Home

Welcome

Email

De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Bar

IL CAMPIELLO

Di: Carlo Goldoni

BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet BulletSmall Bullet Bullet


Bar

ATTO PRIMO



SCENA PRIMA


Zorzetto con una cesta in terra con dentro piatti, e scodelle, col sacchetto in mano per il gioco detto la Venturina, poi tutte le donne, ad una per volta, dal luogo che sar accennato.


Zorzetto: Pute, chi mette al lotto?

X qua la Venturina.

Son vegn de mattina.

Semo d'inverno fora de stagion;

Ma za de carneval tutto par bon.

Via, no ve f pregar.

Pute, chi zoga al lotto?

Chi vien a comandar?

Lucietta: (sull'altana della sua casa)

Zorzetto, son qua mi; tol el mio bezzo. (getta il bezzo)

Zorzetto: Brava, siora Lucietta.

Za, che la prima s, comand vu.

Lucietta: Comando per el pi.

Se gh'avesse fortuna!

Zorzetto: Vadagner senz'altro. Su per una.

Se bezzi amanca.

Gnese: Zorzi. (dal suo poggiolo)

Zorzetto: Comand, siora Gnese.

Gnese: Tol el mio bezzo.

Zorzetto: Via; buttlo zo.

Gnese: Se vadagnasse almanco! (getta il bezzo)

Zorzetto: Su per do.

Cinque bezzi amanca.

Orsola: Oe matto! ti ti x? (dal suo poggiolo)

Zorzetto: Anca vu, siora mare.

Orsola: Quel, che ti vol. Ti el bezzo. (getta il bezzo)

Zorzetto: Su per tre.

Quattro bezzi amanca.

Lucietta: Sior'Orsola, anca vu?

Orsola: S ben. Dix, cossa vadagna?

Lucietta: Al pi.

Gasparina: Oe Zorzetto, zenti.

Zorzetto: Son qua da ela, siora Gasparina.

Gasparina: Chiapp. (getta il bezzo)

Zorzetto: La x ben franca;

Su per quattro. Mo via tre bezzi amanca.

Donna Pasqua: Oe vegn qua, Zorzetto. (dalla porta della sua casa)

Anca mi vi rischiar el mio bezzetto.

Zorzetto: Son da vu, donna Pasqua.

Gnese: Anca vu, siora mare?

Donna Pasqua: Anca mi vi ziogar; no se pol gnanca?

Lucietta: F pur quel, che vol.

Zorzetto: Do bezzi amanca.

Donna Catte: Oe, dalla Venturina. (dalla porta della sua casa)

Zorzetto: (Donna Catte Panchiana).

Lucietta: Siora mare, anca vu?

Donna Catte: Anca mi. Tol el bezzo.

Cossa vadagna?

Zorzetto: El pi.

Gasparina: No ze pol comandar?

Zorzetto: X comand, patrona.

Gasparina: Dazzeno? No credeva.

Ze zaveva cuz, mi no metteva.

Lucietta: Vard l, che desgrazia!

Gasparina: (Zempre cuz. Vol comandar cuztie).

Lucietta: Animo. (a Zorzetto)

Zorzetto: Su per se.

Destrighve, mett.

Gnese: Metter mi.

Lucietta: Metter mi.

Gasparina: Tol. (getta un altro bezzo)

Lucietta: Gran cazzada!

Gnese: Dei bezzi

Che n'avemo anca nu.

Orsola: Mo via; cavemio?

Zorzetto: E tutti questi al pi.

Lucietta: Vegn da mi, Zorzetto.

Gasparina: Trmelo a mi el zacchetto.

Lucietta: Vard, che zentildona!

Mi prima ho comand. Mi son parona.

Gasparina: Mi ziora gh'ho do bezzi.

Donna Pasqua: Mia fia x pi putela.

Trghe el sacchetto, che ghe tocca a ela.

Zorzetto: Giustve tra de vu.

Orsola: Via, trghelo a to mare.

Zorzetto: E tutti questi al pi. (getta il sacchetto ad Orsola)

Gasparina: Quezta z un'inzolenza.

Orsola: Chi songio? una massera?

Gasparina: Pezo. Una frittolera.

Orsola: Vard! se fazzo frittole?

La x una profession.

Gasparina: Co la ferzora in ztrada z par bon.

Zorzetto: Via, cav, destrighve. (ad Orsola)

Orsola: Vu, vu, siora, vardve.

Gasparina: Mi zon chi zon, zorela.

Lucietta: Certo; chi sente ela,

La viver d'intrada.

Gnese: Tutti za la cognosse in sta contrada.

Gasparina: Ve vorezzi, patrone,

Metter con mi, vu altre?

Lucietta: Cossa femio?

Zorzetto: Cavemio, o no cavemio?

Gasparina: Mio zior pare

Giera un foresto, el giera galantomo;

E credo, che el zia nato zentilomo.

Giera mia ziora mare

Nazzua da un ztrazzariol:

Gneze da un zavatter,

E vu da un fruttariol.

Donna Catte: El giera un fruttariol, ma de quei boni.

Gasparina: L'ho vizto in Piazza a cuzinar maroni.

Donna Pasqua: Mio mario, poveretto,

El giera un zavatter,

Ma sempre in sto mistier

El si ha fatto stimar.

No ghe giera un par soo per tacconar.

Zorzetto: E cus cossa femio?

Cavemio, o no cavemio?

Orsola: Sent co le se vanta!

Ti la bala. (getta il sacchetto colla palla)

Zorzetto: El sessanta.

Orsola: Xlo un numero bon?

Zorzetto: No so gnancora.

Gasparina: El z bazzo, fia mia.

Orsola: Mo che dottora!

Zorzetto: A vu, sior'Agnesina. (getta il sacchetto)

Gasparina: (Lo zaveva,

Che l'andava da ela.

La z la zo moroza).

Gnese: Oe, la Stela. (getta gi il sacchetto e la palla)

Zorzetto: Brava. A vu, donna Pasqua. (fa cavare a donna Pasqua)

Gasparina: (Che diria de zo nona,

Povero zporco, el va da zo madona).

Donna Pasqua: Vard, cossa i cav?

Cossi ela sta figura?

Zorzetto: La Morte.

Donna Pasqua: Malignazo! gh'ho paura.

Donna Catte: Av ben cav mal

Zorzetto: Tol, parona,

Cav vu. (a donna Catte)

Donna Catte: Vegn qua. (a Zorzetto) Cossi sto pivolo?

No gh'ho i occhiali. Cossa xlo?

Zorzetto: El Diavolo.

Gnese: Av ben cav pezo.

Donna Catte: N'importa. i vadagn? (a Zorzetto)

Zorzetto: No so; ghe x de meggio.

Lucietta: Butt qua. (a Zorzetto)

Zorzetto: Tol. (getta il sacchetto a Lucietta)

Gasparina: Mi zar l'ultima.

Zorzetto: La Stela al pi.

Gnese: La Stela la x mia.

Donna Pasqua: Certo, e la grazia l'ha d'aver mia fia.

Lucietta: Oe, ho cav la Luna.

Donna Catte: Brava, brava, mia fia gh'ha pi fortuna.

Zorzetto: Presto. La Luna al pi.

Gasparina: Toccar a mi zta volta.

Zorzetto: Son da vu.

Gnese: Me darave dei pugni in te la testa.

Zorzetto: Eh, vardve da questa. (getta il sacchetto a

Gasparina)

Gasparina: Vard, cozza i cav?

Zorzetto: El trenta.

Lucietta: La x mia.

Gasparina: Ma un'altra

bala,

Ziora, mi ho da cavar.

Lucietta: Ma mi ho da vadagnar;

Nissun no me la tol.

Gasparina: Cozza i cav?

Zorzetto: Brava dasseno. El Sol.

Gasparina: Oe, la grazia z mia.

Lucietta: Malignaza cula

Sempre la venze ela.

Zorzetto: Vorla un piattelo?

Gasparina: No; voggio una zquela.

Zorzetto: Ghe la porto.

Gasparina: Aspett.

Zta mattina ve zbanco.

Zoghemo ancora, e mi comando: al manco.

Lucietta: No voggio pi zogar. (Sento che peno).

Gasparina: No, da zeno, patrona? (entra in casa)

Lucietta: No da zeno. (entra in casa)

Gnese: X meggio, che anca mi fazza cus!

Gasparina: La va via, ziora Gneze?

Gnese: Ziora z. (entra in casa)

Orsola: Vien su, vien su, fio mio.

El spasso x fenio.

El tempo se fa scuro.

Gasparina: El zpazzo z fenio?

Orsola: Certo zeguro. (entra in casa)

Gasparina: Zte zporche me minchiona, ma per diana

Le gh'ha da far con mi.

Zorzetto: Vorla la squela?

Gasparina: Tintela per ti.

No m'importa de zquele,

Ghe n'ho de le pi bele.

Zte ziore, che le ingiotta, ze le vol,

Che mi con ele zar zempre el zol. (parte)

Zorzetto: Puto, dame una man

A portar via sta cesta; sta mattina

No gh' pi Venturina.

Ti sto bezzo per ti. Sti se bezzetti

Voggio andarli a investir in tre zaletti. (parte)



SCENA SECONDA


Donna PASQUA POLEGANA e donna CATTE PANCHIANA


Donna Pasqua: Cossa dixeu, comare? Stamattina

Gh'ha tocc la fortuna a Gasparina.

Donna Catte: Za me l'ho imaginada.

Quela se ghe pol dir la fortunada.

Donna Pasqua: Me recordo so mare,

La vegniva ogni d

A domandarme a mi

Ora el sal, ora l'oggio, poverazza;

Ela x morta, e da so fia se sguazza.

Donna Catte: Quel forestier, credemio,

Che el sia so barba?

Donna Pasqua: Oib.

Da pi de diese ho sentio a dir de no.

Donna Catte: Cossa voleu, che el sia? cossa ve par?

Donna Pasqua: Ah! no vi mormorar.

Via, via, el sar so barba, no parlemo.

Donna Catte: Oe, che el sia quel, che el vol, nu no gh'intremo.

Me despiase, che in casa gh'ho una fia,

Che la vede, e la sente.

Donna Pasqua: Per la vostra no gh' sto gran pericolo,

Che la x mauretta;

Ma la mia, poveretta,

Che no la gh'ha gnancora sedesi ani.

Donna Catte: E la mia quanti ani,

Credereu, che la gh'abbia?

Donna Pasqua: Mi no so.

Vinti un, vinti do.

Donna Catte: Vedeu, fia mia, che v'ingan? deboto

La toccher i disdoto.

Anca mio chi me vede

I dixe, che son vecchia;

E s vecchia no son,

Ma son vegnua cus da le passion.

Donna Pasqua: E a mi, col vostro intender,

Quanti ani me deu?

Donna Catte: Vu, fia mia, cossa seu?

Tra i sessanta, e i setanta?

Donna Pasqua: Oh che spropositi!

Se cognosse, che poco ghe ved.

Donna Catte: Quanti xli, fia mia?

Donna Pasqua: Quaranta tre.

Donna Catte: Eh, no gh' mal. E i mii

Quanti ve par, che i sia?

Donna Pasqua: Sessanta, e va.

Donna Catte: I x manco dei vostri in verit.

Donna Pasqua: Se no gh'av pi denti!

Donna Catte: Cara fia,

Per le flussion i me x andadi via.

Oh se m'avessi visto in zovent!

Donna Pasqua: Come!

Donna Catte: Seu sorda?

Donna Pasqua: Un poco, da sta recchia.

Donna Catte: Cara fia, no vol, ma s pi vecchia.

Donna Pasqua: Se savessi, anca mi, quel che ho patio.

Basta. El Ciel ghe perdona a mio mario.

Donna Catte: Certo, che sti marii

I x i gran desgraziai.

El pan de casa non ghe basta mai.

Donna Pasqua: La x cus, sorela.

Anca el mio, sto baron, giera de quei,

E s el mio pan noi x de semolei.

Donna Catte: Mi, no fazzo per dir, ma giera un tcco!

Fava la mia fegura;

Ma senza denti se se desfegura.

Sent; qua ghe n'ho do; qua ghe n'ho uno. (prende il dito di

donna Pasqua, e se lo mette in bocca)

Sent ste do rase,

Sent sto dente grosso,

E ste zenzive dure co fa un osso.

Donna Pasqua: Magneu ben?

Donna Catte: Co ghe n'ho.

Donna Pasqua: Cus anca mi.

Donna Catte: Ma no se pol magnar ben ogni d.

Donna Pasqua: Come!

Donna Catte: Me f pecc,

Cus sorda.

Donna Pasqua: Aspett, vegn de qua.

Donna Catte: No; voggio andar dessuso,

Perch gh'ho quella puta

Che me d da pensar.

Donna Pasqua: La voleu maridar?

Donna Catte: Oh, se podesse!

Donna Pasqua: Dghela a quel marzer.

Donna Catte: Se el la volesse.

E vu la vostra no la marid?

Donna Pasqua: Eh cara vu, tas.

Se sto fio de sior'Orsola

Fusse un poco pi grando!

Donna Catte: El crescer.

Donna Pasqua: E intanto la sta l.

E mi, per confidarve al mio pensier,

Vorave destrigarme;

Perch dopo anca mi vi maridarme.

Donna Catte: Oh anca mi certo; co x via sta puta,

La fazzo, vel protesto.

Donna Pasqua: Destrighemole presto.

Maridemose, Catte.

Donna Catte: S, fia mia.

Donna Pasqua: Catte, bond sioria.

Donna Catte: Bond, sorela.

No son pi una putela;

No gh'ho quel, che gh'aveva

Co giera zovenetta

Ma ghe n'ho pi de quattro, che me aspetta. (parte)

Donna Pasqua: Mi ghe sento pochetto,

Ma grazie al Cielo son ancora in ton,

E fora de una recchia,

Tutto el resto x bon. (parte)



SCENA TERZA


Gasparina sul poggiuolo, poi il CAVALIERE


Gasparina: Ancuo z una zornada cuz bela,

Che proprio me vien voggia

D'andarme a devertir;

Ma zior barba con mi nol vol vegnir.

Zia malignazo i libri!

Zempre zempre ztudiar!

Ze almanco me vegnizze

Una bona occazion da maridar!

Quel zior, che l'altro zorno

Z vegnudo a alozar a zta locanda,

Ogni volta, che el pazza, el me zaluda;

Ma no ze za chi el zia. Oh, vlo qua,

Dazzeno in verit.

Cavaliere: (vien passeggiando con qualche affettazione, e avvicinandosi alla casa di Gasparina, la saluta)

Gasparina: (gli fa una riverenza)

Cavaliere: (cammina un poco, poi torna a salutarla)

Gasparina: (repplica una riverenza)

Cavaliere: (gira un poco, poi le fa un baciamano ridente)

Gasparina: (corrisponde con un baciamano grazioso)

Cavaliere: (si incammina verso la locanda, poi torna indietro mostrando di volerle parlare; poi si pente, le fa una riverenza e torna verso la locanda. Sulla porta si ferma, e le fa un baciamano, ed entra)

Gasparina: Oh ghe dago in tel genio.

Ze vede, che el z cotto.

Ze con mi el fa dazzeno;

Zte zporche, che z qua

Oh quanta invidia, che le gh'aver!



SCENA QUARTA


Sansuga dalla locanda, e la suddetta.


Sansuga: Cossa mai se pol far? co sti foresti,

No se pol dir de no.

Parler co la puta, el servir.

Camerier anca mi son de locanda:

No se pol dir de no, co i ne comanda.

Patrona reverita.

Gasparina: Ve zaludo.

Sansuga: Cognossela quel sior, che x venudo?

Gasparina: Mi no. Chi zlo?

Sansuga: Un cavalier.

Gasparina: Dazzeno?

Sansuga: El x un, che ha per ela de la stima,

E col l'ha vista el x casc a la prima.

Gasparina: E mi me cognozzeu?

Sansuga: So chi la x.

Gasparina: Ben co me cognozz,

Zaver, che con mi

No ze parla cuz.

Sansuga: No ghe x mal. No voggio miga dir...

Ghe basta de poderla reverir.

Gasparina: No m'lo zalud?

Sansuga: X vero, ma nol sa,

Se la l'abbia aggradido el so saludo.

Gasparina: Via dizghe a quel zior, che nol reffudo.

Sansuga: Se el vien sulla terazza

Che dirala qualcossa?

Gasparina: Via, zior z.

Sansuga: Che piselo quel sior?

Gasparina: Cuz, e cuz.

Sansuga: Lo vago a consolar.

Gasparina: Oe, lo zlo, che zon da maridar?

Sansuga: El lo sa certo.

Gasparina: El zlo,

Che zon puta da ben, ma poveretta?

Sansuga: Za l'ho inform de tuto.

La staga l un tantin.

Gasparina: Zioria, bel puto. (Sansuga entra nella locanda)

Oh la z una gran cozza,

Per una da par mio

Non aver dota da trovar mario.

Mio barba z vegn

Da caza de col; el va dizendo:

Vorave nezza, che ve maridezzi.

Ma gnancora no zo ze el gh'abbia bezzi.

Zior? chimelo? El z elo

Dazzeno, che me chiama; tol zuzo,

Bizogner, che vaga;

Qua nol vol, che ghe ztaga.

Come vorlo, che fazza a maridarme?

Dazzeno, che zon ztuffa.

E ze ghe tendo a lu far la muffa. (parte)



SCENA QUINTA


Lucietta sull'altana, poi il CAVALLIER sulla loggia.


Lucietta: Gnancora no se vede

A vegnir Anzoletto.

Tre ore, sto baron, x che l'aspetto.

L'ora la x passada,

Che el se sente a passar,

Che el se sente a criar aghi, e cordoni.

Oh sti puti, sti puti, i pur baroni;

No se se pol fidar.

Cavaliere: (sulla loggia, guardando verso la casa di Gasparina)

Lucietta: Vrdelo qua? me vorlo saludar?

Cavaliere: Mi pare, e non mi pare.

Lucietta: Par, che el me varda mi.

Cavaliere: (si cava il cappello e lo tien a mezz'aria, parendogli che sia e non sia Gasparina)

Lucietta: Patron caro. (lo saluta)

Cavaliere: (termina di salutarla, e poi con un occhiale l'osserva)

Lucietta: M'lo visto cus?

Cavaliere: Vedo, che non quella,

Ma tanto e tanto non mi par men bella. (torna coll'occhiale)

Lucietta: Se el seguita a vardar co sto bel sesto,

Adessadesso mi ghe volto el cesto.

Cavaliere: (la saluta)

Lucietta: La reverisso in furia:

Maneghi de melon, scorzi d'anguria.

Cavaliere: Non intendo che dica. (la saluta)

Lucietta: Un'altra volta.

Serva sua.

Cavaliere: Mi perdoni.



SCENA SESTA


Anzoletto colle scatole da marzer, e detti


Anzoletto: Aghi de Fiandra, spighetta, cordoni.(gridando ad uso di tal mestiere)

Lucietta: Anzoletto? (chiamandolo)

Anzoletto: V'ho visto. (minacciandola)

Cavaliere: Signora, se comanda.

Compri, che pago io.

Lucietta: Grazie, patron;

De lu no me n'importa.

Aspettme, che vegno sulla porta. (entra)

Cavaliere: Quel giovine.

Anzoletto: Patron.

Cavaliere: Quel, che ella

vuole,

Datele; pago io.

Anzoletto: (Ah sta cagna sassina m'ha tradio!).



SCENA SETTIMA


Gnese: sull'altana, e detti


Gnese: Oe marzer; vegn qua.(Anzoletto si accosta)

Cavaliere: Ecco un'altra belt.

Gnese: Gh'aveu cordoni bei?

Cavaliere: Datele quel, che vuol, pago per lei.

Gnese: Dasseno?

Cavaliere: S, servitela,

Che tutto io pagher.

Gnese: Vegn de su, marzer.

Anzoletto: Ben, vegnir. (entra in casa d'Agnese)

Cavaliere: Tante bellezze unite! parmi un sogno.

Servitevi, ragazza.

Gnese: Me tor el mio bisogno. (entra)



SCENA OTTAVA


Lucietta sulla porta, il Cavaliere sulla loggia.


Lucietta: Invece de aspettarme el va da Gnese?

Cavaliere: Giovinetta cortese,

Aspettate, ora vien.

Lucietta: Sior s, l'aspetto.

(Vi parlar col foresto

A so marzo despetto).

Cavaliere: Come voi vi chiamate?

Lucietta: Lucietta per servirla.

(Farme sta azion a mi? no vi soffrirla).

Cavaliere: Lucietta.

Lucietta: Cossa vorla?

Cavaliere: Siete sposa?

Lucietta: Sior no.

Cavaliere: Siete fanciulla?

Lucietta: Certo,

Che qualcossa sar.

Cavaliere: Voglio venir a basso.

Lucietta: Chi lo tien? (il Cavaliere entra)

Vi, che el me senta quel baron col vien. (verso Anzoletto)

Cossa x sto impiantarme?




SCENA NONA

Donna CATTE e LUCIETTA


Donna Catte: Oe, Lucietta.(di dentro)

Lucietta: S, s, pod chiamarme.

Fina, che no me sfogo,

No vago, se i me d, via da sto liogo.

Donna Catte: Cossa fastu qua in strada? (esce di casa)

Lucietta: Gnente.

Donna Catte: Ti inmusonada

Per cossa, cara fia?

Lucietta: Quel baron del marzer...

X pass...l'ho chiam...

Noi m'ha gnanca aspett. (piangendo)

Donna Catte: E ti pianzi per questo?

Lucietta: Siora s.

Donna Catte: El vegnir debotto.



SCENA DECIMA


IL Cavaliere e dette


Cavaliere: Eccomi qui.

Donna Catte: Chi lo sto sior? (a Lucietta)

Lucietta: Tas.(a donna Catte)

Cavaliere: Questa vecchia chi ?

Lucietta: La x mia mare.

Donna Catte: Che el se metta i occhiai; se nol ghe vede;

No son vecchia, patron, come che el crede.

Cavaliere: Compatitemi, cara.

Ah! vostra figlia una bellezza rara.

Donna Catte: Lo so anca mi; la x una bela puta.

E po vard, la me someggia tuta.

Cavaliere: Ora verr il merciaio;

Provedetevi pure, ecco il danaio.(mostra la borsa)




SCENA UNDICESIMA

Gnese sull'altana, e detti


Gnese: Patron, sla? m'ho tolto

Roba per quattro lire.

Cavaliere: Anche per trenta.

Io faccio ognor cos.

Gnese: Ma me l'ho tolta, e l'ho pagada mi.

Le pute Veneziane

Le gh'ha pensieri onesti,

E no le tol la roba dai foresti.(parte)



SCENA DODICESIMA

Anzoletto di casa, e detti


Cavaliere: Questa non fa per me, troppo eroina.

Via, fatevi servire.(a Lucietta)

Lucietta: No vi gnente.

No me vegnir da rente,

Tocco de desgrazi, baron, furbazzo. (a Anzoletto)

Anzoletto: A mi sto bel strapazzo:

A mi, che gh'ho rason de lamentarme?

Lucietta: Ti gh'ha rason, che qua no vi sfogarme.

Ti me l'ha da pagar.

Anzoletto: Chi ha d'aver, ha da dar.

Donna Catte: Zitto; vegn con nu. (a Anzoletto)

Anzoletto: In casa vostra no ghe vegno pi. (parte)

Cavaliere: Via, l'amante partito.

Prendete un anellino;

Tenetelo, che bello.

Lucietta: La reverisso, e grazie dell'anello.(parte senza prenderlo)

Donna Catte: La diga, sior foresto.

Cavaliere: Che volete?

Donna Catte: La me lo daga a mi.

Cavaliere: Brava; prendete.

Datelo alla ragazza in nome mio:

Vecchia da ben, mi raccomando, addio. (parte)

Donna Catte: Oh, no ghe dago gnente.

No vi che la se instizza.

El sar bon, co me far novizza. (parte)


Bar

Home

Next

Back

Email

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com
Ultimo Aggiornamento:13/07/2005 23.34

Bulletpkvgb.gif (2336 byte)Bullet

Victorian Elegance
Bar