De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Dei delitti e delle pene

di Cesare Beccaria

(1763)

Capitolo 12

FINE DELLE PENE

Dalla semplice considerazione delle veritÓ fin qui esposte egli Ŕ evidente che il fine delle pene non Ŕ di tormentare ed affliggere un essere sensibile, nÚ di disfare un delitto giÓ commesso. Pu˛ egli in un corpo politico, che, ben lungi di agire per passione, Ŕ il tranquillo moderatore delle passioni particolari, pu˛ egli albergare questa inutile crudeltÓ stromento del furore e del fanatismo o dei deboli tiranni? Le strida di un infelice richiamano forse dal tempo che non ritorna le azioni giÓ consumate? Il fine dunque non Ŕ altro che d'impedire il reo dal far nuovi danni ai suoi cittadini e di rimuovere gli altri dal farne uguali. Quelle pene dunque e quel metodo d'infliggerle deve esser prescelto che, serbata la proporzione, farÓ una impressione pi˙ efficace e pi˙ durevole sugli animi degli uomini, e la meno tormentosa sul corpo del reo.

 

 

WB01467_.gif (3363 byte)

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com

Ultimo Aggionamento:13/07/05 22.44