De Bibliotheca

Biblioteca Telematica

CLASSICI DELLA LETTERATURA ITALIANA

AUTOAPOLOGIA

(LA MIA VITA, LE MIE VIRTÙ, LE MIE OPERE)

Francesco Maria Emanuele e Gaetani

marchese di Villabianca

 

I

MEMORIE NOBILI DELLA VITA

DEL FU CONTE FRANCESCO MARIA EMANUELE

E GAETANI, MARCHESE DI VILLABIANCA,

SIGNORE DEL CASTELLO DI MAZZARA

E DELLA BARONIA DELLA MERCA,

PADRONE DELLA RAMOTTA E DE' FONDI

DELL'ALBACIARA, CUTO', GAROFALO, MAGNA,

PATRIZIO PALERMITANO E SENATORE

 

Francesco Emanuele, terzo di questo nome, marchese di Villabianca.
Egli è il marchese di Villabianca, oggi per divina munificenza vivente, nato in Palermo, sua patria, figlio del marchese D. Benedetto, secondo di questo nome, e di Cassandra Gaetani ed Alliata, sua genitrice. Uscì al giorno nel lunedì 12 di marzo 1720, rigenerato colle sagre acque lustrali nella parrocchiale chiesa di S. Giacomo la marina, tenuto in essa da Francesco Notarbartolo e da D. Angela Zati, iugali, barone e baronessa di S. Anna, come per fede battesimale registrata nel vol. 2° Nobiltà Emanuele, fogli 211 e 376.
Notisi che detto marchese Francesco Emanuele e Gaetani ebbe concessa da monsignore arcivescovo di Palermo, fra' Matteo Basile, l'ordinazione della prima clericale tonsura e delli due primi ordini minori, ostiarato e lettorato, sotto li 6 marzo 13a Ind. 1735, come per fede di D. Modesto Rosso, maestro notaro dell'Arcivescovado, sotto li 3 agosto 1759. Gli fu collato il santo cresima da Epifanio Di Napoli, vescovo di Listria, a 15 marzo 1733 a Palermo.
Divenne questi reggitore di sua famiglia nell'anno 1739, dappoichè avea di già compita la nobil carriera delli studij nel real imperial convitto del fu Collegio Borbonico de' RR. PP. Teatini di questa capitale, e prese sua investitura del titolo e baronia di Villabianca nel dì 5 ottobre dell'anno seguente 1740.
Notisi che detto marchese Francesco quarto insignissi dell'ordine di cavaliere del Santo Sepolcro per concessione del rev.mo padre fra' Angelico di Gazolo, guardiano del Monte Sion e custode di Terrasanta, come vicario del papa, gran maestro di detto ordine, data in Gerusalemme sotto li 15 luglio 1737.
Quindi, trovandosi nell'età d'anni 23, conchiuse il suo maritaggio con Zenobia di Vanni e Zappino Sitajolo e Termine, figlia di Placido di Vanni de' marchesi di Roccabianca e di Rosalia Zappino e Termine, celebrando il contratto di dote negli atti di not. Antonino Giuseppe Bruno di Palermo a dì 31 ottobre 7a Ind. 1743, transuntato per l'atti di not. Giuseppe D'Angelo di Palermo a 20 settembre 3a Ind. 1754.
Onde, per un tal matrimonio, raddoppiato avendo la consanguinità di sua famiglia colla Casa Vanni, ha ricevuto dalla riferita marchesa D. Zenobia, sua consorte, nuova azione di conseguire per i suoi posteri i legati di Saladino e di Parisi, il primo de' quali fu lasciato da Ludovico Saladino, barone di Valguarnera, autore de' principi di Campofiorito, nel suo testamento celebrato in Palermo per l'atti di not. Antonino Corona a dì 3 luglio 2a Ind. 1619, e per cui si ha la facoltà di potere educarsi nel monastero di Saladino della città di Palermo a spese dell'eredità del summentovato testatore di Saladino duodeci nobili donzelle di lui consanguinee e con dovere queste poscia ottenere onze 200 per dote di loro monacato, che devono fare nel monastero di S. Chiara e a tenore dell'elezioni che ad esse vengono fatte dalli governatori del Monte della Pietà. Per conferma di tutto questo vedasi l'elezione di tal legato fatta a soro Placida Catarina di Vanni per l'atti di not. Antonino Vollari di Palermo a 2 dicembre 7a Ind. 1683.
Il legato poi di Parisi fu istituito da Lucrezia Marchese, vedova di Alfonzo Parisi, nel suo testamento sollenne publicato per l'atti di not. Giacomo Galasso di Palermo a dì 13 ottobre 13a Ind. 1584, in somma di onze 200, per monacato alle consanguinee più strette in grado di essa testatrice, tra le quali, mercè della Casa Bellacera, noveransi i signori Vanni e per essi i signori Emanueli.
Tenne esso marchese D. Francesco il governo della Compagnia della Carità di S. Bartolomeo col posto di ministro, che volgarmente dicesi "superiore", nell'anno 1750, e ne fu primo coaggiutore nel 1754 e 1766, 1771, 1772 e 1773.
Eletto videsi primo rettore dello Spedale degl'Incurabili di Palermo, che sta sotto titolo di S. Bartolomeo, per l'anno la Ind. 1752 e 1753, seguendosi appresso per gl'anni 6a Ind. 1757 e 1758 e 7a Ind. 1758 e 1759, 7a Ind. 1773 e 1774 ed 8a Ind. 1774 e 1775, come ancora fu eletto governadore e priore del prestame del venerabile Monte della Pietà di Palermo nell'anno 3a Ind. 1754 e 1755, come per atto di elezione registrata nell'ufficio di maestro notaro dell'ecc.mo Senato a dì 3 settembre 1754, nel di cui ufficio confermato egli venne la seconda volta per l'anno seguente 4a Ind. 1755 e 1756 e confermato per la 15a Ind. 1766 e 1767, e di bel nuovo riconfermato per l'anno la Ind. 1767 e 1768.
Fu alto sei palmi ed oncia una, bianco nel viso, ma di faccia bislunga, il pelo biondo, e gracile, delicato e snello di corporatura.
Impiegato intanto esso vedesi a menare per proprio istituto gl'intieri anni di sua vita negli onesti intertinimenti dello studio e nelle virtuose ricreazioni dell'uman vivere, acciocchè succhiassero i di lui figli, insieme col latte, l'acerbo della più sana educazione e l'esempio di un edificante ammaestramento, sullo riflesso di Virgilio, Aeneid., lib. 10, verso 371, f. 253 edit. Venezia 1688: Nunc prece nunc dictis virtutem accendit amaris, e far sì che a suo tempo i dolci frutti ne raccogliessero e serbare potessero que' risplendenti raggi che pel cammino pressochè di quattro secoli da' loro bisavoli han ricevuto, potendo a pelo adattarsi quell'eroismo dello stesso Virgilio posto in bocca ad Enea, Aeneid., lib. 2°: Disce puer virtutem ex me verumque laborem, fortunam ex aliis.
Il molle ozio adunque schivando, ha egli saputo cambiarlo nelle più curiose giovevoli ricerche di sua nazione, infino che venne una volta a capo di fornire la storia della Sicilia nobile, escita alle stampe in quattro tomi in foglio, e insieme con essa altri volumosi manuscritti ha fatigato di varia erudizione.
Oltre lo studio delle lettere umane ed erudite, ebbe il buon gusto di toccare leggiadramente lo strumento musicale del cembalo, nel quale però brevemente ci potè comparire, a causa che quasi giovine gli si indebolì notabilmente la vista degl'occhi.
È stato eletto, esso marchese Francesco, per uno degli otto censori dell'Accademia del Buon Gusto, solita adunarsi in Palermo, nel palazzo dell'illustre principe di Santa Flavia, Filingeri, nel dì l° aprile 1760, come si vede pella patente di detta Accademia speditali il dì 2 aprile sudetto, e vi fu anche censore per la seconda volta per patente del dì 17 marzo 1766 (pel biglietto di detta Accademia infilzato nel vol. 3° Nobiltà Emanuele, f. 229 retro), come pure in questo foglio di detto volume appare essere stato ascritto il riferito marchese Emanuele nelle altre Accademie di Palermo, sua patria, chiamate delle Belle Arti e Scienze e degli Agricoltori oretei (e al f. 291 del vol. 3° Nobiltà Emanuele vi si vede la patente in forma di accademico delle Belle Arti e Scienze in data de' 18 giugno 1761). Si vede pure col grado di censore di stampa nella dissertazione del tomo sopra le Doti del Forno e nella dissertazione del Burgio di S. Alberto carmelitano.
Onorato vedesi il suo nome, per la pubblicazione delle sue opere date alle stampe, nelle note del volume I delle Dissertazioni dell'Accademia palermitana del Buon Gusto, alla dissertazione preliminare del dr. D. Domenico Schiavo sopra le antiche Accademie di Palermo, pag. 39, ed anche nel tomo I, che ha per titolo Memorie della storia letteraria di Sicilia, parte 4, art. 17, f. 59, e nel tomo 2°, parte 3, art. 10, f. 168 e parte 4, art. 15, f. 227.
Commendasi parimente dal padre priore e regio istoriografo D. Vito Amico nel suo Lexicon topographicum siculum, pag. 13 in prefatione tomo I e f. 281 di detto tomo, parte I, Vallis Neti, come pure a f. 41 del tomo 2°, parte I, Vallis Mazariae. Lodasi parimente a f. 127, cap. Castania, f. 182, cap. Ceramis, e f. 229, cap. Furnaris del tomo 3°, parte I, Vallis Demana, cap. Turretta, parte 2 Vallis Mazariae.
Si consulti il padre Francesco Antonio Zaccaria nel tomo 10° della continuazione della sua Storia letteraria della Italia, ove al f. 332 del libro I, cap. 11, si trova l'estratto di detta Sicilia nobile con molti encomij fatti all'autor di essa. Si commenda anche, esso marchese Emanuele, a f. 444, cap. 2°, del tomo 11° di detto padre Zaccaria.
Vedansi gl'Atti di S. Lucia, opera postuma di monsignor Giovanni Di Giovanni, stampata nel 1758 per Pietro Bentivegna, e nell'epistola dedicatoria fatta al barone Francica dal conte D. Cesare Gaetani, a f. 121, fassi menzione del surriferito marchese di Villabianca e della sua famiglia Emanuele, note (a) e (b). In altra operetta di detti Atti di S. Lucia dello stesso conte Gaetani, stampata in Siracusa, 1760, per l'impressor Pulejo, si vede un elogio del marchese di Villabianca a pag. 6 epistola dedicatoria ed altro elogio se ne legge a pag. 9 epistola dedicatoria di un'altra operetta di detto signor Gaetani fatta per dissertazione sopra un idoletto di creta, stampata in Palermo pel Bentivegna, 1761.
Altre orrevoli note se ne scorgono nell'epistola dedicatoria di casa, che si ha nella vita del Servo di D. Giuseppe Veneziano, stampata dal riferito signor conte Gaetani in Siragusa nel 1766.
Si osservi il secondo tomo degli Opuscoli di autori siciliani, stampato in Palermo presso Pietro Bentivegna nel 1759, ove nell'epistola dedicatoria fatta dall'impressore al signor principe di Resuttano, Napoli, pag.11, si vede commendato detto marchese di Villabianca, Emanuele, per le erudizioni della sua opera intitolata La Sicilia nobile, come anche se ne fa menzione a ff. 100 e 333 del tomo 4° di detti Opuscoli Siciliani, 1760, e pure alla pag. 11 e al f. 11 del tomo 6° di detti Opuscoli. Lo stesso si trova a f. 341; nel tomo 20°, alla pag. 29 della prefazione; nel tomo 12° di detti Opuscoli viene lodato detto marchese, epistola dedicatoria, pag. 8; nel tomo 19° si vede lo stesso, epistola dedicatoria Filingeri; nel tomo 9° degl'Opuscoli siciliani, epistola dedicatoria di Casa Agliata, vi è lodata la stessa Sicilia nobile; nel tomo 11°, epistola dedicatoria di Casa Tomasi, viene citato Villabianca, e nel detto tomo vi è il suo elogio come autore di un opuscolo; nel tomo 7° di detti Opuscoli se ne vede un largo elogio specialmente in riguardo dell'opuscolo composto da detto marchese Francesco intorno agl'uffizij di Sicilia, che va inserto in detto tomo.
Citata vedesi la riferita opera della Sicilia nobile di detto marchese Emanuele in due luoghi del tomo 12° delle Memorie per servire alla storia litteraria, stampato in Venezia appresso Pietro Valvasente, 1758, a ff. 314 e 326 di detto tomo, e se ne vede un consimile elogio nelle Nuove memorie per servire alla storia letteraria, che si stampano novellamente in Venezia da Silvestro Marsini, anno 1760, tomo 3°, f. 313.
Il dr. Gaetano Sarri, autore, nel terzo tomo dell'Opuscoli di autori siciliani fa menzione della Sicilia nobile dello stesso menzionato marchese Villabianca, cap. 1, f. 4, come pure nel f. 11 della epistola dedicatoria e a f. 20 nel catalogo degl'associati. Nel tomo di detti Opuscoli hassene orrevol menzione a ff. 100 e 333 e nel tomo 5°, a pag. 17, epistola dedicatoria.
Commendasi con molto onore dall'autore delle Nuove memorie per servire alla storia letteraria d'Italia, il quale rapporta l'estratto ed elogio della di lui opera della Sicilia nobile, t. 4° in foglio, a f. 213 del tomo 2° di dette Nuove memorie letterarie, che stampa Silvestro Marsini in Venezia, 1759. E in questo prenarrato elogio di Marsini trattato vedesi il marchese Emanuele col titolo di eccellenza in stampa e di ragguardevolissimo barone del Regno di Sicilia.
È stato egli eletto diputato dell'Albergo generale de' Poveri della città di Palermo nel 1746 per biglietto di S. E. signor principe Corsini, vicerè, sotto il 1° febbrajo 1746, come pure nel 1761 gliene fu indossato il medesimo governo col grado di diputato governadore di detto Albergo dall'ecc.mo signor vicerè marchese Fogliani, con suo biglietto di secretaria de' 10 gennaio 1761 e ne fu confermato pell'anno 1762: vedasi il Torremuzza, capitoli Albergo, ff. 183 e 184.
Come accademico del Buon Gusto ed essendo attual censore di detta Accademia, recitò una dissertazione storica intorno agl'antichi giustizieri della Sicilia lunedì 20 luglio 1761, e per detto discorso si vede un sonetto fatto in sua lode. Altro discorso fu da lui recitato nell'Accademia del Buon Gusto il dì 1° settembre 1766, trovandosi anch'egli censore della medesima Accademia, e fu intorno all'antico ufficio di Gran Siniscalco della Sicilia. Recitò egli un terzo discorso nella medesima Accademia del Buon Gusto a 31 agosto 1767 sopra le memorie storiche dell'antico Gran Cancelliere di Sicilia. Notisi che nell'Accademia degli Ereini del detto principe di Resuttano, a 22 marzo 1772, domenica, dal detto marchese vi fu recitato un discorso storico critico sopra i simboli e l'armi d'insegna propria della Sicilia, e che pure, sotto li 3 agosto 1772, lunedì, esso marchese Francesco Emanuele fece la recita d'altro discorso sopra l'aquila palermitana nell'Accademia del Buon Gusto di Santa Flavia.
In occasione poi che il P. abbate D. Arcangelo Leanti diede alla luce la sua gratissima opera dello Stato presente della Sicilia, in agosto 1761, per la stamperia di Francesco Valenza di Palermo, si vedono alla pag. 11 della prefazione e a ff. 322, 342 e 356, capitolo 6°, tomo 2°, alcune note d'elogio della persona di detto marchese Emanuele, come ancora della sua opera che ha titolo di Sicilia nobile.
Questo marchese D. Francesco fu detto uno de' sedici confrati nobili della venerabile Arciconfraternita di S. Nicolò lo reale, ch'esiste in Palermo, fondata dentro li chiostri del venerabile convento de' padri conventuali del terzo ordine di S. Francesco d'Assisi, detto di S. Francesco li chiovara, da' quali si fa l'elezione di uno de' tre rettori dell'Opera di Navarro, come si vede ne' libri di detta venerabile Arciconfraternita e ne' capitoli della medesima, fatti nell'anno 1761 sotto il governo del marchese Salvadore Vigo, D. Giovanni Naselli e D. Antonino Fardella, rettori d'essa, e stampati in Palermo presso Francesco Valenza.
Eletto videsi quindi rettore di detta Arciconfraternita di S. Nicolò lo reale per gl'atti di not. Giovan Battista Lo Cicero di Palermo a 28 novembre 1762; altra volta rettore unitamente con D. Pietro Scasso e D. Corrado Lanza barone delli Supplementi a 17 febrajo 1765 per gl'anni 1765 e 1766 per detti atti di not. Lo Cicero; e la terza volta eletto rettore della stessa Arciconfraternita sotto li 5 febrajo 1775 per gl'anni 1775 e 1776 nell'istesse tavole di not. Andrea Lo Cicero. Per gli atti di not. Andrea Lo Cicero di Palermo, a 29 maggio 1779 fu eletto rettore di S. Niccolò lo reale per la quarta volta per gli anni 1779 e 80.
A dì 2 luglio 1761 fece egli monache le prime due sue figlie, chiamate in secolo Cassandra Maria e Rosalia Emanuele e Vanni, nel venerabile monastero di S. Maria delle Vergini di questa città di Palermo, ove esse si fecero professe l'anno appresso 1762, a 29 luglio, sotto li novelli nomi di religione di sor Maria Fede e di sor Maria Speranza. Si fecero questi monacati e professioni con molta sollennità e v'intervenne tutta la nobiltà di Palermo di cavalieri e dame.
Sotto li 19 febrajo 1772, mercoledì, si fecero monache professe nello stesso monastero di S. Maria delle Vergini di Palermo altre due mie figlie, chiamate in seculo Giuseppa e Dorotea Emanuele e Vanni, ed ora appellate co' i novelli nomi di religione Maria Carità e Marianna Emanuele. S'erano esse fatte novizie il dì 25 novembre 1770.
Nella tanto famigerata opera del Salmon che fa lo Stato presente di tutti i Paesi e popoli del mondo e nel tomo 24 di essa, ove hassi la descrizione e storia della Sicilia, vien commendata l'opera della Sicilia nobile di Villabianca, e se ne trova l'elogio al f. 127, cap. 6°, delle forze, costumi, ecc. de' siciliani. Il sacerdote D. Mercurio Teresi, nella sua Sicilia mariana, stampata in Palermo nel 1762 presso Francesco Valenza, tomo I, f. 68, cap. 3, paragrafo 2 e f. 90, cap. 3, cita con lode il marchese D. Francesco Emanuele per la sua opera della Sicilia nobile. Grandi encomij riceve detto marchese da mons. abbate Expillis Francesco nella sua Geografia manuense in 8°, a f. 79, pag. 21, impressa a Parigi, 1763.
Fu eletto dal vicerè marchese Fogliani per uno de' nobili deputati di Vicaria con suo biglietto di segretaria del dì 6 marzo 1757, e questo durante la vita di detto marchese Francesco Emanuele, il quale nel 1763 tenne la carica di primo assistente o sia coadjutore della Congregazione dell'Annunziata de' nobili di Casa Professa de' PP. Gesuiti nel governo del superiore di essa il principe di S. Lorenzo, D. Tommaso Oneto e Ruffo, così costando da un atto d'elezione de' superiori che si vede negl'atti di not. Raffaele Galici di Palermo a 1° di gennaro 1763. Quindi nell'anno 1765 fu eletto il nostro marchese D. Francesco superiore della detta Congregazione dell'Annunziata, come appare negli atti di not. Giuseppe D'Angelo di Palermo a 1° gennaro 1765.
Il Senato ecc.mo di Palermo si è servito dell'opera sua qual diputato di nobiltà per esaminare e rivedere l'incartamenti di nobiltà di natali di alcuni soggetti che han volsuto farsi dichiarare nobili da detto ecc.mo Magistrato affin di concorrere negli officij senatorij di Palermo, che però vedasi l'incartamento di D. Federico Estremola e Cangiamila, barone di S. Sebastiano, negli atti di maestro notaro di detto ecc.mo Senato e l'attestato di nobiltà concesso al suddetto di Estremola a 15 marzo 1763. Risultò esso marchese per gl'atti di not. D. Girolamo Sevasta di Palermo.
D. Francesco Emanuele fu uno de' rettori nobili della reale Arciconfraternita di S. Maria della Pinta e dell'Itria, la di cui chiesa si trova in questa città di Palermo presso porta di Castro; i suoi colleghi furono Biaggio Vignuales e Girolamo Calvello. Ne fu confermato rettore a 12 gennaro 1766 per un altro sessennio unitamente con D. Girolamo Calvello, presso gl'atti di not. D. Girolamo Sevasta di Palermo.
Esercitata videsi la pietà della marchesa sua consorte, D. Zenobia Vanni e Zappino, dal detto vicerè marchese Fogliani con suoi biglietti di secretaria, spedito l'uno a 26 novembre 1761 e l'altro a 19 marzo 1763, ad oggetto di raccorre limosine per sovvenimento de' poveri carcerati di Palermo, come anche delle donne allontanate dal peccato con altri biglietti del dì 16 marzo 1768 e dì 14 marzo 1770 e 2 dicembre 1770. Questa dama Zenobia Vanni fu tesoriera della chiesa delle Raccomandate delle dame di Palermo per l'anno 10a Ind. 1776 e 1777, così costando dall'atto di consegna delli denari e giogali della detta chiesa fattogli in not. Salvadore Mariano Palumbo di Palermo a 21 agosto 1776, nelle di cui scritture publiche si rinvengono molti altri attitati fatti dalla detta Emanuele e Vanni come tesoriera sudetta, e venne confermata nell'istessa carica per l'anno 11a Ind. 1777 e 1778 per atto in esso not. Palumbo sotto li 6 agosto 1777 e riconfermata per la terza volta per atto in not. Testaferrata.
Nell'anno l764 da detto marchese D. Francesco prodotta venne una novella composizione letteraria per le stampe di Pietro Bentivegna di Palermo, sotto titolo di Notizie istoriche intorno agli antichi uffizij di Sicilia e la dedicò egli al conte D. Cesare Gaetani di Siracusa, suo parente. Due capitoli di detta opera stampati veggonsi e colletti sono nell'ottavo tomo dell'Opuscoli siciliani, che vidde la luce in detto anno 1764, dal f. 3 sino all'88; il terzo capitolo della medesima opera, che appartiene al Gran Siniscalco, si trova al f. 167 e finisce al 240 del decimo tomo de' detti Opuscoli siciliani, stampati pel Bentivegna nel 1769.
Di questo marchese D. Francesco Emanuele e Gaetani ne appare una memoria lapidaria in una fonte publica del suo luogo magno di Cutò esistente nella campagna di Partinico, e l'iscrizione della detta lapide, che fu composta dal medesimo marchese, così fa leggere:
Sat facunda oleis, sat pomis terra referta
totaque frondosis vitibus arva virent
omnia quam belle! deerat si rivus aquarum
irriguis decorat fontibus Emmanuel.
Anno Domini 1764.
Il cennato podere di Cutò, unitamente colli territorij di Partinico aggregati ad esso ed all'Albaciara, antica possessione di Casa Emmanuele, nominati di Garofalo, della Magna e Ramotta, furono acquistati da questo marchese Francesco Maria Emanuele e Gaetani, cioè il luogo di Cutò nel 1753, l'altro di Garofalo nel 1747, quello della Magna nel 1748 e della Ramotta o sia Bracco Soprano nel 1751, così costando da i libri di casa e dall'assenti de' detti luoghi e territorij, alli quali si rimette il leggitore, e con particolarità poi dall'infrascritti versi latini, composizione che sono dell'istesso surriferito marchese del 1775:
Tertius Emmanuel Franciscus marchio quartus
Magnam quaesivit Garofalumque quoque
quibus adjunxit Cutodis feuda, Ramottae,
sic praestans libris sat bona lata suis.
Is est qui Siculas urbis Regnique per orbem
scriptis res procerum nobiliumque dedit
o in altro modo:
Magnae, Cutodis, Ramottae, Caryophylli
jus sibi Franciscus comparat Emmanuel.
Quis neget hoc magnum? venim praestantius illud
quod fert de sicula nobilitate decus.
Questo marchese D. Francesco fu eletto governadore del Monte della Pietà di Palermo dall'ecc.mo Senato il dì 2 settembre 1765 per l'anno 14a Ind. 1765 e 1766, ed ebbe il ripartimento del governo de' monasterij per la terza volta. Vi fu confermato per l'anno seguente 15a Ind. 1766 e 1767 il dì 25 agosto 1766, sortito avendo il ripartimento delli medesimi monasterij. Vi seguì finalmente confermato con raro esempio per l'anno 1a Ind. 1767 e 1768 nella deputazione delle liti.
A 9 febrajo 1766 il signor principe di Resuttano, D. Fiderico Napoli e Montaperto, mi diè l'onore di ascrivermi tra 'l novero de' suoi accademici dell'Accademia de' Pastori ereini, che fiorisce sotto i suoi auspicij ed ha luogo fisso nel suo palazzo in Palermo, con il nome di Polidamante Neseo, e come meglio per la patente data in Palermo detto giorno 9 febrajo 1766. L'anno 1773, per patente de' 9 gennaio, vi risultai uno de' critici, o sia de' censori, di detta Accademia.
La sua opera della Sicilia nobile commendata viene dall'abbate D. Gioachino Drago nelle note ed elogij di mons. Giovanni Paternò, del P. Ottavio Gaetano, D. Carlo Ventimiglia, Antonio Panormita, D. Mariano Valguarnera. Nella Dissertazione della patria di S. Alberto carmelitano fatta da Nicolò Burgio viene citato il Villabianca, a f. 70, parte I, cap. 5.
Pelli servigij prestati al publico di Palermo da questo marchese Francesco Emanuele e Gaetani, vedansi primieramente li mutui da esso fatti al venerabile Monte della Pietà di detta città, cioè di onze 1700 a febrajo 1766.
Pella ricorrenza di dover partire il duca D. Pietro Alliata, protonotaro della Camera reginale di Siracusa, pe' stati di Villafranca, e così essendo egli fuori di questa capitale, il marchese vicerè Fogliani, a relazione di esso duca, mi ha eletto protonotaro di detta Camera interino durante l'absenzia di esso Alliata, e questo in virtù di atto viceregio per l'atti di detto officio di protonotaro reginale li 17 maggio 1766. Portai quindi la detta carica dal riferito giorno 17 maggio per tutti li 26 giugno 1766, perchè in tal giorno fece ritorno in Palermo il surriferito di Alliata, protonotaro proprietario.
Il signor barone D. Agostino Forno, nella sua orazione encomiastica pel titolo di regio istoriografo di Sicilia conferito all'abbate D. Arcangiolo Leanti, stampata in Palermo pel Bentivegna l'anno 1766, fa degna commemorazione della Sicilia nobile del nostro Emanuele, a ff. 7, 8, 9 e 23, e anche nel tomo primo delle Prose volgari, ff. 98, 99, 100 e 114. E lo stesso signor barone Forno ce lo commenda alla pag. 65 della sua Dissertazione sopra le doti de' maritaggi, stampata pel Bentivegna in Palermo nel 1772.
Correndo l'anno 1767, sotto li 8 gennajo, prescielto videsi esso marchese D. Francesco Maria Emanuele dall'ecc.mo monsignor arcivescovo di Palermo D. Serafino Filingeri per prorettore del venerabile monastero di S. Caterina del Cassaro per li tre anni di governo del terzo priorato della signora madre D. Angiola Giovanna Alliata e Gaetani, come per atto di elezione negl'atti dell'uffizio di maestro notaro della Corte arcivescovile di Palermo li 8 gennajo 1767.
L'anno 1764 fu apposta lapide marmorea con iscrizione dietro le mura delle case dell'Albaciara, feudo di mia Casa in Partinico, in memoria della novella strada di noci, ch'è stata nobilmente eretta da me, Francesco Maria Emanuele marchese di Villabianca, per servire di comunicazione colle mie case di Cutò, e in questa tabella così leggiamo, composizione debole di me sudetto:
Quae modo frondosis nucibus via clauditur, unde
mollis ab arboreis gignitur umbra comis
laetior, et duplices necteris pro finibus aedes
majus ab Emmanuel nomen adecta suo est,
sic tibi jam fesso requiem dabit umbra viatori
utraque et hospitium proxima villa dabit.
Anno Domini incaluit 1764.
Si vede inoltre scritto in un scudo nelle case dell'Albaciara: Est recta juxta rectitudinem Domini.
Nella pittura poi di contro della cennata strada fatta nelle case di Cutò si legge, scritto in un suo lazzo: EccEMANUELicimus plantas frondesque perennes.
Tutti gli elogij e composizioni encomiastiche che da molti letterati sì di Sicilia che di là da' monti vengon prestati a questo marchese Francesco Maria Emanuele e Gaetani vedasene la raccolta nel volume 3° di Nobiltà Emanuele, f. 104.
L'anno 1768 il nostro marchese Francesco Emanuele fu annoverato tra gli accademici degl'Industriosi dell'Accademia enguina, cioè di Gangi, per patente di detta Accademia in data de' 6 marzo 1768.
Vien egli commendato dal principe di Torremuzza, Gabriele Lancellotto Castello, nella sua erudita opera in lingua latina De Siciliae veterum inscriptionibus, stampata in Palermo presso Gaetano Bentivegna in foglio, classe 14a, pag. 188, parte 2a, colle seguenti parole: Quametiam in elaboratissimo opere quod anno 1754 et seq. Panormi edidit Franciscus Emmanuel marchio Villae albae cui titulus Sicilia nobile ecc.
Ebbe fatto l'onore dal senatore D. Vincenzo Parisi di ristampargli nelli novelli Capitoli del Monte della Pietà di Palermo in foglio, del 1768, la sua cronologia delli governadori del Monte, ch'è parte della sua Sicilia nobile, parte 3a, libro I, t. 4, f. 151.
L'anno 1770 ottenne egli breve pontificio di Roma, della data del dì 30 luglio 1770, esecutoriato in Palermo a 18 settembre 4a Ind. 1770 nella Corte arcivescovile, accordandosi la facoltà alle due marchese di Villabianca, Gaetani e Vanni, sua madre e moglie, di potere entrare due volte l'anno nella clausura del venerabile monastero di S. Maria delle Vergini in Palermo.
Fu, detto nostro marchese Francesco Emanuele e Gaetani, uno de' primi deputati e fondatori del Ritiro di donzelle disperse sotto titolo del SS.mo Cuore di Gesù in Palermo, per biglietto del signor vicerè Fogliani dato in Palermo a 4 maggio 1771. I suoi colleghi in questa sudetta deputazione furono il principe di Palagonia, il marchese Gregorio, le principesse di Cutò, di S. Caterina e di S. Lorenzo, Giovan Battista Paternò, presidente egli del Concistoro, Antonio Di Napoli, maestro razionale del Patrimonio.
In quest'anno 1771, nel mese d'agosto, ridusse egli in migliore stato la sua casa grande di Piedigrotta in Palermo con fabriche di novelli archi, con ampliazione di cortili e con altri magnifici abbellimenti. In memoria di tali opere vi fu posta la sottoposta lapide marmorea colla seguente leggenda, giusto in fondo al cortile che guarda la porta maggiore della detta casa affaccio la marina: Refecta, ampliata, ornata Francisci M. Emanuele IV beneficentia 1771.
Nelle notizie letterarie che nell'anno 1772 ha intrapreso lodevolmente regalare al publico il dotto P. abbate D. Giovanni Evangelista Di Blasi sotto il nome del raccoglitore Andrea Rapetti, vi si vede un elogio del nostro marchese Francesco Emanuele, e in seguito, a f. 3 del t. 1, un estratto letterario dell'opuscolo del Gran Cancelliere di Sicilia, che nell'anno decorso 1770 venne stampato da detto marchese di Villabianca dentro il tomo XI degli Opuscoli siciliani.
Oltre alle opere letterarie mandate alla publica luce da questo marchese Francesco Emanuele, dee sapersi che ce ne ha egli lasciate altre non poche e che sotto il titolo di manuscritti letterarij di Villabianca corrono per le mani de' letterati, presso i quali riescon pregievoli di molto e a segno tale che forse in appresso qualcheduno tra essi sortirà l'onor della stampa.
In più d'una delle cappelle reali che si sono celebrate in Palermo dalli signori vicerè vi ha funzione il sudetto marchese D. Francesco Emanuele, con sedere nelle sedie de' titoli qual'uno de' titolati del Regno: al duomo ne fu la prima il dì delle Ceneri del 1749, invitatovi dal principe di Palagonia, Gravina; nella chiesa di Casa Professa degli espulsi gesuiti la festa di S. Ignazio di Lojola del 1763 vi sedette egli seguendo il principe di Linguagrossa, Bonanni; nella chiesa della cappella regia di S. Pietro di palazzo vi fu invitato a seder con lui il secondo venerdì di quaresima del 1767 dal principe di S. Caterina, Giardina; nella medesima cappella di S. Pietro vi fece la stessa funzione la terza domenica dell'Avvento del 1769, seguendo il principe di Resuttano, Napoli; nella chiesa di S. Giuseppe dei Teatini vi ebbe esso luogo tra i titolati nella cappella reale tenutavi a 10 agosto 1773 per la beatificazione di cardinal d'Arezzo, Paolo Burale, accompagnando il principe di Palagonia, Gravina; col sudetto principe di Palagonia sedette egli da titolato nella cappella reale del dì 21 febrajo 1779, prima domenica di quaresima, tenuta nella chiesa reale di S. Pietro di palazzo, siccome nell'altra tenutavi a 18 febrajo 1779.
Memorie lodevoli e iscrizioni che si ritengono per il marchese Francesco M. Emanuele e Gaetani, terzo di questo nome.
Delli due ritratti principali di casa, pittati dal cav. Antonino Manno:
Franciscus M. Emanuele e Gaetani Vanni Agliata et de Bononia ex Burgij Millusij priscis comitibus, feudorumque Borgetti, Culcasij et Cristani, marchio Villae albae ac Castri Mazariae dominus et baroniae Merchae suaque in domo aequisitor inclytus novis pro bonis junctis avitis, patricio genere Panormi exortus, bonoque Patriae pro sese natus ac simul omnibus omnia factus, hic urbis principis incessit senator et inter PP. CC. recensitus iterum sub annis criticam rem contingentibus 1775 et 1776, post fata scilicet urbis infesta praelapsi anni 1773, perquae senatores ex magnatibus Regni seligi dispositum, sumpto per antea longo regimine magistratuum omnium urbanorum pluries. Panormi coeterum prothonotarius Camerae reginalis Syracusarum anno 1766 et secundus vir prior Regalis Curiae de Consulatu commercij terraque marique anno 1779. Salutatus cum fuerit post gestam publicae salutis curam anno 1776 vice et voce Principis auctus, tunc ibi incaluit primus in Sicilia concessionarius ex Ferdinandi III regis diplomate anno 1779 tituli et decoris pulchri fortis comiti captata regia jugiter gratia de se appellando belle de Patria deque tota Sicilia optime meritum. Vir paene omnimodo scientiarum eruditione doctus, suarum rerum notione doctior, panormitana siculaque historia doctissimus. Per libros editos ubique clarus, factusque urbis decus et orbis post vitae cursum per annos… fortiter semper sancte ductum non sibi sed Patriae suisque, obiit anno… die… mense… a viris principum diu lamentatus Trinacria tota comitante in funerando virtutes, Panormi… quo modo nobiles servantur cineres.
Un altro ritratto se ne vede nella Compagnia della Carità, riposto nel luogo de' superiori di detta Compagnia. La pittura de' detti ritratti è di D. Antonino Manno, valente pittore palermitano.
Un altro se n'erge nelle case e torre del luogo magno dell'Albaciara, col seguente elogio:
Magnae, Cutodis, Ramottae, Caryophylli
jus sibi Franciscus comparat Emmanuel.
Feuda inde ex atavis quae umbrabat lis rapere ausa est.
Bellavit, vicit, sacra redegit ea.
Quis neget haec magna? at quanto plus grandia in illis
quae ad Patriae cultum prodidit historiae.
Vivente essendo questo marchese Francesco M. Emanuele e Gaetani, gli venne fatto l'onore da i suoi parziali letterati di consacrarvi, ancor vivente, delle monete e medaglie coniate in oro, argento, in rame, in bronzo e in altro metallo nell'anno 1771 in Palermo.
Sul ritto leggesi, attorno l'effigie di detto marchese, vestito d'armi bianche: Franciscus Emanuel marchio Villae albae IV aetatis ann. LI. Sul rovescio, una corona d'alloro riempita dal seguente elogio: Non habuit virtus pignus amabilius viventi adhuc cusum Panormi. Anno MDCCLXXI. Di questa ne corrono cinque in rame.
Questa medaglia gli venne fatta dietro a quell'altra che gli era stata formata dall'universo della Sicilia in grazia dell'opera della Sicilia nobile da lui stampata nel 1754. Di questa medaglia ne corrono in oro, argento e in rame. Sul ritto di questa medaglia leggesi: Franciscus Emanuel marchio Villae albae IV. Viro benemerenti Sicilia universa dedicat. Sul rovescio vedesi: Sciens de Patria pro Patria dilexit faman. Di sotto vi sono una tromba e un ramo d'ulivo come simbolo della fama, Panormi 1754. Di questa ne corrono cioè due in oro, quattro in argento, dieci in bronzo e una in stagno.
E appunto in quest'anno sudetto 1754 videsi anche in onore di questo marchese Francesco Emanuele e Gaetani la moneta in rame secondo la qui espressata figura. Di questa medaglia ne corrono sedici in rame. Sul ritto si legge: Franciscus marchio Villae albae IV Emanuelium familiae princeps. E questa è la leggenda del rovescio: Urbis et Trinacriae non tenuis jubar, Panormi 1754, che vuol dire: "Lume non piccolo della città di Palermo e della Sicilia". L'aquila è il simbolo di Palermo; le tre gambe sono le figure della Sicilia.
Nell'anno 1773, cioè in tempo de' moti popolari di Palermo, il marchese Francesco Emanuele fu fatto uno de' capirondi delle mastranze, sortito avendone il biglietto del pretore, principe del Cassaro, a 26 settembre 1773.
Vien lodato da D. Gaetano Agate, buon letterato e valente poeta, con 58 stanze di ottave rime siciliane, sì per rapporto alla sua nobiltà di natali che al ragguardevole grado di sua letteratura.
Nell'orazione fatta ne' funerali di D. Giuseppe Iurato dal P. Pietro Liuzzo, crocifero, e stampata pel Valenza in Palermo nel 1774, al foglio 40 e 41, viene citata l'opera Sicilia nobile del marchese di Villabianca.
Essendo uscita dalle stampe del Rapetti in Palermo nel 1775 un'apologia della città di Palermo contro gli raccoglitori dell'opera vastissima dell'Enciclopedia, autore il p. priore D. Salvadore Di Blasi sotto il nome anagrammatico di Basilio de Alustra, in corpore di quest'opuscolo viene commendato il marchese Francesco Emanuele di Villabianca per la sua letteratura e per le sue opere date alla luce, alle pagine 46, 52 e 54. Quest'opera ha il titolo: Esame dell'articolo di Palermo.
Nell'anno 1775, a 2 febrajo, per gl'atti di not. Giuseppe Sevasta di Palermo, eletto videsi uno de' tre rettori della pia Opera di Navarro il marchese di Villabianca, Francesco Emanuele, dalli rettori e confrati dell'Arciconfraternita di S. Maria la Pinta dall'anno 1775, 1° settembre, innanti per tre anni. Fu fatto rettore per la seconda volta di Navarro in not. Giuseppe Sarcì di Palermo a 24 febrajo 1789, eletto dalla chiesa della Nunziata.
1775, 18 febrajo. Fu opera e benfatti di questo marchese Francesco le memorie, l'armi e li nomi esposti in pittura di otto quadroni, che la prima volta si spinsero nella saletta dell'ospedale di S. Bartolomeo in Palermo, di cui era rettore detto di Emanuele. Della detta opera dello spedale di S. Bartolomeo ne publicò poi detto marchese Emanuele la serie cronologica delli rettori e spedalieri dall'anno 1541 sino al 1775, tomo 1 in 4°, stampato in Palermo per D. Gaetano Bentivegna l'anno 1775.
In quest'anno ancora 1775, pelle medesime stampe del Bentivegna in Palermo, uscì la nuova sua opera, t. 1 in foglio, sotto il titolo di Appendice alla sua Sicilia nobile, nel quale si contengono le susseguenti investiture e la storica continuazione de i titoli di principi, duchi, marchesi e conti del baronaggio del Regno di Sicilia, stampata detta opera interamente a spese di detto autore, marchese di Villabianca, e dedicata dal medesimo al novello vicerè, principe di Aliano, Colonna. La prefazione di quest'opera appare fatta dal dotto letterato barone Agostino Forno.
L'anno pure 1775, 13 febrajo, nell'Accademia del Buon Gusto fu recitato un discorso sopra l'uffizio del Gran Camerlengo del Regno dal detto marchese Francesco Emanuele.
Nel 1775, essendo uscite dalle stampe di D. Francesco M. Pulejo di Siracusa le odi di Anacreonte e di altri poeti buccolici greci tradotte in rime italiane dal gran letterato conte Cesare Gaetani, furon queste dedicate dal detto nobile autore al marchese di Villabianca, Francesco Emanuele, dandogli il titolo seguente: Al virtuosissimo e dottissimo signor marchese Francesco Emanuele e Gaetani di Villabianca.
Nella Vita di Federigo II aragonese, re di Sicilia, scritta da mons. Testa, arcivescovo di Monreale, opera sua postuma in foglio, stampata in Palermo pel Bentivegna, 1775, alla pag. 131, si ha un elogio della persona di me, marchese di Villabianca.
Presso gl'atti di not. D. Michele Tamajo di Palermo, a 24 aprile 1775, fu da me, Villabianca, rinunziato l'ufficio di rettore titolato dello spedale di S. Bartolomeo l'incurabili di detta capitale.
Nel tomo 3° de' Capitoli del Senato di Palermo, a f. 356 della edizione del 1768, vien segnato il marchese di Villabianca colla carica d'uno de' governadori del Monte della Pietà di Palermo nell'anno 1768.
Pel novello saggio sistema intrapreso dal Governo di Sicilia in seguito degl'ordini reali di eliggersi li senatori della città di Palermo non altri che persone cospicue, autorevoli e figli di magnati, tenendosi in considerazione li tempi critici del 1775, dietro alle passate rivolture popolari di Palermo del 1773, fu eletto il marchese di Villabianca, Francesco M. Emmanuele, per uno de' senatori di detta capitale nella sede dell'anno 9a Ind. 1775 e 1776, dispensandosi nella sua persona alla preminenza goduta dai titolati del Regno di venire esenti dagl'officij di senatore, e molto più dai marchesi di Villabianca, che pel corso d'un secolo e mezzo mai sono stati pregiudicati nella collazione di detto officio, abilitati solo restandovi i loro cadetti. Gli abbassò il biglietto di sua elezione per via della Segretaria di Stato di questo Regno sotto li 13 giugno 1775. Il senato di questo marchese di Villabianca fu considerato un senato molto rispettevole, primo senato dopo il tumulto, ed incontrò il piacere ed approvazione universale.
Dal sacerdote Carlo Santacolomba, autore di una novella opera data alla luce pel Rapetti in Palermo nel 1775 in 4°, sotto titolo di Educazione della gioventù civile per li figlioli dispersi, vien commendato questo marchese Francesco Emanuele pelle sue opere letterarie mandate fuori, a ff. 152 e 153 del capitolo 4°.
Col nome di Eumelane di Burgio Millusio fu fatto pastore di Fonte di Aretusa della città di Siracusa, come per patente accademica a f. 129 del vol. 5° Nobiltà Emanuele.
Come senatore di Palermo, trovandosi detto marchese di soggiorno ne' suoi predij di Partinico per le vendemmie tra l'ottobre del 1775, gli fu appoggiata dal signor vicerè Colonna, Stigliani, col consiglio della Deputazione generale di salute di questo Regno, una commissione di dovere prendere le informazioni, processare e riferire alla detta E. S. sopra un delitto di seminerio e macerazione di canape commesso da Antonio Ferrara, sortito avendo per detta causa una potestà ampiissima coll'onore del vices et voces nostras, non solo da esercitarsi in Partinico, ma anche in tutto il Regno, non altrimenti del trattamento solito darsi alli commissarij e vicarij generali, e come meglio va a rilevarsi dal dispaccio viceregio segnato in Palermo li 17 ottobre 1775. Tutte le scritture delli processi, informazioni, testimoniali, consuete si conservano e rinvengonsi in un volume apparte, che ha titolo di Commissione generale viceregia del marchese di Villabianca eseguita in Partinico l'anno 1775.
La sua nota opera della Sicilia nobile viene citata dal sacerdote Onofrio Iudica nella sua opera De officiis divinis Ecclesiae panormitanae, f. 410, lib. 4, cap. 4°.
A 11 febrajo 1776, domenica, vien sbussolato detto marchese Francesco Emanuele per rettore della reale Arciconfraternita di S. Maria l'Annunziata delli spersi di questa capitale dalli confrati della detta chiesa, in compagnia del maestro razionale Giovanni Naselli e di Giovanni Mataplana, ex senatore. L'atto di elezione si ha nelle tavole di not. Francesco Tugnini di Palermo a 11 febrajo sudetto 1776. Fu confermato per il 1777 (atto in not. Tugnini a 2 febrajo 1777).
Fra il marzo 1776 raccolsi io, marchese di Villabianca, e terminai l'opera di nobilitare li 29 tomi del Ceremoniale del Senato eccellentissimo di Palermo, manuscritti, delli banditori Perini, Alons e De Franchis, dedicandoli al detto eccelso Magistrato, come si vede in ogni frontispizio dato in stampa de' detti tomi.
Il nome di me, sudetto marchese di Villabianca, a gloria dell'autori degli onori, inciso vedesi nella tabella marmorea del Monte della Pietà ch'esiste nell'officina del prestame, che comincia Laetamini pauperes ecc., 1755, che sta registrata a f. 41 de' Capitoli di detta Opera del Monte dell'edizione del 1768; e anche nella novella parocchia del Borgo della chiesa di S. Lucia, che comincia Divae Mariae de Monteserrato nel 1776; siccome pure nella lapide a Piedigrotta della fonte di S. Rosalia, che comincia Fontes hic rigui, e nella lapida della Libreria publica del 1775. E sappisi come le sudette tre iscrizioni furono composte da me, sudetto Villabianca, trovandomi io attuale governatore del Monte nel 1755 e senator di Palermo nel 1776.
Nell'anno 1776 fui annoverato io, sudetto Francesco Emanuele, tra gli accademici de' Scientifici Agricoltori, de' quali è novello mecenate il duca della Ferla, Tarallo, fondato avendone detto cavaliere l'Accademia nella terra di Partinico l'anno sudetto 1776. Di Elerico Triseldo è il mio nome accademico.
Nell'anno 1776 fui confermato senator di Palermo io, marchese di Villabianca, per l'anno 10a Ind. 1776 e 1777, sortito avendone il real biglietto a 3 ottobre 1776.
La tabella senatore posta nella scala della Biblioteca publica di questa capitale, fondata in Casa Professa del fu Gesù nell'anno 1775, publica il nome di me, sudetto marchese Villabianca, decorandolo col grado di senatore. Così comincia la detta iscrizione: Bibliothecam publico literarum commodo.
Sotto la data de' 14 ottobre 1776, fatta nella città di Messina, gli accademici Periclitani di detta città mi mandarono la patente di uno de' loro socij, dandomi il nome di accademico distinto.
A dì 5 gennaio 1777 mi fu conferito l'onore dagl'accademici de' Pastori ereini di Palermo d'essere io uno de' critici per la seconda volta di essa Accademia.
Per la mia opera, grazie al Dator d'ogni bene, fu mio parto e composizione la carta novella della pianta geometrica della città di Palermo colle note ed erudizioni riguardanti sua antichità e tutte le altre sue prerogative. Venne ella designata dall'ingegnero regio Nicola Anito ed incisa poi videsi dal virtuoso D. Giuseppe Garofalo. Costò la spesa di onze 72, inclusivi li rami e tutt'altro che bisognò per la carta e stampa, la gran parte uscite dalla cassa del Senato di Palermo, e ciò fu il motivo che da me istesso, Villabianca, che ne fui autore, sia stata dedicata all'accennato Senato eccellentissimo, trovandomi io in esso uno degl'attuali senatori per la seconda volta sotto li 12 febrajo 1777, e come meglio per la detta pianta, conservata a f. 11 del vol. IX de' miei Diarij palermitani. Il Senato quindi ne regalò più di duodeci consimili alla Maestà de' sovrani e a' capi di Corte e ministri della Real Corte di Napoli, fregiandoli con tartaruche e con bastoni di prezioso legno stesi su rasi di seta e su tele finissime; ond'è che dalla Maestà del re pervenne in risposta al Senato una lettera di Corte del marchese della Sambuca, primo ministro di essi sovrani, della data de' 20 luglio 1777, colla quale si fonda l'accettazione e gradimento di questo dono.
Dal celebre letterato conte D. Cesare Gaetani vien dedicata al nome, sebbene debole, di me, marchese di Villabianca, la dotta leggiadra sua opera delle odi di Anacreonte tradotte in rime italiane, pelle stampe di Francesco M. Pulejo di Siracusa l'anno 1773, e nella dedica fattami mi fu prestato l'onor del ritratto di mia persona. Un altro gran rame del suo ritratto corre per le stampe inciso in foglio dallo stesso virtuoso D. Giuseppe Galofaro.
Per un biglietto reale e viceregio della data di Palermo de' 19 luglio 1777 viene decorato il marchese di Villabianca come uno degli individui componenti il Senato di Palermo, con attestati molto onorevoli del Real Padrone a proposito del buon governo ed amministrazione civica fatta dal detto Magistrato negl'anni 1775 e 1776.
Il padre D. Gioachino Monroy, decano cassinese de' principi di Pandolfina, sotto il nome anonimo di un Solitario, nella Vita del fu monsignor del Castillo, stampata in Palermo per D. Giuseppe Epiro sotto l'anno 1777, fa lode a me, marchese di Villabianca, colle seguenti parole, a f. 4, t. 1: Chi mai va premurato delle minute notizie d'una famiglia che ha ereditato in patrimonio, assai più che ricchezze, l'onestà, il decoro, la virtù, il buon costume, potrà nell'opera insigne e faticosa del sempre chiaro ed eruditissimo signor marchese di Villabianca, D. Francesco Emanuele e Gaetani, appagare sue giuste brame.
L'anno 1777 detto marchese Francesco M. Emanuele e Gaetani fu nominato accademico de' Pastori Ereini Imerei della città di Caltanissetta, per patente speditagli dal barone di S. Nicola, Gaspare Genovese, corifeo di detta Accademia, a 10 settembre 1777.
Da lui fu data alla luce tra 'l mese di luglio del 1778, pella stamperia del Bentivegna, in piazza Bologni, la storia della pia Opera di Navarro, che ha titolo di Memorie storiche di detta Opera, tomo uno in foglio. Trovavasi rettore, detto marchese, di Navarro, e perciò gli fu luogo di fare a detta Opera questo serviglio. Questa storia viene illustrata di pregevoli rami, e 'l suo manuscritto, ch'è arricchito di citazioni di scritture publiche che non si poterono portare in stampa, si trova a f. 4 del vol. 33 di mie Erudizioni.
L'abbate Francesco Carì, nella sua Orazione funebre del principe di Carini del 1778, fa onore alla mia persona, citandomi la mia Sicilia nobile alla pagina 7.
Per gl'atti del maestro notaro dell'ecc.mo Senato di Palermo, sotto li 10 giugno 1778, fui eletto dal detto ecc.mo Magistrato in un de' rettori e deputati della pia Opera di S. Rocco, ch'è conservatorio di orfanelli in Palermo. Vacava tal carica per la morte del fu duca Matteo Lucchese.
Dall'Accademia letteraria de' Pastori Etnei della città di Catania fu fatto onore alla persona di me, marchese di Villabianca, di ascrivermi nella loro unione in grado di accademico col nome particolare di Nicandro Oretino, dal nome del fiume Oreto della città di Palermo, mia illustre patria. Tanto rilevasi dalla patente originale che m'inviò il signor principe di Biscari, Ignazio Paternò Castello, mio amico, della data de' 25 agosto 1778 nella detta città di Catania.
L'uguale onore mi venne fatto nell'anno stesso 1778 del dì 6 settembre dagli accademici della città di Termini, ascritto avendomi alla loro Accademia, del titolo della Colonia Ereina Imerese, col nome di Aristeo Croatico, come per patente della data enunciata di sopra.
Dal detto medesimo di Villabianca, l'anno 1778, tra 'l mese di decembre, publicata vedesi in rame la pianta topografica della novella Villa Giulia o sia del popolo, piantata nella gran pianura di S. Erasmo, alla marina di Palermo, effigiata in punto di veduta coll'alzata in ogniuna delle sue parti. Al quale poi di Emanuele fu fatta fare la figura insieme di mecenate della stessa opera a causa d'averne volsuto l'incisore fare la dedica al di lui buon nome, come persona egli di famiglia del di lui servigio, chiamato Ignazio Pocorobba.
L'anno 1779 eletto venne il marchese di Villabianca, Francesco M. Emanuele e Gaetani, dalla Maestà del Re nostro signore in console nobile priore del Consolato di mare e terra e commercio della Corte residente in Palermo, per patente e cedola reale della data di Napoli del dì 8 aprile 1779 e delle lettere corrispondenti viceregie e magistrali del Supremo Magistrato del Commercio della data di Palermo de' 26 maggio 1779.
Dal sacerdote Giuseppe Benincasa, nella sua Dissertazione sull'origine e stemma della città di Termini, viene citata l'opera letteraria di esso marchese di Villabianca, sì del titolo de' Sette Uffizij di Sicilia che nella sua Sicilia nobile, a ff. 17 e 47.
L'anno 1779, sotto il dì 30 agosto, fu ricevuto da esso marchese di Villabianca, Francesco M. Emanuele e Gaetani, un biglietto di Segretaria della data de' 27 di detto mese di agosto, per cui gli fu dato l'avviso della concessione di un titolo di conte in Regno fatta al detto marchese pro se et suis dalla Maestà del Re Ferdinando III Borbone, nostro signore, e spedita in Napoli a 14 agosto sudetto 1779, come pel biglietto sovra accennato. Or, in questa appunto concessione di contea si compiacque il benigno sovrano commendare di molto la persona di esso di Villabianca, non solo pel capo della nobiltà de' suoi natali mercè le famiglie paterna e materna, Emanuele e Gaetani, quanto per gli uffizij di senator di Palermo e de' posti nobili urbani da lui sostenuti sempre con lode, e per le stampe insieme delle sue opere date alla luce in tante materie storiche, con tanto vantaggio della nazione siciliana. Il maggiore e più pieno elogio, però, che si ravvisa nel detto real diploma è quello appunto di venire egli appellato dall'istesso monarca col titolo tanto giocondo a' buoni cittadini di deque Patria, deque tota Sicilia optime meritus, vale a dire col titolo di Padre della Patria.
Venne fatto quindi dal detto marchese il pagamento della mezzannata alla R. Corte nella somma di onze 30 per partita di Tavola de' 13 gennaio 1780. Di più, di detto appunto real diploma di Corte, ben è sapere, ne corrono da per tutto le stampe publiche colle versioni del latino nel toscano idioma presso la stamperia del Bentivenga in Palermo l'anno 1780 in fogli in 4°, e le lor copie rinvengonsi in tutti i dieci volumi di Nobiltà Emanuele.
Il nome di questo marchese, conte novello Emanuele in Regno, Francesco M. Emanuele, va riposto tra 'l luogo illustre de' benefattori della pubblica Libreria di Palermo a f. 22 della orazione di D. Tommaso Angelini attinente alla detta Biblioteca, stampata pel Bentivenga in Palermo, 1780.
Fra 'l settembre del 1780 uscì da' torchij di D. Gaetano Bentivenga sudetto, impressore in piazza Bologni, un'opera letteraria in foglio contenente la storia di Casa Emanuele di Sicilia, derivata dall'Emanuele di Spagna e del Portogallo, che prende origine reale. Porta ella il titolo di Elogij e tavole genetliache critico-storiche de' i marchesi conti Villabianca co' loro padri e antichi progenitori. Il suo autore è anonimo, e tuttavia egli è lo stesso sudetto marchese Francesco Emanuele, che colla detta opera ha inteso scrivere de sua familia et de rebus suis.
Nel 1780, 25 luglio, per patente dell'Accademia de' Vaticinanti di Marsala fu fatto accademico esso marchese Emanuele di detta Accademia.
Nel 1780 sudetto fece egli acquisto de' legati di Bavera Manganelli per la sua famiglia, avendone ottenuto sentenza favorevole nell'atto di elezzione di essi legati fatto per gli atti di not. D. Girolamo Lionti di Palermo a 27 settembre 14a Ind. 1780. E notisi che per superare questa pertinenza fu esso marchese nella dura necessità di litigare quattro anni col duca Ficì e marchese Milo e dovuto fare una pruova di scrittura pubblica di trecento anni.
Nel sudetto anno 1780 parimente, sotto li 23 novembre, si fecero monache nella badia di S. Maria delle Vergini dell'ordine di S. Benedetto della città di Palermo le ultime figlie di detto marchese, cioè la quinta e la sesta, chiamate Rosaria Emanuele e Vanni, nata in Palermo a 29 ottobre 1756, ed Anna Michela Emanuele e Vanni, nata in Palermo a 28 settembre 1759.
Nel 1781, correndo stampata in Palermo presso D. Antonino Valenza la orazione funebre della serva di Dio Giuseppa Caterina del Vio e Monroy, composta dal sacerdote Gioachino Sanacori, alle pagine 4, 5, 6 vien citata con lode la sua Sicilia nobile.
L'anno 1781, il giorno di 20 maggio, per dispaccio viceregio e patrimoniale, il titolo di conte Emanuele, che nel 1779 fu concesso a me, Francesco M. Emanuele, marchese di Villabianca, fu intestato sopra il mio feudo rusticano che possiedo nel territorio di Partinico, ampio di 200 salme di terra. E pella detta real provisione, li nomi di esso feudo, ch'è dell'Albaciara, Cutò, Ramotta, Garofalo, Magna, tutti vengono assorti nel nome novello di feudo di Belforte. E però da oggi innanzi io, sudetto Villabianca, e tutti i miei successori saremo chiamati conti di Belforte, cioè conti de' detti fondi e feudi di Partinico.
Nella celebre opera massima dell'Enciclopedia, al tomo 15, che ultimamente vide la luce, edizione di Livorno, articolo di Sicilia, pag. 172, rapportandosi l'opera della Sicilia nobile attinente a storia di Sicilia, autore il marchese di Villabianca, viene riposta la detta opera nel terzo luogo dopo il Fazello e 'l Burigny.
Toccante a' soccorsi dati dal detto marchese Emanuele al canonico fra' Giambattista Emanuele ed Omodei dell'ordine di Malta, suo parente, vedansi gli atti di not. D. Gaetano Grimaldi di Palermo, 10 ottobre 1772, 9 maggio 1776, 16 decembre 1781.
Questo marchese Francesco nel 1782 accetta la carica di devozione di primo coadjutore della Confraternita della Madonna dell'Oreto a Falsomele, campagna di Palermo, per l'anno 1a Ind. 1782 e 83, unito a Michele Moncada e Branciforte di Lardaria, che la fe' da superiore, e Gioacchino Reggio e Regio di Catena qual secondo coadjutore, come per provista fatta nella persona del cappellano di detta chiesa Angelo Barbanera negli atti di not. Giambattista Lo Bianco di Palermo, 24 luglio 1782, e se ne hanno scritture in not. Di Giorgio di Palermo a maggio 1783. Ebbe egli la stessa carica di primo congionto di detta chiesa pella 2a Ind. 1783 e 84, tenendovi per superiore Francesco Parisi, marchese dell'Ogliastro, e Luigi Giardina e Valero per secondo congionto, in not. Lo Bianco come sopra a 26 luglio 1783.
L'anno 1787, 19 settembre, mi fe' l'onore il Senato ecc.mo di eligermi uno delli novelli governatori del Monte, ma da me, Villabianca, per motivi a me benvisti, non stimai accettarne la carica e gliene feci la renunzia in forma presso gli atti di. Francesco Paolo Tesauro di Palermo a 20 settembre 1787. Siccome pure nell'anno istesso 1787, 5 ottobre, per gli atti di not. Francesco Paolo Tesauro di Palermo pensai rinunziare le cariche di rettore e tesoriere insieme della venerabile Reale Arciconfraternita di S. Maria l'Annunziata a porta di S. Giorgio a Palermo.
Nel 1787, essendo stato io, Villabianca, attaccato dalli maniscalchi pella revendicatoria del mio gran fondo dell'Albaciara, che a sè volean ritrarre, dopo due anni di trattati alla buona ne fu piantata la lite nel 1788 presso il Tribunale della Gran Corte. Dopo li maniscalchi, bisognai litigare con Giacomo Bartolomeo Forno, barone di Caruso, nel 1789, da cui era stato comprato il jus recuperandi detto feudo col privilegio delle strade Toledo e Macqueda in not. Filippo Salemi di Palermo a 28 gennajo 1789. La considerazione però del dubbioso esito delle liti e 'l fuoco delle medesime che mi brugiava la casa e 'l predio insieme pericolante più che mai veniva devorato, stimai sano consiglio aggiustarmi col detto di Caruso, pagando al medesimo onze 578 ed oltre altre onze 100 che mi costarono le spese extragiudiziarie, e in conseguenza la compra col privilegio fatta dal Caruso come sopra s'intese fatta da me, Villabianca, come cessionario fattomi dallo stesso di Caruso. Sicchè ora il fondo dell'Albaciara in Partinico va a possedersi col titolo del verbo regio, cioè del surriferito privilegio, e in conseguenza mi posso dare il vanto io, Villabianca, di chiamarmi secondo acquistatore di detto feudo, come per atto in not. Pietro Tesauro di Palermo, 28 maggio 1789.
L'anno 1785, considerando io, Villabianca, avvicinarsi purtroppo l'ora di termine del mio uman vivere in questa bassa valle di lagrime, comecchè carco di senili anni, mi applicai a tutt'uomo finirne i giorni in honestate virtutis e, quel più importa, da cristiano in osculo Domini.
Pensai primo per la sepoltura, cioè per la novella casa in cui fra brieve devo passare colla mia salma resasi estinta, sloggiando per sempre da questa mia casa di Piedigrotta, Villabianca, di questa capitale, ove per lo spazio di quasi due secoli gli antichi miei Emanueli vi han soggiornato. Il real tempio di S. Domenico di Palermo, in cui ho passato gran parte della mia vita, sì della secca che della verde età, in culto del Rosario della Vergine Madre e per la espiazione delle mie colpe presso la maestà di Dio, sembrò a me il luogo più opportuno e più portato a questa mia sì fatta devozione.
Ricercati quindi li buoni padri del sacro chiostro dell'accennata chiesa di S. Domenico di tal mio voto, mi fu concessa dalli medesimi la cappella di Santa Rosalia per luogo della mia tomba, e questa non solo per la mia persona, ma anche per tutte le altre de' miei eredi e tardi nepoti in infinitum et in perpetuum. E vi fu, di più, la facoltà datami di fare uso di detto sacello a libero mio talento, volendovi apporre armi di famiglia, lapidi, medaglie e sculture e come meglio può ravvisarsi dalla carta originale della cattata concessione, della data de' 2 agosto 1785.
La devozione, in verità, da me portata alla Celeste Reggina del Santissimo Rosario, come sopra, mi fe' metter da parte gli avelli miei gentilizii delle chiese conventuali di S. Nicolò li Bologni e della Zisa di questa metropoli, ove potea congiungermi alle care ceneri de' miei buoni padri.
Posto ciò, dunque, da me, sudetto Villabianca, si son preparati i marmi e tutta la mobilia, per lasciar di mia persona a' posteri un monumento sepolcrale, e insiememente vi è stata da me stesso vivente disposta la qui sotto iscrizione mortuale:
D.O.M. Perpetuae securitati et spei aeternae comitis Francisci M. de Emanuele marchionis Vtllae albae et pulchri fortis castri Mazariae dynastae, patricij, et iterum panormitani senatoris, luctus et amoris monumentum a Benedicto parentante filio magnificenter ut par erat positum et in lacrymis quod numquam satis. Viri quidem majorum imaginibus clari eruditione, comitate, prudentia, religione vero muneribus, boni publici studio, librisque editis cumque anecdotis ad res siculas missis innumeris, longe clarissimi admirandi, inclyti, et hinc de Patria deque tota Sicilia jure dicti optime meriti per chartas Caesaris et per numismata unaque ex populi consonis suffragiis. Qui obiit die… mense… anno… non sibi sed suis Urbique et Regno, aetatis annum agens…
Nello svolazzo dell'aquila che tiene nel rostro la medaglia così si legge: Sic meritum Patria suum hic colit civem.
E per questa iscrizione sepolcrale dee farsi avvertenza l'incisore marmoraro di mettere il punto tra ogni parola e non nel fine della linea, e tutte le V debbono essere consonanti come V, e non vocali come U secondo il fare delle iscrizioni antiche.
Questa iscrizione di aeternae spei s'è presa dalla formola usitata per li cristiani dal celebre Mazzocchi e sta col monumentum positum riguardo la persona corporale del difonto. Al manibus, indi, che ne significa l'anima, si dà l'aggiunta del pientissimis e concorda col justa persolvente in lacrimis del figlio Benedetto all'anima pia del padre, formula pure lapidaria usitata dagli antichi nel far l'esequie funerali ai difonti, cosa diversa dal monumentum. Per non replicar io finalmente l'idea della di lui pietà, che ne fu ragguardevolissimo, espressa nella voce manibus pientissimis, s'è detto viri quidem claritate generis ingenio religione magis librisque editis spectatissimi, facendo così concordar tutta la dizione col primo genitivo sino alla fine, per conservar l'unità del periodo e dell'iscrizione.
Con sì fatta erudizione s'era disposta per prima l'iscrizione, ma poi, per l'amore della brevità, si tralasciò affatto. Il novello detto di parentante riaccommodato di sopra in vece del funerante, che da principio avea io pensato, stato usato da Plinio, è detto di Cicerone per l'esequie de' di lui parenti.
Nell'anno indi 1789, che per me, Villabianca, mi fissa un'epoca notabil di casa, l'opera della gran gebbia, o sia novella peschieria, che nel feudo della Ramotta viene a giacere per l'adacquamento del novello giardino che nel 1781 io vi piantai, prende sua fondazione, grazie a Dio, dalla mia mano, come per atto appare e per la tabella marmorea apposta in essa gebbia co' i versi di mia composizione:
Lympha optata diu per nos post tempora surgit
piscina hos hortos, quos subit, aucta rigat
cum plantis hic poma fluunt cum vitibus uvae
quando ubi spinetum terraque limus erat.
D. Vincentius de Paula pro domino suo
curator bonus invenit perfecit 1789.
La spesa di questa pescheria costò alla mia cassa la somma di onze 71.24.
Notisi che questa gebbia della Ramotta essere una seconda gebbia che si ha in casa dalla mia beneficenza, ed è quella appunto che si trova nel mio predio della Grazia, territorio di Palermo, detto altrimenti del Cilio e di Ambleri. Vi si legge il seguente distico in una tavola di marmo fatta nel 1749:
Tertius Emmanuel Fraciscus marchio quartus
piscinam hanc amplam condidit in Domino 1749.
Nell'anno istesso 1789 il pozzo d'acqua dolce ch'è il principale adorno della gran bottega ed osteria di vino che sta nel destretto della mia casa grande di Piedigrotta in Palermo fu cavato a mie spese, ascendenti alla somma di onze 17.5.3, secondo l'apoca e relazione pubblica che ce ne fu fatta in not. Pietro Tesauro di Palermo il 27 aprile 1789.
Nell'anno medesimo 1789 finalmente mi riuscì far la cucina che bisognava nello scrittore secondo di casa della mia succennata casa di Piedigrotta, che dietro a due liti di causa di spoglio mi fece il barone Giuseppe Parisi, e, superato il tutto mercè una transazione fatta col detto di Parisi a not. Pietro Tesauro di Palermo, 17 settembre 8a Ind. 1789, si venne a capo di acquistarla. La mia penna quindi poetica vi produsse per tal fatto il qui seguente distico:
Bruti Parisij rabies dum pellitur, ecce
inviso eo struitur clausa culina foco.
Pel giardino novello della Ramotta da me piantato nel 1781, si dice essere egli dell'ampiezza di salme… e che per netto, l'anno 1789, avermi costato la spesa di onze 84.
Ristretto de' fatti più notabili lasciatici il fu Francesco M. Emanuele e Gaetani, quarto marchese di Villabianca:
1) Gli acquisti in prima dei luoghi della Ramotta, Magna, Cutò e Garofalo, e anche può dirsi dell'acquisto dell'Albaciara mercè il privilegio delle strade Toledo e Macqueda, ch'egli vi ottenne sopra il titolo di possessione di detto feudo. Ecco, il tutto ce lo si appalesa nell'epigrafe del di lui ritratto in pittura che si ha nella casena dell'Albaciara: Magnae, Cutodis, Ramottae ecc.
2) Il lungo stradone che si camina nell'Albaciara e Cutò, onde comunicano le due casene di detti due predij, verdegiante di noci, mandorle e landri, vien predicato nella tabella marmorea che sorge nella casena dalla parte di fuori dell'Albaciara: Quae modo frondosis nucibus ecc.
3) La beveratura, fonte e ristoro dell'acqua di cinque sifoni o sian cannoli, che delizia il feudo di Cutò, ci porta la iscrizione incisa in bianco marmo: Sat faecunda oleis ecc.
4) La strada che per forza di liti venne a formarsi nel luogo delli Raccugli per dare il passaggio a Partenico dalli luoghi di Villabianca fatta carrozzabile, e che taglia nel mezzo detto luogo delli Raccugli, nel 1780, ce 'l dice il distico latino che si dovea incidere in tavola di marmo e che restò inedito per modestia:
Fit via vi. Frustra Raccuglia superba
Emmanuel superans in pede sternit eam.
5) La gran gebbia fatta nella villa della Grazia o sia Villabianca, detta volgarmente del Cilio, ci fa leggere la iscrizione: Tertius Emmanuel ecc.
6) La fonte dell'acqua trovata alla Ramotta e la gebbia in essa fabbricata l'anno 1789 viene animata dalla seguente iscrizione: Lympha optata ecc.
7) Il giardino ampio di tumoli 10 di terra piantato alla Ramotta ce '1 dice la iscrizione di sopra, nella voce dell'Hos hortos.
8) La cucinella fatta quasi a forza d'armi nella vanelluzza della casa Villabianca a Piedigrotta in Palermo e casa del barone Parisi ce l'avvisa il distico latino che si ha nelle composizioni poetiche di Villabianca: Bruti Parisij ecc.
9) La biblioteca e l'archivio di scritture di Casa Villabianca ci mostra la seguente tabella:
Crescite libri in nobis, sed mage crescite libri.
Venite et cunctis dabimus hospitium
10) La nobilitazione e gran benfatti fissi nella casa grande Villabianca a Piedigrotta, colla aggregazione fattavi del cortiglio detto olim del Generale, per cui il cortile e detta casa insieme prende il grado di casa magnatizia, ce ne fa memoria la qui sotto tabella posta sopra la fontana in fondo dell'atrio: Refecta, ampliata, ornata Francisci M. de Emmanuele IV marchionis ex beneficentia, 1771. E la tabella collaterale marmorea vi ci fa soggiungere, fissatavi nel 1790: Beneficentia, o posteri, postrema hinc inde expectatum a vobis ad culmen usque magnatitium, 1790.
Nel 1791, magio, pe' torchij in Palermo di Rosario Abate in piazza Vigliena, dà alla luce esso Villabianca l'ultimo suo opuscolo letterario sotto il titolo di Notiziario biblico, per cui si passa avviso al pubblico di tutte le sue opere e parti letterarij sì editi che inediti, tomo uno in foglio.
Il padre abate cassinese Giovanni Evangelista Di Blasi nella sua Cronologia de' vicerè di Sicilia, stampata in Palermo pel Solli, 1798, nel tomo primo, alla prefazione, pag. 21, mi dà l'onore di appellarmi cavaliere meritevolissimo, e a f. 262 del corso di detto tomo, fa menzione pure di mia persona Villabianca. Nel 2° tomo dell'istessa Cronologia, ne' cataloghi de' ministri, alle pagine 3 e 39, mi tratta co' i titoli di benemerito ed eruditissimo cavaliere.
Dal sacerdote Giovanni D'Angelo e Cipriano, ne' suoi Principij della storia di Sicilia, t. 1 in 8°, stampati in Palermo pella Reale Stamperia, ci fa l'onore di citar le mie opere, ff. 132 e 136, siccome parimente il D'Angelo nel suo opuscolo del Cingolo militare, edito nel tomo 6° Opuscoli siciliani del Blasi, Nuova raccolta, a ff. 182, 183 e 197, m'impartisce il medesimo onore.
L'anno 1794, 26 gennaio, in not. Giuseppe Sarcì di Palermo, renuncia il marchese Francesco l'officij di rettore e tesoriere della chiesa dell'Annunziata a porta di S. Giorgio. Addì 11 decembre 1794, a not. Francesco Paolo Tesauro di Palermo, rinunzia la carica di rettore dell'Opera e seminario di S. Rocco. L'anno istesso 1794, a 14 decembre, in not. Tesauro, rinunzia l'officio di deputato di Vicaria.
L'anno 1795, 23 marzo, fu rimessa da Trapani a me, Villabianca, la patente di accademico dell'Accademia del Discernimento.
L'anno 1795, 19 agosto, colla venuta del rev. Pachetto in Palermo inaspettatamente mi capitò la dedicatoria fatta alla mia persona Villabianca del tomo 25 in 4° dall'editore dell'Effemeridi enciclopediche nel mese di luglio 1795, onore ch'è stato impartito fin'ora a' magnati di Napoli e di Sicilia.
Del 1797, 22, giorno di S. Giuseppe, 15a Ind., restando a me, Villabianca, poco tempo di vita per ragion naturale, mentre sto correndo gli anni 77 di mia età compiti, stimai fare testamento, e testamento nuncupativo con fidecommisso in esso primogeniale, agli atti di not. Francesco Paolo Tesauro di Palermo, quale poi convennemi revocare e stenderne altro novello, agosto 1798, appo le pubbliche tavole di detto not. Tesauro. E notisi che il detto testamento revocato si trova inserito nel tomo 37 de' miei Opuscoli palermitani, n. 6.
L'anno 1798, non ostante che io, Villabianca, mi sentissi molto benemerito di questa mia nobile Patria, Palermo, pur tuttavia ambizioso restando di accrescermene le benemerenze, passai a far donazione irrevocabile di tutti i miei parti letterarij e libri scientifici alla Biblioteca Senatoria di Palermo, consistenti in 245 pezzi di libri, appo gli atti di not. Francesco Paolo Tesauro di Palermo, a 24 settembre 1798.

Edizione HTML a cura di: [email protected]

Ultimo Aggiornamento:

18/07/05 01.28.21

Graphics by: