De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

LE BARUFFE CHIOZZOTTE

 

di Carlo Goldoni

Atto Secondo

scena prima scena seconda scena terza

scena quarta scena quinta scena sesta

scena settima scena ottava scena nona

scena decima scena undicesima

scena dodicesima scena tredicesima

scena quattordicesima scena quindicesima

scena sedicesima

 

  • ATTO SECONDO

    SCENA I

    Cancelleria Criminale.

    ISIDORO al tavolino scrivendo, poi TOFFOLO, poi il COMANDADORE.

    ISI. (sta scrivendo).

    TOF. Lustrìssimo sió Canciliere.

    ISI. Mi no son el Cancelier; son el Cogitór.

    TOF. Lustrìssimo sió Cogitore.

    ISI. Còssa vùstu?

    TOF L'abbia da savere, che un balon, lustrìssimo, m'ha fatto impazzo, e el m'ha manazzào col cortélo, e el me voleva dare, e po dopo xé vegnù un'altra canaggia, lustrìssimo...

    ISI. Siéstu maledéto! Lassa star quel lustrìssimo.

    TOF. Mi no, sió Cogitore, la me staga a sentire; e cusì, comuòdo ch'a ghe diseva, mì no ghe fazzo gnente, e i m'ha dito, che i me vol amazzare.

    ISI. Vien qua: aspetta. (prende un foglio per scrivere)

    TOF. So qua, lustrissimo. (da sé) (Maledìi! I me la gh'ha da pagare).

    ISI. Chi éstu tì?

    TOF. So battelante, lustrissimo.

    ISI. Còssa gh'àstu nome?

    TOF. Tòffolo.

    ISI. El cognome?

    TOF. Zavatta.

    ISI. Ah! no ti xé Scarpa, ti xé Zavatta.

    TOF. Zavatta, lustrìssimo.

    ISI. Da dove xéstu?

    TOF. So chiozotto da Chióza.

    ISI. Àstu padre?

    TOF. Mio pare, lustrìssimo, el xé morto in mare.

    ISI. Còssa gh'avévelo nome?

    TOF. Toni Zavatta, Baracucco.

    ISI. E ti gh'àstu nissun soranome?

    TOF. Mi no, lustrissimo.

    ISI. Xé impossibile che no ti gh'abbi anca ti el to soranome.

    TOF. Che soranòme vuòrla che gh'abbia?

    ISI. Dìme, caro tì: no xéstu stà ancora, me par, in Canceleria?

    TOF. Sió si, una volta me son vegnù a esaminare.

    ISI Me par, se no m'inganno, d'averte fatto citar col nome de Tòffolo Marmottina

    TOF. Mi so Zavatta, no so Marmottina. Chi m'ha messo sto nòme, xé stào una carogna, lustrissimo.

    ISI. Debotto te dago un lustrissimo su la copa.

    TOF. L'abbia la bontà de compatire.

    ISI. Chi xé quei che t'ha manazzà?

    TOF. Paron Toni Canestro, e so fradèlo Beppo Cospettoni; e po dopo Titta-Nane Molètto.

    ISI. Gh'avéveli arme?

    TOF. Mare de diana, se i ghe n'aveva! Beppo Cospettoni gh'aveva un cortelo da pescaóre. Paron Toni xé vegnùo fuora con un spadon da taggiare la testa al toro; e Titta-Nane gh'aveva una sguea de quele che i tien sotto poppe in tartana.

    ISI. T'hai dà? T'hai ferio?

    TOF. Made. I m'ha fatto paura.

    ISI. Per còssa t'hai manazzà? Per còssa te voléveli dar?

    OF. Per gnente.

    ISI. Avéu crià? Ghe xé stà parole?

    TOF. Mì no gh'ho dito gnente.

    ISI. Xéstu scampà? T'àstu defeso? Come xéla fenìa?

    TOF. Mì so stà là... cusì... Fradeli, digo, se me volé mazzare mazzème, digo.

    ISI. Ma come xéla finìa?

    TOF. Xé arrivào de le buone creature, e i li ha fatti desmèttere e i m'ha salvao la vita.

    ISI Chi xé stà ste creature?

    TOF. Paron Fortunato Cavicchio, e so muggière donna Libera Galozzo, e so cugnà Orsetta Meggiotto, e un'altra so cugnà Checca Puinetta.

    ISI. (da sé, e scrive) (Sì, sì, le cognosso tutte custíe. Checca tra le altre xé un bon tocchétto). Ghe giera altri presenti?

    TOF. Ghe giera donna Pasqua Fersora e Lucietta Panchiana

    ISI. (da sé, e scrive) (Oh anca queste so chi le xé.) Gh'àstu altro da dir?

    TOF. Mì no, lustrìssimo.

    ISI. Fàstu nissuna istanza a la Giustizia?

    TOF. De còssa?

    ISI. Domàndistu che i sia condannai in gnente?

    TOF. Lustrissìmo, sì.

    ISI. In còssa?

    TOF. In galìa, lustrissimo.

    ISI. Ti su le forche, pèzzo de àseno.

    TOF. Mi, sior? Per còssa?

    ISI. Via, via, pampalugo. Basta cusì, ho inteso tutto. (scrive un piccolo foglio)

    TOF. (da sé) (No voràve, che i me vegnisse anca lori a querelare, perché gh'ho tratto de le pieràe. Ma che i vegna pure; mi so stà el primo a vegnire; e chi è 'l primo, porta via la bandiera).

    ISI. (suona il campanello).

    COM. Lustrìssimo.

    ISI. (s'alza) Andé a citar sti testimoni.

    COM. Lustrìssimo, si, la sarà servida.

    TOF. Lustrissimo, me raccomando.

    ISI. Bondí, Marmottina.

    TOF. Zavatta, per servirlo.

    ISI. Sì, Zavatta, senza sióla, senza tomèra, senza sesto, e senza modelo. (parte)

    TOF. (al Comandadore ridendo) El me vôl ben el sió Cogitore.

    COM. Sì, me n'accorzo. Xéli per vù sti testimoni?

    TOF. Sió sì, sió Comandadore.

    COM. Ve preme che i sia citài?

    TOF Me preme segùro siò Comandadore?

    COM. Me pagheréu da béver?

    TOF. Volentiera, sió Comandadore.

    COM. Ma mì no so miga dove che i staga.

    TOF. Ve l'insegnerò mì, sió Comandadore.

    COM. Bravo, sior Marmottina.

    TOF. Siéu maledètto, sió Comandadore. (partono)

    SCENA II

    Strada, come nella prima scena dell'Atto primo.

    PASQUA e LUCIETTA escono dalla loro casa, portando le loro sedie di paglia, i loro scagni e i loro cuscini, e si mettono a lavorare merletti.

    LUC. Àle mo fatto una bela còssa quele pettazze? Andare a dire a Titta-Nane che Marmottina m'è vegnù a parlare?

    PAS. E tì àstu fatto ben a dire ai to fradei quelo che tì gh'ha dito?

    LUC. E vù, siora? No avé dito gnente, siora?

    PAS. Sì ben; ho parlà anca mì, e ho fatto mal a parlare.

    LUC. Malignazo! avéa zurà anca mì de no dire.

    PAS. La xé cusì, cugnà, credéme, la xé cusi. Nu altre fémene, se no parlèmo, crepèmo.

    LUC. Oe, no voleva parlare, e no m'ho podèsto tegnir. Me vegniva la parole a la bocca, procurava a inghiottire, e me soffegava. Da una rècchia i me diseva: tasi; da quel'altra i diseva: parla. Oe, ho serà la recchia del tasi e ho slargà la recchia del parla, e ho parlà fina che ho podèsto.

    PAS. Me despiase che i nostri òmeni i ha avùo da precipitare.

    LUC. Eh gnente. Tòffolo xé un martuffo; no sarà gnente.

    PAS. Beppo vôl licenziar Orsetta.

    LUC. Ben! El ghe ne troverà un'altra! a Chioza no gh'è carestia de putte.

    PAS. No, no; de quaranta mile àneme che sèmo, mi credo che ghe ne sia trenta mile de donne.

    LUC. E quante che ghe ne xé da maridare!

    PAS. Per questo, védistu? Me despiase, che se Titta-Nane te lassa, ti stenterà a trovàrghene un altro.

    LUC. Cossa gh'òggio fatto mì a Titta-Nane?

    PAS. Gnente non ti gh'ha fatto, ma quele pettegole l'ha messo suso.

    LUC. Se el me volesse ben, nol ghe crederàve.

    PAS. No sàstu che el xé zeloso?

    LUC. De cossa? No se può gnanca parlare? No se può ridere? No se se può divertire? I òmeni i stà diese mesi in mare; e nu altre avèmo da star qua muffe muffe a tambascare co ste malignaze mazzocche?

    PAS. Oe, tasi, tasi; el xé qua Titta-Nane.

    LUC. Oh! el gh'ha la smara. Me n'accorzo, co 'l gh'ha la smara.

    PAS. No ghe star a fare el muson.

    LUC. Se el me lo farà elo, ghe lo farò anca mì.

    PAS. Ghe vùstu ben?

    LUC. Mì sì.

    PAS. Mòlighe, se ti ghe vôl ben.

    LUC. Mi no, varé.

    PAS. Mo via, no buttare testarda.

    LUC. Oh! piuttosto crepare.

    PAS. Mo che putta morgnona!

    SCENA III

    TITTA-NANE, e dette,

    TIT. (da sé) (La vorìa licenziare; ma no so come fare.)

    PAS. (a Lucietta) (Vàrdelo un poco.)

    LUC. (a Pasqua) (Eh! che ho da vardare il mio merlo, mì, ho da vardare.)

    PAS. (da sé) (Ghe pesteràve la testa su quel balon).

    TIT. (da sé) No la me varda gnanca. No la me gh'ha gnanca in mènte.)

    PAS. Siorìa, Titta-Nane.

    TIT. Siorìa.

    PAS.(a Lucietta) (Salùdilo).

    LUC. (a Pasqua) (Figurève, se vòggio esser la prima mì!)

    TIT. Gran premura de laorare!

    PAS. Còssa diséu? Sémio donne de garbo, fio?

    TIT. Sì, sì: co se puòl, fé ben a spessegare, perché co vien dei zoveni a sentarse arènte, no se puòl laorare.

    LUC. (tossisce con caricatura.)

    PAS. (a Lucietta) (Mòlighe).

    LUC. (Made.)

    TIT. Donna Pasqua, ve piase la zucca barucca?

    PAS. Varé vedé! Per còssa me lo domandéu?

    TIT. Perché gh'ho la bocca.

    LUC. (Sputa forte).

    TIT. Gran catàro, patròna!

    LUC. La zucca me fa spuare. (lavorando senza alzar gli occhi)

    TIT. (con isdegno) Cusì v'avéssela soffegà.

    LUC. (come sopra) Possa crepare chi me vuol male!

    TIT. (da sé) (Orsù l'ho dita, e la vòggio fare.) Donna Pasqua, parlo co vù, che sé donna, a vù v'ho domandà vostra cugnà Lucietta, e a vù ve digo che la licenzio.

    PAS. Varé che sesti! Per còssa?

    TIT. Per còssa, per còssa...

    LUC. (s'alza per andar via.)

    PAS. Dove vàstu?

    LUC. Dove che vòggio. (va in casa e a suo tempo ritorna)

    PAS. (a Titta) No sté a badare ai pettegolezzi.

    TIT. So tutto, e me maraveggio de vù, e me maraveggio de ela.

    PAS. Mo se la ve vôl tanto bèn!

    TIT. Se la me volesse ben, no la me voltaràve le spare.

    PAS. Poverazza! La sarà andada a piànzere, la sarà andada.

    TIT. Per chi a piànzer? Per Marmottina?

    PAS. Mo no, Titta-Nane, mo no che la ve vol tanto bèn; che co la ve vede andar in mare, ghe vien l'angóssa. Co vien suso dei temporali, la xé meza matta; la se stremisse per causa vostra. La se leva suso la notte, la va al balcon a vardar el tempo. La ve xé persa drio, no la varda per altri occhi che per i vostri.

    TIT. E perché mo no dirme gnanca una bona parola?

    PAS. No la puòl, la gh'ha paura; la xé propriamente ingroppà.

    TIT. No gh'ho rason fursi de lamentarme de ela?

    PAS. Ve conterò mi, come che la xé stà.

    TIT. Siora no: vói che ela me'l diga, e che la confessa, e che la me domanda perdon.

    PAS. Ghe perdonaréu?

    TIT. Chi se? Poderàve esser de sì. Dove xéla andà?

    PAS. Vèla qua, vèla qua che la vien.

    LUC. Tolé, sior, le vostre scarpe, le vostre cordèle, e la vostra zendalina che m'avé dà. (getta tutto in terra)

    PAS. Oh poveretta mi! Xèstu matte? (raccoglie la roba, e la mette sulla seggiola)

    TTT. A mì sto affronto?

    LUC. No m'avéu licenzià? Tolé la vostra robe, e pettévela.

    TTT. Se parleré co Marmottina, lo mazzerò.

    LUC. Oh viva diana! M'avé licenzià, e me voressi anca mo comandare?

    TIT. V'ho licenzià per colù, v'ho licenzià.

    PAS. Me maraveggio anca, che credié che Lucietta se voggia taccare con quel squartáo.

    LUC. So brutta, so poveretta, so tutto quel che volé; ma gnanca co un battelante no me ghe tacco.

    TIT. Per còssa ve lo féu sentar arente? Per còssa toléu la zucca barucca?

    LUC. Varé, che casi!

    PAS. Varé, che gran criminali!

    TIT. Mì co fazzo l'amore, no vòggio che nissun possa dire. E la vòggio cusì, la vòggio. Mare de diana! A Titta-Nane nissùn ghe l'ha fatta tegnire. Nissùn ghe la farà portare.

    LUC. (si asciuga gli occhi) Varé là, che spuzzetta!

    TIT. Mì so omo, savéu? so omo. E no so un puttelo, savéu?

    LUC. (piange mostrando di non voler piangere.)

    PAS. (a Lucietta) Còssa gh'àstu?

    LUC. Gnente. (piangendo dà una spinta a donna Pasqua)

    PAS. Ti pianzi?

    LUC. Da rabbia, da rabbia, che lo scanneràve co le mie man.

    TIT. (accostandosi a Lucietta) Via, digo! Còssa xé sto fiffare?

    LUC. Andé in malora.

    TIT. (a donna Pasqua) Sentìu, siora?

    PAS. Mo no gh'àla rasón? Se sé pèzo d'un can.

    TIT. Voléu ziogare, che me vago a trar in canale?

    PAS. Via, matto!

    LUC. (come sopra piangendo) Lassé che el vaga, lassé.

    PAS. Via, frascona!

    TIT. (intenerendosi) Gh'ho volèsto ben, gh'ho volèsto.

    PAS. (a Titta) E adesso no più?

    TIT. Còssa voléu? Se no la me vuòle.

    PAS. Còssa dístu, Lucietta?

    LUC. Lassème stare, lassème.

    PAS. (a Lucietta) Tiò le to scarpe, tiò la to cordela, tiò la to zendalina.

    LUC. No vòggio gnente, no vòggio.

    PAS. (a Lucietta) Vien qua, sènti.

    LUC. Lassème stare.

    PAS. Dighe una parole.

    LUC. No.

    PAS. Vegnì qua, Titta-Nane.

    TIT Made.

    PAS. (a Titta). Mo via.

    TIT. No vòggio.

    PAS. Debòtto ve mando tutti do a far squartare.

    SCENA IV

    IL COMANDADORE, e detti.

    COM. (a Pasqua) Séu vù donna Pasqua, muggièr de paron Toni Canestro?

    PAS. Missiersì; còssa comandéu?

    COM. (a Pasqua) E quela xéla Lucietta sorela de paron Toni?

    PAS. Siorsì: còssa voressi da ela?

    LUC. (da sé) (Oh poveretta mì! Còssa vuorlo el Comandadore?)

    COM. Ve cito per ordene de chi comanda, che andé subito a Palazzo in Cancelarìa a esaminarve.

    PAS. Per còssa?

    COM. Mi no so altro. Andé e obbedì, pena diese ducati, se no gh'andé.

    PAS. (a Lucietta) (Per la custión.)

    LUC. (Oh mì no ghe vòggio andare.)

    PAS. (Oh bisognerà ben che gh'andèmo.)

    COM. (a Pasqua) Xéla quela la casa de paron Fortunato?

    PAS. Siorsì, quela.

    COM. No occorr'altro. La porta xé averta, anderò de suso. (entra in casa)

    SCENA V

    PASQUA, LUCIETTA e TITTA-NANE.

    PAS. Avéu sentìo, Titta-Nane?

    TiT. Ho sentìo; quel furbazzo de Marmottina m'averà querelào. Bisogna che me vaga a retirare.

    PAS. E mio marìo?

    LUC. E i mi fradeli?

    PAS. Oh, poverette nu! Va là, va a la riva, va a véde, se ti li catti, vàli a avisare. Mi anderò a cercare paron Vicenzo, e mio compare Dottore, anderò da la lustrissima, anderò da sior Cavaliere. Poveretta mi! la mia roba, el mio oro, la mia povera cà, la mia povera cà! (parte)

    SCENA VI

    LUCIETTA e TITTA-NANE.

    TIT. Vedéu, siora? Per causa vostra.

    LUC. Mì? Còss'òggio fatto? Per causa mia?

    TIT. Perché no gh'avé giudizio, perché sé una frasca.

    LUC. Va in malora, strambazzo.

    TIT. Anderò via bandìo, ti sarà contènta.

    LUC. Bandìo ti anderà? Vié qua. Per còssa bandìo?

    TIT. Ma se ho da andare, se i m'ha da bandire, Marmottina lo vói mazzare.

    LUC. Xèstu matto?

    TIT. (a Lucietta minacciandola) E tì, e tì, ti me l'ha da pagare.

    LUC. Mì? Che colpa n'òggio?

    TIT. Vàrdete da un desperào, vàrdete.

    LUC. Oe, oe, vien el Comandadore.

    TIT. Poveretto mì! presto, che no i me vede, che no i me fazze chiappare. (parte)

    LUC. Can, sassin, el va via, el me manazza. Xélo questo el ben che el me vuole? Mo, che òmeni! Mo che zente! No, no me vòggio più maridare; più tosto me vòggio andar a negare. (parte)

    SCENA VII

    IL COMANDADORE (esce di casa) e PARON FORTUNATO.

    COM. Mo, caro paron Fortunato, sé omo, savé còssa che xé ste còsse.

    FOR. Mì à suso, no e so mai stao à suso. Cancelaìa, mai stao mì Cancelaìa.

    COM. No ghe sé mai stà in Cancelarìa?

    FOR. Sió no, sió no, so mai stao.

    COM. Un'altra volta, no diré più cusì.

    FOR. E pe còssa gh'ha a andà mia muggière?

    COM. Per esaminarse.

    FOR. E cugnae anca?

    COM. Anca ele.

    FOR. Anca e putte ha andare? E putte, anca e putte?

    COM. No vàle co so sorela maridada? Còssa gh'àle paura?

    FOR. E pianze, e ha paura, no le vuò andare.

    COM. Se no le gh'anderà, sarà pèzo per ele. Mi ho fatto el mio dèbito. Farò la riferta, che sé citai, e penséghe vù. (parte)

    FOR. Bisogna andare, bisogna: bisogna andare, muggière; muggière, méttite el ninzoètto, muggière. Cugnà Orsetta, e ninzoètto. Cugnà Checca, e ninzoètto. (forte verso la scena) Bisogna andare, bisogna, bisogna andare. Maledio e baruffe, i baroni furbazzi. Via pètto, trighève, còssa féu? Donne, fèmene, maledìo, pètto. Ve végnio a petubare, ve végnio a petubare. (entra in casa)

    SCENA VIII

    Cancelleria.

    ISIDORO e PARON VICENZO.

    VIC. La vede, lustrìssimo, la xé una còssa da gnente.

    ISI. Mi no ve digo che la sia una gran còssa. Ma ghe xé l'indolenza, ghe xé la nomina dei testimoni, xé incoà el processo: la Giustizia ha d'aver el so logo.

    VIC. Crédela mo, lustrissimo, che colù che xé vegnù a querelare, sia innocente? L'ha tratto anca elo de le pieràe.

    ISI Tanto mèggio. Co la formazion del processo rileveremo la verità.

    VIC. La diga, lustrissimo; no la se poderave giustare?

    ISI. Ve dirò: se ghe fusse la pase de chi xé offeso, salve le spese del processo, la se poderave giustar.

    VIC. Via, lustrissimo; la me cognosse, so qua mi, la me varda mì.

    ISI. Ve dirò, paron Vicenzo. V'ho dito: che la se poderàve giustar, perché fin adesso dal costituto dell'indolente no ghe xé gran còsse. Ma no so quel che possa dir i testimoni: e almanco ghe ne vói esaminar qualcheduno. Se no ghe sarà de le cosse de più; che no ghe sia ruze vecchie, che la baruffa no sia stada premeditada, che no ghe sia prepotenze, pregiudizi del terzo, o cosse da sta nature; mì anzi darò man a l'aggiustamento. Ma mì per altro no vói arbitrar. Son Cogitor, e no son Cancelier, e ho da render conto al mio principal. El Cancelier xé a Venezia; da un momento a l'altro el s'aspetta. El vederà el processetto; ghe parleré vù, ghe parlerò anca mì; a mì, utile no me ne vien, e no ghe ne vòggio. Son galantomo, me interesso volentiera per tutti, se poderò farve del ben, ve farò del ben.

    VIC. Ela parla da quel signor che la xé: e mi so quel che averò da fare.

    ISI. Per mi, ve digo, no vòggio gnénte.

    VIC. Via, un pèsse, un bel pèsse.

    ISI. Oh! fina un pésse, sì ben. Perché gh'ho la tola; ma anca a mì me piase far le mie regolette.

    VIC. Oh! lo so, che sió Cogitore el xé de bon gusto, sió Cogitore.

    ISI. Cossa voléu far? Se laóra: bisogna anca devertirse.

    VIC. E ghe piase i ninzoletti a sió Cogitore.

    ISI. Orsù, bisogna che vada a spedir un omo. Sté qua. Se vien sta zente, diséghe che adesso torno. Diséghe a le donne, che le vegna a esaminarse, che no le gh'abbia paura, che son bon con tutti, e co le donne son una pasta de marzapan. (parte)

    SCENA IX

    VICENZO solo.

    VIC. Sió sì, el xé un galantomo; ma in casa mia no'l ghe bàzzega. Da le mie donne no'l vien a far careghètta. Sti siori da la perucca, co nu altri pescaóri no i ghe stà ben. Oh per diana! Vèle qua che le se vié a esaminare. Aveva paura che no le ghe volesse vegnire. Le gh'ha un omo con ele. Ah! sì, el xé paron Fortunato. Vegnì, vegnì, creature, che no gh'è nissùn.

    SCENA X

    PASQUA, LUCIETTA, LIBERA, ORSETTA, CHECCA, tutte in "ninzoletto", PARON FORTUNATO, ed il suddetto.

    CHE. Dove sèmio?

    ORS. Dove andèmio?

    LIB. Oh poveretta mì! No ghe so mai vegnùa in sto liógo.

    FOR. (saluta paron Vic.) Paró Izènzo, siorìa, paró Izènzo.

    VIC. (salutandolo) Paron Fortunato.

    LUC. Me trema le gambe, me trema.

    PAS. E mì? Oh che spàsemo che me sènto!

    FOR. (a Vicenzo) Doe xélo e sió Canceliere?

    VIC. Nol ghe xé; el xé a Venezia el sior Canceliere. Ve vegnirà a esaminare el sió Cogitore.

    LIB. (a Orsetta urtandola, facendo vedere che lo conoscono molto) (Oe, el Cogitore!)

    ORS. (a Checca urtandola e ridendo) (Oe, quel lustrissimo inspiritào.)

    PAS. (a Lucietta con piacere) (Àstu sentìo? Ne esaminerà el Cogitore).

    LUC. (a Pasqua) (Oh! gh'ho da caro. Almanco lo cognossèmo.)

    PAS. (a Lucietta) (Sì, el xé bonazzo.)

    LUC. (a Pasqua) (V'arecordéu che l'ha comprà da nù sie brazza de merlo da trenta soldi, e el ne l'ha pagà tre lire?)

    SCENA XI

    ISIDORO e detti.

    ISI. Cossa féu qua.

    TUTTE LE DONNE. Lustrissimo, lustrissimo.

    ISI. Cossa voléu? Che ve esamina tutti in t'una volta? Andé in sala, aspetté; ve chiamerò una a la volta.

    PAS. Prima nù.

    LUC. Prima nù.

    ORS. Sémo vegnùe prima nù.

    ISI. Mì no fazzo torso a nissùn: ve chiamerò per órdene, come che troverò i nomi scritti in processo. Checca xé la prima. Che Checca resta, e vu altre andé fore.

    PAS. Mo za, segùro; la xé zovenetta. (parte)

    LUC. No basta miga; bisogna essere fortunàe. (parte)

    ISI. (da sé) (Gran donne! Le vól dir certo, le vól dir, se le credesse de dir la verità.)

    FOR. Andèmo fuòa, andèmo fuòa, andèmo.

    ORS. Oe, sió Cogitore, no la ne fazza star qua tre ore, che gh'avèmo da fare, gh'avèmo. (parte)

    ISI Sì, sì, ve destrigherò presto.

    LIB. (ad Isidoro) Oe, ghe la raccomando, salo? El varda ben che la xé una povera innocente.

    ISI. In sti loghi no ghe xé pericolo de ste còsse.

    LIB. (da sé) (El xé tanto ingalbanìo, che me fido puoco.) (parte)

    SCENA XII

    ISIDORO e CHECCA, poi il COMANDADORE.

    ISI. Vegni qua, fia, sentéve qua. (siede)

    CHE. Eh! sior no, stago ben in pie.

    ISI. Sentéve, no ve vòggio veder in pie.

    CHE. Quel che la comanda. (siede)

    ISI. Cossa gh'avéu nome?

    CHE. Gh'ho nome Checca.

    ISI. El cognome?

    CHE. Schiantìna. I

    SI. Gh'avéu nissun soranòme?

    CHE. Oh giusto, soranòme!

    ISI. No i ve dise Puinetta?

    CHE. (s'ingrugna) Oh! certo, anca elo me vôl minchionare.

    ISI. Via se sé bella, sié anca bona. Respondéme. Savéu per còssa che sié chiamada qua a esaminarve?

    CHE. Sior sì, per una baruffa.

    ISI. Contéme come che la xé stada.

    CHE. Mì no so gnente, che mì no ghe giera. Andava a ca co mia sorela Libera, e co mia sorela Orsetta, e co mio cugnà Fortunato; e ghe giera paron Toni, e Beppo Cospettoni, e Titta-Nane, che i ghe voleva dare a Tòffolo Marmottina, e elo ghe trava de le pieràe.

    ISI. Per còssa mo ghe voléveli dar a Toffolo Marmottina?

    CHE. Perché Titta-Nane fa l'amore co Lucietta Panchiana, e Marmottina ghe xé andào a parlare, e el gh'ha pagào la zucca barucca.

    ISI. Ben; ho capìo, baste cusì. Quanti anni gh'avéu?

    CHE. El vuol saver anca i anni?

    ISI. Siora sì; tutti chi se esamina, ha da dir i so anni; e in fondo de l'esame se scrive i anni. E cusì, quanti ghe n'avéu?

    CHE. Oh! mi no me li scondo i mi anni. Disisette fenìi.

    ISI. Zuré d'aver dito la verità.

    CHE. De còssa?

    ISI. Zuré, che tutto quel che avé dito nel vostro esame, xé la verità.

    CHE. Sior sì; zuro che ho dito la verità.

    ISI. El vostro esame xé finlo.

    CHE. Posso andar via donca?

    ISI. No, ferméve un pochetto. Come stéu de morosi!

    CHE. Oh! mì, no ghe n'ho morosi.

    ISI. No disé busìe.

    CHE. Òggio da zurare?

    ISI. No, adesso no avè più da zurar; ma le busie no sta ben a dirle. Quanti morosi gh'avéu?

    CHE. Oh mì! nissun me vuol, perchè son poveretta.

    ISI. Voléu, che ve fazza aver una dota?

    CHE. Magàri!

    ISI. Se gh'avessi la dota, ve marideressi?

    CHE. Mì sì, lustrissimo, che me mariderìa.

    ISI. Gh'avéu nissun per le man?

    CHE. Chi vôrlo che gh'abbia?

    ISI. Gh'avéu nissun che ve vaga a genio?

    CHE. El me fa vergognare.

    ISI. No ve vergogné, semo soli; parléme con libertà.

    CHE. Titta-Nane, se lo podesse avere, mì lo chioràve.

    ISI. No xélo el moroso de Lucietta?

    CHE. El la gh'ha licenzià.

    ISI. Se el l'ha licenziada, podemo veder, se el ve volesse.

    CHE. De quanto saràla la dota?

    ISI. De cinquanta ducati.

    CHE. Oh siorsì! Cento me ne dà mio cugnà. Altri cinquanta me ne ho messi da banda col mio balon. Mi credo che Lucietta no ghe ne daghe tanti.

    ISI. Voléu che ghe fazza parlar a Titta-Nane?

    CHE. Magàri, lustrissimo!

    ISI. Dove xélo?

    CHE. El xé retirà.

    ISI. Dove?

    CHE. Ghel dirò in t'una recchia, che no vorìa che qualcun me sentisse. (gli parla all'orecchia)

    ISI. Ho inteso. Lo manderò a chiamar. Ghe parlero mì, e lassé far a mi. Andé, putta, andé, che no i diga.... se me capì! (suona il campanello)

    CHE. Uh! caro lustrissimo benedetto

    COM. La comandi.

    ISI. Che vegna Orsetta.

    COM. Subito.

    ISI. Ve saverò dir, ve vegnirò a trovar.

    CHE. (s'alza) I ustrìssimo, sì. (da sé) (Magàri, che ghe la fasse veder a Lucietta! magari!)

    SCENA XIII

    ORSETTA, e detti, poi il COMANDADORE.

    ORS. (piano a Checca) (Tanto ti xé stada? Còssa t'àlo esaminà?)

    CHE. (a Orsetta) (Oh sorela! Che bel esame che ho fatto! Te conterò tutto). (parte)

    ISI. Vegnì qua, sentéve.

    ORS. Sior sì (siede con franchezza).

    ISI. (da sé) (Oh la xé più franca, custia!) Còssa gh'avéu nome ?

    ORS. Orsetta Schiantina.

    ISI. Detta?

    ORS. Còss'è sto detta?

    ISI. Gh'avéu soranóme?

    ORS. Che soranòme vôrlo che gh'abbia?

    ISI. No ve dìseli de soranóme, Meggiotto?

    ORS. In veritàe, lustrìssimo, che se no fusse dove che son, ghe voràve pettenare quela perucca.

    ISI. Oe! parlé con rispetto.

    ORS. Còssa xé sto Meggiotto? I meggiòtti a Chióza xé fatti col semolèi, e co la farina zala; e mi no son né zala, né del color dei meggiòtti.

    ISI. Via, no ve scaldé, patrona, che questo no xé logo da far ste scene. Respondéme a mì. Savéu la cause per la qual sé vegnùa a esaminarve?

    ORS. Sior no.

    ISI. Ve lo podéu immaginar?

    ORS. Sior no.

    ISI. Savéu gnente de una certa baruffa?

    ORS. So, e no so.

    ISI. Via, contéme quel che savé.

    ORS. Che el m'interoga, che responderò,

    ISI. (da sé) (Custia xé de quele, che fa deventar matti i poveri Cogitori). Cognosséu Tòffolo Zavatta?

    ORS. Sior no.

    ISI.Tòffolo Marmottina?

    ORS. Sior sì.

    ISI.Savéu, che nissùn ghe volesse dar?

    ORS. Mì no posso saver che intenzion che gh'abbia la zente.

    ISI. (da sé) (Oh che drétta!) Avéu visto nissùn con de le arme contra de elo?

    ORS. Sior sì.

    ISI. Chi giérili?

    ORS. No m'arecordo.

    ISI. Se i nominerò, ve i arecorderéu?

    ORS. Se la i nominerà, ghe responderò.

    ISI. (da sé) (Siéstu maladétta! La me vuol far star qua fin stasera). Ghe giéra Titta-Nane Moletto?

    ORS. Sior sì.

    ISI. Ghe giéra paron Toni Canestro?

    ORS. Sior sì.

    ISI. Ghe giera Beppo Cospettoni?

    ORS. Sior sì.

    ISI. Brava, siora Meggiòtto

    ORS. El diga: gh'àlo nissùn soranome, elo?

    ISI. (scrivendo) Via, via, manco chiàccole.

    ORS. Oh! ghe lo metterò mi: El sior Cogitore giazzào.

    ISI. Tòffolo Marmottina àlo tratto de le pieràe?

    ORS. Sior sì, el ghe n'ha tratto. (da sé) (Magari in te la testa del Cogitore!)

    ISI. Còssa diséu?

    ORS. Gnente, parlo da mia posta. No posso gnanca parlare?

    ISI. Per còssa xé nato sta contesa?

    ORS. Còssa vôrlo che sappia?

    ISI. (da sé) (Oh, son debòtto stuffo!) Savéu gnente, che Titta-Nane gh'avesse zelusìa de Tòffolo Marmottina?

    ORS. Sior si; per Lucietta Panchiana.

    ISI. Savéu gnente, che Titta-Nane abbia licenzià Lucietta Panchiana?

    ORS. Sior sì; ho sentìo a dir, che el la gh'ha licenzià.

    ISI. (da sé) (Checca ha dito la verità. Vederò de farghe sto ben). Oh! via, debòtto sé destrigada. Quanti anni gh'avéu?

    ORS. Oh ca de dia! anca i anni el vuol savere?

    ISI. Siorasì, anca i anni.

    ORS. El li ha da scrivere?

    ISI. I ho da scrìver!

    ORS. Ben; che el scriva disnove.

    ISI. (scrive) Zuré, d'aver dito la verità.

    ORS. Ho da zurare?

    ISI. Zuré d'aver dito la verità.

    ORS. Ghe dirò: có ho da zurare, veramente ghe n'ho ventiquattro.

    ISI. Mì no ve digo che zuré de i anni, che a vu altre donne sto zuramento nol se pól dar. Ve digo, che zuré, che quel che avé dito in te l'esame, xé la verità.

    ORS. Oh, sior sì, zuro.

    ISI. (suona il campanello).

    COM. Chi vôrla?

    ISI. Donna Libera.

    COM. La servo. (parte)

    ORS. (da se') (Varé. Anca i anni se gh'ha da dire!) (s'alza)

    SCENA XIV

    DONNA LIBERA e detti, poi il COMANDADORE.

    LIB. (ad Orsetta) (T'àstu destrigà?)

    ORS. (a Libera) (Oe, sent). Anca i anni che se gh'ha, el vuòl savére),

    LIB. (Bùrlistu?)

    ORS. (a Libera) (E bisogna zurare). (parte)

    LIB. (da sé) (Varé che sughi! s'ha da dire i so anni, e s'ha da zurare? So ben quel che farò mi. Oh! i mìi anni no i vòggio dire, e no vòggio zurare).

    ISI. O via, vegnì qua, sentéve.

    LIB. (non risponde).

    ISI. Oe, digo, vegnì qua, sentéve. (facendole cenno che si sieda)

    LIB. (va a sedere).

    ISI. Chi séu?

    LIB. (non risponde).

    ISI. (urtandola) Respondé, chi séu.

    LIB. Sior?

    ISI. Chi séu?

    LIB. Còssa dixela?

    ISI. (forte) Séu sorda?

    LIB. Ghe sento puoco.

    ISI. (da sé) (Stago frésco). Còssa gh'avéu nome?

    LIB. Piase?

    ISI. El vostro nome.

    LIB. La diga un poco più forte.

    ISI. Eh! che no vòggio deventar matto. (suona il campanello)

    COM. La comandi.

    ISI. Che vegna dentro quel'omo.

    COM. Subito. (tarte)

    ISI. (a Libera) Andé a bon viazo.

    LIB. Sior?

    ISI. (spingendola perché se ne vada) Andé via de qua.

    LIB. (da sé) (Oh! l'ho scapolada pulito. I fatti mi, no ghe li vòggio dire).

    SCENA XV

    ISIDORO, poi PARON FORTUNATO, poi il COMANDADORE.

    ISI. Sto mistier xé belo, civil, decoroso, anca utile; ma de le volte le xé còsse da deventar matti.

    FOR. Tìssimo sió Cogitore, tìssimo.

    ISI. Chi séu?

    FOR. Fotunato Aìchio.

    ISI. Parlé schiétto, se volé che v'intenda. Capisso per discrezion: paron Fortunato Cavìcchio. Savéu per cossa che sié cità a esaminarve?

    FOR. Sió sì, sió.

    ISI. Via donca: disé per còssa che sé vegnù?

    FOR. So egnù, perché me ha dito e Comandadore.

    ISI. Bela da galantomo! So anca mi che sé vegnù, perché ve l'ha dito el Comandador. Savéu gnente de una certa baruffa?

    FOR. Sió sì, sió.

    ISI. Via diséme, come che la xé stada.

    FOR. L'ha a saére, che ancùo so egnù da mare, e so rivào a igo co a tatana; e xé egnùo mia muggière, e a cugnà Osetta, e a cugnà Checca.

    ISI. Se no parlé più schiétto, mi no ve capisso.

    FOR. Sió sì, sió. Andando a cà co mia muggière, e co mia cugnà, ho isto paró Toni, ho isto, e bare Beppe ho isto, e Titta-Nane Moetto, e Tòffolo Maottina. E parò Toni: tiffe, a spade; e Beppe: alda, alda, o otello; e Maottina: tuffe, tuffe, pieràe; è egnùo Titta-Nane, è egnùo Titta-Nane: lago, lago, co paosso, lago. Tia, mole, baaca. Maottina è cacào, e mì no so altro, m'ala capìo?

    ISI. Gnanca una parola.

    FOR. Mi pao chiozotto, utìssimo. De che paese xéla, utissimo?

    ISI. Mi son Venezian; ma no ve capisso una maledetta.

    FOR. Omàndela e tone a dìe?

    ISI. Còssa?

    FOR. Comandela e tone a dire? A dire? A dire?

    ISI. Va in malora, va in malora, va in malora!

    FOR. (partendo) Tìssimo.

    ISI. Papagà maledetto!

    FOR. (allontanandosi) Tìssimo.

    ISI. Se el fusse un processo de premura, poveretto mi!

    FOR. (sulla porta) Sió Cogitore, tìssimo. (parte)

    ISI. El diavolo che te porta. (suona il campanello)

    COM. Son a servirla.

    ISI. Licenzié quele donne, mandéle via; che le vaga via, che no vòi séntir altro.

    COM. Subito. (parte)

    SCENA XVI

    ISIDORO, poi PASQUA e LUCIETTA, poi il COMANDADORE.

    ISI. Bisogna dar in impazienze per forza.

    PAS. (con calore) Per còssa ne màndelo via?

    LUC. Per còssa no ne vórlo esaminare?

    ISI. Perché son stuffo.

    PAS. Sì, si, carètto, savèmo tutto.

    LUC. L'ha sentìo quele che gh'ha premèsto, e nu altre sèmo scoazze.

    ISI. La fenìmio?

    LUC. Puinetta el l'ha tegnùa più d'un'ora.

    PAS. E Meggiotto quanto ghe xéla stada?

    LUC. Ma nù anderemo da chi s'ha d'andare.

    PAS. E se faremo fare giustizia.

    ISI. No savé gnente. Sentì.

    PAS. Còssa voràvelo dire?

    LUC. Còssa ne voràvelo infenocchiare?

    ISI. Vu altre sé parte interessada, no podé servir per testimonio.

    LUC. No xé vero gnente, no xé vero gnente. No semo interessà, no xé vero gnente.

    PAS. E anca nù volèmo testimoniare.

    ISI. Fenìla una volta.

    PAS. E se farèmo sentire.

    LUC. E saverèmo parlare.

    ISI. Siéu maledette!

    COM. Lustrissimo.

    ISI. Còssa gh'é?

    COM. Xé vegnù el lustrìssimo sior Cancelier. (parte)

    PAS. Oh! giusto elo.

    LUC. Anderemo da elo.

    ISI. Andé dove diavolo che volé. Bestie, diavoli, satanassi! (parte)

    PAS. Mare de diana! che ghe la faremo tegnire! (parte)

    LUC. Viva cocchietto! che ghe la faremo portare! (parte)

  •  

    Edizione HTML a cura di: [email protected]

    Ultimo Aggiornamento: 18/07/05 01.33.41