fancyhome3.gif (5051 bytes) blushrosetit.gif (31930 bytes) fancyemail.gif (5017 bytes)

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

fancybarT.gif (5506 bytes)

Atto unico

ITALO SVEVO

fancybul.gif (2744 bytes)     fancybulsm.gif (614 bytes)    fancybul.gif (2744 bytes)    fancybulsm.gif (614 bytes)    fancybul.gif (2744 bytes)

fancybarB.gif (5659 bytes)

fancyback.gif (5562 byte)

fancynext.gif (5542 byte)

 

 

SCENA QUARTA

GIUSEPPE e AMELIA

 

GIUSEPPE.       Adesso gavaria de meter in ordine questa stala. Ma da che parte go de scominziàr?

AMELIA           (tradisce un po' di paura). El fazza pur pian, pianin, un poco al giomo!

GIUSEPPE.       Intanto Alfonsina deve meter in ordine la tavola. Cossa ghe ne entro mi coi crepi? (Va al campanello elettrico.) Per Alfonsina se ciama due volte? (Suoni.)

 

 

SCENA QUINTA

ALFONSINA e DETTI

 

ALFONSINA.  Se la me ciama continuamente se sa che no ariverò a far niente.

AMELIA.          Cara Alfonsina, no te go miga ciamada mi.

GIUSEPPE.       Siora squinzia! La go ciamada mi. La spareci la tavola che no xe afar mio.

ALFONSINA.  La tavola va ben, ma i crepi xe afar de Teresa. Per Teresa se sona tre volte? (Eseguisce.)

 

 

SCENA SESTA

TERESA e DETTI

 

ALFONSINA.  Ciò Teresa! Distrighite! Porta via quei crepi.

TERESA.          Mi no posso perché la coga me ga dà de netar le molete. (Sta per andarsene.)

GIUSEPPE        (la trattiene rudemente per la spalla). Ti vol far el tuo lavor toco de asina?

TERESA           (spaventata). Sí, subito. Che maniere.

GIUSEPPE.       Ma cossa la fa lei siora parona? Se la lassa che ne manchi de rispeto la serva alora dove se va a finir?

AMELIA.          Eh! se sa! La serva doveria ubidirghe a tuti…

GIUSEPPE.       Sí! Anche ala parona.

 

 

SCENA SETTIMA

ANNA e DETTI

 

ANNA               Cossa ti me lassi impiantade le molete tute sporche de grasso? Te le dago per la testa, ti sa?

GIUSEPPE.       Le molete ga tempo! Lassa che la finissa prima sta camera.

ANNA               (ad Amelia). Ma che parona del diavolo la xe ela? La lassa che tuti comandi. La diga ela una bona volta: Con chi ga da star Teresa? Qua altrimenti anderemo a pugni! (Suona il campanello.)

AMELIA.          Aspeté un momento e mi ve dirò subito con chi che ga da star Teresina. Vado a averzer mi perciò che voialtri no perde tempo. (Esce.)

GIUSEPPE.       Mi me par che per sta volta ghe la gavemo fata ala polizia. Pecà che quel mato de cúcer se ga lassà ciapar.

ALFONSINA.  Eh! podemo star tranquili. Se comportemo come se fossimo stai in servizio tuta la nostra vita.

ANNA.              Solo ste cotole me seca. Chissà per quanto tempo che me tocherà portarle.

GIUSEPPE.       Oh! Per un meseto! Dopo nessun ghe pensa piú e podaremo andar per la nostra strada.

ALFONSINA.  Ma a mi sta casa me piasi. La parona xe tanto geiitile e el paron tanto stupido che xe un piazer.

 

 

SCENA OTTAVA

AMELIA, STEFANO una frusta in mano e DETTI

 

GIUSEPPE.       Chi selo sto quà?

AMELIA.          El vol star zito fin che no ghe dago mi la permission de parlar. Dunque zà che volé saverlo ve presento el sior Stefano che sarà un altro vostro paron!

TERESA.          El suo moroso?

AMELIA           (le dà uno schiaffo). Ciò, bruta servazza, con chi ti credi de aver da far.

TERESA           (piangendo). Anche la parona me ga dà una sberla!

GIUSEPPE.       Cossa xe ste maniere? La ga bastonà la serva? Ah! No xe casa per noi. (S'avvia.)

AMELIA.          Aspeta un momento perché anzi questa xe l'unica casa per voialtri. El momento che passé per questa porta ve consegno ala polizia. (Tableau.) Ah! credevi de vegnir in una casa pulita per robar? Intanto qua ve go messo la guardia. Fin che staré boni e che faré el vostro lavor no gavé de aver paura de nessun…

GIUSEPPE.       Grazie, grazie parona. La ne vol salvar…

AMELIA.          Altro che salvar, salvar per mi. Ma contéme un poco come che ve sé pensadi de netar e lustrar la casa che gavé svodada.

ALFONSINA.  Ne fazeva schifo de moverse in quel logo cussí sporco.

AMELIA.          Bravi! Se mi fossi giudice ve assolveria. Che sporcona quela siora Armeri. E adesso poche ciàcole e marsch! Al vostro lavoro. Ancora un momento! Capiré che mi tegno sto omo per voialtri, per sorvegliarvi. Dunque la vostra paga resta quela che gavemo dito ma metà ghe la daremo a Stefano. Sé d'acordo?

GIUSEPPE        (ad Alfonsina che lo interroga). Eh! Cossa volé che femo? Semo d'acordo.

AMELIA.          E ti Anna ti te caverà ste cotole! Perché mi voio aver un cogo.

ANNA.              Meno mal! Almeno questo!

AMELIA.          Ma dopo pranzà perché prima no ti gaverà tempo, cara Ana. Ti ga da far i gnochi, cara Ana, ti ga da far la carne in tecia e po' un picolo strucolo de pomi.

ANNA.              Ma come! No andé dal porzetér?

AMELIA.          Del porzetér no se parla piú. E ti netarà la cusina, sporcona. (Dandole un calcio.) Che finora no ti ga netà che le molete. Per dopopranzo voio vederla lustra come un specio! Va in malora! (La spinge fuori.)

ANNA.              E Teresa no vien a aiutarme?

AMELIA.          Teresa per stamatina no ga tempo (A Stefano.) Daghe una frustada che la vada al suo lavor. E adesso marsch! Giuseppe e Teresa vien con mi a netar zinque camere da drio. Per stamatina no ve domando altro. Intanto Alfonsina netarà queste due. Stefano te sorveglierà. Mi vado con questi due. Mi basto per due. Marsch! (Esce con Giuseppe e Teresa ma subito rientra.) Dame la frusta a mi. Ti ti ga da far con la sola Alfonsina e con quela te basta i pugni. (Esce e subito dopo si sente un grido di dolore di Giuseppe e poi un altro di Teresa.)

 

 

 

fancybarT.gif (5506 bytes)

fancybul.gif (2744 bytes)

fancybulsm.gif (614 bytes)        fancybulsm.gif (614 bytes)         fancybulsm.gif (614 bytes)

fancyhome3.gif (5051 bytes)

fancyback.gif (5562 byte)

fancynext.gif (5542 byte)

fancyemail.gif (5017 bytes)

Edizione HTML a cura di: [email protected]
Ultimo Aggiornamento:13/07/2005 23.27

fancylogo.gif (5205 bytes)
fancybul.gif (2744 bytes)
Top