Home

Welcome

Email

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Bar

IL CAMPIELLO

Di: Carlo Goldoni

BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet Bullet


Bar

ATTO SECONDO


SCENA PRIMA

Donna PASQUA di casa colla scopa, poi ORSOLA.


Donna Pasqua: Vi scoar sto campiello;

El x pien de scoazze.

Sempre ste frasconazze

Le fa pezo dei fioi;

Le magna i garaguoi,

Le magna i biscoteli da Bologna,

E tutto le tr zo, che una vergogna.

Vi da scoar mi sola.

Lasso, che tutti pensa a casa soa;

E no vi per nissun fruar la scoa.(va scopando dinanzi la sua

porta)

Orsola: Oe dix, donna Pasqua; donna Pasqua.

La x sordetta, grama!

Oe sent, donna Pasqua.

Donna Pasqua: Chi me chiama?

Orsola: Za che gh'av la scoa, fme un servizio,

Dne una nettadina

Qua davanti de nu.

Donna Pasqua: Quelo, che fazzo mi, flo anca vu. (spazza sul suo)

Orsola: No ve faressi mal, cara madona.

Donna Pasqua: (Vard, che zentildona!).

Orsola: El x un pan, che se impresta.

Donna Pasqua: (La vol, che se ghe fazza la massera.

Chi crdela, che sia sta frittolera?).

Orsola: Slongar la scoa un tantin

Xla una gran fadiga?

Donna Pasqua: Cossa? (No sento ben quel, che la diga).

Orsola: Digo cus, sorela, che a sto mondo

Quel, che servizio fa, servizio aspetta.

Donna Pasqua: Che servizio?

Orsola: S sorda, poveretta.

Donna Pasqua: Mi sorda? Sta mattina

Ghe sentiva pulito.

Una flussion se m'ha cal za un poco;

Ma credo che sia causa sto siroco.

Orsola: Dix, Pasqua, sent.

Donna Pasqua: Cossa voleu da mi? (si accosta)

Orsola: Me seu amiga?

Donna Pasqua: S ben, no fazzo miga

Per no voler scoar la vostra porta;

Per vu no me n'importa;

Ma no vi, che ste frasche, che sta qua

Le me diga massera

Dela comunit.

Orsola: Via, via, gh'av rason; dis, fia mia,

Dove x vostra fia?

Donna Pasqua: La x sentada,

Che la laora: oh, no ghe x pericolo

Che in ozio la se veda in ste zornae.

Orsola: La x una puta, che me piase assae.

Donna Pasqua: Dasseno la x bona. (si mette a spazzare alla casa di Orsola)

Orsola: No, no v'incomod.

Donna Pasqua: De quele no la x...

Se me cap...

Orsola: La x una bona puta.

Donna Pasqua: E per dir quel, che x, non la x bruta.

Orsola: Caspita! la x un fior.

Donna Pasqua: N' vero, fia? (spazza pi forte)

Orsola: Basta; basta cus.

Donna Pasqua: Credlo; la laora tutto el d.

Orsola: Quando la marideu?

Donna Pasqua: Grama! magari!

Ma me capiu, fia mia? fala danari.

Orsola: Qualchedun la torave senza gnente.

Donna Pasqua: Cossa?

Orsola: No m'intend? vegn darente.

Donna Pasqua: Cossa diseu, sorela?

Orsola: La puta la x bela,

La x bona; chi sa?

Donna Pasqua: Magari!

Orsola: Vegn qua.

Vegn de su da mi; vi, che parlemo.

Donna Pasqua: (Chi sa, che co so fio no se giustemo?).

Vegno subito. Gnese.(chiama)



SCENA SECONDA

GNESE, e dette


Gnese: Siora, m'aveu chiam? (in altana)

Donna Pasqua: S, fia mia, vago qua

Da sior'Orsola sastu?

Torner da qua un poco.

Gnese: Sior'Orsola, patrona.

Orsola: Sioria, fia mia.

Donna Pasqua: (Cossa dixeu, che tco?). (a Orsola)

(Ma una volta anca mi giera cus;

Ma chi sa, che no torna quel, che giera.

Lass pur, che i me diga vecchia matta;

Se me marido, vegno tanto fatta). (entra da Orsola)

Orsola: Gnese, steu ben?

Gnese: Mi s.

Orsola: Cossa laoreu, dix?

Gnese: M'inzegno a far dei fiori da top.

Orsola: De quei de veludin?

Gnese: De queli, e anca de queli de piumin.

Orsola: Lass vder.

Gnese: Vard.

Orsola: Brava dasseno.

Per chi li feu, fia mia?

Per quei de Marzaria?

Gnese: Oh, siora no;

I me vien ordenai.

Per Marzaria mi no laoro mai.

Una volta laorava.

Mai no i se contentava.

Lori i me dava vinti soldi al fior,

Ma con fadiga tanta,

E i li vendeva po pi de quaranta.

Adesso i fazzo mi con del sparagno,

E gh'ho manco fadiga, e pi vadagno.

Orsola: Saveu far scuffie?

Gnese: Siora s.

Orsola: Dasseno?

Poderessi anca far la conzateste.

Gnese: Ma una puta, la vede...

Orsola: Maridve.

Gnese: Oh cossa, che la dise.

Orsola: Sent, care rase,

Ve voggio ben assae; vorave certo

Vderve ben logada.

Ma le bone occasion oh le x rare.

Sioria, vago a parlar co vostra mare. (parte)




SCENA TERZA

GNESE, poi Lucietta in altana


Gnese: Mia mare, poverazza,

La me marideria.

E anca mi lo faria, se se trovasse

Un partio de quei boni;

Ma se ne catta tanti de baroni!

Lucietta: Siora Gnese garbata! (con ironia)

Gnese: Cossa gh'aveu con mi?

Lucietta: Con un'amiga no se fa cus.

Gnese: Cossa v'i fatto?

Lucietta: Fve da la vila.

Lo sav, che Anzoleto me vol ben,

E in casa vel tir quando che el vien?

Gnese: Ho compr de la roba.

Lucietta: Per comprar,

De chiamarlo de su no gh' bisogno.

Gnese: Mi a vegnir su la porta me vergogno.

Lucietta: Vard che casi! no ghe s mai stada,

Siora spuzzetta, in strada?

Gnese: Co gh' mia siora mare; ma no sola.

Lucietta: Ors in t'una parola,

Lassme star quel puto.

Gnese: Chi vel tocca?

Lucietta: O ve dir quel, che me vien in bocca.

Gnese: Mo no, cara Lucietta,

Voggio, che siemo amighe.

Lucietta: Mi s, che gh'ho buon cuor.

Gnese: E mi no ve vi ben?

Voggio donarve un fior.

Lucietta: Magari!

Gnese: Mand a trlo.

Lucietta: Ma da chi?

Se no ghe x nissun, vegnir mi.

Oe aspett. Zorzetto. (chiama)



SCENA QUARTA

Zorzetto di strada, e dette


Zorzetto: Cossa voleu?

Lucietta: Vorave un servizietto.

Zorzetto: Comandme.

Lucietta: And l.

Gnese ve dar un fior, portlo qua.

Zorzetto: Volentiera; son qua, buttlo zo. (a Gnese)

Gnese: Oh giusto!

Zorzetto: Vegno suso?

Gnese: Missier no:

Caler zo el cestelo. (cala il fiore nel cestino)

Portghelo a Lucietta.

Zorzetto: Mo co belo!

El someggia dasseno a chi l'ha fatto.

Gnese: And via, che s matto.

Lucietta: Ti lo sprezzi?

Zorzetto: No me vol pi ben?

Gnese: Che puttellezzi!

Zorzetto: Ve degnvi una volta de ziogar

Co mi alle bagatele.

Gnese: Eh via, che le x cosse da putele.

Lucietta: Adesso ti x granda,

Gnese, oe vrdeme in ciera,

Zogheravistu in t'un'altra maniera?

Gnese: Via, ghe lo deu quel fior? (a Zorzetto, irata)

Zorzetto: Subito siora.

Cossa gh'aveu con mi? Mo che desgrazia!

Cossa mai v'ggio fatto?

Gnese: Uh mala grazia! (parte)



SCENA QUINTA

Lucietta e ZORZETTO


Lucietta: Zorzi, Zorzi, ghe vedo da lontan.

Cula la te vol ben.

Zorzetto: Giusto! una volta;

Ma adesso no ved.

Lucietta: Anzi pi adesso.

Co la giera putela

No la pensava miga a certe cosse,

Adesso la ghe pensa, e el se cognosse.

Zorzetto: Anca mi, se ho da dir la verit

Che vi ben in t'un modo,

Che mai pi l'ho prov. Ma a sti desprezzi,

Cara siora Lucieta, no son uso.

Lucietta: Prteme el fior, Zorzetto, vien desuso.

Zorzetto: Quel che vol; gh'ho voggia,

Che parlemo un tantin.

Lucietta: No ti pi fantolin; quanti ani gh'stu?

Zorzetto: Sedese, o disisette.

Lucietta: Mio zerman

Si ha marid de quindese.

Zorzetto: Mo adesso

Me f rabbia anca vu.

Lucietta: Povero pampalugo, vien de su.

Zorzetto: Vegno. (va per entrare)



SCENA SESTA

Anzoletto e detti


Anzoletto: Indrio, sior scartozzetto.(d una spinta a Zorzetto)

Lucietta: Che strambazzo!

Zorzetto: Cossa v'i fatto?

Anzoletto: Indrio,

Che ve dago uno schiaffazzo.

Zorzetto: Mo per cossa?

Lucietta: Vard l, che bel sesto!

Anzoletto: Senti, sastu? a sta porta

No ghe vegnir mai pi.

Zorzetto: Che portava sto fior. Dghelo vu.(getta il fiore in terra)

Anzoletto: A Lucietta sto fior?

Tocco de desgrazi.

Zorzetto: Siora mare, i me d.




SCENA SETTIMA

Orsola sul pergolo, e detti


Orsola: Cossa te fai, fio mio?

Oe, lass star mio fio,

Che per diana de dia se vegno zo,

Qualcossa su la testa ve dar.

Lucietta: Via, via, manco sussuro.

Anzoletto: Sto spuzzetta

No voggio, che el ghe parla co Lucietta.

Zorzetto: Cossa m'importa a mi?

Orsola: Za per cula

Sempre se fa baruffa.

Lucietta: Voleu, che ve la diga, che son stuffa?

Orsola: No se ghe poi pi star in sto campielo

Co sta sorte de zente.

Lucietta: Oe, oe, come parleu?

Orsola: Vard l, che lustrissima! Chi seu?

Lucietta: Frittolera.

Anzoletto: Tas. (a Lucietta)

Orsola: Sporca.

Anzoletto: Sangue de diana,

Che debotto debotto... (verso Orsola)

Zorzetto: Cossa voressi far? (contro Anzoletto)

Anzoletto: Via, sior pissotto. (minacciandolo)

Orsola: Lasslo star quel puto, e vu patrona

Mio fio no lo vard.

Lucietta: Oh, no v'indubit, che no vel tocco;

Vard che bel aloco!

Che no ghe sia de meggio in sto paese?

Vard, che fusto! Che lo lasso a Gnese.



SCENA OTTAVA

Gnese in altana, e detti


Gnese: Cossa parleu de mi?

Lucietta: Cossi , patrona?

Seu vegnua fora, perch gh' Anzoletto?

Gnese: Vard, che sesti!

Orsola: Vien de su, Zorzetto.

Zorzetto: Siora no, vi star qua.

Orsola: Cus ti parli?

Zorzetto: Sta volta voggio far a modo mio.

Orsola: Vien de suso, te digo.

Lucietta: Oh che gran fio!

Orsola: Vardve vu, fraschetta.



SCENA NONA

Donna CATTE in istrada, e detti


Donna Catte: Oe, no st a strapazzar la mia Lucietta.

Orsola: Mi gh'ho qualche rason, se la strappazzo.

Donna Catte: In sto campiello se mettemio a mazzo?

L' una puta da ben;

E no la x de quele...

Gnese: Le altre, cara siora, cossa xle?

Donna Catte: Tasi, che ti ha bon tser.

Gnese: Oh no son miga muta.



SCENA DECIMA

Donna PASQUA di casa d'Orsola, e detti; poi il CAVALIERE


Donna Pasqua: Cossa voressi dir de la mia puta?

Donna Catte: Tas, che la ghe sente.

Gnese: Vegn su, siora mare.

Donna Pasqua: Cossa gh'? (a Gnese)

Cavaliere: Sento gridar, si pu saper perch?

Anzoletto: Cossa gh'ntrelo, sior?

Cavaliere: Se non vi spiace,

Vi entro sol per la pace.

Anzoletto: La diga, mio patron,

Su quela putta gh'lo pretension? (accenna Lucietta)

Cavaliere: Niente affatto.

Lucietta: Sentu, sior Anzoletto?

Cavaliere: Io per tutte le donne ho del rispetto.

Mi piace l'allegria,

Godo la compagnia;

E quel tempo, che io sto quivi di stanza

Vorrei quieta mirar la vicinanza.

Donne si pu sapere

La causa di un s grande mormorio?

Orsola: La diga, sior, che i lassa star mio fio.

Cavaliere: Chi l'oltraggia di voi?

Zorzetto: Quel, che x l.

Mi no gh'ho fatto gnente, e lu el m'ha d.

Cavaliere: Per qual ragion? (ad Angiolo)

Anzoletto: No voggio

Che el varda quella puta,

Che el vaga in casa, e che el ghe porta i fiori.

Lucietta: Gnese, quel fior me l'stu don ti?

Gnese: Mi ghe lo ho d. Sior s.

Cavaliere: Ors, che si finisca

Di gridar, buona gente.

Amici come prima, allegramente.

Lucietta: Vienstu de su, Anzoletto?

Anzoletto: Sempre la x cus.

Donna Catte: Via, via, sior matto, vegn via con mi. (prende Anzoletto per la mano, e lo conduce in casa)

Cavaliere: Brava la vecchia; lo tir con essa.

Gnese: So fia la x promessa

Quello x el so novizzo.

No gh' mal, sior foresto.

Cavaliere: Questo si chiama un ragionare onesto.

Lucietta: E ti, che ti lo sa, lsselo star.

Gnese: No, no te indubitar,

Che no lo chiamo pi.

Lucietta: Vegno, vegno, fio mio; caro col. (entra)

Cavaliere: Siamo di carnevale;

Siamo in luogo a proposito

Per fare un po' di chiasso fra di noi.

Son forastier, mi raccomando a voi.

Orsola: Zorzi vienstu dessuso?

Zorzetto: Siora s.

Orsola: Vien, che t'ho da parlar, vien su, fio mio.

Zorzetto: Sior'Agnese, patrona. (parte)

Orsola: El m'ha obbedio. (entra)

Gnese: Via, vegnu, siora mare? Siora mare. (forte)

Donna Pasqua: Chimistu?

Gnese: Vegnu su?

Donna Pasqua: Vegno, t'ho da parlar.

Gnese: Vegn, che mi me sento a laorar. (vuol ritirarsi)

Cavaliere: Riverisco. (a Gnese)

Gnese: Patron.

Cavaliere: Ragazza addio.

Gnese: Ghe fazzo un repeton. (entra)

Cavaliere: Ditemi, un repetone

Cosa vuol dir? (A DONNA Pasqua, che si incammina verso casa e non lo sente)

Donna Pasqua: Patron.

Cavaliere: Ditemi, che vuol dire un repeton?

Donna Pasqua: Vol dir un bel saludo.

Ghe lo fazzo anca mi.

Cavaliere: Quella la figliuola vostra?

Donna Pasqua: Patron s.

Cavaliere: una giovin di garbo.

Donna Pasqua: No se slo?

L'ho fatta mi.

Cavaliere: Come le piace il ballo?

Donna Pasqua: Cossa dselo?

Cavaliere: Dico,

Se le piace ballar.

Donna Pasqua: Caspita! e come!

Co la fa le furlane

La par una saeta:

I ghe dixe la bela furlaneta.

Cavaliere: Vo' che balliamo dunque.

Donna Pasqua: O s, s, caro sior,

E anca mi co ghe son, me fazzo onor.

Cavaliere: Ballerete con me?

Donna Pasqua: L' tanto belo!

No vi balar con altri, che con elo. (entra in casa)




SCENA UNDICESIMA

Il CAVALIERE, poi GASPARINA


Cavaliere: Oh, son pure obbligato

A chi un s bell'alloggio mi ha trovato.

Nol cambierei con un palazzo augusto:

Ci ho con gente simil tutto il mio gusto.

Gasparina: Che el diga quel che el vol zto mio zior barba.

Lu coi libri el zavaria,

E mi voggio chiappar un poco de aria.

Ander da mia zantola,

Che z poco lontana.

Cavaliere: (Ecco la giovine,

Che ho veduto da prima).

Gasparina: (Oh vlo qua quel zior).

Cavaliere: (Mi par bellissima).

Servitore di lei.

Gasparina: Zerva umilizzima.

Cavaliere: (Che vezzoso parlar!).

Gasparina: (Voggio in caza tornar). (si accosta alla casa)

Cavaliere: Rigorosissima

Meco siete cos?

Gasparina: Zerva umilizzima.

Cavaliere: Io sono un cavaliere,

Egli ver, forastiere;

Ma per le donne ho sentimenti onesti.

Gasparina: (Oh, che i me piaze tanto zti foresti).

Cavaliere: Bramo, se fia possibile,

Di servirvi l'onore, e in me vedrete

Esser per voi la servit onestissima.

Aggraditela almen.

Gasparina: Zerva umilizzima.

Cavaliere: Lasciam le cirimonie, favorite.

Siete zitella?

Gasparina: No lo zo dazzeno.

Cavaliere: Nol sapete? tal cosa io non comprendo.

Gasparina: Zto nome de zitella io non l'intendo.

Cavaliere: Fanciulla voglio dir.

Gasparina: No zo capirla.

Ze zon puta?

Cavaliere: Cos.

Gasparina: Per obbedirla.

Cavaliere: Troppo gentile! Avete genitori?

Gasparina: No l'intende n' vero,

Troppo el noztro parlar?

Cavaliere: Cos e cos.

Gasparina: Me zaver zpiegar.

Cavaliere: Avete genitori?

Gasparina: Mio padre zono morto,

E la mia genitrice ancora ezza.

M'intendela?

Cavaliere: Bravissima,

Voi parlate assai ben.

Gasparina: Zerva umilizzima.

Cavaliere: Ma chi avete con voi?

Gasparina: Tengo, zignore,

Un altro genitore.

Cavaliere: Un altro padre?

Gasparina: Oh zior no; cozza dizelo? Gh'ho un barba.

Cavaliere: La barba?

Gasparina: Adezzo, che ghe penza: un zio,

Che z quel che comanda, e zta con io.

Cavaliere: Ora capisco; brava.

Ma questo zio non vi marita ancora?

Gasparina: Zono un poco a bonora.

Cavaliere: ver, voi siete

Ancora giovinissima,

Ma graziosa per.

Gasparina: Zerva umilizzima.

Cavaliere: Voi avete, una grazia, che innamora.

Gasparina: Zlo pi zt a Venezia?

Cavaliere: Questa la prima volta.

Gasparina: El veder

Ze ghe z del bon gusto in zta citt.

Cavaliere: Lo capisco da voi.

Gasparina: No fo per dire,

Ma pozzo comparire.

Me capzzela?

Cavaliere: S che vi capisco.

Gasparina: Quando, che io voggio, zo parlar toscana,

Che no par, che zia gnanca veneziana.

Cavaliere: Avete una pronuncia, che dolcissima.

Voi parlate assai bene.

Gasparina: Obbligatizzima.

Cavaliere: E quell'aria!

Gasparina: La diga, m'lo vizto

A caminar?

Cavaliere: Un poco,

Fatemi la finezza,

Voi passeggiate, che a vedervi io resto.

Gasparina: Vedela, zior forezto?

Una volta ze andava

Cuzz, cuzz, cuzz.

Adesso ze va via

Cuzz, cuzz, cuzz.

Cavaliere: Brava in ogni maniera.

Gasparina: Vago da ziora zantola.

Cavaliere: Vi servo, se degnate

Quella, che io vi offro, servit umilissima.

Gasparina: Li zono obbligatizzima.

No voggio, che el zignor venga con io,

Perch ho paura del zior barba zio.

Cavaliere: Egli qui non vi vede, e non sa nulla.

Gasparina: Una puta fanziulla

Deve ancor non veduta

Aricordarzi, che fanciulla, e puta.

Cavaliere: Non volete onorarmi?

Gasparina: La prego dizpenzarmi.

Cavaliere: Ritornerete presto?

Gasparina: Ritorner a diznare.

M'intende?

Cavaliere: S, capisco,

Ritornerete a pranzo.

Gasparina: Z, a pranzare.

Cavaliere: Non mi private della grazia vostra.

Gasparina: Ella padrone della grazia noztra.

Cavaliere: Andate pur, non vi trattengo pi.

Gasparina: Zerva. (si inchina)

Cavaliere: Madamigella. (si inchina)

Gasparina: Addio, monz. (partono da varie parti)

Bar

Home

Next

Back

Email

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento:13/07/2005 23.38

Bulletpkvgb.gif (2336 byte)Bullet

Victorian Elegance
Bar