De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

LE BARUFFE CHIOZZOTTE

 

di Carlo Goldoni

 

Personaggi

Atto Primo

scena prima scena seconda scena terza

scena quarta scena quinta scena sesta

scena settima scena ottava scena nona

scena decima scena undicesima

scena dodicesima scena tredicesima

 

PERSONAGGI

PADRON TONI (Antonio), padrone di tartana peschereccia.

MADONNA PASQUA, moglie di padron Toni.

LUCIETTA, fanciulla, sorella di padron Toni.

TITTA-NANE (Giambattista) giovine pescatore.

BEPPE (Giuseppe), giovine, fratello di padron Toni.

PADRON FORTUNATO, pescatore.

MADONNA LIBERA, moglie di padron Fortunato.

ORSETTA (Orsolina), fanciulla, sorella di madonna Libera.

CHECCA (Francesca), altra fanciulla, sorella di madonna Libera.

PADRON VICENZO, pescatore.

TOFFOLO (Cristoforo), battellaio.

ISIDORO, Coadiutore del Cancelliere Criminale.

IL COMANDADOR, cioè il Messo del Criminale.

CANOCCHIA, giovine che vende zucca arrostita.

Uomini della tartana di padron Toni.

Servitore del Coadiutore.

La scena si rappresenta in Chiozza.

ATTO PRIMO

SCENA I

Strada con varie casupole.

PASQUA e LUCIETTA da una parte. LIBERA, ORSETTA e CHECCA dall'altra. Tutte a sedere sopra seggiole di paglia, lavorando merletti su i loro cuscini posti ne' loro scagnetti.

LUC. Creature, còssa diséu de sto tempo?

ORS. Che órdene xélo?

LUC. Mo no so, varé. Oe, cugnà, che órdene xélo?

PAS. (a Ors.) No ti senti, che boccon de sirocco?

ORS. Xélo bon da vegnire de sottovènto?

PAS. Si bèn, si bèn. Si i vien i nostri òmeni, i gh'ha el vento in pòppe.

LIB. Ancùo o doman i doveràve vegnire.

CHE. Oh! bisogna donca, che spèssega a laorare; avanti che i vegna, lo voràve fenire sto merlo.

LUC. Di', Chècca: quanto te n'amanca a fenire?

CHE. Oh! me n'amanca un brazzo.

LIB. (a Checca) Ti laóri molto puoco, fia mia.

CHE. Oh! quanto xé che gh'ho sto merlo su sto balón?

LIB. Una settemana.

CHE. Ben! una settemana?

LIB. Destrìghete, se ti vuol la carpètta.

LUC. Oe, Checca, che carpètta te fàstu?

CHE. Una carpètta nióva de caliman.

LUC. Dasséno? Te mèttistu in donzelón?

CHE. In donzelón? No so miga còssa che vòggia dir.

ORS. Oh che pandòla! Non ti sa, che co una putta xé granda, se ghe fa el donzelón: e che co la gh'ha el donzelón, xé segno che i soi i la vuòl maridare.

CHE. (a Libera) Oe, sorèla!

LIB. Fia mia.

CHE. Me voléu maridare?

LIB. Aspetta, che vegna mio marìo.

CHE. Donna Pasqua: mio cugnà Fortunato no xélo andà a pescare co paron Toni?

PAS. Sì, no lo sàstu, che el xé in tartana col mio paron e co Beppe so fradelo?

CHE. No ghe xé anca Titta-Nane co lori?

LUC. (a Checca) Sì ben: còssa voréssistu dire? Còssa pretenderàvistu da Titta-Nane?

CHE. Mì? Gnente.

LUC. No ti sa che xé do anni che mi ghe parlo? E che co 'l vien in terra, el m'ha promesso de darme el segno?

CHE. (da sé) (Malignaza culìa! La i vól tutti per ela).

ORS. Via, via, Luciètta, no star a bacilare. Avanti che Checca mia sorela se maride, m'ho da maridare mì, m'ho da maridare. Co vegnirà in terra Beppe, to fradelo, el me sposerà mì, e se Titta-Nane vorà, ti te poderà sposare anca tì. Per mia sorèla, gh'è tèmpo.

CHE. (ad Orsetta) Oh! vù, siora, no voressi mai che me maridasse.

LIB. Tasi là; tendi al to laorière.

CHE. Se fusse viva mia donna mare...

LIB. Tasi, che te trago el balón in coste.

CHE. (da sé) (Sì, sì, me vòggio maridare, se credesse de aver da tióre un de quei squartai, che va a granzi).

SCENA II

TOFFOLO, e le suddette, poi CANOCCHIA.

LUC. Oe, Bondí, Tòffolo.

TOF. Bondí, Lucietta.

ORS. Sior màmara, còssa sèmio nu altre?

TOF. Se averé pazenzia, ve saluderò anca vu altre.

CHE. (da sé) (Anca Tòffolo me piaseràve).

PAS. Còss'è, putto? No laoré ancùo?

TOF. Ho laorà fin adesso. So stà col battelo sotto marina a cargar de' fenocchj: i ho portài a Bróndolo al corder de Ferara, e ho chiappà la zornada.

LUC. Ne paghéu gnente?

TOF. Sì ben; comandé.

CHE. (a Orsetta) (Uh! senti, che sfazzada?)

TOF. Aspetté. (chiama) Oe, zucche barucche.

CAN. (con una tavola, con sopra vari pezzi di zucca gialla cotta) Comandé, paron.

TOF Lassé veder.

CAN. Adesso: varé, la xé vegnua fora de forno.

TOF. Voléu, Lucietta? (le offerisce un pezzo di zucca)

LUC. Si bèn, dé qua.

TOF. E vu, donna Pasqua, voléu?

PAS. De diana! la me piase tanto la zucca barucca! Démene un pezzo.

TOF. Tolé. No la magné, Lucietta?

LUC. La scotta. Aspetto, che la se giazze.

CHE. Oe, bara Canocchia.

CAN. So qua.

CHE. Démene anca a mì un bezze.

TOF. So qua mì; ve la pagherò mì.

CHE. Sior no, no vòggio.

TOF. Mo per còssa?

CHE Perché no me degno.

TOF. S'ha degnà Lucietta.

CHE. Sì, sì, Lucietta xé degnévole, la se degna de tutto.

LUC. Coss'è, sióra? Ve ne avéu per mal, perché so stada la prima mì?

CHE. Mì co vù, siora, no me n'impazzo. E mì no tógo gnènte da nissùn.

LUC. E mì cossa tóghio?

CHE. Siora sì, avé tolto anca i trìgoli dal putto donzelo de bare Losco.

LUC. Mì? Busiàra!

PAS. A monte.

LIB. A monte, a monte.

CAN. Gh'è nissun che vòggia altro?

TOF. Andé a bon viazo.

CAN. (gridando parte) Zucca barucca, barucca calda.

SCENA III

I suddetti, fuor di CANOCCHIA.

TOF. (piano a Checca) (Arecordève, siora Checca, che m'avé dito, che de mi no ve degné)

CHE. (a Toffolo) (Andé via, che no ve tèndo).

TOF. (a Checca) (E sì, mare de diana! gh'avéa qualche bona intenzion).

CHE. (come sopra) (De còssa?)

TOF. (come sopra) (Mio sàntolo me vôl metter suso peòta; e co son a traghètto, anca mì me vói maridare).

CHE. (come sopra) (Dasséno?)

TOF. (come sopra) (Ma vu avé dito, che no ve degné).

CHE. (come sopra) (Oh! ho dito de la zucca, no ho miga dito de vù).

LIB. Oe, oe, digo, còssa xé sti parlari?

TOF. Varé! Vardo a laorare.

LIB. Andé via de là, ve digo.

TOF. Còssa ve fàzzio? Tolé; anderò via (si scosta, e va bel bello dall'altra parte).

CHE. (da sé) (Sia malignazo!)

ORS. (a Libera) (Mo via, cara sorèla, se el la volesse, savé che putto che el xé: no ghe la voressi dare?)

LUC. (a Pasqua) (Còssa diséu, cugnà? La se mette suso a bon'ora).

PAS. (a Lucietta) (Se ti savessi. che rabbia. che la me fa!).

LUC. (da sé) (Varé che fusto! Viva cocchietto! La vòggio far desperare).

TOF. Sfadighève a pian, donna Pasqua.

PAS. Oh! no me sfadìgo, no, fio; no vedé che mazzette grosse? El xé merlo da diese soldi.

TOF. E vu, Lucietta?

LUC. Oh! el mio xé da trenta.

TOF. E co belo che el xé!

LUC. Ve piàselo?

TOF. Mo co pulito! Mo cari quei deolìni!

LUC. Vegnì qua; sentève.

TOF. (siede) Oh! qua son più a la bonazza.

CHE. (a Orsetta, facendole osservare Toffolo vicino a Lucietta) (Oe, còssa diséu?)

ORS. (a Checca) (Lassa che i fazza, no te n'impazzare).

TOF. (a Lucietta) (Se starò qua, me bastoneràli?)

LUC. (a Toffolo) (Oh che matto!)

ORS. (a Libera, accennando Lucietta) (Còssa diséu?)

TOF. Donna Pasqua, voléu tabacco?

PAS. Xélo bòn?

TOF. El xé de quelo de Malamocco.

PAS. Dàmene una presa.

TOF. Volentiera.

CHE. (da sé) (Se Titta-Nane lo sa, poverètta ela!)

TOF. E vù, Lucietta, ghe ne voléu?

LUC. (Dé qua, sì ben. Per far despetto a culìa.) (accenna Checca)

TOF. (a Lucietta) (Mo che occhi baroni!)

LUC. (a Toffolo) (Oh giusto! No i xé miga queli de Checca).

TOF. (a Lucietta) (Chi? Checca? Gnanca in mente).

LUC. (a Toffolo accennando Checca con derisione) (Vardé, co bela che la xé!)

TOF. (a Lucietta) (Vera chiòe!)

CHE. (da sé) (Anca sì, che i parla de mì?)

LUC. (a Toffolo) (No la ve piase?)

TOF. (a Lucietta) (Made.)

LUC. (a Toffolo sorridendo) (I ghe dise Puinètta.)

TOF. (a Lucietta, sorridendo e guardando Checca) (Puinètta i ghe dise?)

CHE. (forte verso Toffolo e Lucietta) Oe, digo; no so miga orba, varé. La voléu fenire?

TOF. (forte, imitando quelli che vendono la "puina", cioè la ricotta) Puìna fresca, puìna.

CHE. (s'alza) Cossa xé sto parlare? Cossa xé sto puinare?

ORS. (a Checca, e s'alza) No te n'impazzare.

LTB. (a Orsetta e Checca, alzandosi) Tendi a laorare.

ORS. Che el se varda elo, sior Tòffolo Marmottina.

TOF. Còss'è sto Marmottina?

ORS. Sior sì, credéu che nol sappièmo che i ve dise Tòffolo Marmottina?

LUC. Varé che sesti! Varé che bela prudenzia!

ORS. Eh! via, cara siora Lucietta Panchiana.

LUC. Cossa xé sta Panchiana? Tendé a vù, siora Orsètta Meggiòtto.

LIB No sté a strapazzar mie sorèle, che mare de diana...

PAS. (s'alza) Porté respetto a mia cugnà.

LIB. Eh! tasé, donna Pasqua Fersóra.

PAS. Tasé vù, donna Libera Galozzo.

TOF. Se no fussi donne, sangue de un'anguria...

LIB. Vegnirà el mio paron

CHE. Vegnirà Titta-Nane. Ghe vói contare tutto, ghe vói contare.

LUC. Cóntighe. Còssa m'importa?

ORS. Che el vegna paron Toni Canestro...

LUC. Sì, sì, che el vegna paron Fortunato Baicolo...

ORS. Oh che temporale!

LUC. Oh che sússio!

PAS. Oh che bissabuòva!

ORS. Oh che stramanìo!

SCENA IV

PARON VICENZO, e detti.

VIC. Olà olà, zitto, donne. Cossa diavolo gh'avéu?

LUC. Oe, vegni qua, paron Vicènzo.

ORS. Oe, senti, paron Vicenzo Lasagna.

VIC. Quietève, che xé arivà in sto ponto la tartana de paron Toni.

PAS. (a Lucietta) Oe, zitto, che xé arivà mio marìo.

LUC. (a Pasqua) Uh, ghe sarà Titta-Nane!

LIB. Oe, putte, no fé che vostro cugnà sappia gnènte.

ORS. Zitto, zitto, che gnanca Beppo no sappia.

TOF. Lucietta, so qua mì, no ve sté a stremire.

LUC. (a Toffolo) Va via.

PAS. (a Toffolo) Via!

TOF. A mi? Sangue d'un bisatto!

PAS Va a ziogare al trottolo.

LUC. Va a ziogare a chiba.

TOF. A mi, mare de diana! Anderò mo giusto, mo, da Checchina. (s'accosta a Checca)

LTB. Via, spórco!

ORS. Càvete!

CHE. Va in malora!

TOF. (con isdegno) A mi, spórco? A mi, va in malora?

VIC. Va in bùrchio!

TOF (con caldo) Olà, olà, paron Vicenzo!

VIC. (gli dà uno scappellotto) Va a tirare l'alzana.

TOF. Gh'avé rason, che no vòggio precipitare. (parte)

PAS. (a Vicenzo) Dove xéli co la tartana?

VIC. In rio xé sècco, no i ghe può vegnire. I xé ligài a Vigo. Se volé gnènte, vago a vèdere, se i gh'a del pèsse; e se i ghe n'ha, ghe ne vói comprare per mandarlo a vèndere a Pontelongo.

LUC. (a Vicenzo) Oe, no ghe disé gnente.

LIB. Oe, paron Vicenzo, no ghe stèssi miga a contare.

VIC. Che cade!

ORS. No ghe stèssi a dire...

VIC. Mo no sté a bacilare.

LIB. Via, no femo che i nostri òmeni n'abbia da trovare in baruffa.

PAS. Oh! mì presto la me monta, e presto la me passe.

LUC. Checca, xèstu in còlera?

CHE. No ti sa far altro, che far despetti.

ORS. A monte, a monte. Sèmio amighe?

LUC. No voléu che lo sièmo?

ORS. Dàme un baso, Lucietta.

LUC. Tiò, vissere. (si baciano).

ORS. Anca ti, Checca.

CHE. (piano) (No gh'ho bon stómego.)

LUC. Via, matta.

CHE. Via, che ti xé doppia co fa le céole.

LUC. Mì? Oh! ti me cognossi puoco. Vié qua, dàme un baso.

CHE. Tiò. Varda ben, no me minchionare.

PAS. Tiò el to balon, e andèmo in cà, che po anderemo in tartana. (piglia lo scagno col cuscino, e parte)

LIB. Putte, andemo anca nu, che li anderemo a incontrare. (parte col suo scagno)

ORS. No vedo l'ora de vèderlo el mio caro Beppo. (parte col suo scagno)

LUC. Bondí, Checca. (prende il suo scagno)

CHE. Bondí. Vòggieme ben. (prende il suo scagno, e parte).

LUC. No t'indubitare. (parte)

SCENA V

Veduta del canale con varie barche pescarecce, fra le quali la tartana di PARON TONI.

PARON FORTUNATO, BEPPO, TITTA-NANE, e altri uomini nella tartana, e PARON TONI in terra, poi PARON VICENZO.

TON. Via, da bravi, a bel belo, metté in terra quel pèsse.

VIC. Ben vegnùo, paron Toni.

TON. Schiào, paron Vicenzo.

VIC. Com'èla andada?

TON. Eh! No se podemo descontentare.

VIC. Còssa gh'avéu in tartana?

TON. Gh'avèmo un puoco de tutto, gh'avèmo.

VIC. Me daréu quattro cai de sfòggi?

TON Pare sì.

VIC. Me daréu quattro cai de barboni?

TON. Pare sì.

VIC Bòseghe, ghe n'avéu?

TON. Mare de diana! ghe n'avèmo de cusì grande, che le pare, co buò respetto, léngue de manzo, le pare.

VIC. E rombi?

TON. Ghe n'aèmo sie, ghe n'aèmo, co é el fondi d'una barila.

VIC. Se porlo veder sto pesse?

TON. Andé in tartana, ch'e' xé paron Fortunato; avanti che lo spartìmo, févelo mostrare.

VIC. Anderò a vede, se se podèmo giustare.

TON. Andé a pian. Oe, déghe man a paron Vicenzo.

VIC. (da sé) (Gran boni òmeni che xé i pescatori.) (va in tartana)

TON. Magari lo podessimo vende tutto a bordo el pesse, che lo venderìa volentiera. Se andèmo in man de sti bazariotti, no i vuòl dar gnente; i vuòl tutto per lori. Nualtri, poverazzi, andèmo a rischiare la vita in mare, e sti marcanti col baretton de velùdo i se fa ricchi co le nostre fadighe.

BEP. (scende di tartana con due canestri) Oe, fradèlo?

TON. Còss'è, Beppo? Còssa vùstu?

BEP. Se ve contentèssi, voria mandar a donare sto cao de barboni al lustrìssimo.

TON. Per còssa mò ghe li vùstu donare?

BEP. No savé, che l'ha da essere mio compare?

TON. Ben! màndegheli, se ti ghe li vuòl mandare. ma còssa crédistu? che in t'un bisogno, che ti gh'avessi, el se moverave gnanca da la cariéga? Co 'l te vederà, el te metterà una man su la spala: - Bravo Beppo, te ringrazio, comàndeme - . Ma se ti ghe disi: - Lustrissimo, me premerìa sto servizio - ; no'l s'arecorda più dei barboni: no'l te gh'ha gnanca in mente; no'l te cognosse più, né per compare, né per prossimo, né per gnènte a sto mondo.

BEP Còssa voléu che fazze? Per sta volta, lassé che ghe li mande.

TON. Mi no te digo che no ti li mandi.

BEP. Chiò, Ménola. Porta sti barboni a sior cavaliere; dighe che ghe lo mando mì sto presènte. (il putto parte)

SCENA VI

PASQUA, LUCIETTA e detti.

PAS. (a Toni) Paron!

TON. Oh muggière!

LUC. (a Toni) Fradèlo!

TON. Bondí, Lucietta!

LUC. Bondí, Beppo.

BEP. Stastu bèn, sorela?

LUC. Mi sì. E tì?

BEP. Ben, ben. E vù, cugnà, stéu ben?

PAS. Sí, fio. (a Toni) Avéu fatto bon viazo?

TON. Còssa parléu de viazo? Co sèmo in terra, no se recordèmo più de quel che s'ha passào in mare. Co se pesca, se fa bon viazo, e co se chiappa, no se ghe pensa a rischiar la vita. Avèmo portà del pèsse, e semo aliègri, e semo tutti contenti.

PAS. Via, via, manco mal; séu stai in porto?

TON. Sì ben, semo stai a Senegàggia.

LUC. Oe, m'avéu portà gnente?

TON. Sì, t'ho portà do pèra de calze sguarde, e un fazzoletto da colo.

LUC. Oh! caro el mio caro fradèlo; el me vol ben mio fradèlo.

PAS. E a mì, sior, m'avéu portà gnente?

TON. Anca a vù v'ho portào da farve un còttolo, e una vestina.

PAS. De còssa?

TON. Vederé.

PAS. Mo de còssa?

TON. Vederé, ve digo; vederé.

LUC. (a Beppo) E ti m'àstù portà gnente?

BEP. Vara chiòe! Còssa vùstu che mi te porte? Mi ho comprà l'anelo per la mia novizza.

LUC. Xélo belo?

BEP. Vèlo qua eh! Vara. (le mostra l'anello)

LUC. Oh co belo che el xé! Per culìa sto anelo.

BEP. Per còssa mo ghe distu curia?

LUC. Se ti savessi, còssa che la n'ha fatto? Domàndighe a la cugnà; quela frascona de Orsetta, e quel'altra scagazzèra de Checca comuòdo che le n'ha strapazzào. Oh! Còssa che le n'ha dito!

PAS. E donna Libera, n'àla dito puoco? Ne podévela malmenare più de quelo che la n'ha malmenào?

TON. Còss'è? Còss'è stà?

BEP. Còssa xé successo?

LUC. Gnente. Léngue cattive. Lengue da tenaggiare.

PAS. Sèmo là su la porta, che laorèmo col nostro balon...

LUC. Nù no se n'impazzèmo...

PAS. Se savèssi! Causa quel balon de Tòffolo Marmottina.

LUC. Le gh'ha zelusia de quel bel suggetto.

BEP. Còssa! Le ha parlà co Tòffolo Marmottina?

LUC. Se ve piase.

TON. Oh via, no vegnì adesso a metter suso sto putto, e a far nàssere de le custion

LUC. Uh se savessé!

PAS. Tasi, tasi, Lucietta, che debòtto torèmo de mèzo nù.

BEP. Con chi parlàvelo Marmottina?

LUC. Con tutte.

BEP. Anca con Orsetta?

LUC. Me par de sì.

BEP. Sangue de diana!

TON. Oh! via, fenimola, che no vòggio sussuri.

BEP. No, Orsetta no la vòggio altro; e Marmottina, corpo de una balena, el me l'ha da pagare.

TON. Ànemo; andèmo a casa

LUC. Titta-Nane dove xélo?

TON. (con sdegno) El xé in tartana.

LUC. Almanco lo voría saludare.

TON. Andèmo a casa, ve digo.

LUC. Via, che pressa gh'avéu?

TON. Podevi far de manco, de vegnire qua a sussurare.

LUC. Vedéu, cugnà? Avévimo dito de no parlare.

PAS. E chi xé stada la prima a schittare?

LUC. Oh! mi coss'òggio dito?

PAS. E mi coss'òggio parlà?

BEP. Avé dito tanto che se fusse qua Orsetta, ghe darìa un schiaffazzo in t'el muso. Da culìa no vói altro. Vòggio vender l'anelo.

LUC. Dàmelo a mi, dàmelo.

BEP El diavolo che ve porta.

LUC. Oh che bestia!

TON To danno, ti meriti pèzo. A casa, te digo. Subito, a casa.

LUC. Varé, che sèsti! Còssa sóngio? La vostra massèra? Sì, sì, no v'indubité, che co vù no ghe vòggio stare. Co vederò Titta-Nane, ghe lo dirò. O che el me sposa subito, o per diana de dia. vòggio andar più tosto a servire. (parte)

PAS. Mo gh'avé dei gran tiri da matto.

TON. Voléu ziogar che debòtto... (fa mostra di volerle dare)

PAS. Mo che òmeni! mo che òmeni malignazi! (parte)

TON. Mo che donne! mo che donne da pestare co fa i granzi per andare a pescare!

SCENA VII

FORTUNATO, TITTA-NANE, VICENZO, che scendono dalla tartana, con uomini carichi di canestri.

TIT. Còssa diavolo xé stà quel sussuro?

VIC. Gnente, fradelo, no savéu? donna Pasqua Fersóra la xé una donna che sempre cria.

TIT. Con chi criàvela?

VIC. Con so marìo.

TIT. Lucietta ghe giérela?

VIC. Me par de sì, che la ghe fusse anca ela.

TIT. Sia maledìo. Giera là sotto próva a stivare el pesse, no ho gnanca podésto vegnire in terra.

VIC. Oh che caro Titta-Nane! Avéu paura de no vèderla la vostra novizza?

TIT. Se savessi! Muòro de vòggia.

FOR. (parla presto, e chiama paron Vicenzo) Paró Izènzo.

VIC. Còss'è, paron Fortunato?

FOR. Questo xé otto pesse. Quato cai foggi, do cai baboni, sie, sie, sie bòseghe, e un cao bàccole.

VIC. Còssa?

FOR. E un cao bàccole.

VIC. No v'intendo miga.

FOR. No intendé? Quattro cai de sfoggi, do cai de barboni, sie bòseghe, e un cao de baràccole.

VTC. (da sé) (El parla in t'una certa maniera...)

FOR. Mandé a casa e pèsse, vegniò po mì a tô i bèzzi.

VIC. Missier sì, co volé i vostri bezzi, vegnì che i sarà parecchiài.

FOR. Na pesa abacco.

VIC. Come?

FOR. Tabacco, tabacco.

VIC. Ho capìo. Volentiera. (gli dà tabacco)

FOR. Ho perso a scàttoa in mare, e in tartana gh'é puochi e tô tabacco. A Senegàggia e n'ho comprao un puoco; ma no xé e nostro da Chióza. Tabacco tabacco de Senegàggia, e tabacco e pare balini chioppo.

VIC. Compatime, paron Fortunato, mi no v'intendo una maledètta.

FOR. Oh bela, bela, bela! no intendé? Bela! no parlo mia foèto, parlo chiozotto, parlo.

VIC. Ho capio. A revèderse, paron Fortunato.

FOR. Sioìa, paó Izènzo.

VIC. Schiavo, Titta-Nane.

TIT Paron, ve saludo.

VIC. Putti, andèmo. Porté quel pèsse con mi. (da sé) (Mo caro quel paron Fortunato! El parla che el consola.) (parte con gli uomini)

SCENA VIII

FORTUNATO, e TITTA-NANE.

TIT. Voléu che andèmo, paron Fortunato?

FOR. Peté.

TIT. Còssa voléu che aspettèmo?

FOR. Peté.

TIT. Peté, peté, còssa ghe xé da aspettare?

FOR. I ha a potare i terra de atro pèsse, e de a faina. Peté.

TIT. (caricandolo) Petèmo.

FOR. Coss'è to bulare? Coss'è to ciare, coss'è to zigare?

TIT. Oh! tasé, paron Fortunato. Xé qua vostra muggière co so sorela Orsetta, e co so sorela Checchina.

FOR. (con allegria) Oh, oh mia muggière, mia muggière!

SCENA IX

LIBERA, ORSETTA, CHECCA, e detti.

LIB. (a Fortunato) Paron, còssa féu che no vegní a casa?

FOR. Apetto e pesse, apetto. Òssa fàtu, muggière? Tàtu ben, muggière?

LIB. Stago ben, fio: e vu stéu ben?

FOR. Tago ben, tago. (saluta) Cugnà, saùdo: saùdo, Checca, saùdo.

ORS. Sioria, cugnà.

CHE. Cugnà, bondí sioría.

ORS. Sior Titta-Nane, gnanca?

TIT. Patróne.

CHE. Sté molto a la large, sior. Còssa gh'avéu paura? Che Lucietta ve diga roba?

TIT. Còssa fàla Lucietta? stàla ben?

ORS. Eh! la stà ben, si, quela care zòggia.

TiT. Còss'è, no sé più amighe?

ORS. (ironica) Oh! e come che sèmo amighel

CHE. (con ironia) La ne vôl tanto ben!

LIB. Via, putte, tasé Avémo donà tutto; avèmo dito de no sparlare, e no vòggio che le possa dire de madesì, e de quà, de là, che vegnimo a pettegolare.

FOR. Oe, muggière, ho potào de a faìna da sottovento, de a faìna e sogo tucco, e faèmo a poenta, faèmo.

Lìs. Bravo! avé portà de la farina de sorgo turco? Gh'ho ben a caro dasséno.

FOR. E ho portào...

TIT. (a Libera) Voràve che me disessi...

FOR. (a Titta) Lassé parlare i òmeni, lassé parlare.

TIT. (a Fortunato) Caro, vù, quietève un pochetto. (a Libera) Voràve che me disèssi, còssa ghe xé stà con Lucietta?

LiB (con malizia) Gnente.

TiT. Gnente?

ORS. (urtando Libera) Gnente via gnente.

CHE. (urtando Orsetta) Xé meggio cusì, gnente.

FOR. (verso la tartana) Oe, putti, poté in terra e sacco faìna.

TIT. Mo, via, care creature, se gh'é stà qualcossa disèlo. Mi no vòggio che sié nemighe. So che vu altre sé bona zènte. So che anca Lucietta la xé una perla!

LIB. Oh caro!

ORS. Oh che perla!

CHE. Oh co palicària!

TIT. Còssa podéu dire de quela putta?

ORS. Gnente.

CHE. Domandéghelo a Marmottina.

TIT. Chi èlo sto Marmottina?

LIB. Mo, via, putte, tasé. Cossa diavolo gh'avéu, che no ve podé tasentare?

TIT. E chi èlo sto Marmottina?

ORS. No lo cognossé Tòffolo Marmottina?

CHE. Quel battelante, no lo cognossé? (Scendono di tartana col pesce e un sacco)

FOR. (a Titta) Andèmo, andèmo, el pèsse, e a faìna.

TIT. (a Fortunato) Eh! sia maledetto. (a Checc. .) Còssa gl'ìntrelo con Lucietta?

CHE. El se ghe senta darènte.

ORS. El vôl imparare a laorare a mazzette.

CHE. El ghe page la zucca barucca.

LIB. E po sto balon, per cause soa el ne strapazza.

TIT. Mo, me la disé ben grandonazza!

FOR. (alle donne) A casa, a casa, a casa.

LIB. (a Titta) Oe, el n'ha manazzà fina.

CHE. El m'ha dito Puinetta.

ORS. Tutto per causa de la vostra perla.

TiT. (affannoso) Dov'èlo? Dove stàlo, dove zìrelo? Dove lo poderàvio trovare?

ORS. Oe, el stà de casa in cale de la Corona, sotto el sottoportego in fondi per sboccar in canale.

LIB. El sta in casa co bara Trìgolo.

CHE. E el battelo, el lo gh'ha in rio de Palazzo in fazza a la Pescaria, arente al battelo de Checco Bòdolo.

TIT. A mì, lassé far a mì: se lo trovo, lo tàggio in fétte co fa l'asiào.

CHE. Eh! se lo volé trovare, lo troveré da Lucietta.

TiT. Da Lucietta?

ORS. Sì, da la vostra novizza.

TIT. No; no la xé più la mia novizza. La vòggio lassare, la vòggio impiantare; e quel galiotto de Marmottina, sangue de diana, che lo vòggio scannare. (parte)

FOR. Ànemo, a casa, ve digo; andèmo a casa, andèmo.

LIB. Sì. andèmo, burattaóra, andèmo.

FOR. Còssa séu egnúe a dire? Còssa séu egnúe a fare? Còssa séu egnúe a tegolare? A fare precipitare, a fare? Mae e diana! Se nasse gnente gnente, se nasse, e òggio maccare el muso, òggio maccare; e òggio fae stae in letto, e òggio; in letto, in letto, maleetonazze, in letto. (parte)

LIB. Tolé suso! Anca mio marìo me manazza. Per cause de vu altre pettazze me tocca sempre a tióre de mèzo a mì, me tocca. Mo còssa diavolo séu? Mo che léngua gh'avéu? Avé promesso de no parlare, e po vegnì a dire, e po vegnì a fare. Mare de tròccolo, che me volé far desperare. (parte)

ORS. Séntistu?

CHE. Oe, cossa gh'àstu paura?

ORS. Mi? gnente.

CHE. Se Lucietta perderà el novizzo, so danno.

ORS. Mì lo gh'ho, intanto.

CHE. E mì me lo saverò trovare.

ORS. Oh che spàsemi!

CHE. Oh che travaggi!

ORS. Gnanca in mènte!

CHE. Gnanca in t'i busi del naso. (partono)

SCENA X

Strada con casa, come nella prima scena.

TOFFOLO, poi BEPPO.

TOF. Sì ben, ho fatto male; ho fatto male, ho fatto male. Co Lucietta no me ne doveva impazzare. La xé novizza, co ela no me n'ho da impazzare. Checca xé ancora donzela: un de sti zorni i la metterà in donzelon, e co ela posso fare l'amore. La se n'ha avùo per male. La gh'ha rason, se la se n'ha avùo per male. Xé segno, che la me vol ben, xé segno. Se la podesse vede almanco! Se ghe podesse un puoco parlare, la vorìa pasentare. Xé vegnù paron Fortunato; sì ben, che no la gh'ha el donzelon, ghe la poderìa domandare. La porta xé serada; no so, se i ghe sia in casa, o se no i ghe sia in casa. (si accosta alla casa)

BEP. (nscendo dalla sua casa) Vèlo qua, quel furbazzo.

TOF. (si accosta di più) Se podesse, voràve un puoco spionare.

BEP. Olà! olà! sior Marmottina.

TOF. Còss'è sto Marmottina?

BEP. Càvete.

TOF. Vara, chiòe! Càvete! Coss'è sto càvete?

BEP. Vustu zogare che te dago tante peàe quante che ti te ghe ne può portare?

TOF. Che impazzo ve dàghio?

BEP. Còssa fàstu qua?

TOF. Fazzo quel che vòggio, fazzo.

BEP. E mì qua no vòggio che ti ghe staghe.

TOF. E mì ghe vòggio mo stare. Ghe vòggio stare, ghe vòggio.

BEP. Va via, te digo.

TOF. Made!

BEP. Va via, che te dago una sberla.

TOF. Mare de diana, ve trarò una pierada. (raccoglie delle pietre)

BEP. A mì, galiotto? (mette mano a un coltello)

TOF. Làsseme stare, làsseme.

BEP. Càvete, te digo.

TOF. No me vòggio cavare gnente, no me vòggio cavare.

BEP. Va via, che te sbuso.

TOF. (con un sasso) Stà da lonzi, che te spacco la testa.

BEP. Tìreme, se tì gh'ha cuor.

TOF. (tira de' sassi, e Beppo tenta cacciarsi sotto).

SCENA XI

PARON TONI esce di casa, poi rientra, e subito torna a sortire; poi PASQUA, e LUCIETTA.

TON. Còssa xé sta cagnara?

TOF. (tira un sasso a paron Toni).

TON. Agiùto, i m'ha dà una pierà! Aspetta, galiotto, che vói che ti me la paghe. (entra in casa)

TOF. Mi no fazzo gnente a nissun, no fazzo. Cossa me vegniu a insolentare? (prendendo sassi)

BEP Metti zò quele piére.

TOF Metti via quel cortelo.

TON. (forte, con un pistolese) Via che te tàggio a tocchi.

PAS. (trattenendo paron Toni) Paron, fermève.

LUC. (trattenendo paron Toni) Fradèi, fermève.

BEP Lo volemo mazzare.

LUC. (trattiene Beppo) Via, strambazzo, fèrmite.

TOF. (minacciando coi sassi) Sté in drio, che ve coppo.

LUC. (gridando) Zènte!

PAS. (gridando) Creature!

SCENA XII

PARON FORTUNATO, LIBERA, ORSETTA, CHECCA.

Uomini che portano pesce e farina, ed i suddetti.

FOR. Com'èla? Com'èla? Forti, forti, comtèla?

ORS. Oe! Custión.

CHE. Custión? Poveretta mi. (corre in casa)

LIB. Inspiritài, fermève.

BEP. (alle donne) Per causa vostra.

ORS. Chi? Còssa?

LIB. Me maravéggio de sto parlare.

LUC. Sì, sì, vu altre tegnì tenzón.

PAS. Sì, sì, vu altre sé zente da precipitare.

ORS. Sentì, che sproposità!

LTB. Sentì, che léngue!

BEP. Ve lo mazzerò su la porta.

ORS. Chi?

BEP. Quel furbazzo de Marmottina.

TOF. (tira de' sassi) Via, che mi no son Marmottina.

PAS. (spingendo Toni) Paron, in casa.

LUC. (spingendo Beppo) In casa, fradèlo, in casa.

TON. Sté ferma.

PAS. In casa, ve digo, in casa. (lo fa entrare in casa con lei)

BEP. (a Lucietta) Làsseme stare.

LUC. Va drento, te digo, matto; va drento. (il fa entrare con lei. Serrano la porta)

TOF. Baroni, sassini, vegni fuòra, se gh'avé coraggio.

ORS. (a Toffolo) Va in malora!

LIB. Vatte a far squartare. (lo spinge via)

TOF. Còss'è sto spènzere? Còssa xé sto parlare?

FOR. Va ìa, va ìa, che debotto, se te metto e ma a torno, te fazzo egni fuòra e buéle pe a bocca.

TOF. Ve porto respetto, ve porto, perché sé vècchio; e perché sé cugnà de Checchina. (verso la porta di Toni) Ma sti baroni, sti cani, sangue di diana, me l'ha da pagare.

SCENA XIII

TITTA-NANE con pistolese, e detti.

.

TIT. (contro Toffolo battendo il pistolese per terra) Vàrdete che te sbuso.

TOF. Agiùto. (si tira alla porta)

FOR. (lo ferma) Saldi. Fermève.

LIB. No fé!

ORS. Tegnilo.

TIT. (si sforza contro Toffolo) Lassème andare, lassème.

TOF. Agiùto. (dà nella porta, che si apre, e cade dentro)

FOR. (tenendolo e tirandolo) Titta-Nane, Titta-Nane, Titta-Nane.

LIB. (a Fortunato) Menèlo in casa, menèlo.

TIT. (sforzandosi) No ghe voggio vegnire.

FOR. Tì gh'ha ben da egnire. (lo tira in casa per forza)

LIB. Oh che tremazzo!

ORS. Oh che batticuore!

PAS. (cacciando di casa Toffolo) Va via de qua!

LUC. (cacciando Toffolo) Va in malora!

PAS. Scarcavàlo! (via)

LUC. Scavezzacolo! (via e serra la porta)

TOF. (a Libera e Orsetta) Còssa diséu, creature?

LIB. To danno. (parte)

ORS. Magari pèzo. (parte)

TOF. Sangue de diana, che li vói querelare. (parte)

Edizione HTML a cura di: [email protected]

Ultimo Aggiornamento: 18/07/05 01.32.29