Home

Welcome

Email

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Bar

IL CAMPIELLO

Di: Carlo Goldoni

BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet Bullet


Bar

ATTO TERZO


SCENA PRIMA

Donna CATTE e ANGIOLETTO escono di casa


Donna Catte: Vegn con mi, fio mio.

Parleremo tra mi, e vu,

Che Lucietta no senta.

Anzoletto: Comand.

Donna Catte: Sta puta ve vol ben, vu vegn qua;

S anca vu inamor;

Tempo av tiolto de sposarla un ano,

A farlo ancuo no se ve pol sforzar;

Ma mi la guardia no ghe vi pi far.

Anzoletto: Cossa mo voleu dir?

Donna Catte: Vi dir, fio mio,

Che za, che no vol sposarla adesso,

No vegn cus spesso.

Anzoletto: Cara siora,

La sposeria, ma no se pol gnancora.

Se aspetter, che metta

Suso una botteghetta

Come presto de far me prover,

Subito vostra fia la sposer!

Donna Catte: Mi no digo, che el f, co no pod;

Ma intanto slontanve.

Anzoletto: Co sto parlar me f vegnir la freve.

No voria, che ghe fusse

Sotto qualcossa.

Donna Catte: No dasseno, fio.

Anca mi mio mario

El me fava aspettar, nol la feniva;

E mia madona mare,

Me la recordo ancora,

La gh'ha dito: sior Boldo, o drento, o fora.

Anzoletto: Lass, che ve prometto

De far pi presto, che se poder.

Donna Catte: Ma intanto mi no vi, che vegn qua.

Anzoletto: Mo perch, cara siora?

Donna Catte: Ve l'ho dito,

No ghe vi far la guardia.

Anzoletto: Xla st gran fadiga a star con nu

Tre, o quattro ore al d?

Donna Catte: Prima de tutto ve dir de s;

E po gh' un'altra cossa,

Che no la voggio dir.

Anzoletto: S ben, s ben, me saver chiarir.

Donna Catte: Cossa sospettereu?

Anzoletto: Che gh'abbi voggia

De darla a qualchedun.

Donna Catte: No, la mia zoggia.

Ve dir, per chiarirve; caro fio,

Son vedua, no son vecchia,

Anca a mi de le volte

Me salta i schiribizzi...

No posso far la guardia a do novizzi.

Anzoletto: Squasi me f da rider.

Donna Catte: Mo per cossa rideu?

Perch ho dito cus me minchioneu?

Povero sporco, se savessi tuto!

Ma no ve voggio dir, perch s puto.

Anzoletto: Maridve anca vu.

Donna Catte: Za ho stabilio;

Co ho destrig sta puta.

Anzoletto: V'ho capio.

Presto, presto voressi destrigarve,

Per voggia, che gh'av de maridarve.

Donna Catte: O per questa, o per quela

Mi ve la digo schieta,

Qua no vegn, se no spos Lucieta.

Anzoletto: No voria co le scattole

Zirar per la citt, quando la sposo.

Donna Catte: Oe saressi zeloso?

Ca de diana de dia,

Mi ve dago una fia ben arlevada,

Che la pod menar in t'un'armada.

Anzoletto: Ma quel poco de dota,

Che av dito de darme?

Donna Catte: Veder de inzegnarme,

Ghe dar i so manini, el so cordon,

Un letto belo, e bon coi so ninzioi,

E quattro paneseli per i fioi.

Anzoletto: Quattro soli? no ghe n'av de p?

Donna Catte: Ghe n'ho, ma i altri i vi salvar per mi.

Anzoletto: Oh che cara donetta, che vu s.

Donna Catte: Sior s, cus la x.

Ghe dar do vestine, e tre carpette

Una vesta, un zend, che x bonetto,

Tutto el so bisognetto;

E po, come x stadi i nostri pati,

Mi ve dar a la man diexe ducati.

Anzoletto: I gh'aveu mo sti bezzi?

Donna Catte: No li gh'ho

Ma presto i trover.

Se vago co la puta in do, o tre case,

Che ne faremo pi de vinti.

Anzoletto: Piase?

Vol menarla a torzo?

Questo po no, sorela.

Donna Catte: Cossa credeu, che i li dar per ela?

Per mi, ved, per mi, che se savessi,

Gh'ho pi de un protetor;

E co i me vede, i me darave el cuor.

Anzoletto: (Ors, ghe voggio ben, e co sta vecchia

No la me par segura,

Trghela da le man voggio a dretura).

Donna Catte: Cus, sior Anzoleto,

Diseu de s, o de no?

Anzoletto: Anca ancuo, se vol, la sposer.

Donna Catte: Mi ve la dago subito. Lucieta. (chiama)



SCENA SECONDA

Lucietta di dentro e detti


Lucietta: Siora. (di dentro)

Anzoletto: Aspett un tantin.

No gh'el dix gnancora.

Donna Catte: Mo perch?

Anzoletto: Cara siora, lass

Che fassa i fatti mii, la 'l saver.

Vi comprarghe un anelo.

Lucietta: Aveu chiam? (esce di fuori)

Donna Catte: Lucietta, me consolo.

Lucietta: De cossa?

Anzoletto: Mo tas. (piano a donna Catte)

Donna Catte: De gnente.

Lucietta: Dime, cossa gh', Anzoletto?

Anzoletto: Gnente, gnente, fia mia.

Donna Catte: Vrdalo in ciera.

Lucietta: Mo cossa gh'?

Donna Catte: Ti el saver stassera.

Anzoletto: (No la pol tser).

Lucietta: Via, disme tutto.

Donna Catte: Che ghel diga? (ad Anzoletto)

Anzoletto: Tas. (a donna Catte)

Donna Catte: Mo se no posso,

Se no me lass dir, me vien el gosso.

Lucietta: Son curiosa dasseno.

Anzoletto: Via parl.

Dix quel che vol.

Vago a tr quel servizio.

Lucietta: Ti va via?

Anzoletto: Vago, ma torner. Cara cula! (parte)



SCENA TERZA

Lucietta e donna CATTE


Lucietta: Siora mare, contme.

Donna Catte: Oe, sta aliegra, fia mia.

Ancuo, col torna, el vol sposarte.

Lucietta: Eh via!

Donna Catte: Ma mi ho fatto pulito. Gh'stu gusto?

Lucietta: E la sartora no m'ha fatto el busto.

Donna Catte: Eh che quel, che ti gh'ha; x bon, e belo.

Lucietta: Dov'lo and Anzoletto?

Donna Catte: A tir l'anelo.

Lucietta: Dasseno?

Donna Catte: S te digo.

Lucietta: Gnese. (chiama)

DONNA CATTE

Tasi;

No ghe lo dir gnancora.



SCENA QUARTA

Gnese e dette


Gnese: Chiameu? (di dentro)

Lucietta: S, vegn fuora.

Donna Catte: Tasi, no ghe lo dir.

Lucietta: Perch?

Donna Catte: Chi sa? el se poderia pentir.

Lucietta: Me f cascar el cuor.

Donna Catte: Ma se el gh'ha de l'amor, el lo far.

Gnese: Cossa voleu? son qua. (sull'altana)

Donna Catte: Cossa mo ghe dirastu? (a Lucietta)

Lucietta: Gnente, gnente, giustmola.

Voleu vegnir da basso

A ziogar a la smola?

Gnese: Magari!

Se mia mare volesse.

Lucietta: Vegn zo.

Gnese: Se la vien anca ela, vegnir. (entra)

Lucietta: Tolmio el taolin? (a donna Catte)

Donna Catte: Quel, che ti vol.

Lucietta: Se consolmo un pochetin al sol.

Donna Catte: Mi vardo, che ti gh'abbi

Sta voggia de zogar.

Lucietta: Per cossa?

Donna Catte: Perch ancuo ti ha da sposar.

Lucietta: Giusto per questo stago allegramente. (va in casa)

Donna Catte: Oh, se cognosse, che la x inocente! (va in casa)



SCENA QUINTA

Donna Pasqua e GNESE; poi ZORZETTO, poi Lucietta e donna

CATTE


Donna Pasqua: Dove xle?

Gnese: Lucietta. (chiama forte)

Lucietta: Vegno, vegno. (di dentro)

Gnese: Son qua, se me vol.

Donna Pasqua: Dove xla la smola? (forte)

Lucietta: Aspett. (di dentro)

Zorzetto: Se se zoga a la smola,

Vi zogar anca mi. (di casa)

Donna Pasqua: S, s, fio mio, ti zogher anca ti.

Fghe ciera a Zorzetto. (a Gnese)

Ti sa quel, che t'ho dito:

De qua a do anni el sar to mario.

Mo vien qua, caro fio;

Vien arente de nu.

Gnese: Giusto mo adesso no lo vardo pi.

Zorzetto: Son qua; dove se zioga?

Donna Pasqua: T'ala dito to mare?

Zorzetto: La m'ha dito,

E la m'ha consol.

Sioria novizza. (a Gnese)

Gnese: Oh matto inspirit! (sorridendo)

(Lucietta e donna Catte portano il tavolino colla smola)

Lucietta: Semo qua, semo qua.

Donna Catte: Vi contentarla.

Lucietta: Gh'la to mare? (a Zorzetto)

Zorzetto: S.

Lucietta: Voggio chiamarla.

Sior'Orsola! (chiama)



SCENA SE/STA

Orsola di casa, e detti


Orsola: Chiameu?

Lucietta: Vegn anca vu, vegn a zogar; voleu?

Zorzetto: S, cara siora mare.

Orsola: Perch no?

Donna Pasqua: Semo qua in compagnia.

Orsola: Ben ziogher.

Lucietta: Un soldeto per omo.

Donna Pasqua: Via, saldela. (a Gnese)

Gnese: Patrona.

Orsola: Bond, Gnese. Cossa gh'la? (piano a donna Pasqua)

Gh'aveu dito?

Donna Pasqua: Gh'ho dito.

Orsola: La vien rossa.

Donna Pasqua: La x contenta; ma no la se ossa.

Lucietta: (Oe siora mare, cossa gh' de niovo

In tra Gnese, e Zorzetto?). (a donna Catte)

Donna Catte: (Credo, che i sia novizzi).

Lucietta: (Vara, che stropoletto!).

Gnese: Zoghemio?

Lucietta: Mett suso; (mette il soldo nella smola)

Questo x el mio.

Gnese: Anca mi.

Orsola: Questi qua x do soldi. Anca per ti.

Donna Pasqua: Gnese, imprsteme un soldo.

Gnese: Oh, oh! var!

No la gh'ha mai un bezzo. Via, tol.

Lucietta: Siora mare, metteu?

Donna Catte: Metter, aspetta. (tira fuori uno straccio)

Zorzetto: La gh'ha i bezzi zolai co la pezzetta!

Donna Catte: Fazzo per no li perder. Tol el soldo.

Lucietta: Zoghemo, e no criemo.

Orsola: Per mi, no parlo mai.

Lucietta: Presto, missiemo. (mescola ma smola)

Orsola: Vi missiar anca mi.

Lucietta: Mo za, se sa;

No la x mai contenta.

Zorzetto: Voggio darghe anca mi una missiadina.

Lucietta: E missieremo fina domattina.

Gnese: Via basta, femo i mucchi. (mette le mani nella smola)

Lucietta: I mucchi i vi far mi. (fa alcuni mucchi colla smola)

Orsola: Eh, che no sav far. Se fa cus.

Lucietta: Oh, siora no, no voggio,

Che m'insporch la smola de oggio.

Orsola: Gh'ho le man nete pi de vu patrona.

Donna Pasqua: Zitto. Li far mi.

Lucietta: Via, la pi vecchia.

Orsola: La pi vecchia, s ben.

Donna Pasqua: Povere matte!

Mi la pi vecchia? tocca a donna Catte.

Donna Catte: Vecchia cottecchia!

Donna Pasqua: Cossa?

Gnese: Gnente.

Donna Pasqua: No v'ho capio.

Orsola: A monte, a monte; fali ti, fio mio. (a Zorzetto)

Zorzetto: Ve contenteu? (poi va facendo i monti)

Lucietta: Provve,

Quelo x tropo picolo.

Quelo x tropo grosso.

Zorzetto: No ve content mai.

Lucietta: Fli pi destaccai.

Zorzetto: Tol, i x fatti.

Lucietta: Questo mi.

Orsola: Lo vi mi.

Donna Catte: Via, femo i patti.

Lucietta: Aspett, che cus

Nissun pi crier.

Tolemo suso per rason d'et.

Gnese: Ben, ben, mi sar l'ultima.

Lucietta: No gh' gran diferenza tra de nu.

Donna Pasqua: Donna Catte, a zernir ve tocca a vu.

Donna Catte: Oh, ve cedo, sorela.

Donna Pasqua: Come!

Donna Catte: Ve cedo de diesi ani, e pi.

Donna Pasqua: Povera vecchia fiappa.

Lucietta: Via, via, femo cus: chi chiappa, chiappa. (ognuna

prende il suo monte, e vi cerca dentro il soldo)

Donna Catte: Oe mi no trovo gnente.

Gnese: Ghe n' uno.

Un altro. Oe, altri do.

Orsola: Brava dasseno.

Lucietta: Quatro da vostra posta?

S, s, sior Zorzi, l'av fato a posta.

A monte, no ghe stago.

Gnese: Se vol i quatro soldi, mi ve i dago.

Lucietta, Donna Catte: Siora s, siora s.

Donna Pasqua, Orsola, Zorzetto: Siora no, siora no.




SCENA SETTIMA

Fabrizio con un libro in mano sul poggiolo, e detti.


Fabrizio: Che cosi questo strepito?

Zito, per carit.

Lucietta: Oh, oh, in campielo no se pol zogar?

Fabrizio: Giocate, se volete,

Senza metter sossopra la contrada.

Lucietta: Nu altre semo in strada.

Volemo far quel, che volemo nu.

Orsola: E volemo zigar anca de pi.

Fabrizio: Vi far mandar via.

Lucietta: Certo! seguro!

Zoghemo da recao.

Orsola: Tol sto palpagnacco.

Lucietta: Tol sto canelao.

Gnese: Torno a missiar i bezzi.

Orsola, Donna Pasqua, Zorzetto: Siora no, siora no.

Fabrizio: Ma cospetto di bacco!

Questa troppa insolenza.

Perder la pazienza come va.

Lucietta: Volemo zogar, volemo star qua.

Volemo zogar, volemo star qua. (cantando e ballando in faccia a

Fabrizio)

Fabrizio: O state zitte, o mi far stimar.

Orsola: Volemo star qua, volemo zigar.

Volemo star qua, volemo zigar.

Fabrizio: Voi non mi conoscete.

So io quel, che far.

Tutti: Oh oh oh oh. (ridendo forte)

Fabrizio: Ad un uomo d'onor cos si fa?

Tutti: Ah ah ah. (ridendo forte)

Fabrizio: Tacer non sanno chi le taglia in fette.

Tutti: Ah ah ah ah ah ah. (ridendo forte)

Fabrizio: Che siate maledette. (getta il libro sul tavolino, e

fa saltare la smola, e parte)

Tutti (gridano; si infuriano a cercar i soldi; va parte della

smola in terra; cercando se vi soldi in terra, gridando e

prendendosela dalle mani)



SCENA OTTAVA

Il Cavaliere da una parte, Anzoletto dall'altra; e detti


Cavaliere Fanrizio, Anzoletto: (vanno dicendo: Zitto zitto,

e le acchetano)

Lucietta: Oe, tre ghe n'ho trov.

Orsola: E mi do.

Zorzetto: E mi uno.

Lucietta: Mi son stada valente.

Gnese: E mi, gramazza, no m'ha tocc gnente.

Cavaliere: Ma cosa mai stato?

Che accaduto di male?

Lucietta: Gnente affatto.

Se zogava a la smola.

Cavaliere: Che diavolo di gioco!

Credea, che andasse la contrada a foco.

Lucietta: Anzoletto, tre soldi.

Anzoletto: Brava, brava!

Sempre in strada a zogar?

Lucietta: Oh via per questo me voreu criar?

Anzoletto: Basta; la x fenia.

Lucietta: L'stu port?

Anzoletto: Cossa?

Lucietta: L'anelo.

Anzoletto: Oh, donca lo sav.

Lucietta: Lo so, seguro, che lo so.

Anzoletto: Vard.

Lucietta: Oh belo! Siora mare.

Gnese: Cossa gh'lo port? (a donna Pasqua)

Donna Pasqua: No ghe vedo.

Gnese: Sior'Orsola,

Cossa gh'lo port? (piano)

Orsola: L'anelo.

Gnese: S?

Orsola: Tasi, fia mia, ti el gh'aver anca ti.

Gnese: Quando?

Orsola: Co sar tempo.

Gnese: Ma quando?

Orsola: Co mio fio

Sar vostro mario.

Gnese: (si volta per vergogna)

Donna Pasqua: Cossa gh'la mia fia? (a Orsola)

Orsola: La se vergogna.

Donna Pasqua: Via, no te far nasar, che no bisogna. (a Gnese)

Lucietta: Gnese. (le mostra l'anello)

Gnese: Me ne consolo.

Cavaliere: Mi lasciate cos negletto, e solo?

Anzoletto: Cossa gh'ntrelo elo?

Cavaliere: Galantuomo,

Io sono un onest'uomo;

Non intendo sturbar la vostra pace.

Son buon amico, e l'allegria mi piace.

Lucietta: (Oe dis, siora mare,

Se Anzoletto el volesse per compare!).

Donna Catte: Magari! aspetta mi.

Zenero. (a Anzoletto)

Anzoletto: Me chiameu?

Donna Catte: El compare el gh'aveu?

Anzoletto: Mi no, no l'ho trov.

Donna Catte: Doveressimo tr quel, che x l.

Anzoletto: Mo, se no so chi el sia.

Donna Catte: N'importa, za el va via;

Fenio sto carneval,

No lo vedemo pi.

Anzoletto: No dis mal.

Cus, quando le nozze x fenie,

No gh'aver el compare per i pi.

Donna Catte: Che ghel diga?

Anzoletto: Disghelo.

Donna Catte: L' fatta. (piano a Lucietta)

La senta, sior paron, (al Cavaliere)

Ghe vi dir do parole in t'un canton.

Cavaliere: Son da voi, buona donna. (si accosta in disparte con donna Catte)

Anzoletto: (Una gran tribia, che x mia madonna!).

Orsola: Dis, sior Anzoletto,

Quando magnemio sti confetti?

Lucietta: Presto.

Orsola: Oh, v'ho visto alla ciera.

Lucietta: N' vero fio? (ad Anzoletto)

Orsola: Quando sposeu?

Lucietta: Stassera.

Donna Pasqua: (Tol su; donna Catte

Un de sti d la se pol maridar;

E mi ancora do anni ho da aspettar?).

Donna Catte: Puti, sto zentilomo

Sar vostro compare.

Cavaliere: S, signori,

un onor, che io ricevo.

Anzoletto: Grazie. (Za me consolo, che el va via).

Donna Catte: El l'ha fatto, n' vero? in grazia mia.

Gnese: Ti x contenta, che ti gh'ha l'anelo.

Lucietta: Puti voleu, che femo un garanghelo?

Anzoletto: S ben, un bianco, e un brun,

Tutti se tanser tanto per un.

Cavaliere: Aspettate, a bel bello.

Ditemi, che vuol dire un garanghello?

Anzoletto: Ghe lo spiegher mi. Se fa un disnar;

Uno se tol l'insulto de pagar;

E el se rimborsa dopo de le spese,

A vinti soldi, o trenta soldi al mese.

Zorzetto: E ho sentio a dir da tanti, che i x avvezzi

Aver oltre el disnar anca dei bezzi.

Orsola: Ma in sta occasion, sior Anzoletto belo,

Me par, che nol ghe calza el garanghelo.

Cavaliere: Eh che andate pensando?

Che state fra di voi garanghellando?

Il compare son io,

E a tutti il desinar lo vo' far io.

Lucietta: Bravo.

Orsola: Bravo dasseno.

Donna Catte: Vu no gh'intr, sorela.

Orsola: Che nol me invida? La saria ben bela!

Cavaliere: Tutti, tutti v'invito.

Orsola: Grazie, e nu vegniremo.

Gnese: Mi no ghe vi vegnir.

Donna Pasqua: S, che anderemo.

Cavaliere: Camerier. (chiama)



SCENA NONA


Sansuga e detti


Sansuga: La comandi.

Cavaliere: Preparate

Un desinar per tutti; e dite al cuoco,

Che onor si faccia.

Sansuga: L'ander a avisar.

Lucietta: No, no, aspett, che mi vi ordenar.

Cavaliere: Comandate, sposina.

Lucietta: Volemo i risi co la castradina,

E dei boni capponi, e de la carne,

E un rosto de vedlo, e del sal,

E del vin dolce bon, e che la vaga;

E f pulito, che el compare paga.

Orsola: E mi far le frittole.

Lucietta: Se sa.

Orsola: Ma sior compare me le pagher.

Sansuga: Xla contenta de sto bel disnar? (al Cavaliere)

Cavaliere: Io lascio far a loro.

Sansuga: No la x

Roba da pari soi.

Cavaliere: Se non importa a me, che importa a voi?

Donna Catte: Che ghe sia del pan tondo.

Sansuga: El ghe sar.

Donna Pasqua: Fne de la manestra in quantit.

Orsola: Del fig de vedlo.

Anzoletto: Una lengua salada.

Zorzetto: Quattro fette roste de sopressada.

Donna Catte: De le cervele tenere.

Orsola: Bisogna sodisfarne.

Sansuga: Deboto pi la zonta della carne. (parte)



SCENA DECIMA

Gasparina e detti


Gasparina: Cozza z zto zuzzuro.

Cavaliere: Oh madamina!

Lucietta: No sav, Gasparina?

Son novizza, disnemo in compagnia.

Cavaliere: Favorite voi pur per cortesia.

Gasparina: Oh no pozzo dazzeno;

Ella za, zignor mio,

Che ziamo dipendente da mio zio.

Lucietta: Cossa dsela?

Gasparina: Zente?

Grame! no le capizze gnente, gnente.

Cavaliere: Verr, se mi permesso,

Seco a parlare, e ad invitar lui stesso.

Gasparina: La vol vegnir de zu?

Cavaliere: Si pu, madamigella?

Gasparina: U, monz.

Lucietta: Oh cara!

Orsola: Oh che te pustu!

Cavaliere: Gradisco assai l'esibizion cortese.

Gasparina: Done, diz, no l'intend el franzeze?

Orsola: Caspita! siora s.

Lucietta: Oh, lo so dir u. (caricato)

Gasparina: La zenta, zior monz:

(La prego dezpenzarme;

Perch mi con cuztie no vi zbazzarme).

Cavaliere: Mi spiacerebbe assai.

Lucietta: (Oe, procuremo

Che la vegna con nu, che rideremo). (a Orsola)

Orsola: (S ben, s ben). Via, siora Gasparina,

No semo degne de disnar con vu;

Ma f sta grazia, vegn via con nu.

Gasparina: Ze potezzi, verrei. Non vengo zola.

Lucietta: Via, che ve metteremo in cao de tola.

Gasparina: Ve ringrazio dazzeno.

Zerto, che ze vegnizze,

L'ultimo logo no zarave el mio;

Ma no pozzo vegnir zenza el zior zio.

Vol dir barba, zav.

Lucietta: Veh! mi credeva,

Che parlessi de un fior, in verit.

Gasparina: (Povere zenza zezto, no le za).

Orsola: (Anca ti, Gnese dighe, che la vegna). (a Gnese)

Gnese: Via, vegn; andemo tutte.

Gasparina: Zta beno in caza le fanciulle pute.

Cavaliere: Non si conclude nulla.

Gasparina: Diz, zaveu cozza vol dir fanciulla?

Gnese: Mi no lo so, sorela.

Gasparina: Oe, zior monz, la ghe lo zpiega ela.



SCENA UNDICESIMA

Fabrizio e detti


Gasparina: Ecco zior barba zio.

Cavaliere: Servitore divoto.

Fabrizio: Padron mio.

Cosa si fa qui in strada?

Gasparina: Via, che el taza.

Me faralo nazar?

Fabrizio: Subito in casa. (a Gasparina)

Cavaliere: Fate torto, signore,

Alla nipote vostra, che onestissima.

Fabrizio: Non vel fate pi dir. (a Gasparina)

Gasparina: Zerva umilizzima. (al Cavaliere)

Fabrizio: Via. (caricandola)

Gasparina: La zcuzi. (al Cavaliere)

Cavaliere: Mi spiace.

Gasparina: Ghe zon zerva.

Fabrizio: Un po' pi. (caricandola)

Cavaliere: Servo, madamigella.

Gasparina: Addio, monz. (entra in causa)

Fabrizio: Il suo genio bizarro, ora mi noto.

Cavaliere: Favorite, signor...

Fabrizio: Schiavo divoto.

E voi, donne insolenti...

Lucietta: Cossi sto strappazzarne?

Orsola: Sto dirne villania?

Tutti: Vard, dix, sent.

Fabrizio: No, vado via.

Tutti (ridono)

Cavaliere: Si ella non pu venir, non so, che fare.

Andiamo a desinare;

Io cercher di rivederla poi;

Andiamo intanto, e mangieremo noi. (entra in locanda)

Orsola: Vien via, Zorzetto; daghe man a Gnese.

Gnese: Ander da mia posta. (entra in locanda)

Zorzetto: Sempre cus la fa. (entra in locanda)

Orsola: Tasi, che un d la man la te dar. (entra in locanda

con Zorzetto)

Donna Pasqua: Vegno anca mi a disnar,

Che magnada de risi, che vi dar! (entra in locanda)

Donna Catte: Andemo, puti, andemo.

Quanto pi volentiera

Anderave anca mi

Con un novizzo da vesin cus! (entra in locanda)

Anzoletto: Andemo pur ancuo, femo a la granda;

Ma no vi pi compari, n locanda. (entra in locanda)

Lucietta: Aspettme, Anzoletto.

Ah, sento proprio, che el mio cuor si impizza;

Alliegra magner, che son novizza. (entra in locanda)

Bar

Home

Next

Back

Email

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento:13/07/2005 23.46

Bulletpkvgb.gif (2336 byte)Bullet

Victorian Elegance
Bar