fancyhome3.gif (5051 bytes) blushrosetit.gif (31930 bytes) fancyemail.gif (5017 bytes)

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

fancybarT.gif (5506 bytes)

L'avventura di Maria

ITALO SVEVO

Commedia in tre atti

fancybul.gif (2744 bytes)     fancybulsm.gif (614 bytes)    fancybul.gif (2744 bytes)    fancybulsm.gif (614 bytes)    fancybul.gif (2744 bytes)

fancybarB.gif (5659 bytes)

fancyback.gif (5562 byte)

fancynext.gif (5542 byte)

  

ATTO SECONDO

 

 

 

SCENA DECIMA

GIULIA e DETTI

 

GIULIA (molto seria). Senti, Maria. Giorgio mi ha detto che tu hai l'intenzione di abbandonare la mia casa prima dell'epoca stabilita. PerchÚ?

TARELLI. Mia nipote l'ha detto soltanto, perchÚ oggi abbiamo ricevuto un dispaccio che c'invitava di recarci a Genova. Ella non sapeva ancora che avevo giÓ rifiutato.

GIULIA. Ah, cosÝ! (A Maria.) Sai che finchÚ resti in questa cittÓ, hai il dovere di approfittare di questa casa. Non siamo forse vecchie amiche? Una parola detta in fretta si dimentica facilmente. Io l'ho giÓ dimenticata… (Freddamente.) E tu?

MARIA (freddamente). Anch'io. (S'avvicina a Giulia.) Rimango, dunque. (Le porge la mano, poi si pente non vedendo subito pronta quella di Giulia, la quale ritira pure la sua.)

GIULIA. Grazie. Vado ancora a dare alcune disposizioni per il pranzo. (Via.)

TARELLI. Qui sarebbe stato a posto un piccolo segno affettuoso che avrebbe fatto pi˙ bene di tutte le spiegazioni. PerchÚ non le hai stretto la mano?

MARIA. Aveva giÓ ritirato la sua. Oh, se crede ch'io abbia un tale bisogno di venir perdonata, s'inganna! Del resto si vede che non saprebbe perdonarmi. (Contenta.) L'ho toccata in un punto debole. Giulia si contiene cosÝ, per quel grande rispetto che tutte le donne borghesi portano alle convenienze. L'avrei amata di pi˙, se mi avesse graffiata.

TARELLI. Vedi, Maria, comincio anch'io a desiderare che si parta al pi˙ presto. Non sono pi˙ tranquillo.

MARIA. Non capisco io, adesso.

TARELLI. Oh, vorrei che non mi comprendessi! Se avessi la certezza che non puoi comprendermi, sarei subito tranquillo di nuovo. Come vuoi che non dubiti di te, vedendo che hai provato il bisogno di vantarti della corte che ti ha fatto quel signor Alberto e che ancora adesso ti compiaci di aver offesa, ferita la tua amica d'infanzia? Non dirmi nulla; non negare, non scusarti. Non sono mica un ragazzo da non capire che la pi˙ sciocca azione che si possa fare in tali frangenti si Ŕ di seccare, di far parlare continuamente il malato della propria malattia. Non una parola sull'argomento. Andr˛ ora dalla signora Giulia per cercare di disporla un po' meglio in tuo favore, e nei pochi giorni che rimarremo ancora qui, non si parli pi˙ di questa avventura. (Si avvia. Poi.) Sono stato da Valzini. Daremo anche il secondo concerto. Ma ho perduto del tutto la speranza che il pubblico ti diventi favorevole. Basta comprendere ci˛ che ne pensa Valzini; non che abbia chiesto dei consigli a quell'imbecille, ma la sua opinione mi dÓ una chiara idea dell'opinione prevalente in paese. Figurati che sono andato da lui per fargli i miei ringraziamenti con tutta serietÓ, quasi gli fossi realmente debitore di riconoscenza, e mi attendevo di sorprenderlo, di confonderlo; invece, invece i miei ringraziamenti furono accolti con la medesima serietÓ con cui furon fatti, con la differenza che la serietÓ di Valzini non era simulata. Ritiene assolutamente di meritare gratitudine, e di aver scritto di te molto, ma molto meglio di quanto meriti.

MARIA (che non Ŕ stata ad ascoltare). E… se vedo il signor Alberto, devo informarlo della indiscrezione commessa con Giulia?

TARELLI (in tono di rimprovero). Ah, sei ancora lÓ col pensiero?

MARIA (confusa). Che mi dicevi?

TARELLI. Niente, niente… Se vedi il signor Alberto, comportati come se nulla di nuovo fosse avvenuto. Come hai detto tu stessa, lasciamoli sbrigare i loro affari da soli. Per liberarti da quella inquietudine che ti vedo ancora in volto, vado dalla signora Giulia, e cercher˛ di farvi fare la pace oggi stesso. Attendimi qui. (Via.)

 

 

SCENA UNDICESIMA

ALBERTO e MARIA

 

ALBERTO. Signorina Maria!

MARIA (che non lo ha visto, improvvisamente imbarazzata). Oh, lei!

ALBERTO (lietamente). Oh, finalmente! Una volta ch'io la veda sola! Tra la mia e la sua famiglia, tra gli artisti ed i critici non c'Ŕ mai caso di scambiare con lei una parola! (Ridendo.) C’Ŕ poi quel mio signor cognato che sembra cucito alle sue gonne. Che voglia finire in un matrimonio?

MARIA (seriamente). Oh, come pu˛ crederlo?

ALBERTO. Non occorre dirmelo tanto seriamente! Io non l'ho mai creduto. Volevo dire soltanto che si stava meglio quando si stava peggio. CioŔ si stava meglio a Firenze, a Bologna, a Venezia se pur non ci conoscevamo. Mi perdoni lo scherzo. (Subito pi˙ serio.) Se ne accorge anche lei che non sono nÚ tranquillo nÚ lieto. So di non esser capace di fare delle dichiarazioni troppo gentili. Le donne che, all'infuori di mia moglie, ho conosciute, non mi hanno dato quest'abitudine. Sono pochi giorni da che lei Ŕ qui, e mi pare un anno, perchÚ, con tutta franchezza, non vedo l'ora che se ne vada.

MARIA (che fin qui sarÓ stata ad ascoltare con evidente compiacimento). Oh, sarÓ presto soddisfatto.

ALBERTO. Oh, mi permetta che glielo spieghi. Si ricorda di ci˛ che le dissi al suo arrivo? Sembrava, e lo credeva io stesso, che lei non era com’io la riteneva, io dovessi ritornare prontamente ai miei doveri di marito e dimenticare tutto il resto. Non le avevo detto ch'io sarei capace di soffocare in me ogni altro sentimento pur di non turbare la mia felicitÓ domestica? Ebbene, ora diffido di me stesso. Alle volte quando mi metto a riflettere, ma che riflettere! quando mi abbandono senza ritegno alla mia passione ed esco cosÝ dalla monotonia macchinale della mia vita, dal freno che impongo al mio contegno verso di lei, verso mia moglie, dall'abitudine per cui faccio quel dato gesto, dico quella certa parola… che non penso pi˙ e che non approvo… allora… (Timidamente.)

MARIA (incoraggiante). Allora…

ALBERTO (sorpreso, poi). Penso allora che se fossi un altr’uomo, meno metodico, meno preoccupato dall'idea del futuro, quel futuro che finisce sempre coll'ammazzare il presente, dovrei dare un'alzata di spalle tale da liberarmi da tutto quanto mi inceppa, m'impedisce la felicitÓ e… e correre precisamente dietro a questa felicitÓ.

MARIA. Ma posso credere che parlando di questa felicitÓ cosÝ grande che la indurrebbe ad abbandonare ogni altra, lei… pensi a me, una donna che nemmeno Ŕ capace di render gelosa sua moglie?

ALBERTO. Oh, non mi rammenti quelle frasi disgraziate di cui ora non approvo una sola parola. Basterebbe un suo cenno per farmi cadere ai suoi piedi anche in presenza di mia moglie.

MARIA (sottovoce indagando in se stessa). Mi par di sentirmi pi˙ sollevata.

ALBERTO. Che dice? (Le prende una mano.)

MARIA (svincolandosi con energia). Mi lasci! (Freddamente.) Sono al caso di porla immediatamente alla prova. Senta, poco fa ho messo a parte sua moglie delle assiduitÓ di cui mi onora.

ALBERTO. Ah, no, lei scherza…

MARIA (seria). Sull'anima mia! Ho raccontato a sua moglie che lei Ŕ innamorato di me, ad ogni modo ho voluto farglielo credere, che sia vero o no.

ALBERTO (mortificato). Davvero?

MARIA (avviandosi tristemente verso l'uscita). La prova Ŕ fatta.

ALBERTO (dopo una breve esitazione). No, Maria, rimanga, non mi lasci cosÝ dopo avermi fatto tanto male!

MARIA. Le ho fatto del male? Lo riconosce?

ALBERTO. Lei forse ancora non sa quanto. Mi ascolti! Io non amavo mia moglie, Ŕ vero, ma il rispetto che le portavo, e pi˙ ancora il sapermi tanto amato da lei, rispettato, venerato addirittura come un essere perfetto, m'induceva a fare tutti gli sforzi possibili per continuare ad apparirle meritevole del suo affetto. Ora, invece! Oh, certo. Quanto pi˙ comprenderÓ d'essere stata cieca finora, tanto pi˙ grande sarÓ la sua disillusione. Mi disprezzerÓ.

MARIA (di nuovo per uscire). Sta bene. La prova Ŕ fatta. (Sulla soglia si ferma.) Perdoni il male che le ho fatto. Da qui a poco, giÓ, quando sar˛ lontana, si rappattumeranno e il male sarÓ stato minore di quanto ora le sembra. (Alberto accenna di no.) No? Ebbene, deve riconoscerlo. Questo male se lo sarÓ meritato. Ricorda ci˛ che le dissi, quando per la prima volta mi diede quelle spiegazioni che poi volle ripetermi a sazietÓ? “Ma per chi mi prende?” le chiesi. Le ripeto oggi la stessa domanda: “Per chi mi prende?”. Io potrei non essere una fanciulla onorata nel senso borghese della parola, e ascoltare le sue dichiarazioni pur sapendo che facendomele si rende colpevole verso la famiglia, verso la legge. Ma dopo quanto m'ha detto, esse significano crudamente: “Vorrei passare con te qualche giorno. Assecondami!…” ed ascoltarla… io! Oh, via! Per chi mi prende? Poco fa ero giÓ pentita del mio agire, ma ora lo trovo giustificato e ne ho piacere. Tanto! (Molto commossa.)

ALBERTO (sorpreso, dopo un momento di sospensione). Mi perdoni! So di averla offesa. Darei la mia vita per asciugare quella lagrima!

MARIA. Ebbene! Se vuole far˛ tuttavia uno sforzo e andr˛ a dire a Giulia che ho mentito. (Vicinissima a lui.) Rinunzio anche al piacere di essermi vendicata delle sue offese. VedrÓ che riuscir˛ a farmi credere. (Alberto accenna di no, che non lo crede.) Le dir˛ ch'Ŕ stata una mia fantasia di artista… ChissÓ cosa ella si figura per fantasia di artista!

ALBERTO. Non vada, Maria! (Attirandola a sÚ e guardandosi attorno con paura.) Io preferisco il suo amore…

MARIA (svincolandosi). Mi lasci! Lo sappia! Io non amer˛ mai un uomo che non sia libero o che per me non si sia reso libero.

ALBERTO. Oh, Maria! Io non posso abbandonare il mio figliuolo!

MARIA (ironicamente). Ecco. ╚ giusto. Il suo figliuolo! Non ci avevo pensato! Ebbene! Allora stia lontano da me! Ascolti! Nella mia vita attiva io non ho molto sognato l'amore, ma non lo ignoro tanto da non comprendere che quello che mi offre non Ŕ amore.

ALBERTO (con forza). ╚ amore. Se non Ŕ amore un sentimento per cui forse vedr˛ rovinare la mia vita, la mia felicitÓ, allora…

MARIA. Non Ŕ amore, finchÚ lei sa che la sua felicitÓ non Ŕ affatto compromessa. Di parole non mi accontento, io!

ALBERTO (con pi˙ forza). ╚ amore. Lo sento forse per la prima volta in vita mia. ╚ un misto di rispetto e di desiderio che mi confonde. Lei sa, glielo ho giÓ detto. Nella mia vita sono passate parecchie figure di donna. La sua… Ah, come si distingue da tutte le altre! Non posso neppure concepire l'idea che ben presto debba rimanere privo di lei! (Con fuoco.) Lei calcola, lei ragiona… Io sento solamente, e se mi oppongo, se resisto, Ŕ invano… Io l'amo! Lei non mi ama!

MARIA (pacatamente). S'inganna. Ascolti! io l'amo. (Alberto si avvicina.) Mi lasci! Non so, non arrivo a comprendere la ragione di questo amore. Che una fanciulla come sono io giunga a confessarlo Ŕ tale prova di amore, quale non mi ebbi da lei finora. Lo so da poco; lo compresi dalla collera che mi assalse un'ora fa nel vedere quante cure lei prodigava a Giulia… in mia presenza. Ma pur amando, io riconosco, purtroppo, che mai una donna fu pi˙ volgarmente desiderata. Sappia perci˛ che questa Ŕ la prima e l'ultima volta che sente da me una simile confessione. D'ora in poi sul mio volto non vedrÓ che indifferenza. ╚ tanto ingiusto il sentimento che provo che mi sarÓ facile ben presto di soffocarlo e di sostituirlo con l'indifferenza anche nel cuore.

ALBERTO. Ma che vuole che faccia? Mi comandi!

MARIA (in collera). A me lo chiede? Io le ripeto che il suo modo di amarmi, che le sue parole mi offendono. (Ironicamente.) Vuole amarmi fra le pareti domestiche ed allo stesso tempo tener delle prediche a sua moglie sul modo di allevare il figliuolo…

ALBERTO. Oh, Maria! Se veramente mi amasse, parlerebbe altrimenti! Non merito tanta ironia!

MARIA. Me lo dimostri!… Vogliamo… fuggire insieme? Vuole abbandonare tutto per me?… No! (Pausa.) E allora mi lasci in pace e attenda alla sua famiglia.

ALBERTO (confuso). Non ho detto di no…

MARIA (avviandosi). Ma neppure di sÝ, mi pare…

ALBERTO. Fra noi due… chi ha maggior esperienza per l'etÓ (esitante, cercando le parole)… sono io. Lasci, quindi, ch'io… veda il bene di tutti e due.

MARIA (ironicamente).… di tutti e due?

ALBERTO. Di tutti e due, sÝ. (Deciso.) Pu˛ esservi dubbio che per egoismo io rifiuti la felicitÓ che mi offre? Io sono un uomo in etÓ, ed una giovinetta bella, divina, che amo mi offre il suo amore. Pu˛ esservi dubbio che per egoismo rifiuti? Impossibile! Dunque… Ma potrÓ una tanto cara creatura accontentarsi della vita modesta che potr˛ offrirle? Ci ha pensato? Abituata com'Ŕ alla vita di artista, alle soddisfazioni dell'amor proprio, della vanitÓ, dell'ambizione…

MARIA (sorridendo). Oh, sÝ. All'arte chi ci pensa pi˙? Desidero anzi di condurre una vita tutta diversa da quella menata fin qui…

ALBERTO. SarÓ una vita, naturalmente, molto modesta. La mia proprietÓ appartiene, ben inteso, a Giulia ed a mio figlio. (Maria assente.) BisognerÓ vivere in qualche cantuccio della terra, molto lontano da qui… in una casa un po' meno ricca di questa.

MARIA (con entusiasmo). Piccola e povera, ma nostra. La felicitÓ mite e quieta di gente modesta…

ALBERTO. Oh, sei divinamente bella cosÝ! Maria! (L'abbraccia, con violenza.) Un bacio! Maria!… Un solo bacio!

MARIA (difendendosi debolmente). No, no… Laggi˙ nella nostra casa… Ivi sar˛ tutta tua!…

ALBERTO (la bacia lungamente). Come pegno…

MARIA. Via! Alberto…

 

 

SCENA DODICESIMA

GIORGIO e DETTI

 

GIORGIO (dÓ un grido). Ah!

MARIA (si svincola e si allontana lentamente).

ALBERTO. Oh, Giorgio!

GIORGIO (ironicamente). Scusino l'incomodo!… (Via.)

MARIA. Non c'Ŕ dubbio. Quello lÝ Ŕ corso a raccontarlo a Giulia. Mi dispiace per lei, per le scene che ne deriveranno…

ALBERTO (smaniando). Oh, sÝ. Anche a me dispiace per questo… (Grida.) Giorgio! (Va alla porta.) Giorgio!

MARIA (osservandolo). Ecco che l'entusiasmo Ŕ caduto e ben presto. Badi ch'Ŕ sempre libero! Badi!… VedrÓ che riuscirÓ facilmente a calmare Giulia, anche se il professore ci ha giÓ denunziati.

ALBERTO. Oh, non Ŕ questo che m'importa! ╚ lo scandalo! ╚ Giulia. Per piacere, Maria, mi lasci solo con mia moglie! Non vorrei che fra voi due vi fosse uno scambio di parole troppo dure. (L'accompagna alla porta. Ravvedendosi le bacia una mano prima di lasciarla.)

Maria via. Entra Giulia.

GIULIA. E Maria?… ╚ fuggita?

ALBERTO. Non scene, Giulia, te ne prego!

GIULIA. Chi ti dice che ne voglia fare? Maria avrebbe potuto rimanere… L'avrei pregata pulitamente di andare a far all'amore con te fuori di casa mia. Gliel'ho giÓ detto… (Grida.) Non voglio che insozzi questa casa! (Pi˙ calma.) No, no. Voglio mostrarti che sono calma e che quanto ancora ho da dirti, non Ŕ ispirato dall'ira. Che Maria rimanga. Pu˛ rimanere per questo poco di tempo. GiÓ so che tu saprai contenerti. Per˛, in ogni caso, sappi che… ti far˛ sorvegliare… da tuo figlio. CosÝ su questo riguardo sono tranquilla. Ti pare?

ALBERTO. Ma Giulia, credi! Non Ŕ cosa sÝ grave che meriti il tuo risentimento!…

GIULIA. Niente bugie, te ne prego! Posso disprezzare Maria, ritenere che sia stata fatta com'Ŕ dall'arte sua, non una ganza volgare, insomma, ma una donna passionale, trascinata dalle tue persuasioni, dal tuo amore. Non si tratta di una inclinazione ideale, di quelle che… una donna per bene saprebbe celare e combattere, nÚ di una tresca futile che una donna onesta pu˛ scusare e fingere d'ignorare. Si tratta di una concatenazione di ambedue i casi, e a me non resta che piegare la testa (con un singhiozzo represso)… vinta. Non mi sento abbassata affatto e nel mio dolore non vi Ŕ traccia di vanitÓ e di amor proprio offeso. E perci˛ che non tollero pi˙ proteste, perchÚ non so che farmene. Da poco tempo so di essere stata tradita in modo sÝ grave, per˛ mi Ŕ abbisognato ben poco tempo per decidere la via da seguire. Rimango in questa casa per mio figlio, (vinta dalla commozione parla pi˙ rapidamente) vivremo l'uno accanto all'altro come due fratelli… due fratelli che non si amano. (Si avvia.)

ALBERTO (vuole fermarla). Giulia!

GIULIA (calmissima). Di questo argomento, basta! GiÓ non potresti dirmi nulla ch'io non sappia, a meno che non fossero delle bugie. Dunque, basta! (Via.)

ALBERTO (si cela il volto e cade seduto).

…………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………

AMELIA. Signore, la padrona l'avverte che il pranzo Ŕ in tavola.

 

 

CALA LA TELA

 

 

 

 

fancybarT.gif (5506 bytes)

fancybul.gif (2744 bytes)

fancybulsm.gif (614 bytes)        fancybulsm.gif (614 bytes)         fancybulsm.gif (614 bytes)

fancyhome3.gif (5051 bytes)

fancyback.gif (5562 byte)

fancynext.gif (5542 byte)

fancyemail.gif (5017 bytes)

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento:14/07/2005 00.00

fancylogo.gif (5205 bytes)
fancybul.gif (2744 bytes)
Top