De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Rime

di Guido Cavalcanti

I Fresca rosa novella
II Avete 'n vo' li fior' e la verdura
III Bilt di donna e di saccente core
IV Chi questa che vn, ch'ogn'om la mira
V Li mie' foll' occhi, che prima guardaro
VI Deh, spiriti miei, quando mi vedete
VII L'anima mia vilment' sbigotita
VIII Tu m'hai s piena di dolor la mente
IX Io non pensava che lo cor giammai
X Vedete ch'i' son un che vo piangendo
XI Poi che di doglia cor conven ch'i' porti
XII Perch non fuoro a me gli occhi dispenti
XIII Voi che per li occhi mi passaste 'l core
XIV Se m 'ha del tutto obliato Merzede
XV Se Merc fosse amica a' miei disiri
XVI A me stesso di me pietate vne
XVII S'io prego questa donna che Pietate
XVIII Noi sin le triste penne isbigotite
XIX I' prego voi che di dolor parlate
XX O tu, che porti nelli occhi sovente
XXI O donna mia, non vedest colui
XXII Veder poteste, quando v'inscontrai
XXIII Io vidi li occhi dove Amor si mise
XXIV Un amoroso sguardo spiritale
XXV Posso degli occhi miei novella dire
XXVI Veggio negli occhi de la donna mia
XXVII Donna me prega, per ch'eo voglio dire
XXVIII Pegli occhi fere un spirito sottile
XXIX Una giovane donna di Tolosa
XXX Era in penser d'amor quand' i' trovai
XXXI Gli occhi di quella gentil foresetta
XXXII Quando di morte mi conven trar vita
XXXIII Io temo che la mia disaventura
XXXIV La forte e nova mia disaventura
XXXV Perch'i' no spero di tornar giammai
XXXVI Certe mie rime a te mandar vogliendo
XXXVII Vedeste, al mio parere, onne valore
Guido Cavalcanti risponde a Dante Alighieri (cfr. "A ciascun alma presa" cap. III della Vita Nova)
XXXVIII S'io fosse quelli che d'amor fu degno
XXXIX Se vedi Amore, assai ti priego, Dante
XL Dante, un sospiro messagger del core
XLI I' vegno 'l giorno a te 'nfinite volte
XLII Certo non de lo 'ntelletto acolto
XLIII Gianni, quel Guido salute
XLIVa A quella amorosetta foresella
Bernardo da Bologna a Guido Cavalcanti
XLIVb Ciascuna fresca e dolce fontanella
Guido Cavalcanti risponde a Bernardo da Bologna
XLV Se non ti caggia la tua santalena
XLVI In un boschetto trova' pasturella
XLVII Da pi a uno face un sollegismo
dedicato a Guittone d'Arezzo
XLVIIIa Una figura della Donna mia
dedicato (forse) a Guido Orlandi
XLVIIIb S'avessi detto, amico, di Maria
Guido Orlandi risponde a Guido Cavalcanti
XLIXa La bella donna dove Amor si mostra
Guido Cavalcanti a Guido Orlandi
XLIXb A suon di trombe, anzi che di corno
Guido Orlandi risponde a Guido Cavalcanti
La Di vil matera mi conven parlare
Guido Cavalcanti a Guido Orlandi
Lb Amico, i' saccio ben che sa' limare
Guido Orlandi risponde a Guido Cavalcanti
LI Guata, Manetto, quella scrignutuzza
LII Novelle ti so dire, odi, Nerone
Guido Cavalcanti a Nerone Cavalcanti

 

 Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com

Ultimo Aggiornamento: 14/07/2005 22.32