De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Dei delitti e delle pene

di Cesare Beccaria

(1763)

Capitolo 35

ASILI

Mi restano ancora due questioni da esaminare: l'una, se gli asili sieno giusti, e se il patto di rendersi fralle nazioni reciprocamente i rei sia utile o no. Dentro i confini di un paese non dev'esservi alcun luogo indipendente dalle leggi. La forza di esse seguir deve ogni cittadino, come l'ombra segue il corpo. L'impunitÓ e l'asilo non differiscono che di pi˙ e meno, e come l'impressione della pena consiste pi˙ nella sicurezza d'incontrarla che nella forza di essa, gli asili invitano pi˙ ai delitti di quello che le pene non allontanano. Moltiplicare gli asili Ŕ il formare tante piccole sovranitÓ, perchÚ dove non sono leggi che comandano, ivi possono formarsene delle nuove ed opposte alle comuni, e per˛ uno spirito opposto a quello del corpo intero della societÓ. Tutte le istorie fanno vedere che dagli asili sortirono grandi rivoluzioni negli stati e nelle opinioni degli uomini. Ma se sia utile il rendersi reciprocamente i rei fralle nazioni, io non ardirei decidere questa questione finchÚ le leggi pi˙ conformi ai bisogni dell'umanitÓ, le pene pi˙ dolci, ed estinta la dipendenza dall'arbitrio e dall'opinione, non rendano sicura l'innocenza oppressa e la detestata virt˙; finchÚ la tirannia non venga del tutto dalla ragione universale, che sempre pi˙ unisce gl'interessi del trono e dei sudditi, confinata nelle vaste pianure dell'Asia, quantunque la persuasione di non trovare un palmo di terra che perdoni ai veri delitti sarebbe un mezzo efficacissimo per prevenirli.

WB01467_.gif (3363 byte)

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com

Ultimo Aggionamento:13/07/05 22.50