De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

LE BARUFFE CHIOZZOTTE

 

di Carlo Goldoni

Atto Terzo

scena prima scena seconda scena terza

scena quarta scena quinta scena sesta

scena settima scena ottava scena nona

scena decima scena undicesima

scena dodicesima scena tredicesima

scena quattordicesima scena quindicesima

scena sedicesima scena diciassettesima

scena diciottesima scena diciannovesima

scena ventesima scena ventunesima

scena ventduesima scena ventitreesima

scena ventiquattresima scena venticinquesima

scena ultima

ATTO TERZO

SCENA I

Strada con casa, come nelle altre scene.

BEPPO, solo.

No m'importa; che i me chiappe, se i me vo' chiappare. Ander in presn: no m'importa gnente; ma m retir no ghe vggio pi stare. No muoro contento, se a Orsetta no ghe dago una slpa. E a Marmottina ghe vggio taggiare una rcchia, se credesse d'andare in gala, se credesse. La porta x ser de custe, x ser anca da m, x ser. Lucietta, e mia cugn le sar ande a parlare per m e per mio fradelo Toni; e custe le sar ande a parlare per Marmottina. Sento znte, sento. Me pare smpre d'aver i zaffi a la schina. Zitto, che vi Orsetta. Vi, vi, che te vggio giustare.

SCENA II

LIBERA, ORSETTA e CHECCA col ninzoletto sulle spalle, e detto

LIB. (amorosamente) Beppo!

ORS. El mio caro Beppo!

BEP. In malora, a!

ORS. Con chi la gh'stu?

LIB. A chi in malora?

BEP. In malora quante che s.

CHE. (a Beppo) Vghe ti in malrzega.

ORS. (a Checca) Tasi. (a Beppo) Cssa t'avmio fatto?

BEP. Ti sar contenta, ander in presn; ma avanti ch'a ghe vaghe...

ORS. No, no t'indubitare. No sar gnente.

LIB. Paron Vicenzo l'ha dito cus, ch'a no se stemo a travaggiare, che la cssa sar giust.

CHE. E po gh'avmo per nu el Cogitore.

ORS. Se pu savere con chi ti la gh'ha almanco?

BEP. Con t la gh'ho.

ORS. Co m?

BEP. S, con t.

ORS. Cssa t'ggio fatto?

BEP. Cssa te vstu a impazzare co Marmottina? Perch ghe prlistu? Per cossa te vinlo a cattare?

ORS. M?

BEP. T.

ORS. Chi te l'ha dito?

BEP. Mia cugn, e mia sorela me l'ha dito

ORS. Busire!

LIB. Busire!

CHE. Oh, che busire!

ORS. El x vegn a parlare con Checca.

LIB. E po el x andao a sentarse da to sorela.

ORS. E el gh'ha pago la zucca.

CHE. Basta dire, che Titta-Nane ha licenzio Lucietta.

BEP. L'ha licenzi mia sorela? Per cssa?

CHE. Per amore de Marmottina

ORS. E mi cssa gh'ggio da intrare?

BEP. (a Orsetta) Marmottina no x vegn a parlare co t? L'ha parlao co Lucietta? Titta-Nane l'ha licenzi?

ORS. S, can, no ti me credi, balon? No ti credi a la to povera Orsetta, che te vol tanto ben; che ho fatto tanti pianti per t; che me disconisso per cause toe?

BEP. Cssa donca me vienle a dire quele pettazze?

LIB. Per scaregarse ele, le ne crega n.

CHE. N no ghe femo gnente, e ele le ne vuol male.

BEP. (in aria minacciosa) Che le vgna a c, che le vgna!

ORS. Zitto che le x qua.

LIB. Tas.

CHE. No ghe dis gnente.

SCENA III

PASQUA e LUCIETTA col ninzoletto sulle spalle, e detti.

LUC. (a Beppo) Css'?

PAS. (a Beppo) Cssa fstu qua?

BEP. (Con sdegno) Cssa me su vegne a dire?

LUC. Senti.

PAS. Vi qua, senti.

BEP. Cssa v'andu a inventare?...

LUC. (con affanno) Mo vi qua, presto!

PAS Presto, poveretto t!

BEP. Css'? Cssa gh' da niovo? (s'accosta e lo prendono in mezzo)

LUC. Va via.

PAS. Vte a retirare. (intanto le altre due donne si cavano i ninzoletti)

BEP. Mo se le m'ha dito, che no x gnente.

LUC. No te fidare.

PAS. Le te vol sassinare.

LUC. Smo stae a Palazzo, e n no i n'ha gnanca volsto ascoltare.

PAS. Ele i le gh'ha ricevste, e nu altre i n'ha cazzo via.

LUC. E Orsetta x stada drento pi de un'ora col Cogitore.

PAS. Ti x process!

LUC. Ti x in cattura.

PAS. Vte a retirare.

BEP. (a Orsetta) Comudo? A sta via se sassina i meni?

ORS. Css' st?

BEP. Tegnirme qua per farme precipitare?

ORS. Chi l'ha dito?

LUC. L'ho dito mi, l'ho dito.

PAS. E savmo tutto, savmo.

LUC. (a Beppo) Va via.

PAS. (a Beppo) Va via.

BEP (a Orsetta) Vago via... ma me l'aver da pagare

SCENA IV

PARON TONI, e detti.

PAS Marlo!

LUC. Fradelo!

PAS. And via.

LUC. No ve lass trovare.

TON. Tas tas, non abbi paura, tas. X vegno a trovarme paron Vicenzo, e el m'ha dito, che l'ha parl co sior Canceliere, che tutto x accomodao, che se pu caminare.

ORS. Sentu?

LIB. Ve l'avmio dito?

CHE. Smio n le busire?

ORS. Smio n, che ve vl sassinare?

BEP. (a Pasqua e Lucietta) Cssa v'insuniu? Cssa v'andu a inventare?

SCENA V

PARON VICENZO, e detti.

ORS. Vlo qua paron Vicenzo. No x giust tutto, paron Vicenzo?

VIC. No x giust gnente.

ORS. Come, no x giust gnente?

VIC. No gh' caso che quel musso ustin de Marmottina vggia dar la pase; e senza la pase no se puol giustare.

PAS. Oe, sentu?

LUC. No ve l'ggio dito?

PAS. No ghe cred gnente.

LUC. No x giust gnente.

PAS. No ve fid a camminare.

LUC. Andve subito a retirare.

SCENA VI

TITTA-NANE, e detti.

PAS. Oh! Titta-Nane, cssa fu qua?

TIT. Fazzo quelo che vggio, fazzo.

PAS. (da s) (Oh! no la ghe x gnanca pass).

LUC. (a Titta) No gh'av paura dei zaffi?

TIT. (a Lucietta con sdegno) No gh'ho paura de gnente. (a paron Vicenzo) So sto dal Cogitore; el m'ha mando a chiamare; e el m'ha dito, che camine quanto che vggio, e che no staghe pi a bacilare.

ORS. (a Lucietta) Parl mo adesso se gh'av fi da parlare. No ve l'ggio dito, che gh'avemo per n el Cogitore?

SCENA VII

COMANDADOR, e detti.

COM. Paron Toni Canestro, Beppo Cospettoni, e Titta-Nane Moletto, vegn subito a Palazzo con mi da sior Cancelier.

PAS. Oh poveretta m!

LUC. Semo sassini!

PAS. (a Orsetta) Che fondamento ghe x in te le vostre parole?

LUC. (a Orsetta) De cssa ve podu fidare de quel panchiana de Cogitore?

SCENA VIII

ISIDORO, e detti.

LUC. (vedendo Isidoro) (Uh!)

ISI. Chi , che me favorisse?

ORS. (accennando Lucietta! Vla l, lustrissimo. M no so gnente.

LUC. Cssa vrli da i nostri meni? Cssa ghe vrli fare?

ISI. Gnente; che i vegna con m, e che no i gh'abbia paura de gnente. Son galantomo. Me son impegn de giustarla, e sior Cancelier se remette in m. And, paron Vicenzo, and a cercar Marmottina, e f de tutto per menarlo da mi; e se nol vl vegnir per amor, disghe, che lo far vegnir m per forza.

VIC Sior s; so qua co se tratta de far del ben. Vago subito. Beppo, paron Toni, vegn co mi che v'ho da parlare.

TON. So co v, compare. Co so co v, so seguro. (parte)

TIT. (da s) (Oe, m no me slontno dal Cogitore).

BEP. Orsetta, a revderse.

ORS. (a Beppo) Xstu in clera?

BEP. Via, che cade? A monte, a monte. Se parlermo. (parte con paron Toni e paron Vicenzo)

SCENA IX

ISIDORO, CHECCA, LUCIETTA, PASQUA e TITTA-NANE (pi ORSETTA e LIBERA),

CHE. (a Isidoro, piano) (La diga, lustrissimo?)

ISI. (a Checca, piano) (Css', fia?)

CHE. (Gh'lo parl?)

ISI. (Gh'ho parl).

CHE. (Css lo dito?)

ISI. (Per dirvela, no'l m'ha dito n s, n no. Ma me par che i dusento ducati no ghe despiasa).

CHE. (Me raccomando).

ISI. (Lass far a mi). Via andmo, Titta-Nane.

TIT. (in atto di partire) So qua con ela.

LUC. (a Titta) Gnanca, patron? Gnanca un strazzo de saludo?

PAS. (a Titta) Che creanza gh'avu?

TIT. (con disprezzo) Patrne.

ISI (a Titta) Via, salud Checchina.

TIT. (con buona grazia) Bela putta, ve saludo. (Lucietta smania)

CHE. Siora, Titta-Nane.

TIT. (da s) (Gh'ho gusto, che la magna l'agio Lucietta, gh'ho gusto; me vggio refare). (parte)

ISI. (da s) (Anca questo per m x un divertimento). (parte)

SCENA X

LUCIETTA, ORSETTA, CHECCA, PASQUA e LIBERA.

LUC. (a Pasqua) (Avu sento cssa che el gh'ha dito? Bela putta el gh'ha dito).

PAS. (a Lucietta) (Mo via cssa vstu andar a pensare?)

LUC. (caricandola forte, che sentano) E ela? Siorla Titta-Nane, siora Titta-Nane.

CHE. Coss', siora, me burlu?

ORS. Dighe, che la se varda ela.

I. IB. Che la gh'ha el so bel da vardare.

LUC. M? Oh! de mi ghe x puoco da dire: che cattive azion mi no ghe ne so fare.

PAS. (a Lucietta) Via, tasi, no te n'impazzare. No sstu, chi le x? Tasi.

CHE. Cssa smio?

ORS. (a Libera) Cssa voressi dire?

LIB. (a Orsetta) Via; chi ha pi giudizio, el dpera.

LUC. Oh la savia Sibla! Le putte, che gh'ha giudizio, parona, le lassa star i novizzi, e no le va a robare i morosi.

ORS. A v cossa ve robmio?

LUC. Titta-Nane x mio novizzo.

CHE. Titta-Nane v'ha licenzi.

PAS. No x vero gnente.

LIB. Tutta la contr l'ha sento.

PAS. Via, che s una pettegola.

ORS. Tas l, donna stramba.

LUC. Sent, che sbren!

LTB. (con ironia e collera) Sent, che bela putta!

LUC. Mggio de to sorela.

CHE. No ti x gnanca degna de minzonarme.

LUC. Povera sprca!

ORS. Come prlistu! (s'avanzano in zuffa).

PAS. Volu ziogare, che ve petuffo?

LIB. Chi?

O RS. Mare de diana! che te sflazelo, vara.

LUC. Oh, che giandussa!

ORS. (le d sulfa mano) Parla ben, parla.

LUC. (alza le mani per dare) Oe!

LIB. (spingendo Pasqua) Trete in l, oe!

PAS. (spingendo Libera) Css' sto spenze?

ORS. Oe, oe! (si mette a dare, e tutte si dnno, gridando)

TUTTE. Oe, oe!

SCENA XI

PARON FORTUNATO, e dette.

FOR. Fermve, fermve, donne, donne, fermve. (le donne seguono a darsi, gridando sempre. Fortunato in mezzo, fnch gli riesce di separarle, e caccia le sue in casa).

LIB. Ti gh'ha rason. (entra)

CHE. Ti me l'ha da pagare. (entra)

ORS. Te vi cavare la petta, vara. (entra)

PAS. Maledetta! Se no me fava male a sto brazzo, te voleva colegare per terra. (entra)

LUC. E v, sav, sior Carogno, se no ghe far far gindizio a cule, ve trar su la testa un de quei pittri, che spuzza. (entra)

FOR. And l, puh! malede! donne, donne, sempre baffe, sempre chi. Dise b e proverbio: donna danno; donna malanno, malanno, danno, malanno. (entra in casa).

SCENA XII

Camera in una casa parlicolare.

ISIDORO e TITTA-NANE.

ISI. Vegn co mi, non abbi suggizion, qua no semo a Palazzo, qua no semo in Cancelaria. Semo in casa de un galantuomo, de un Venezian, che vien a Chioza do volte a l'anno, e co nol ghe x elo, el me lassa le chiave a m; e adesso de sta casa son paron mi, e qua s'ha da far sta pase, e s'ha da giustar tutti i pettegolezzi, perch mi son amigo d'i amici, e a vu altri Chiozotti ve vggio ben.

TIT. Pe so grazia, si Cogitore.

ISI. Vegn qua, z che semo soli...

TIT Dove xli sti altri?

ISI. Paron Vicenzo x and a cercar Marmottina, e el vegnir qu, che z el sa dove che l'ha da vegnir. Paron Toni l'ho mand da m in Cancelaria a chiamar el mio servitor, perch vi che sigilemo sta pase con un pr de fiaschetti. E Beppo, co v'ho da dir la verit, el x and a chiamar donna Libera e paron Fortunato.

TIT. E se Marmottina no volesse vegnire?

ISI. Se no'l vor vegnir, lo far porter. Ors z che semo soli, respondme a tn sul proposito, che v'ho parl. Checchina ve pisela? La volu?

TIT. Co gh'ho da dire la giusta verite, la me piase puoco, e fazzo conto de no la volere.

ISI. Come! No m'av miga dito cus stamattina.

TIT. Cssa gh'ggio dito?

ISI. M'av dito: no so, son mzo impegn. M'av dmand, cssa la gh'ha de dote. M v'ho anca dito, che la gh'aveva dusento e passa ducati. M'ha parso, che la dote ve cmoda; mtha parve, che la putta ve pisa. Cssa me scambiu adesso le carte in man?

TiT. Lustrssimo, m no ghe scambio gnente, lustrissimo. La abbia da sare, che a Lucietta, lustrssimo, x do anni, che ghe fazzo l'amore, e me son instizzo, e ho fatto quel che ho fatto per zelusa, e per amore, e la gh'ho licenzi. Ma la gh'abbia da satre, lustrssimo, che a Lucietta ghe vggio ben, ghe vggio; e co un omo x instizzo, nol sa quelo ch'a se dighe. Stamattina Lucietta l'averve mazz, e z un puoco gh'ho volsto dare martelo; ma co ghe pnso, mare de diana! lustrssimo, no la posso lassare; e ghe vggio ben, ghe vggio. La m'ha affronto; la gh'ho licenzi: ma me schioppa el cuor.

ISI. Oh bela da galantuomo! E m ho mand a chiamar donna Libera, e paron Fortunato, per parlarghe de sto negozio, e domandarghe Checca per vu.

TIT. (Con dispiacere) Grazie, lustrssimo.

ISI. No la vol donca?

TIT. (come sopra). Grazie a la so bonte.

ISI Si? o no?

TIT. Co bo respetto: mi no. lustrssimo.

ISI. Andve a far squartar, che no me n'importa.

TIT. Comudo prlela, lustrissimo? So pover'omo, so un povero pescare; ma so galantomo, lustrissimo.

ISI. Me despiase, perch gh'averave gusto de maridar quela putta.

TIT. Lustrissimo, la me compatissa, se no ghe fasse affronto, ghe vorve dire do parole, ghe vorve dire.

ISI. Dis pur: cssa mo voressi dir?

TIT. Caro lustrssimo, la prego, no la se n'abbia per male.

ISI. No, no me n'aver per mal. (da s) (Son curioso de sentir, cssa che el gh'ha in testa de dirme.)

TIT Mi parlo co tutto e respetto. Baso dove che zappa e si Cogitore; ma se m'avesse da maridare, no vora che un lustrissimo gh'avesse tanta premura per mia muggir.

ISI Oh che caro Titta-Nane! Ti me fa da rider, da galantomo. Per cossa crdistu che gh'abbia sta premura per quela putta?

TIT. (ironico) Che cade? Affin de ben, affin de ben, che cade?

ISI. Son un zvene onesto, e non son capace...

TIT. Eh via, che cade?

ISI. (da s) (Oh che galiotto!)

SCENA XIII

PARON VICENZO e detti, poi TOFFOLO.

VIC. So qua, lustrssimo. Finalmente l'ho persuaso a vegnire.

ISI. Dov'elo?

VIC. El x de fuora; che lo chiame?

ISI. Chiamlo.

VIC. Tffolo, vegni a n.

TOF So qu, pare. (a Isidoro salutandolo) Tissimo.

ISI. Vien avanti.

TOF. (salutandolo ancora) Lustrissimo si Cogitore.

ISI. Dime un poco, per cssa no vstu afar la pase a quei tre meni, coi quali ti ha av stamattina quela contesa?

TOF Perch, lustrissimo, i me vuol amazzare.

ISI. Co i te domanda la pase, no i te vuol mazzar.

TOF. I x galiotti, lustrssimo.

TIT. (a Toffolo, minacciandolo, acci parli con rispetto) Ol, ol.

ISI. (a Titta) Quietve. E ti parla ben, o te far andar in t'un camerotto.

TOF. Quel che la comanda, lustrssimo.

ISI. Sstu che per le piere che ti ha tratto, ti meriti anca ti d'esser process; e che, stante la malizia, co la qual ti x vegn a querelar, ti sar condann in te le spese?

TOF Mi so pover'omo, lustrssimo; mi no posso spndere. (a Vicenzo e Titta) Vegni qua, mazzme; so pover'omo, mazzme.

ISI. (da s) (Cost el par semplice; ma el gh'ha un fondo de malizia de casa del diavolo.)

VIC. Daghe la pase, e la x fena.

TOF. Vggio essere seguro de la mia vita.

ISI. Ben, e mi te far assicurar. Titta-Nane, me du parole a m de no molestarlo?

TIT. Mi s, lustrissimo. Basta che el lassa stare Lucietta, e che nol bzzega per quele contre.

TOF Mi, fradelo, Lucietta non la gh'ho gnanca in mente, e no ziro col per ela, no ziro.

ISI. Per chi ziristu donca?

TOF. Lustrissimo, anca mi so da maridare.

ISI. Mo via, di' suso. Chi gh'stu da quele bande?

TOF. Lustrssimo...

VIC. Orsetta?

TOF. Made!

ISI. Checca fursi?

TOF. (ridendo) Ah, ah! bravo lustrissimo, bravo.

TIT Ti x un busiaro!

TOF. Per cssa busiaro?

TIT. Perch Checca m'ha dito, e donna Libera, e Orsetta m'ha dito, che ti t'ha sento da Lucietta, e che ti gh'ha pago da marenda.

TOF. Per fare despetto l'ho fatto.

TIT. A chi?

ISI. (a Titta) Quietve. Distu dassno, che ti ghe vl ben a Checca?

TOF. Mi s, da putto.

ISI. La torssistu per muggir?

TOF. Mare de diana, se la chiorve!

ISI. E ela mo, te vorla?

TOF Vara, chie! Per cssa no m'avervela da volere? La m'ha dito de le parole, l'ha m'ha dito, che no le posso mo gnanca dire. So sorela m'ha descazzo, da resto... e co metto peota a Vigo, la poder mantegnire.

ISI. (da s) (Mo el sarve giusto a proposito per Checchina)

SCENA XIV

PARON TONI, un Servitore con fiaschi, e detti.

TON. X qua el servitor, lustrissimo.

ISI. Bravo! Metti zoso quei fiaschi, e va de l in cusina e varda in quel armeretto, che gh' dei gotti. (servitore parte)

TON. (Com'la, paron Vicenzo?)

VIC. (Ben, ben. S'ha scoverto de le csse... Ander tutto ben.)

ISI. Tffolo, alegramente, che vi che femo sto matrimonio.

TOF. Magari, lustrissimo!

TON. Ol, Toffolo, con chi?

ISI. Con Checchina.

TON. E mio fradelo Beppo sposer Orsetta.

ISI. Bravi! E Titta-Nane sposer Lucietta.

TIT. Se la vegnir co le bone, pu essere che mi la spose.

ISI. A monte tutto. No gh'ha da esser puntigli. Avemo da far ste nozze, e vegn qua tutti, e sposve qua. Proveder mi i confetti, e ceneremo e faremo un festin, e staremo alegri.

TOF. Par Toni, aligri.

TON. Aligri, par Vicenzo.

VIC. Aligri.

ISI. Via, Titta-Nane, anca vu aligri!

TIT. So qua, so qua, no me cavo.

ISI. Via, f pase.

TOF. Pase. (abbraccia Toni)

TON. Pase. (abbraccia Toffolo)

TOF. Amgo. (abbraccia Titta)

TIT. Amgo. (abbraccia Toffolo)

TOF. Par Vicnzo. (abbraccia Vicenzo).

VIC. Amici, amici.

SCENA XV

BEPPO e detti.

TOF. (salta ed abbraccia Betio) Amigo, pase, parente, amico.

BEP. Frmete. (a Toni) Oh che strepiti! Oh che sussuri! Fradelo, no ve posso fenir de dire.

ISI. Coss' st?

BEP. (parla delle donne) Le ha criao, le s'ha dao, le stha petuffao.

ISI. Chi?

BEP. Mia cugn Pasqua, Lucietta, donna Libera, Checca, Orsetta. So andao per andare, come che m'ha dito e si Cogitore. No le m'ha volesto in c, no le m'ha volesto. Orsetta m'ha serao el balcon in te'l muso. Lucietta no vl pi Titta-Nane. Le cria, che le s'averze; e ho paura che le se voggia tornar a dare.

TIT. Sangue de diana! Com'la? Sangue de diana! (parte)

TON Voggio andar a defendere mia muggire. (parte)

BEP. Se daremo, se daremo, faremo custion, se daremo. (parte)

VIC. Fermve, fermve, no st a precipitare. (parte)

TOF. Che i lassa stare Checca, oe! che i lassa stare. (parte)

ISI. Siu maledetti, siu maledetti, siu maledetti! (parte)

SCENA XVI

Strada con casa, come altre volte.

LUCIETTA e ORSETTA alla finestra delle loro casa. DONNA PASQUA di dentro.

LUC. Css'? No ti vl pi mio fradelo? No ti x gnanca degna d'averlo.

ORS. Oh! ghe vuol puoco a trovare de meggio.

LUC. Chi troverastu?

ORS. Rulo.

LUC. Ghe mancherve puoco, che no te fasse la rima.

ORS. No se salo, che ti x una sbocc?

LUC. S se fusse co fa t.

ORS. Tasi se, che son una putta da ben.

LUC. Se tale ti fussi, tale ti operaressi.

ORS. Via sussurante.

LUC. Cattabaruffe.

PAS. (di dentro chiamandola forte) Lucietta, vien drento, Lucietta.

LUC. T gh'ander, via, ve', de sta contr

ORS. Chi?

LUC. Ti.

PAS. (di dentro) Lucietta.

ORS. Chi, vara. (si batte nel gomito)

LUC. Va al turo. (si ritira)

ORS. Povera sprca! Con chi crdistu aver da fare? Mi s, che me marider; ma t? No ti trover nissun che te vggia. Uh! quel povero desgrazi che te voleva, el stava fresco; el giera conz co le ceolette. No'l te vol pi, ve'. Titta-Nane, no, ve', no'l te vl pi, ve'.

LUC. (torna al balcone). M no me n'importa, che anca se el me volesse, m no lo vggio.

ORS. La volpe no vuol cerise.

LUC. S, s, el sposer quela sporca de to sorela.

ORS. Oe, parla ben

PAS. (di dentro) Lucietta.

LUC. A m, se ghe ne vggio, no me n'amanca.

ORS. Eh! lo so, che ti gh'ha el protettore.

LUC. Tasi sa, che te far desdire.

PAS. (di dentro) Lucietta, Lucietta.

ORS. (burlandosi di Lucietta) Oh che paura!

LUC. Te far vegnire l'angssa.

ORS. Maramo, squaquar, maramo.

LUC. Vago via, perch no me degno. (si ritira)

ORS. Va via, va via, no te far smattare. (si ritira)

LUC. (torna chiamandola col suo sopranome) Meggitto.

ORS. (torna e fa lo stesso) Panchiana.

LUC. Tuffe. (si ritira)

ORS. Malagrazia. (si ritira)

LUC. (torna, e le dice con ironia e disprezzo) Mo che bela zggia!

ORS. (torna e le dice con ironia e disprezzo) Mo che boccoletto da risa!

SCENA XVII

TITTA-NANE, poi TONI e REPPO, e detti.

TIT. (a Lucietta) Css'? cssa stu dito dei fatti mi?

LUC. Va in malora. Va a parlare con Checca. (parte)

ORS. (a Titta) No ghe tend, che la x una matta.

TON. (a Orsetta) Che muodo x questo de strapazzare?

ORS. (a Toni) Via, che s tutta zente cattiva.

BEP. Orsetta, Orsetta?

ORS. Vatte a far squartare. (parte)

TON. (a Titta) E t no stare pi a vegnire per casa, che no te vggio.

BEP. (a Titta) E no bazzegare qua oltra, che no te volmo.

TIT. Giusto, mo per questo, mo ghe vggio vegnire.

BEP. Se a Marmottina ghe l'ho promettue, a t, mare de diana, te le dar, vara. (entra in casa).

TIT. (fa un atto di disprezzo) Chi sto canelo.

TON. In tartana da m no ghe stare a vegnire; provdite de paron, che m me proveder de omo. (entra in casa)

SCENA XVIII

TITTA-NANE, poi PARON VICENZO, poi TOFFOLO, poi ISIDORO.

TIT. Corpo de una gaggiandra! qualchedun me l'ha da pagare.

VIC. Titta-Nane, com'la?

TIT. Petto de diana! petto de diana! Arme, fora arme!

VIC. Va via, matto. No star a precipitare.

TIT. Voggio farme piccare; ma avanti, sangue de diana, ghe ne voggio colegare tre o quattro.

TOF. So qua. Come xla?

TIT Arme, fora arme!

TOF Mi no so gnente. (corre via, e s'incontra violentemeute con Isidoro urtandosi, ed Isidoro d una spinta a Toffolo, e lo getta in terra).

ISI. Ah bestia!

TOF Ajuto!

ISI. (a Toffolo) Con ghi la gh'stu?

TOF (alzandosi) I me vol dare.

ISI. Chi che te vuol dar?

TOF Titta-Nane.

TIT. No x vero gnente.

ISI. (a Titta) Va via de qu, subito.

VIC. No'l la gh'ha co elo, lustrissimo; el la gh'ha co Beppo, e co paron Toni.

ISI. (a Titta) Va via de qu, te digo.

VIC. (a Titta). Via, andmo, cogn obbedire, cogn.

ISI (a Vicenzo) (Menlo via, paron Vicenzo, e tegnilo con v, e trattegnve sotto el portego in piazza, dal barbier o dal marzeretto, che se vor, se ghe sar bisogno, ve mander po a chiamar.)

VIC. (a Isidoro) (Sar obbeda, lustrssimo.) (a Titta) Andmo.

TIT. No voggio vegnire.

VIC. Andmo co m, no te dubitare. So omo, so galantomo; vi co m, non te dubitare.

ISI. Via, va con elo; e fa quel che te dise paron Vicenzo; e abbi pazenzia, e aspetta: che pol esser, che ti si contento, e che te fazza afar quanta soddisfazion che ti vl.

TIT. Me raccomando a ela, lustrissimo. So pover'omo, so galantomo, si Cogitore; me raccomando a ela, si Cogitore lustrissimo. (parte con Vicenzo)

SCENA XIX

ISIDORO e TOFFOLO.

ISI. (da s) (M so, cossa ghe vora per giustarli. Un pezzo de legno ghe vora. Ma averve perso el divertimento.) Vien qua, Tffolo.

TOF. Tssimo.

ISI. Vstu che parlemo a sta putta, e che vedemo se se pol concluder sto maridozzo?

TOF. Magari, lustrissimo! Ma bisogna parlare con donna Libera so sorela, e co so cugn par Fortunato.

ISI. Sarli in casa, sta zente?

TOF. No so, lustrssimo. Adesso, se la vu che chiame?...

ISI. Andmo drento piuttosto.

TOF. Mi in c no ghe posso vegnire.

ISI. Perch no ghe pstu vegnir?

TOF. A Chiza, lustrissimo, un putto donzelo nol ghe pu andare, dove ghe x de le putte da maridare.

ISI. E pur so che tra vu altri se fa continuamente l'amor.

TOF. In str, lustrssimo, se fa l'amore; e po la se fa domandare; e co la s'ha domand, se po andare.

ISI. Chiammole in strada donca.

TOF. Ol, par Fortunato, ghe su? Donna Libera, ol.

SCENA XX

DONNA LIBERA e detti, poi PARON FORTUNATO.

ISI. (da s) (Eh! co sta sorda no me ne voggio impazzar).

LIB. Cosst? Cossa vstu?

TOF. Qua, e si Cogitore

LIB. Lustrissimo, cssa comndelo?

ISI. Com'la? No s pi sorda?

LIB. Oh! lustrissimo, no. Gh'aveva una flussion. So vara.

ISI. Cus presto?

LIB. Da un momento a l'altro.

ISI. Anca s, che giri deventada sorda, per no dir...

FOR. (a Isidoro) Tissimo.

ISI. Ho gusto che sia qua anca compare Burataora. Son qua per dirve, se marideressi Checchina.

LIB. Magri, lustrssimo! Me la destrigheria volentiera.

FOR. M, utissimo, gh'ho promesso cento ducati.

LIB. E altri cinquanta ghe li averemo sunai.

ISI E mi ghe far aver una grazia de altri cinquanta.

LIB. Silo benedetto! Gh'lo qualche parto?

ISI. (accenna Toffolo) Vard: ve piselo quel parto?

FOR. Tffao? Tffao? Cattabaffe, cattabaffe.

TOF. Mi no dago impazzo a nissun, co i me lassa stare...

LIB. Con un puo' de battelo, come l'la da mantegnire?

TOF. No metterggio suso peta, no metterggio?

LIB. E dove la menerstu, se no ti gh'ha n ttto, n c?

FOR. La stu menare i battelo la novizza a dormire?

TOF. Ve pod tegnire i cento ducati, ve pod tegnire; e farme le spese a mi, e a mia muggire.

ISI. S ben; nol dise mal, el gh'ha pi giudizio che no credeva. Pod per qualche tempo tegnirlo in casa.

LIB. Mo per quanto, lustrissimo?

ISI. A conto de sti cento ducati, per quanto vorssistu, che i te fasse le spese?

TOF. No so; almanco sie ani.

FOR. Pffeta! puffeta! sie ani? Puffeta!

ISI. Ti voressi ben spender poco.

TOF. Che la fazza ela, lustrissimo.

ISI. (a Libera) Via, per un ano ve cmoda?

LIB. (a Fortunato) Cossa disu, paron?

FOR. (a Libera) F v, parona; parona, f v, parona.

TOF. Mi stago a tutto, lustrissimo.

ISI. (a Libera) Chiam la putta. Sentimo cssa che la disc.

LIB. Oe, Checca.

FOR. (chiama forte) Checca, Checca.

SCENA XXI

CBECCA e detti, poi ORSETTA, poi LUCIETTA.

CBE. So qua; cssa volu?

LIB. No ti se?

CHE. Eh! ho sento tutto.

FOR. Bava! t a pionare, bava!

ISI. (a Checca) E cus, cssa disu?

CHE. (a Isidoro) La senta una parola.

ISI. Son qua.

CHE. (a Isidoro) (De Titta-Nane no ghe x speranza?)

ISI. (a Checca) (El m'ha dito un de no tanto fatto.)

TOF. (da s, con sdegno) (Anca in rcchia el ghe parla?)

CHE. (a Isidoro) (Mo per cssa?)

ISI. (a Checca) (Perch el x innamor de Lucietta.)

TOF. Lustrssimo si Cogitore.

ISI. Cossa gh'?

TOF. Vorve sentire anca m, vorve.

ISI. (a Checca) Via, destrighve. Lo volu, o no lo volu?

CBE. (a Libera) Cssa disu, sorela? (a Fortunato) Cssa disu, cugn?

LIB. (a Checca) Cossa dstu ti? Lo vstu?

CHE. Perch no?

TOF. (giubilando) Oh cara, la me vuole, oh cara!

ISI. Fioli, Co gh'intro m in te le csse, m no vggio brui longhi. Destrighmose, e maridve.

SCENA XXII

ORSETTA, e detti (poi BEPPO).

ORS. Comudo? Checca s'ha da maridare avanti de m? M che x tre anni che so in donzelon, no m'aver gnancora da maridare; e custa, che x la minore, s'ha da sposare avanti de la maggiore?

FOR. S b, s b, e gh'ha rasn, s b.

CHE. Gh'stu invidia? Mardete. Chi te tien che no ti te mardi?

FOR. Si s, si s, mardete, se ti te vu maridare.

LIB. (a Orsetta) Ti lo gh'avevi el novizzo. Per cssa lo xstu and a desgustare?

FOR. (a Orsetta) Ah! per cssa?

ISI. (a Libera) No girelo Beppo el so novizzo?

LIB. Sior s, Beppo.

FOR. Beppo.

ISI. Aspett (alla sua casa) Beppo ghe xlo in casa?

BEP. So qua, lustrissimo.

ISI. Per cssa seu and in clera con Orsetta?

BEP. M, lustrssimo? L' stada ela che m'ha strapazzo, l' stada ela che m'ha descazzo.

ISI. (a Orsetta) Sentu, siora?

ORS. No sla, che la clera orba, che no se sa de le volte quel che se diga!

ISI. (a Beppo) Sentu? No la x pi in clera.

BEP. Anca m son uno, che presto me la lasso passare.

ISI. Via donca: la x giustada. (a Orsetta) Se no vol che Checca se marida prima de v, e v dghe la man a Beppo avanti de ela.

ORS. (a Libera) Cssa disu, sorela?

LIB. A m ti me domandi?

FOR. (eccita con allegria Orsetta a maritarsi) Fala bela, Orsetta. Fala bela, fala bela.

SCENA XXIII

LUCIETTA e detti.

LUC. (a Beppo) Come, puoco de bon! sior omo senza reputazion, averessi tanto ardire de sposare cula che n'ha strapazz?

ISI. (da s) (Mggio, da galantomo!)

ORS. (a Lucietta con collera) Cssa x sta cula?

LIB. Oe, no se femo in vssere.

FOR. Ol; ol, ol.

BEP. M no so cssa dire, m no so cssa fare, m me vi maridare.

LUC. M prima m'ho da maridare; e fin che ghe so m in c, altre cugn no ghe n'ha da vegnire.

ISI. (a Beppo) Mo perch no la maridu?

BEP. Perch Titta-Nane la gh'ha licenzi.

ISI. Va l, Tffolo; va in piazza sotto el prtego dal barbier; dighe a paron Vicenzo, che el vegna qua, e che el mena qua Titta-Nane, e che i vegna subito.

TOF. Tssimo s. Checca, vegno ve', vegno.

LUC. (da se') (Co Checca x novizza co Marmottina, mi de Titta-Nane no gh'ho pi zelusa).

ISI. Ghe x caso, donne, donne, che no digo altro, che voggi far pase, che voggi tornar a esser amighe?

LUC. Se ele no gh'ha gnente co m, m no gh'ho gnente co ele.

ISI. (a Libera, Orsetta e Checca) Cossa disu?

ORS. M da l a l no gh' altro.

LIB. M? Co no son tirada per i cavi, no parlo mai co nissun.

ISI. E v, Checca?

CHE. De diana! A m me piase stare in pase co tutti.

ISI. Via donca pacifichve, basve.

ORS. M, s.

LUC. So qua.

SCENA XXIV

PASQUA e detti.

PAS. Cssa? cssa fastu? T vu far pase? Con custe? Co sta zente?

ISI. Oh! vegniru v adesso a romper le scattole?

PAS. Me maraveggio: le m'ha strapazz.

ISI. Ouietve anca v. fenmola.

PAS. No me vggio quietare; me dile ancora sto brazzo. No me voggio quietare.

ORS. (da s) (Magri l'avssio struppi!)

SCENA XXV

PARON TONI e detti.

ISI. Oe, paron Toni.

TON. Lustrssimo.

ISI. Se no far far giudizio a vostra muggir...

TON. Ho sentio, ho sentio, lustrssimo, ho sentio. (a Pasqua) Animo; fa pase.

PAS. No vggio.

TON. (minacciandola) Fa pase.

PAS. No, no vggio.

TON. (tira fuori un legno) Fa pase, te digo: fa pase.

PAS. (mortificata s'accosta) S, s, mario, far pase.

ISI. Oh bravo! Oh bravo! Oh co bravo!

LIB. Vi qua, Pasqua.

PAS So qua. (s'abbracciano)

LIB. Anca v, putte. (tutte s'abbracciano e si baciano)

ISI. Brave, e viva; e che la dra fin che la se rompe.

SCENA ULTIMA

PARON VICENZO, TITTA-NANE, TOFFOLOe detti; poi SERVITORE.

VIC. Smo qua, lustrssimo.

ISI. Oh! vegni qua. Titta-Nane, adesso x el tempo, che mi ve fazza cognosser, se ve vi ben, e che vu f cognosser che s omo.

VIC. Gh'ho tanto dito anca mi a Titta-Nane, che el me par mzo a segno; e gh'ho speranza, che el far tutto quelo che vuol el lustrissimo si Cogitore.

ISI. Via donca, mand a monte tutto. Torn amigo de tutti, e disponve a sposar Lucietta.

TIT. Mi, lustrissimo? No la sposo, gnanca se i me picche.

ISI. Oh bela!

LUC. (da s) (Mo no xle csse da pestarlo co fa el baccal!)

PAS. (a Titta) Oe, senti: se ti credessi che t'avesse da toccar Checca, vara ve': la s'ha da sposare co Tffolo.

FOR E mi cento ucati e dago.

TIT. Mi no ghe ne penso; che la se spose con chi la vuole.

ISI. (a Titta) E perch no volu pi Lucietta?

TIT. Perch la m'ha dito: va in malora, la m'ha dito.

LUC. Oh, vara ve'! E a mi cssa no m'stu dito?

ISI. Ors, chi vl, vl, e chi no vl, so danno. Vu altri a bon conto, Checca e Tffolo, dve la man.

TOF So qua.

CHE. So qua anca m.

ORS. Sior no, fermve, che m'ho da maridar prima m.

ISI. Animo, Beppo, da bravo.

BEP. Oe, m no me far pregare.

LUC. (a Beppo) Sior no, se no me marido m, no ti t'ha da maridar gnanca ti.

PAS E la gh'ha rasn Lucietta.

TON. E m cssa sggio? M no gh'ho da intrare? A m no s'ha da parlare? Volu che ve lo diga? And al diavolo quanti che s, che son stuffo. (in atto di partire)

CHE. (a Isidoro) Via, che no'l vaga.

FOR. (a Isidoro) Tissimo.

ORS. (a Isidoro) Che el se ferma.

FOR. (a Isidoro fermandolo) Tissimo.

LIB. (a Isidoro) Che el gh'abbia pazenzia.

ISI. (a Lucietta) Per causa vostra tutti i altri tor de mzo.

LUC. Via, lustrissimo, che no'l me mortifica pi davantazo. Per cause mia no vggio che toga de mezo nissn. Se son m la cattiva, sar mi la desfortun. No'l me vuol Titta-Nane? pazenzia. Cssa gh'ggio fatto? se ho dito qualcssa, el m'ha dito de pzo elo. Ma m ghe vggio ben e gh'ho perdon; e se elo no me vol perdonare, x segno che no'l me vl ben. (piange)

PAS. (con passione) Lucietta.

ORS. (a Titta-Nane) Oe, la pianze.

LIB. (a Titta-Nane) La pianze.

CHE. (a Titta-Nane) La me fa peccao.

TIT. (da s) (Maledio! Se no me vergognasse!)

LIB. (a Titta-Nane) Mo via, pussibile che gh'abbi sto cuor? Poverazza! Vard, se no la farave muover i sassi.

TIT. (a Lucietta rusticamente) Cssa gh'stu?

LUC. (piangendo) Gnente.

TIT. (a Lucietta) Via, animo.

LUC. Cssa vstu?

TIT. Coss' sto fiffare?

LUC. (a Titta-Nane con passione) Can, sassn.

TIT. (con imperio) Tasi.

LUC. Ti me vuol lassare?

TIT. Me farstu pi desperare?

LUC. No.

TIT. Me vorstu ben?

LUC. S.

TIT. Paron Toni, donna Pasqua, lustrssimo, co bona licenzia. (a Lucietta) Dme la man!

LUC. (gli d la mano) Ti.

TIT. (sempre ruvido) T x mia muggire.

ISI. Oh bella! (al servitore) Oe! Sansuga?

SER. Lustrissimo!

ISI. Va subito a far quel che t'ho dito.

SER. Subito. (parte)

ISI. A v, Beppo. Sotto v.

BEP. M? La varda con che facilitae. Paron Fortunato, donna Libera, lustrissimo, co so bona grazia. (d la mano a Orsetta) Mario e muggire.

ORS. (a Checca) Oh adesso mo, mardete anca ti, che no me n'importa.

ISI Tffolo, chi de volta?

TOF. M, prima barca. Par Fortunato, donna Libera, lustrissimo, co so bona licenzia. (d la mano a Checca)

CHE. (a Isidoro) Oe, la dote?

ISI. Son galantomo, ve la prometto.

CHE. (a Toffolo) Ti la man.

TOF. Muggire!

CHE. Maro!

TOF. E viva!

FOR. E viva, allegramente. Muggire, anca mi so in grngola.

SER. (a Isidoro) X qua tutti, co la comanda.

ISI. Novizzi, allegramente. V'ho parecchi un poco de rinfresco; gh'ho un pr de sonadori; vegn con m, che vi che se devertimo. Andmo, che baleremo quattro furlane.

ORS. Qua, qua balemo, qua.

ISI. S ben, dove che vol. Animo, port fuora de le carghe. F vegnir avanti quei sonadori; e ti, Sansuga, v al Casin, e porta qua quel rinfresco.

LUC. Sior s, balemo, devertmose, z che semo novizzi; ma la snta, lustrssimo, ghe vorve dir d paroltte. M ghe son obblig de quel che l'ha fatto per m, e anca ste altre novizze le ghe x obbligae; ma me despiase, che el x forsto, e co'l va via de sto ligo, no vorve che el parlasse de n, e che andasse fuora la nomina, che le Chiozotte x baruffante; perch quel che l'ha visto e sento, x st un accidente. Semo donne da ben, e semo donne onorate; ma semo aliegre, e volemo stare aliegre, e volemo balare, e volemo saltare. E volemo che tutti posse dire: e viva le Chiozotte, e viva le Chiozotte!

Edizione HTML a cura di: mail@debibliotheca.com

Ultimo Aggiornamento: 18/07/05 01.35.08