Home

Welcome

Email

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Bar

IL CAMPIELLO

Di: Carlo Goldoni

BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet Bullet


Bar

ATTO QUINTO


SCENA PRIMA

Fabrizio con quattro Facchini, Gasparina sul poggiuolo


Fabrizio: S, s, venite meco.

Voglio, che ci spicciamo immantinente. (ai facchini)

Gasparina: Oe, zior barba, chi z mai quela zente?

Fabrizio: Questi sono i facchini.

La casa ho ritrovata,

E di qua innanzi sera andiamo via.

Gasparina: Cuz presto z'ha da far mazzaria?

Fabrizio: Tant'. Venite meco. (ai facchini)

Gasparina: Ma, la diga.

Z'ha d'andar via cuzz?

E ze la caza no me piaze a mi?

Fabrizio: Credo, vi piacer.

Gasparina: Zlo un palazzo?

Fabrizio: una casa civile.

Gasparina: Gh' riva in caza? tegniremio barca?

Fabrizio: Che ne volete fare?

Gasparina: Almanco a un remo;

O che zemo, zior barba, o che no zemo.

Fabrizio: Son pur sazio di voi, la mia figliuola!

Andiam. (ai facchini)




SCENA SECONDA

Il Cavaliere e detti


Cavaliere: Signor Fabrizio, una parola.

Fabrizio: (Ecco un altro disturbo). Che comanda?

Cavaliere: Servitore di lei. (mostra salutare Fabrizio, e

saluta Gasparina)

Fabrizio: La riverisco.

Gasparina: Gli zon zerva, zignore.

Fabrizio: Ora capisco.(accorfendosi di Gasparina)

Entrate in quella casa. (ai facchini, quali entrano)

E voi, signora, se vi contentate

A unir le robe vostre principiate.

Gasparina: Zerva zua. (salutando il Cavaliere)

Fabrizio: Mia padrona.

Cavaliere: A voi m'inchino.

Fabrizio: Un'altra volta a me? (al Cavaliere; poi si avvede che

si salutano a motti con gasparina)

Bravi, me ne consolo.

Subito andate via di quel poggiuolo.

Gasparina: (Ze me podezze maridar!). (in atto di partire)

Fabrizio: (Bellissima!).

Gasparina: (Anca me bazterave ezzer luztrizzima). (parte)



SCENA TERZA

Il Cavaliere e FABRIZIO


Fabrizio: Quel, che mi avete a dir sollecitate. (al Cavaliere)

Cavaliere: Dir, signor; sappiate,

Che mi ha ferito il cor vostra nipote.

Fabrizio: Piacevi Gasperina, o la sua dote?

Cavaliere: Desta il merito suo gli affetti miei.

Fabrizio: (Quasi quasi davver gliela darei).

Cavaliere: Voi sapete chi sono.

Fabrizio: Lo so certo;

So come siete nato,

Ma vi siete un po' troppo rovinato.

Cavaliere: ver, ma sono stanco

Di menar questa vita.

Vo' moderar le spese;

Vo' tornar con prudenza al mio paese.

Fabrizio: Se sperar si potesse.

Cavaliere: Ve lo giuro

Da cavalier d'onore.

Fabrizio: Ma ditemi, signore,

Come rimedierete

Dei disordini vostri alla rovina?

Cavaliere: Quanto date di dote a Gasperina?

Fabrizio: Ecco quel, che i' dicea;

Della dote vi cal per consumarla.

Cavaliere: Su i miei beni potete assicurarla.

Fabrizio: Non sono ipotecati?

Cavaliere: Essere pon da voi ricuperati.

Vi far una cessione

Di tutto il mio per anni dieci, e pi;

Dipender da voi,

Se il vostro amor mi regge, e mi consiglia,

Viver come un figlio di famiglia.

Fabrizio: Basta: vi da pensar.

Cavaliere: Non mi tenete

Pi lungamente a bada.

Fabrizio: Concludere in istrada

Quest'affare vorreste?

Cavaliere: Entriamo in casa.

Fabrizio: Parleremo domani.

Cavaliere: In questo punto

Principiare vorrei

A rinonziarvi gli interessi miei.

Fabrizio: Ma! discorrer convien.

Cavaliere: Ben, discorriamo.

Fabrizio: (Sono fra il s, ed il no).

Cavaliere: Vi prego.

Fabrizio: Andiamo.

Cavaliere: (Per me strada miglior trovar non so). (entra in casa)

Fabrizio: (Si egli dice davvero, io gliela do). (entra in casa)



SCENA QUARTA

Lucietta sull'altana, poi Gnese sull'altana, poi Orsola sul poggiolo.


Lucietta: Bravi! I l'ha tir drento. (vedendo il Cavaliere entrare da Gasperina)

Gnese, Gnese. (forte chiamando)

Gnese: Chi chiama?

Lucietta: Oe, no ti sa?

L'amigo... mio compare...

Gnese: Cossi st?

Lucietta: El x and dall'amiga. (accenna la casa di Gasperina)

Gnese: Eh via.

Lucietta: S anca

Varenta le mie tatare

Orsola.(chiama)

Orsola: Me chiameu?

Lucietta: Sent: el foresto

X and da Gasperina.

La se l'ha tir in casa.

Orsola: Oh che mozzina!

Lucietta: Oe, credeu che ghe sia

Monea d'un triro?

Orsola: E so barba ghe xlo?

Lucietta: Vara! se el gh'? El ghe l'ha men elo.

Orsola: Chiama, chiama to mare,

Che ghe la vi contar. (a Gnese)

Gnese: No, no gramazza, no, lassla star.

Lucietta: Cossa gh'ala?

Gnese: Tas.

Lucietta: Drmela ancora?

Gnese: El vin gh'ha fatto mal, l'ha butt fuora.

Orsola: Ghe l'ho dito; sta vecchia

La beve co fa un ludro.

Lucietta: Anca mia mare

La x l ben conzada.

Oe quattro volte la me x cascada.

Gnese: Dove xla?

Lucietta: Sul letto,

Che la ronchiza.

Orsola: Dove x Anzoletto?

Lucietta: Anca elo x qua,

In canton del fogher indromenz

Orsola: Quando spsistu?

Lucietta: Aspetto mio zerman,

E po de longo se dar la man.

Orsola: E el compare?

Lucietta: El compare x liog;

Ma co lo chiameremo, el vegnir.

Orsola: Sia con bona fortuna,

Fia mia.

Lucietta: Cus anca vu.

Orsola: Da qua do ani; vero Gnese?

Gnese: Cossa?

Lucietta: Via cossa vienstu rossa?

In verit te toccher un bon puto.

Orsola: Oe, vien da mi, che te conter tutto. (a Lucietta)

Gnese: Che bisogno ghe x,

Che f pettegolezzi? (ad Orsola)

Orsola: Oh che gran casi!

No si la da saver? Vienstu, Lucietta?

Lucietta: S ben, fina, che i dorme. (entra)

Orsola: Via, da brava.



SCENA QUINTA

ORSOLA, Gnese poi LUCIETTA


Gnese: Sior'Orsola, patrona.

Orsola: Me poderessi dir siora madona.

Gnese: Oh giusto!

Orsola: In verit

Puta cara son stuffa

De sti to stomeghezzi,

Gnese: Se me cri, mi no ve parlo pi.

Orsola: Cara fia...

Lucietta: Vegno, vegno. (esce di casa correndo verso la casa di Orsola)

Orsola: Vien de su. (entra)

Lucietta: Altri do ani ghe vor per ti.

Oe, quanto paghervistu

A esser in pe de mi? (a Gnese, ed entra in casa di Orsola)



SCENA SESTA


GNESE, poi Facchini, poi ANZOLETTO


Gnese: Le me fa tanta rabia! Lo tiorave

Zorzetto, se podesse;

Ma no voria, che nissun lo savesse.

Facchini (escono di casa di Gasperina, con masserizie, e le portano altrove)

Gnese: Oe, fali massaria?

Certo e seguro, che la va a star via.

Se se svoda la casa,

La toressimo nu. Oe, siora mare; (chiama)

In sta casetta no me piase star.

E po, se me marido; ma gh' tempo.

Cavallo no morir,

Che bell'erba ha da vegnir.

Anzoletto: Oe dis, siora Gnese, saveu gnente

Dove, che sia Lucietta?

Gnese: La x andada

Da sior'Orsola.

Anzoletto: Brava, la lo sa:

No vi, che la ghe vaga, e la ghe va?

Vi, che la me la paga; e quela vecchia

La ghe tende pulito a sta pettazza.

Co la vien voggio darghe una schiaffazza.

Ma prima co so mare

Vi dir l'anemo mio. Oe donna Catte,

Desmissive. (batte forte)



SCENA SETTIMA

Donna CATTE e detti.


Donna Catte: Chi batte?

Anzoletto: Vegn da basso, che v'ho da parlar.

Gnese: De diana el ghe vol dar

Avanti gnanca, che la sia sposada?

Cossa faralo co l' maridada?

Donna Catte: Zenero, me chiameu?

Anzoletto: Cossa diavolo feu?

Vu dorm co fa un zocco, e vostra fia...

Donna Catte: Oe dove xla?

Anzoletto: La x andada via.

Donna Catte: Dove si la cazz sta scagazzera?

Anzoletto: L da la frittolera.

Donna Catte: Via, no gh' mal lass, che la ghe staga.

Anzoletto: No vi, che la ghe vaga.

Donna Catte: Oh saressi zeloso de so fio?

De quel cosso scaccho, malfatto, e bruto?

Gnese: Oe, oe, sent no strappazz quel puto.

Donna Catte: Cossa gh'aveu paura?

Che la ghe voggia ben?

Vla qua che la vien.



SCENA OTTAVA

Lucietta e detti


Lucietta: Seu desmissiai?

Cossi ? ti me fa el muso?

Xstu in colera fio? (a Anzoletto)

Anzoletto: Frasca. Ti suso. (gli d uno schiaffo)

Lucietta: Mo per cossa me dastu? (piangendo)

Donna Catte: Sior strambazzo,

Alla mia putta se ghe d un schiaffazzo?

No ti degno d'averla,

No te la vogio dar.

Anzoletto: No me n'importa.

Donna Catte: Vien, vien, le mie rase,

Che no ghe x pericolo,

Che te manca mario. (piangendo)

Anzoletto: Dme l'anelo indrio. (a Lucietta)

Lucietta: Questo po no. (piangendo)

Donna Catte: Vol l'anelo indrio? Ve lo dar. (va per levar l'anello a Lucietta)

Lucietta: Lassme star, siora. (piangendo)

Donna Catte: Furbazza!

Dmelo quel anelo.

Lucietta: No vel dago

Gnanca se me copp.

Donna Catte: El te tratta cus

E ti el tioressi ancora?

Lucietta: El voggio, siora s. (piangendo)

Donna Catte: Oh ti meriteressi,

Che el te copasse.

Anzoletto: Senti, t'ho d, perch te voggio ben. (singhiozzando)

Lucietta: Nol soggio?

Donna Catte: El x un baron.

Lucietta: No me n'importa, el voggio.

Donna Catte: Tocco de desgrazi.

Anzoletto: Via, se s dona,

Cara siora madona,

Compatme anca mi.

Gnese: (Mi nol torave.

Gh'averave paura).

Donna Catte: Cus se tratta co la mia creatura?

Anzoletto: Via, andemo. No ti vien? (a Lucietta)

Lucietta: Baron, me vustu ben?

Donna Catte: No stemo qua, che la x una vergogna.

Anzoletto: Causa quela carogna de Zorzetto.

Gnese: Oe, oe, come parleu, sior Anzoletto?

Anzoletto: Parlo cus, e disghelo.

Lucietta: Via strambo.

Donna Catte: Via, no parl cus.

Anzoletto: Sanguenazzo de diana!

Donna Catte: Tas.

Lucietta: Vien via con mi.

Donna Catte: Andemo in casa, vegn via con nu.

Lucietta: Oe, Anzoletto, me darastu pi?

Anzoletto: Se me dar occasion.

Lucietta: Mi no ve fazzo gnente, sior baron. (entra in casa)

Donna Catte: Poverazza! a bonora

El me l'ha pettuffada! (entra in casa)



SCENA NONA

GNESE, poi Orsola e ZORZETTO


Gnese: Bon pro te fazza. Povera negada!

Sior'Orsola. (chiama)

Orsola: Chiameu? (sul poggiuolo)

Zorzetto: (sulla porta)

Gnese: Aveu sentio, che scena?

Orsola: Mi no. Cossa x st?

Gnese: Ve conter.

Perch Lucietta x vegnua da vu

Un pocchettin de suso,

Anzoletto ha cri,

E po dopo el gh'ha d

Una man in tel muso.

Orsola: Oh tocco de baron! Chi songio mi?

Cossa gh'lo paura?

Che in casa mia se fazza

Urzi burzi?

Gnese: Bisogna.

E po a Zorzetto el gh'ha dito carogna.

Zorzetto: Carogna a mi?

Orsola: Via tasi.

Zorzetto: Vi dir l'anemo mio;

Che no son un pandolo.

Gnese: No, no ve n'impazz

Con quel scavezzacolo.

Orsola: Via, vien drento, fio mio.

Zorzetto: S, s (me vi reffar). (entra)

Orsola: Anca vu de contarmelo

Podevi lassar star.

Cossa voleu? Che nassa un precepizio?

Gnese: Ve l'ho volesto dir.

Orsola: Senza giudizio. (entra)

Gnese: Me despiase dasseno...

Siora mare, chiameu? Vegno son qua.

Ghel dir a ela la la giuster. (entra)



SCENA DECIMA

ZORZETTO, poi donna CATTE, poi ORSOLA


Zorzetto: A mi carogna? Desgrazi, baron. (con dei sassi)

Vi trarghe in tel balcon de le pierae.(tira dei sassi nella

finestra di Lucietta)

Donna Catte: Cossi ste baronae? (sull'altana)

Zorzetto: Tocco de vecchia matta, chiappa questa. (le tira un sasso)

Donna Catte: Aggiuto; una pierada in te la testa. (entra)

Orsola: Cossi st? cossa fastu?

Zorzetto: Gnente, siora.

Orsola: Via, vien dessuso. No ti vien gnancora?



SCENA UNDICESIMA

Anzoletto di casa, col palosso, poi LUCIETTA, poi GNESE, poi ZORZETTO


Anzoletto: Via, sior cagadonao.

Orsola: Zorzi! fio mio! (gridando forte sul poggiuolo)

Zorzetto: (fugge in casa)

Anzoletto: Vien de fuora, baron.

Lucietta: Anzoletto, fio mio. (sull'altana)

Gnese: Zente, custion. (sull'altana)

Anzoletto: Baroni, mare, e fio.

Orsola: Ti, desgrazi. (dal poggiuolo gli tira un vaso)

Lucietta, Gnese: Aggiuto!

Anzoletto: Vien de fuora, se ti bon. (ritirandosi)

Zorzetto: No gh'ho paura. (con un bastone)

Lucietta: Indrio con quel baston.



SCENA DODICESIMA

Sansuga dalla locanda, con arma alla mano, poi il CAVALIERE poi Orsola e detti.


Sansuga: Cossi sta baronada?

Lucietta: Aggiuto! (entra)

Gnese: Aggiuto!

Cavaliere: Cossi questo fraccasso?

Gnese: Sior foresto, che la vaga da basso. (entra)

Anzoletto: El vi mazzar. (contro Zorzetto)

Zorzetto: Sta' indrio.

Sansuga: Fermve, sanguenon.

Orsola: Mio fio, mio fio. (di casa , con una padella)



SCENA TREDICESIMA

LUCIETTA, poi Anzoletto e detti


Lucietta: Mo vien via. (tirando Anzoletto)

Orsola: Vien in casa. (tirando Zorzetto)

Lassme sto baston. (gli leva il legno)

Lucietta: Vien, se ti me vol ben. (tirando Anzoletto)

Anzoletto: Ti gh'ha rason. (verso Zorzetto, ed entra con Lucietta)

Orsola: And via con quell'arma. (a Sansuga)

Sansuga: Sempre cus. Vergogna. (entra in locanda)

Orsola: Va' in casa, desgrazi. (a Zorzetto)

Zorzetto: Dirme carogna? (entra in casa)

Orsola: Nol temerave el diavolo, e so pare

Sto giandussa; el x fio de bona mare. (entra)



SCENA QUATTORDICESIMA

Donna PASQUA di casa, poi donna CATTE


Donna Pasqua: Se lo saveva avanti,

Ca de diana de dia,

Ghe ne voleva dir quattro a cula!

A quel puto carogna?

Donna Catte: E a mi, furbazzo,

Romperme i veri, e trarme una pierada?

A mi sta baronada?

Donna Pasqua: Oe, seu qua, vecchia matta?

Donna Catte: Cossi ? Toleu le parte de col?

Se non and via, me reffer con vu.

Donna Pasqua: Vard l, che fegura!

Gnanca per questo no me f paura.

Donna Catte: Anca s, che debotto

Ve chiappo per la petta.

Donna Pasqua: Mi no far cus,

Perch caveli non ghe n'av p.

Donna Catte: Va' via, sorda.

Donna Pasqua: Sdentada.

Donna Catte: Vecchiazza.

Donna Pasqua: Magagnada.

Donna Catte: Vustu zogar?

Donna Pasqua: Vien via. (si attaccano)

Donna Catte: Ah! Lucietta. (chiama)

Donna Pasqua: Fia mia. (chiama)



SCENA QUINDICESIMA

LUCIETTA, GNESE, ORSOLA, tutte in strada; poi Anzoletto e ZORZETTO


Lucietta: Siora mare.

Gnese: Fermve.

Orsola: Desmett.

Anzoletto: Lass star mia madona. (col palosso)

Zorzetto: Cossa gh'? (col legno)

Lucietta: Aggiuto!

Gnese: Aggiuto!

Orsola: Aggiuto!



SCENA SEDICESIMA

Il Cavaliere e detti


Cavaliere: Oh l'istoria va lunga.

Non si finisce mai? Se non tacete,

Meno gi col bastone a quanti siete.

Lucietta: I vol dar a mia mare.

Donna Pasqua: La x ela,

Che x una baruffante.

Orsola: Mi son qua per spartir.

Cavaliere: State zitte diche io. Si ha da finir.

Come! in giorno di nozze

Dopo tanta allegria,

Si strepita cos? che villania!

Gi quell'arma, vi dico. (a Anzoletto)

Lucietta: Da' qua dmela a mi. (leva il palosso a Anzoletto)

(Nol lo gh'ha pi). (lo porta in casa, poi torna)

Cavaliere: Gi quel baston. (a Zorzetto)

Orsola: Sior s. (leva il bastone a Zorzetto)

Cavaliere: Che diavol di vergogna!

Sempre sempre gridar con questo, e quello?

Maledetto campiello!

Lucietta: Mi no crio co nissun.

Orsola: No parlo mai.

Donna Catte: No la se sente gnanca la mia puta.

Donna Pasqua: I ghe dise la muta.

Lucietta: Mo vu...

Gnese: Mo vu, patrone...

Lucietta: Cossa voressi dir?

Cavaliere: Ma siate buone.

Domani io vado via.

E se la compagnia torna serena,

Meco verrete a divertirvi a cena.

Donna Catte: Per mi no son in colera.

Donna Pasqua: Pute, cossi lo dito?

Orsola: No sent?

El n'ha dito cuss,

Che se tornemo in pase

Ceneremo con elo.

Donna Pasqua: S, fia mia;

Mi no desgusto mai la compagnia.

Cavaliere: Bravissime le vecchie.

Orsola: Oe, Lucietta,

Gh'stu gnente con mi?

Lucietta: Semio amighe?

Orsola: Ti un baso.

Lucietta: Ti anca ti.

Gnese, ti cossa distu?

Gnese: Per mi taso.

Donna Pasqua: Oe donna Catte.

Donna Catte: Donna Pasqua.

Donna Pasqua, Donna Catte: Un baso. (si baciano)

Cavaliere: E voi altri ragazzi

Non vi baciate ancor? (A Zorzetto ed Anzoletto)

Orsola: Va l, Zorzetto,

Dghe un baso a Anzoletto.

Anzoletto: Che bisogno ghe x?

Lucietta: Via, se ti me vol ben. (a Anzoletto)

Anzoletto: S ben. (si baciano con Zorzetto)

Zorzetto: Tol. (si baciano con Anzoletto)

Cavaliere: Or, che la pace fatta,

La cena si far.

E voglio dirvi un'altra novit.

Sono lo sposo anche io. Sposo stassera,

E parto domattina.

Lucietta: La novizza chi xla?

Cavaliere: Gasperina.



SCENA DICIASSETTESIMA

Gasparina sul poggiuolo, e detti


Gasparina: Ze podeva anca dir,

Caro zior Cavalier,

Che ziora Gazparina zo muggier.

Lucietta: Brava.

Orsola: Me ne consolo.

Gnese: Come xlo sto caso?

Lucietta: Vegn da basso, che ve daga un baso.

Cavaliere: Via, venite, signora,

Ora pi non comanda vostro zio.

Gasparina: Vengo, zignor mario. (entra)



SCENA DICIOTTESIMA

Fabrizio di casa, e detti; poi SIMONE


Fabrizio: E ver che mia nipote vostra moglie,

Ma nel vostro contratto

vvi, signore, il patto

Di dipender da me per anni dieci.

Non vo, che seguitiate

A gettar il danaro allegramente;

E non si ha da cenar con questa gente.

Cavaliere: La cena preparata;

L'ho ordinata, e pagata.

Lasciatemi godere,

Per cortesia, quest'ultimo piacere.

Fabrizio: Pur, che l'ultimo sia, ve lo concedo.

Ma io non ci verr con questa gente

Indiscreta, incivil, senza creanza.

Lucietta: Via, sior, ghe domandemo perdonanza.

Quando semo in borrezzo

Gh'avemo sto defetto,

Ma savemo anca nu portar respetto

Oh x qua, sior Simon. (viene Simone)

Questo x mio zerman

Podemo dar la man,

Quando che se contenta sior compare.

Cavaliere: Fate quel, che vi pare.

Lucietta: Cossa distu, Anzoletto?

Anzoletto: Fazzo quel, che vol.

Donna Catte: Anemo via spos.

Anzoletto: Questa x mia muggier.

Lucietta: Questo x mio mario.

Donna Catte: Sntime un de sti d te vegno drio. (a Lucietta)

Donna Pasqua: Uh! me viene l'acqua in bocca.

Gnese: Sia malignazo! e mi?

Orsola: Da qua do ani a ti.

Donna Pasqua: Do anni si ha da star?

Gnese: Vard, che sesto!

Orsola: Eh, no t'indubitar, che i passa presto.



SCENA DICIANNOVESIMA

GAPARINA e detti.


Gasparina: No voleva vegnir con tanta zente.

Cavaliere: Venite allegramente;

Siamo di carnevale,

lecito di far qualche allegria;

Gi domani mattina andiamo via.

Lucietta: Dove andeu, Gasparina?

Gasparina: Ignorantizzima,

Me poderezzi dar de la luztrizzima.

Vado con mio conzorte,

E col zior barba zio,

Dove pi conozziuta zar io.

Lucietta: Me ne conzolo.

Orsola: Tanto z dazzeno.

Cavaliere: Animo allegramente,

Andiam tutti in locanda,

Che si passi la notte in festa in brio;

Poi diremo diman: Venezia addio.

Gasparina: Cara la mia Venezia,

Me dezpiazer certo de lazzarla;

Ma prima de andar via vi zaludarla.

Bond Venezia cara

Bond Venezia mia,

Venezziani zioria.

Bond, caro Campielo,

No dir, che ti zii bruto, n belo.

Ze bruto ti z zt, mi me dezpiaze:

No z bel quel, che bel, ma quel che piaze.

Bar

Home

Next

Back

Email

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento:14/07/2005 00.00

Bulletpkvgb.gif (2336 byte)Bullet

Victorian Elegance
Bar