de bibliotheca

La biblioteca di Babele

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

Testi senza diritti d'autore

Iacopo Sannazaro

ARCADIA

Prosa 1

 

Giace nella sommità di Partenio, non umile monte de la pastorale Arcadia, un dilettevole piano, di ampiezza non molto spazioso però che il sito del luogo nol consente, ma di minuta e verdissima erbetta sì ripieno, che se le lascive pecorelle con gli avidi morsi non vi pascesseno, vi si potrebbe di ogni tempo ritrovare verdura. Ove, se io non mi inganno, son forse dodici o quindici alberi, di tanto strana et eccessiva bellezza, che chiunque li vedesse, giudicarebbe che la maestra natura vi si fusse con sommo diletto studiata in formarli. Li quali alquanto distanti, et in ordine non artificioso disposti, con la loro rarità la naturale bellezza del luogo oltra misura annobiliscono. 2 Quivi senza nodo veruno si vede il drittissimo abete, nato a sustinere i pericoli del mare; e con più aperti rami la robusta quercia e l'alto frassino e lo amenissimo platano vi si distendono, con le loro ombre non picciola parte del bello e copioso prato occupando. Et èvi con più breve fronda l'albero, di che Ercule coronar si solea, nel cui pedale le misere figliuole di Climene furono transformate. Et in un de' lati si scerne il noderoso castagno, il fronzuto bosso e con puntate foglie lo eccelso pino carico di durissimi frutti; ne l'altro lo ombroso faggio, la incorruttibile tiglia e 'l fragile tamarisco, insieme con la orientale palma, dolce et onorato premio de' vincitori. Ma fra tutti nel mezzo presso un chiaro fonte sorge verso il cielo un dritto cipresso, veracissimo imitatore de le alte mete, nel quale non che Ciparisso, ma, se dir conviensi, esso Apollo non si sdegnarebbe essere transfigurato. Né sono le dette piante sì discortesi, che del tutto con le lor ombre vieteno i raggi del sole entrare nel dilettoso boschetto; anzi per diverse parti sì graziosamente gli riceveno, che rara è quella erbetta che da quelli non prenda grandissima recreazione. E come che di ogni tempo piacevole stanza vi sia, ne la fiorita primavera più che in tutto il restante anno piacevolissima vi si ritruova. 3 In questo così fatto luogo sogliono sovente i pastori con li loro greggi dagli vicini monti convenire, e quivi in diverse e non leggiere pruove esercitarse; sì come in lanciare il grave palo, in trare con gli archi al versaglio, et in addestrarse nei lievi salti e ne le forti lotte, piene di rusticane insidie; e 'l più de le volte in cantare et in sonare le sampogne a pruova l'un de l'altro, non senza pregio e lode del vincitore. Ma essendo una fiata tra l'altre quasi tutti i convicini pastori con le loro mandre quivi ragunati, e ciascuno, varie maniere cercando di sollacciare, si dava maravigliosa festa, Ergasto solo, senza alcuna cosa dire o fare, appiè di un albero, dimenticato di sé e de' suoi greggi giaceva, non altrimente che se una pietra o un tronco stato fusse, quantunque per adietro solesse oltra gli altri pastori essere dilettevole e grazioso. Del cui misero stato Selvaggio mosso a compassione, per dargli alcun conforto, così amichevolmente ad alta voce cantando gli incominciò a parlare:

Ecloga 1

SELVAGGIO, ERGASTO

 

 

SELVAGGIO

Ergasto mio, perché solingo e tacito

pensar ti veggio? Oimè, che mal si lassano

le pecorelle andare a lor ben placito!

Vedi quelle che 'l rio varcando passano;

vedi quei duo monton che 'nsieme correno

come in un tempo per urtar s'abassano.

Vedi c'al vincitor tutte soccorreno

e vannogli da tergo, e 'l vitto scacciano

e con sembianti schivi ognor l'aborreno.

E sai ben tu che i lupi, ancor che tacciano,

fan le gran prede; e i can dormendo stannosi,

però che i lor pastor non vi s'impacciano.

Già per li boschi i vaghi ucelli fannosi

i dolci nidi, e d'alti monti cascano

le nevi, che pel sol tutte disfannosi.

E par che i fiori per le valli nascano,

et ogni ramo abbia le foglia tenere,

e i puri agnelli per l'erbette pascano.

L'arco ripiglia il fanciullin di Venere,

che di ferir non è mai stanco, o sazio

di far de le medolle arida cenere.

Progne ritorna a noi per tanto spazio

con la sorella sua dolce cecropia

a lamentarsi de l'antico strazio.

A dire il vero, oggi è tanta l'inopia

di pastor che cantando all'ombra seggiano,

che par che stiamo in Scitia o in Etiopia.

Or poi che o nulli o pochi ti pareggiano

a cantar versi sì leggiadri e frottole,

deh canta omai, che par che i tempi il cheggiano.

 

ERGASTO

Selvaggio mio, per queste oscure grottole

Filomena né Progne vi si vedono,

ma meste strigi et importune nottole.

Primavera e suoi dì per me non riedono,

né truovo erbe o fioretti che mi gioveno,

ma solo pruni e stecchi che 'l cor ledono.

Nubbi mai da quest'aria non si moveno,

e veggio, quando i dì son chiari e tepidi,

notti di verno, che tonando pioveno.

Perisca il mondo, e non pensar ch'io trepidi;

ma attendo sua ruina, e già considero

che 'l cor s'adempia di pensier più lepidi.

Caggian baleni e tuon quanti ne videro

i fier giganti in Flegra, e poi sommergasi

la terra e 'l ciel, ch'io già per me il desidero.

Come vuoi che 'l prostrato mio cor ergasi

a poner cura in gregge umile e povero,

ch'io spero che fra' lupi anzi dispergasi?

Non truovo tra gli affanni altro ricovero

che di sedermi solo appiè d'un acero,

d'un faggio, d'un abete o ver d'un sovero;

ché pensando a colei che 'l cor m'ha lacero

divento un ghiaccio, e di null'altra curomi,

né sento il duol ond'io mi struggo e macero.

 

SELVAGGIO

Per maraviglia più che un sasso induromi,

udendoti parlar sì malinconico,

e 'n dimandarti alquanto rassicuromi.

Qual è colei c'ha 'l petto tanto erronico,

che t'ha fatto cangiar volto e costume?

Dimel, che con altrui mai nol commonico.

 

ERGASTO

Menando un giorno gli agni presso un fiume,

vidi un bel lume in mezzo di quell'onde,

che con due bionde trecce allor mi strinse,

e mi dipinse un volto in mezzo al core

che di colore avanza latte e rose;

poi si nascose in modo dentro all'alma,

che d'altra salma non mi aggrava il peso.

Così fui preso; onde ho tal giogo al collo,

ch'il pruovo e sollo più c'uom mai di carne,

tal che a pensarne è vinta ogni alta stima.

Io vidi prima l'uno e poi l'altro occhio;

fin al ginocchio alzata al parer mio

in mezzo al rio si stava al caldo cielo;

lavava un velo, in voce alta cantando.

Oimè, che quando ella mi vide, in fretta

la canzonetta sua spezzando tacque,

e mi dispiacque che per più mie' affanni

si scinse i panni e tutta si coverse;

poi si sommerse ivi entro insino al cinto,

tal che per vinto io caddi in terra smorto.

E per conforto darmi, ella già corse,

e mi soccorse, sì piangendo a gridi,

c'a li suo' stridi corsero i pastori

che eran di fuori intorno a le contrade,

e per pietade ritentàr mill'arti.

Ma i spirti sparti al fin mi ritornaro

e fen riparo a la dubbiosa vita.

Ella pentita, poi ch'io mi riscossi,

allor tornossi indietro, e 'l cor più m'arse,

sol per mostrarse in un pietosa e fella.

La pastorella mia spietata e rigida,

che notte e giorno al mio soccorso chiamola,

e sta soperba e più che ghiaccio frigida,

ben sanno questi boschi quanto io amola;

sannolo fiumi, monti, fiere et omini,

c'ognor piangendo e sospirando bramola.

Sallo, quante fiate il dì la nomini,

il gregge mio, che già a tutt'ore ascoltami,

o ch'egli in selva pasca o in mandra romini.

Eco rimbomba, e spesso indietro voltami

le voci che sì dolci in aria sonano,

e nell'orecchie il bel nome risoltami.

Quest'alberi di lei sempre ragionano

e ne le scorze scritta la dimostrano,

c'a pianger spesso et a cantar mi spronano.

Per lei li tori e gli arieti giostrano.

 

index indice A-E indice M-R top

Edizione HTML a cura di: [email protected]

Ultimo Aggiornamento: 10/07/05 17.06.08