fancyhome3.gif (5051 bytes) blushrosetit.gif (31930 bytes) fancyemail.gif (5017 bytes)

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

fancybarT.gif (5506 bytes)

Atto unico

ITALO SVEVO

fancybul.gif (2744 bytes)     fancybulsm.gif (614 bytes)    fancybul.gif (2744 bytes)    fancybulsm.gif (614 bytes)    fancybul.gif (2744 bytes)

fancybarB.gif (5659 bytes)

fancyback.gif (5562 byte)

fancynext.gif (5542 byte)

 

SCENA TERZA

AMELIA e CLEMENTE

 

AMELIA           (prende la scopa). Capisso che con la servit˙ che g˛ no poder˛ star de bando. (Pensierosa si mette a scopare.) Ancora coi altri se podaria andar d'acordo ma quela coga me fa paura. (Scopa ancora.) To! Che idea! Senti, Clemente, e se ti ti ghe fazessi la corte alla coga?

CLEMENTE.    A quel folpo? Ti xe mata? Ancora ancora se se tratasse de quel boconzin de cameriera…

AMELIA.          Ci˛! Sporcacion ti vol star zitto? Te dago la scova per la testa…

CLEMENTE.    No ti me ga ti proposto de darme la coga? Se go da ciorghene una me par che poder˛ sceglier.

AMELIA.          La coga te la proponevo perchÚ non la me fa paura.

CLEMENTE     (con brivido). Ma la me fa ben paura a mi.

AMELIA           (scopando pensierosa). Ti sa che bel che saria de poderghe dir la prima volta che la ne manda dal porzetÚr: Te accuso per adulterio; te fazzo meter in cheba.

CLEMENTE.    SÝ ma i me meteria in cheba anche a mi e con ragion.

AMELIA           (scopando rabbiosamente). ZÓ con la servit˙ no se la vinze mai. (Pausa.)

CLEMENTE     (eccitatissimo e spaventato a bassa voce). Oh! Amelia! Cossa che ne nassi. Ti sa chi che xe sta tua servit˙?

AMELIA           (scopando). Eh! A sta ora so che no i val pi˙ dei altri.

CLEMENTE.    Parla pian, te prego. Ti sa cossa che i xe? (Porgendole il giornale.) Guarda, guarda. I xe ladri forse assassini.

AMELIA           (prende il giornale e lascia cadere la scopa). Che vedo! Dove? Dove? (Cercando nel giornale.) "Una villa di via Rossetti svaligiata. Una banda di ladri scomparsa." I xe loro? - "Una giovine bellina dall'aspetto petulante… Una brutta dall'aspetto stupido…" Eh! I xe lori! "Un uomo di trent'anni circa dall'aspetto di manutengolo ben nutrito…" Eh! Xe Giuseppe. "Un uomo grosso che Ŕ di solito travestito da donna." La mia Ana xe un A… La mia coga xe un cogo. Da tanti ani che volevo un cogo!

CLEMENTE.    No zigar! Legi pure avanti. Mi intanto vado qua in via Scussa a avisar el comissario. (Cerca il cappello.)

AMELIA.          Ti con pena no ti te moverÓ fin che no te digo mi. (Lo obbliga a sedere.) Legemo avanti. "La villa di via Rossetti fu trovata in pieno ordine, solo vi mancavano gli oggetti preziosi. Anzi fu notato con sorpresa che la cucina fu pulita e lustrata dai ladri. La signora Ameri, la proprietaria della villa, dice che mancava di servit˙ da un mese e che perci˛ la sua cucina era molto sucida." Oh! cari, cari, i ga netÓ prima de scampar.

CLEMENTE     (con gesto analogo). Ghe gira, certo ghe gira. Forsi la paura…

AMELIA.          E come i sa sti diavoli che aspeto che ga la mia servit˙? Oh! guarda! Iera con lori un c˙cer e quel i lo ga becÓ. Che pecÓ! A noi che ne ocoreva giusto anche el c˙cer.

CLEMENTE.    Mi vado dal comissario…

AMELIA.          Ti adesso ti farÓ quel che voio mi. Ti anderÓ in magazin…

CLEMENTE.    Vado! Vado! Meno mal che no te me oblighi de star in sta casa piena de ladri… Gnanca a pranzo no vegno. ZÓ per andar dal porzetÚr posso andarghe solo.

AMELIA.          Ti ti vegnerÓ a pranzo e ti trovarÓ un bel pranzo coi fiochi: Gnochi de patate, carne in tecia e strucolo de pomi. Oh! Ma come che xe stupidi sti omini. No te capissi, insempiÓ, che finalmente saremo servidi non da servit˙ ma da briganti? Finalmente no gavarÓ pi˙ servit˙. Che liberazion! Me parerÓ d'esser in paradiso! Dunque ti ti andarÓ in magazin e ti me manderÓ el tuo grosso Stefano, quel che ghe somiglia a Raicevich. El magnerÓ e el dormirÓ qua. Ti te ciolerÓ un altro fachin e Stefano starÓ sempre in casa a aiutarme a diriger sta zente pericolosa. Ben, ti te distrighi?

CLEMENTE     Ti vol Stefano? Ma ti sa che ogni sera el xe imbriago?

AMELIA.          Mandimelo istesso! Ghe dar˛ una bela mancia perci˛ che nol beva.

CLEMENTE.    Se ti ghe dÓ la mancia el sarÓ imbriago anche prima de sera.

AMELIA.          Ben! Fin a stasera ghe penseremo. Intanto mandilo subito su. Va presto!

CLEMENTE     (in procinto di uscire ritorna ad Amelia). E no ti ga paura de restar sola coi briganti? (Entra Giuseppe ed egli s'arresta ed esce mormorando.) Forsi che i me la copa.

 

 

 

 

fancybarT.gif (5506 bytes)

fancybul.gif (2744 bytes)

fancybulsm.gif (614 bytes)        fancybulsm.gif (614 bytes)         fancybulsm.gif (614 bytes)

fancyhome3.gif (5051 bytes)

fancyback.gif (5562 byte)

fancynext.gif (5542 byte)

fancyemail.gif (5017 bytes)

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento:17/07/2005 20.25

fancylogo.gif (5205 bytes)
fancybul.gif (2744 bytes)
Top