E ca chillo è lo guajo! So’ 5 mesate ch’avanza, è addò se pigliano 110 lire? Chillu povero Feliciello sta arrujnato peggio de me, cu chella vita che fa de la matina a la sera, cu chillo tavulino sotto S. Carlo! So’ passato da llà verso l’una, l’aggio truvato tutto arrugnato, muorto de friddo, e fino a chell’ora nun aveva scritta ancora na lettera... M’ha cercato nu muzzone de sicario, e io nun lo teneva manco! (Di dentro suona il campanello.) Ah, chisto sarrà isso! Và arape, Pupè.

PUPELLA: (va ad aprire, poi torna): è Peppeniello, lo figlio de D. Felice.

 

SCENA SESTA

 

Peppeniello e detti, poi Felice.

 

PEPPENIELLO (ragazzo di 8 anni, veste miseramente, ha un volto pallidissimo): Buongiorno.

PASQUALE: Guè, Peppeniè, pateto quanno vene?

PEPPENIELLO: Mò vene, l’aggio lassato che steva arricettanno lo tavulino.

PASQUALE: E tu pecché staje accussì, ch’è stato?

PEPPENIELLO: Che adda essere, D. Pascà!... Primme de tutto me moro de famma.

PASQUALE: Guè, tutte de nu culore!

PEPPENIELLO: Stammatina ch’aggio fatto marenna? Duje casatielle, 4 pizze fritte, e nu soldo de sciuscelle.

PASQUALE: Scuse!

PEPPENIELLO: Pecché so’ ghiuto a truvà lo cumpare, e isso me l’ha accattate, si no adderittura starria diuno. E pe causa de lo cumpare, aggio avute 2 cauce da papà.

PASQUALE: E pecché?

PEPPENIELLO: Pecché m’aveva mannato da nu signore cu na lettera cercannole quacche cosa de denare. Io me l’aggio misa dinta la sacca, e so’ ghiuto primma da lo cumpare. Chillo m’ha accattate le pizze, e io 3 me l’aggio stipate addò steva la lettera. Quanno so ghiuto da lu signore, n’atu poco me ruciuliava pe li grade... Ha vista la lettera tutta nquacchiata de nzogna, e s’è miso ad alluccà: Dincello a quel porco di tuo padre che sti lettere l’ha da mannà ai putecari comme a isso, nun già a nu signore!

PASQUALE: E se capisce!... Tu miette li pizze addò steva la lettera!

LUISELLA: T’ha dato 2 cauce? Io t’avarria acciso! Guè! Sà che te dico vide de te mparà n’arte, e và fatica, pecché nuje nun te putimmo dà a magnà!

PEPPENIELLO: Sissignore, chesto lo sapimmo... e nun dubitate che ve levammo la seccatura... Lo cumpare è senzale de serviture... me vò bene... e ha ditto che me mette isso a padrone. Pare che accussì, cu li fatiche meje, me pozzo accattà pizze, casatielle, e sciuscelle!

PASQUALE: Tutti cibi delicati! Ma pateto porta quaccosa de denare o no? Nuje stammo aspettanno a isso.

PEPPENIELLO: Ah, state aspettanno a isso? E state frische! Chillo nun ha fatto manco nu soldo sta jurnata.

PASQUALE: Possibile? (Di dentro suona il campanello.) Pupè, va arape. (Pupella via, poi torna.)

PUPELLA: D. Felice. (Entra Felice, pallido, scarno, vestito miseramente.)

PASQUALE: Feliciè, buongiorno.

FELICE: Buongiorno, Pascà.

PASQUALE: Ccà aspettammo a te, lo ssaje?

FELICE: E mangiate, io mangio dopo.

PASQUALE: Dico stamme aspettanno a te p’accattà quaccosa... Io stammatina nun aggio pututo fà niente.

FELICE: E aspettate a me, neh, Pascà? Io mò aggio fenuto de jastemmà comme nu turco. Dall’otto fino a mò, fosse venuto uno a farse scrivere na lettera! Me sò fatto nu piezzo de gelo. Poco primme steva menanno pe ll’aria lo tavulino cu tutte le penne! è na vita ca nun me la fido de tirà cchiù nnanze! Mò se dice che nce vonno mettere pure la tassa. Ogne lettera 2 centesimi, e ncoppa a lo fuglietto nce ha da sta pure lo francobollo de nu centesimo.

PASQUALE: Pure chesto?!

FELICE: E all’anno nuovo i scrivani hanna pagà la ricchezza mobile!

PASQUALE: Eh!

FELICE: Avevo mannato a chill’assassino de figliemo cu na lettera addò nu signore. (Vedendo Peppeniello:) Ah, staje lloco!! Zitto mò!... Chillo è nu signore tanto buono, che me canosce da tanto tiempo, sape comme steva primma io, e sempe che aggio avuto bisogno de quacche cosa me l’ha mannato. Mò 2 lire, mò 4 lire, mò 5 lire, e a Pasca e a lo Natale m’ha mannato fino a 10 lire. Embè?!... chillo stammatina le porta la lettera tutta nquacchiata de nzogna... Ah! (Fa per inveire.)

PASQUALE: Lassalo j, Felì, chillo è guaglione!

PEPPENIELLO: E che sto’ stato io? Sò state le pizze... Ma po’ a sudisfazione ve l’aggio data?

FELICE: Che sudisfazione m’haje data?

PEPPENIELLO: Chelli 3 pizze che hanno nquacchiata la lettera, nn’aggio fatte 3 muorze!

FELICE: Ah, n’è fatte 3 muorze?! (Fa per inveire, ma Pasquale lo trattiene.) Pascà lasseme, chillo me cuffeia!

PASQUALE: Nun mporta, lassalo j!...

PEPPENIELLO: Nun lo vattere! (Felice vuole inveire, ma Pasquale lo trattiene ancora.)

FELICE: Pascà, lasseme!... Lasseme fà lo padre! Tu accussì me fai perdere lo rispetto.

LUISELLA: Vedite che padre! Sciù pe la faccia toja! Miettatenne scuorno!

FELICE: Ma quanno chisto Pascale me tene!... Guagliò! Dimane penza a chello che hai da fà, vattenne da nu masto, e mparete n’arte, pecché si no te faccio fà la morte...

PEPPENIELLO (interrompendo in tuono canzonatorio): De li sureci e de li scarrafune!

FELICE: Mò vaco vennenno lo beleno pe li surece, mò? Pascà, lassame!...

PASQUALE: Nun mporta, Felì.

FELICE: Va buono nun te n’incaricà, stasera parlammo!

LUISELLA: Eh! Parle dimane!... Da quanto tiempo l’avarria pigliato, e me l’avarria miso sotto!

PEPPENIELLO (si avvicina a Luisella): Vuje a che ve mettite sotto? Ma che m’avite pigliato pe cavalluccio?... Me ne vaco, sissignore!... Ogne tanto na mazziata, ogne mumento na strillata... E che sè fatto nu cane?!... Mò vaco adde lo cumpare, e isso me mette a servì: fatico e magno. Po’ essere che trovo nu padrone che me vò bene, e ccà nun ce vengo cchiù!... Maje cchiù. (Quasi piangendo, va via di corsa.)

CONCETTA (piangendo): Povero guaglione!

PASQUALE (piangendo): Povera criatura!

FELICE: Pascà, tu sì brutt’assaje!... Me pari na capa de morte!

PASQUALE: Chiammatelo! Chesto che cos’è?... (Va alla finestra e chiama:) Peppeniè, Peppeniè!... Eh! Chillo sta currenno de chella manera!...

CONCETTA: Ha fatto buono che se n’è ghiuto!... Povero piccerillo! Sempe maltrattato...

LUISELLA: Vuje ntricatevi de li fatte vuosti. Chiste songo affari che nun v’appartengono!

CONCETTA: A me?!... E chi nce risponne! è stato pecché m’ha fatto cumpassione!

LUISELLA: Jatevenne! Cumpassione?... Viate chi have cumpassione de vuje!

CONCETTA: Luisè, mò accummience n’ata vota?... Vì si la vuò fernì!

LUISELLA: E vi si la vuò fernì tu!... Da stammatina me staje mettenno cu li spalle nfaccio a lo muro, tu e stu mamozio de mariteto!

PASQUALE: Ched’è, mò sò mamozio?

LUISELLA (a Felice): Guè, sa che te dico! Dimane vide de truvà na cammera, na puteca, pure nu suppigno, basta che nce ne jammo da ccà.

CONCETTA: E lo stesso dico pure a te! (Urtando Pasquale cade addosso a Felice.)

FELICE: Va bene, dimane se ne parla, che cos’è?... Avita fà sempe chiachiere!

PASQUALE: A la fine nun è stata na gran cosa, avimmo avuto dispiacere che se n’è ghiuto lo guaglione.

FELICE: Ma che ghiuto e ghiuto! Chillo mò và adde lo cumpare, se magna 3 o 4 ova toste, e po’ torna. Pensammo nuje invece comm’avimma fà! Se putesse fà nu pigno?

PASQUALE: Nun se po’ fà, pecché l’agenzia sta chiusa.

LUISELLA (a Felice): E doppo che steva aperta, che te mpignave? Io pe me nun caccio manco nu maccaturo cchiù!

PASQUALE: Chi v’ha ditto niente a buje. D.a Luisè? Mamma mia, me parite nu fiammifero, subito v’appicciate!

LUISELLA (a Felice): Io po’ vularria sapé na cosa da te. Tu 3 ghiuorne fa me purtaste na lira e meza, l’autriere me purtaste 26 solde, aiere na lira, ogge nun haje purtato niente? E che lo tiene a fà lo tavulino sotto S. Carlo?

FELICE: E che aggià fa? Che buò da me? Dimane o doppo dimane me lo venno... Chillo nce sta pure nu pede attaccato cu na funicella!... E po’ caro Pascale, è na speculazione che non bà cchiù... Simme assaje!.. Ogne tanto te vide presentà uno cu nu tavulino... senza sapé leggere, senza sapé scrivere... Primme pe fà lo scrivano sotto S. Carlo, s’aveva dà n’esame: lingua italiana, lingua francese, e calligrafia! Mò addò stà?... Tutte quante fanno i scrivani!

PASQUALE: Lo fatto mio, che nisciuno vò jettà sango.

FELICE: E pecché?

PASQUALE: Pecché nisciuno se salassa cchiù.

FELICE: Pascà, nun sapevo che dicive!... nisciuno vò jettà sango.

PUPELLA: Vuje parlate, ma se po’ sapé quanno magnamme?

PASQUALE: Concè, tu che vulive mpignà?

CONCETTA: Lo soprabito tujo cu 2 lenzole... Sta ancora mappata ncoppa a lo lietto.

PASQUALE (prende l’involto e si avvicina a Felice): Feliciè?

FELICE: Aggio capito, aggio capito, e chesto stamme facenno ogne ghiuorno.

PASQUALE: Va addo lo putecaro a la cantunata.

FELICE: Quà cantonata?

PASQUALE: Addo lo putecaro che sta a lo puntone.

FELICE: E dì a lo puntone! Tu te ne viene cu la cantonata.

PASQUALE: Te fai dà un chilo e miezo de lengue de passere, nun te fà da i maccaruncielle ca io nun ne mangio.

FELICE: Pascà, cu sta famma che tiene, vaje penzanno pure la qualità de la pasta?

PASQUALE: No, pecché i maccaruncielle fanno peso a lo stommeco.

FELICE: Tu cu sta famma che tiene te mangiannisse pure le corde!

PASQUALE: Po’ te fai dà miezo quanto de nzogna buona... E lo zuchillo comme lo facimmo? Te fai dà miezo chilo de sacicce, e na buatta di pomidore... Fatte dà na buatta grande, bona, pecché io i maccaruni li magno nquacchiati nquacchiati. Po’ rimanimmo asciutte asciutte?... Te fai dà 10 ove, doje ove pedono, tu li 2 ova toje te li magne? (Felice fa segno di sì.) Te fai dà miezo chilo de muzzarella, pecché io ova assolute nun aggio mangiate maje... Sempe ova e muzzarella! Te fai dà nu panetto de burro frisco, pecché all’ova e muzzarella se fanno co lo burro, mai con la sugna. Te fai dà doje palate de pane e quatte frutte sicche, noci e castagne, e te fai dà pure na lira ndenaro, e piglie 2 litre de vino adde lo canteniere de rimpetto... Va!

FELICE (con ironia): Ma ccà dinto nce sta l’orologio e la catena?

PASQUALE: Nce sta rroba che va cchiù de l’orologio e la catena!

FELICE: Mò te la chiavo nfaccia la mappata! Chillo si pure me dà nu chilo e mmiezo de menuzzaghia!.. E chillo se ne vene co lo burro, la buatta de pomidoro... Io si le cerco tutto chello che m’haje ditto, chillo me mena appriesso 7 o 8 buatte vacante.

PASQUALE: Lloco dinto sta lu soprabito mio de quanno facevo lo salassatore.

FELICE: E me vuò mparà a me lo soprabito tujo! Chillo s’aricorda lo 48! E po’, io nun ce pozzo j adde lo putecaro, pecché tene nu cazone e nu gilè mio da nu mese, e nun me l’aggio pigliato cchiù!

PASQUALE: E io manco nce pozzo j, pecché 15 juorne fa le portai na coverta d’inverno.

FELICE: E chisto lo putecaro tene tutta la rroba nosta.

 

SCENA SETTIMA

 

Eugenio e detti.

 

EUGENIO (di dentro): è permesso?

FELICE: Chi è? Favorite.

EUGENIO: Scusate, abita qui un certo D. Pasquale... Ah! Eccolo là.

PASQUALE: Che vedo! Lo marchesino!

FELICE: Lo marchesino?

PASQUALE: Marchesino rispettabile! E come va da queste parti? Accomodatevi! (Tutti si affollano per prendere le sedie. Pasquale prende una sedia spagliata e la butta via, ne prende un’altra sulla quale è il catino, ma vede che è bagnata e la butta via, ne prende una terza sulla quale è il braciere con la cenere, e la getta via, prende la quarta, la pulisce bene, e l’offre al marchesino. Tutto questo con molta fretta.)

EUGENIO: Carissima D.a Concetta.

CONCETTA: Caro Marchesino.

PASQUALE: Mi dispiace che ci trovate in questa maniera. Per voi questa è una stalla, una rimessa...

FELICE: E chisto è lo ciuccio! (Mostra Pasquale, il marchesino ride.)

PASQUALE: Accomodatevi. (Tutti seggono, Felice siede sulla sedia senza fondo.) E papà, il marchese, come sta?

EUGENIO: Eh, non c’è male, grazie.

PASQUALE: Va appriesso ancora a tutte le ballerine?

EUGENIO: Sempre, sempre, e poi con me fa il severo.

PASQUALE: Già, me ricordo... Neh, vi presento l’amico mio, Felice Sciosciammocca.

EUGENIO: Tanto piacere!

FELICE: Fortunatissimo! E pronto sempre a servirvi a barda e a sella.

EUGENIO: Grazie, grazie. (Seggono.)

PASQUALE: Quanno io tenevo la puteca de salassatore, lo patre de stu giovene, era io patrone de casa mia... che perla de signore, che nobilone!... E mammà, la Marchesa, morì, non è vero?

EUGENIO: Sicuro! Sono 4 anni.

PASQUALE (volgendosi a Felice in tuono patetico): Morì, la marchesa!

FELICE: (E che me ne preme a me!).

PASQUALE: Che signorona!... Era na dama!... Dunque?... che v’aggia servì, che vò dicere sta visita?

EUGENIO: Si tratta di un gran favore, che solamente voi e vostra moglie mi potete fare.

PASQUALE: Io e mia moglie? (Feliciè, chisto vulesse quacche cosa de denare?).

FELICE: (E s’è diretto bene!).

PASQUALE: Parlate! (Un momento di titubanza da parte di Eugenio.) No, marchesì, putite parlà liberamente. Felice più che amico è un fratello.

EUGENIO: Posso fidarmi? (Dà la mano a Felice.)

FELICE: Fidatevi pure. (Io nun me fido cchiù, tanto de la famma!).

EUGENIO: Dovete sapere che io amo pazzamente la figlia di un certo Gaetano Semmolone, detto fritto misto, perché è stato cuoco fino a 3 anni fa. Poi ereditò tutti i beni del suo padrone, e oggi si fa dare l’eccellenza, e vuoi fare il nobile mentre non sà né leggere, né scrivere. Tiene un angelo di figlia, alla quale fin da bambina fece studiare il ballo, ed ora è scritturata al S. Carlo come prima ballerina. Essa però non è contenta del suo stato attuale, mi ama veramente, vorrebbe esser mia...

PASQUALE: E il padre si oppone?

FELICE: Il padre è streppone?

PASQUALE: Il padre si oppone!

FELICE: Ah, io avevo capito, il padre è streppone.

EUGENIO: No, ecco qua, vi dirò: il padre vuole maritarla, ma dice che deve sposare un nobile.

PASQUALE: E buje nun site nobile?

EUGENIO: Si, ma l’intoppo sapete qual’è? è che i miei parenti non acconsentiranno mai a questo matrimonio.

CONCETTA: Ma allora scusate, nun è lo padre de la figliola, ma sò i parienti vuoste.

EUGENIO: Sicuro, ma ecco qua, io gli ho detto che ci facesse sposare, e quando tutto è fatto, mio padre si persuaderà e saremo felici. Questo non lo vuol fare, e mi ha detto: Allora metterete piede in casa mia quando porterete qui il marchese vostro padre, vostra zia, la contessa del Pero.

PASQUALE: Ah! N’auta signorona!

EUGENIO: E vostro zio, il principe di Casador...

PASQUALE: Ah! N’atu nubilone!

FELICE: (E tu si nu seccantone!).

EUGENIO: Ora, scusatemi, che posso fare io, povero giovine? Posso andare da mio padre, mio zio e mio zia e dir loro: venite in casa di Gaetano Semmolone, l’ex cuoco, a parlare del mio matrimonio con la figlia che è ballerina? Ditemi voi se lo posso fare?

PASQUALE: Oh, è impossibile! Chille so’ la crema de la nobiltà! Proprio chello de coppa coppa la nobiltà! (A Felice.)

FELICE: Comme a nuje, per esempio, che simmo chello de sotta sotta la miseria!

PASQUALE: Embè, scusate, come vi regolate?

EUGENIO: Avevo risoluto di non pensarci più. Ma che volete? Io amo troppo Gemma, e sento che non posso dimenticarla facilmente!

PASQUALE: E che bulite fà?

EUGENIO (avvicinandosi con la sedia, mentre gli altri fanno lo stesso): Voi solo, amico mio, voi solo mi potete aiutare.

PASQUALE: Ma in che modo, scusate?

EUGENIO: Voi dovete diventare il marchese Ottavio Favetti, mio padre. (A Concetta:) Voi la contessa del Pero, mia zia, e qualche altro amico vostro... (A Felice:) il signore, per esempio, il principe di Casador, mio zio.

FELICE (ridendo): Vuje che dicite, marchesì? Ma chesto è impossibile, io sto cumbinato de chesta manera! Io faccio lo principe de Casanova?!...

PASQUALE: Che Casanova, Casador!... Marchesì, ma voi che dite. Come è possibile che noi...

EUGENIO: Si, voi, e dove trovar di meglio? Faremo una bella finzione: io stesso vi presenterà in casa di Gemma.

FELICE: Ma, marchesì, scusate, qui non bisogna abbordare. Voi adesso vi trovate accecato dall’amore, e non badate alle conseguenze; qua bisogna ben ponderare le cose. Chesta nun è na pazziella; si chillo se n’addona e nce fa nu paliatone, nuje addò nce lo jammo a cagnà?

EUGENIO: Ma che! A questo non ci pensate nemmeno, io conosco il tipo. Il padre di Gemma è un asino, e quando crederà di avere in casa una famiglia tanto nobile per la troppa gioia non comprenderà più niente, e io avrò tutto il tempo di riuscire nel mio scopo.

FELICE: Allora va bene.

PASQUALE: Io chi songo, chi songo?

EUGENIO: Mio padre, il marchese Ottavio Favetti.

PASQUALE: Io so’ Favetta.

FELICE: E io, e io?

EUGENIO: Mio zio, il principe di Casador.

CONCETTA: E io chi songo?

EUGENIO: Mia zia, la contessa del Pero.

PUPELLA: Papà, e io nun songo niente?

PASQUALE: Già!... E con mia figlia come facciamo! Io po’ addò la resto?

EUGENIO: Aspettate!... mia zia tiene una figlia... mia cugina... Benissimo! verrà, anche lei, e sarà la contessina del Pero.

PUPELLA: Uh! Che bella cosa! Che bella cosa!

EUGENIO: Quello che vi raccomando, aria di nobiltà, albagia... Io poi domani mattina verrò e vi darò altre istruzioni. Se farete bene le vostre parti, saprò ricompensarvi, e poi là mangerete, beverete... Per esempio a colazione — omelette, cotolette, formaggio — A pranzo: maccheroni, ragù, patatine, funghi, fagiolini, pesce, polli, dolci. (Pasquale sta per svenire ascoltando quella enumerazione.)

FELICE: Marchesì!... Marchesì... voi fate perdere nu padre de famiglia.

EUGENIO: Perché?

FELICE: E chillo, Pascale, già sta mangianno!

EUGENIO: Eh!... Là starete allegramente, e chi sa per quanti giorni.

PASQUALE: (Che dice, neh, Felì?).

FELICE: (Jamme!... che putimmo avè cchiù de na mazziata?).

PASQUALE: E addò avimrna da j, luntano?

EUGENIO: Non tanto, ecco il suo indirizzo. (Caccia fuori da un portafogli un biglietto e lo dà a Pasquale.)

PASQUALE (leggendo): «Cavalier Gaetano Semmolone» Ah! è Cavaliere?

EUGENIO: Ma che cavaliere! è un titolo che si è dato egli stesso.

PASQUALE (leggendo): «Riviera di Chiaia, N. 155, primo piano nobile». (Mette il biglietto da visita sul tavolino. Luisella lo prende.) Oh! marchesì, n’auta cosa: comme venimmo llà?... Nuje stammo de chesta manera!...

EUGENIO: Oh! Si capisce, penserò io a tutto! Domani verrò con tutto quello che occorre.

PASQUALE: Ah! Mò va bene.

FELICE: Ma scusate, arrivati llà, noi che dobbiamo dire?

EUGENIO: Lo saprete domani, per ora lasciatemi andare. Vado a scrivere una lettera a Gemma per prevenirla di tutto, e vi ringrazio di cuore del gran favore che mi avete fatto.

PASQUALE: Ma voi siete il padrone di tutto il mio sangue, del sangue di mia moglie, di mia figlia, de lu sango...

FELICE (canzonando): ‘E puorco!... De lo sango de puorco!... (Eugenio fa per andarsene.)

LUISELLA: Marchesì, scusate, quanto ve dico na cosa.

EUGENIO: Parlate.

LUISELLA: Questo signore, che dev’essere il principe di Casador, vostro zio, non vi ha detto che tiene una moglie, la quale sono io... M’avarria purtà pure a me, nun ve pare?

EUGENIO Mi dispiace, cara mia, ma non è possibile. Saremmo troppi... E poi mia zia, la pnncipessa di Casador, si trova gravemente ammalata, e tutti lo sanno... Malattia di petto!... è un anno che non esce di casa.

FELICE: Nonsignore, chella ha pazziato, va llà, vattenne! Si lo marchesino puteva, t’avarria fatto venì pure a te. Noi non vogliamo distogliervi da quello che avete stabilito.

EUGENIO: Dunque, a rivedenci domani... Carissimo D. Pasquale!

PASQUALE: Caro Marchesino.

EUGENIO: E di nuovo grazie, grazie, grazie. (Stringe la mano a Pasquale.)

PASQUALE: Niente, niente, niente. (Eugenio via.)

LUISELLA Guè!... Vì ca sta vita nun me la fido de la fà cchiù, perciò vide chello ch’haje da fà, spigneme tutto chello che tengo mpignato, pecché me ne voglio j.

FELICE: Luisè, ti aggio ditto tanta vote nun m’annumenà li pigne, pecché me ne faje j de capa! Tu sai comme steva, e si me facevano impressione li pigne tuoje!... Chi sente ogne tanto sti pigne, va trova che se crede. Pe spignà tutte cose, che nce vè?... quarantasette franchi miserabili.

LUISELLA: E quanno te servettero nun erano miserabili?

FELICE: Me servettene pe te dà a magnà, capisce?!

LUISELLA: E chi te l’ha fatto fà? Quanno io aveva magnà cu li pigne miei nun stevo suggetto a tte!

PASQUALE: Va buono, fernitela!

FELICE: Mannaggia la capa mia, mannaggia! (Si strappa dal petto un lembo del soprabito.)

PASQUALE: Oh, haje fatto chesto!

FELICE: Nun fa niente, era la sacca pe li sicarette. Chella, me lo diceva Bettina muglierema: na femmena comme a me, tu nun la truove!

LUISELLA: E se capisce che nun la truove comme a mugliereta!

FELICE: Pecché? Che le vuò dicere a chella?... Statte zitta, sà!... Nun parlà de chella femmena, pecché si no me faje fà lo pazzo!

LUISELLA: Vattenne, faje lo pazzo! Tu nun haje fatto mai niente!... Isso fa lo principe, chella fa la cuntessa, e ccà nimmaneva la serva lloro!

CONCETTA: Nun c’era niente de male!... Quanno se vò bene a n’ommo se fa tutto.

LUISELLA: Tu statte zitta tu, pecché a te te tengo nganna!

CONCETTA: A me me tiene ncanna? Vattenne ca io cu tico nun me voglio appiccecà, pecché me sporco li mmane!...

LUISELLA: E sporcatelle sti mane, famme stu piacere!

PASQUALE: T’aggio ditto tanta vote, tu nun risponnere!... Quanno stongo io nnanze, tu statte zitta!

LUISELLA: E sicuro!... Quanno nce sta l’ommo, ha da risponnere l’ommo. (Ride.)

PASQUALE: Pecché, scusate, D.a Luisè, io nun songo ommo?

LUISELLA: Jatevenne, ommo! Nun ce vò niente cchiù!

PASQUALE: Felì, agge pacienza, chesta insulta, e io nun lo voglio passà nu guajo!

CONCETTA: Ma quanno lo vuò passà nu guajo, quanno? N’auto marito a chest’ora, l’avarria scummata de sango a chella!

LUISELLA (gridando): A chi scumme de sango, a chi?

FELICE: Chiste, po’, ve dico a buje, nun sò cunziglie che li dà na mugliera bona! (Pupella sta in mezzo, ed ora trattiene l’uno, ed ora l’altro.) Scumme de sango, e nun scumrne de sango... Pascale nun è ommo de passà guaje!

PASQUALE: Addò, quanno maje!

FELICE: A te po’, quanno è dimane, me voglio vennere l’uocchie pe te spignà li pigne, e po’ vattenne, che nun te voglio vedé cchiù, sà!

LUISELLA: Se capisce che me ne vaco, ma haje da vedé primme che te faccio!

FELICE: Che me faje, che me faje? Me vulisse vattere... dì la verità?

LUISELLA: E che ne saccio, mò vedimmo!

CONCETTA: Lassatela, lassatela, si no chesta ve fa j ngalera!

PASQUALE: Statte zitta tu, si no te piglio a schiaffe!

CONCETTA: Uh! Me piglie a schiaffe a me!

PASQUALE: Si, a te, a te!

PUPELLA: Papà! Papà!

FELICE: Va bene, nun l’avisse maje ditta sta parola, voglio vedé che faje!

LUISELLA: E po’ lo bide!

CONCETTA: Haje ditto che me piglie a schiaffi, a me! Te l’aggia fà annuzzà ncanna sta parola!

PASQUALE: E po’ vedimmo! (Scambio d’ingiurie e d’invettive, a soggetto e volontà dell’attore.)

(Questa scena deve essere eseguita con molto calore. Poi tutti seggono. Dalla porta in fondo, a dritta, si avanza uno sguattero ed un facchino, che portano una grande stufa. Senza parlare, si avvicinano alla tavola, e posano a terra, ai piedi di Felice, la stufa. Il facchino va via poi torna con due fiaschi di vino. Lo sguattero scopre la stufa, tira fuori una grossa zuppiera di maccheroni, poi dei polli, del pesce, due grossi pezzi di pane, tovaglioli e posate, mentre il facchino pone in tavola i due fiaschi di vino. Egli e lo sguattero riprendono poi la stufa vuota, arrivano sotto la porta in fondo, si voltano solutando con un cenno della testa, e vanno via. Pasquale, Concetta, Pupella, Luisella e Felice si avvicinano alla tavola. Poi si alzano di botto, e, tutti in piedi intorno alla tavola, si slanciano con grande avidità sui maccheroni fumiganti, divorandoli e abbracciandoli con le mani. Cala la tela.)

 

Fine dell’atto primo

Bar

Home

Next

Back

Email

Edizione HTML a cura di: [email protected]
Ultimo Aggiornamento:14/07/2005 00.05

Bar

Victorian Elegance Logo

Guestbook

View Guestbook